>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
La Madonna di Akita, continuazione della missione della Madonna di Fatima
Stampa
  Text size
Prologo

Akita è una città sita nel Nord Ovest del Giappone, in cui sono avvenuti dei fatti, che la Chiesa ha riconosciuto ufficialmente come soprannaturali. Essi hanno avuto luogo negli anni Settanta presso il Convento delle Suore “Serve dell’Eucarestia”, che dista circa 5 km da Akita.

La protagonista dei fatti miracolosi è Suor Agnese Katsuko Sasagawa, nata nel 1931 ed entrata, nel 1973, nel Convento delle Suore “Serve dell’Eucarestia”, vicino Akita, a 42 anni. Essa era completamente sorda e incurabile (cfr. I. Corona, Akita. Le apparizioni della Madonna a Suor Agnese Sasagawa, ed. Segno, Tagnavacco di Udine, 2015, p. 5).

Le apparizioni

Le apparizioni della Madonna iniziarono il 12 giugno del 1973. Suor Agnese Sasagawa stava entrando in cappella per l’adorazione eucaristica verso le 8h, 30 ed improvvisamente vide una luce intensa che usciva dal tabernacolo, i 2 giorni successivi il fenomeno si ripeté, riempiendo la Suora di stupore, di pace e di serenità. Il 28 giugno 1973 Suor Agnese ricevette le stigmate a forma di croce alla mano sinistra, che le causarono dolori fortissimi. In séguito le apparve l’Angelo custode, che l’invitò a pregare in riparazione delle offese ricevute dal S. Cuore di Gesù e dal Cuore Immacolato di Maria. Il 29 giugno 1973 gli Angeli apparvero attorno all’altare nella cappella del Convento. In séguito (6 luglio 1973) le mani della statua di Maria SS. - realizzata in legno - iniziarono a sanguinare. Suor Agnese, nel 1973, ricevé 3 “Rivelazioni” (private) da parte della Madonna di Akita, le quali nel 1988 furono riconosciute ufficialmente come non contrarie alla Fede e ai Costumi, conformi alla dottrina cattolica e genuine, dall’allora Prefetto della S. Congregazione per la Dottrina della Fede cardinal Joseph Ratzinger.

I miracoli

Nel 1981 la signora Chun (della Corea), ammalata di tumore al cervello in fase terminale, mentre pregava difronte alla statua della Madonna di Akita venne guarita totalmente e immediatamente. La guarigione istantanea, non spiegabile naturalmente, venne confermata dal dottor Tong-Woo-Kim dell’ospedale di Seul. Mons. John Sojiro Ito, Vescovo della Diocesi in cui si trova Akita, autorizzò, quindi, il culto di “Nostra Signora di Akita”. Suor Agnese venne guarita istantaneamente, totalmente nel 1973 e nel 1982, per sempre, dalla sua sordità assoluta.

Lacrimazione di sangue

Maria SS. di Akita, venerata ivi come Corredentrice e Mediatrice di ogni grazia, sparse lagrime di sangue circa un centinaio di volte e sanguinò dalla ferita a forma di croce della mano destra.

La prima apparizione e il primo Messaggio (6 luglio 1973)

Il 6 luglio 1973, verso le 3 del mattino, una “Donna apparve a Suor Agnese e le disse: “Non temere, sono colei che sta presso di te e ti custodisce. Seguimi. Il mondo attuale ferisce il Santissimo Cuore di Gesù. La tua sordità sarà guarita. Prega per il Papa, i Vescovi e i Sacerdoti” (I. CORONA, cit., p. 12). Apparve anche una ferita a forma di croce sulla mano destra della statua, che sanguinò tutti i venerdì del mese di luglio del 1973, tempo in cui Mons. John Sojiro Ito, Vescovo della Diocesi di Akita si trovava nel Convento delle Suore e poté constatare di persona molti degli eventi soprannaturali. Inoltre fece analizzare il liquido lacrimale e le gocce di sangue dalla facoltà di Medicina dell’Università di Akita, che ne dichiarò la natura umana (G. HIERZENBERGER – O. NEDOMANSKY, Tutte le apparizioni della Madonna in 2000 anni di storia, Milano, Piemme, 1996, p. 421).

La seconda Apparizione e il secondo Messaggio (3 agosto 1973): il “grande Castigo”

In questo secondo messaggio la Madonna annunciò esplicitamente un “grande Castigo”, che stava per abbattersi sull’umanità intera. Tuttavia si poteva ancora placare la collera di Dio con preghiera, penitenza e sacrifici. Particolarmente chiese a Suor Agnese di diventare “la pietra scartata dai costruttori”, che avrebbe dovuto essere “appesa alla croce con 3 chiodi: la povertà, la castità e l’obbedienza nel totale abbandono alla Provvidenza divina” (I. CORONA, cit., p. 19).

La terza e ultima Apparizione e il terzo Messaggio (13 ottobre 1973): “più grave del Diluvio universale”

Il 13 ottobre del 1973 la Madonna, nel 56° anniversario della ultima apparizione a Fatima (13 ottobre del 1917), specificò la natura del “grande Castigo” e disse che sarebbe stato “una punizione più grande del Diluvio universale dei tempi di Noè, che si manifesterà per mezzo del fuoco del Cielo, il quale annienterà gran parte dell’umanità, buoni e cattivi, senza risparmiare i religiosi e i fedeli. I vivi saranno così afflitti da invidiare i morti. Le uniche armi saranno il Rosario e il Segno [della croce? ndr]. La Madonna preannuncia anche lotte intestine all’interno della Chiesa (Cardinali contro Cardinali, Vescovi contro Vescovi), nella Chiesa circolerà corruzione e il Maligno prenderà con sé anche molti consacrati. Ci saranno vere e proprie persecuzioni ordite dal diavolo. I Sacerdoti che mi venerano saranno disprezzati e ostacolati dai loro confratelli… chiese ed altari saccheggiati. La Chiesa sarà piena di coloro che accettano compromessi. Il demonio spingerà molti consacrati a lasciare il servizio del Signore e sarà implacabile specialmente contro le anime consacrate a Dio” (I. Corona, cit. pp. 21-23).

La fiducia in Maria SS. unita alla preghiera del Rosario quotidiano saranno le armi per essere salvati (cit, p. 24).  Il 13 ottobre del 1974 Suor Agnese guarì istantaneamente dalla sua sordità, il miracolo inizialmente durò solo 6 mesi, ma divenne definitivo nel maggio del 1982.

Il 4 gennaio del 1974 la statua della Madonna di Akita lacrimò abbondantemente e il 29 settembre tutta la comunità delle Suore notò una grande luce che emanava dalla statua, trasformandosi in acqua, il liquido venne inviato al laboratorio di analisi chimica dell’Università di Akita e risultò essere “secrezione umana” e più esattamente “sangue di gruppo ‘0’, lacrime e sudore umani”. La statua ha pianto 101 volte nel corso dei 7 anni intercorsi tra il 1974 e il 1982. Inoltre la TV nipponica stava realizzando un servizio sugli avvenimenti del Convento di Akita quando la statua si mise a lacrimare e, così, 115 milioni di giapponesi poterono vedere la lacrimazione della Madonna di Akita sullo schermo televisivo, che mandò in onda per diversi giorni le immagini dell’evento (cfr. I. CORONA, cit., p. 34). Monsignor Ito, il Vescovo del Luogo, nominò una commissione di teologi e scienziati per appurare la verità sui fatti di Akita. I medici riconobbero la sanità mentale e l’equilibrio psichico di Suor Agnese. I chimici appurarono che la materia raccolta dalla statua lacrimante era sangue umano, misto a sudore e lacrime umane.

Conclusione: da Fatima ad Akita

Monsignor Ito, nella Lettera Pastorale del 22 aprile 1984, in consultazione con la S. Sede, autorizzò la venerazione della Madonna di Akita nella sua Diocesi (Niigata), affermando che “il messaggio di Akita è la continuazione del messaggio di Fatima!” (I. Corona, cit., p. 43). Ad Akita la Madonna è tornata a chiedere con insistenza di pregare il Rosario quotidianamente, di accettare da Dio qualunque cosa Egli ci invierà nel corso della nostra vita e di offrire le sofferenze quotidiane in riparazione dei molti peccati commessi in tutto il mondo in questi tristissimi tempi. I messaggi di Fatima e di Akita hanno un contenuto apocalittico comune: l’uomo moderno sta portando il fuoco sulla terra. Preghiamo, facciamo penitenza e teniamoci pronti al nuovo Diluvio universale che sommergerà la terra nel fuoco.

Marianus

Fonte >  Rivista
Sì Sì No No


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# AlexFocus012 2018-08-06 08:28
Mi sembra quasi che la serie di apparizioni, di guarigioni, di messaggi sia una catarsi per il genocidio di Hiroshima e Nagasaki, scelte dai demoni americo-sionisti proprio perché ospitavano le due maggiori comunità cristiane (in particolare cattoliche) dell’intero Giappone, senza nemmeno la scusa di fermare ulteriori morti perché:
- nel 1941, con l’attacco di Pearl Harbor (dovuto alla provocazione USA di piazzare in quel luogo, vicinissimo al Giappone, una flotta di navi arrugginite), il Giappone aveva distrutto l’intera flotta aerea ed il corpo di piloti
- nel 1942, con la battaglia delle Midway, il Giappone aveva perso tutta la flotta navale
- 31 luglio 1945, visto che il Giappone non aveva mezzi per continuare la guerra, l’imperatore Hiro Hito aveva presentato agli anglo-assassini una richiesta di pace con onore, non avendo commesso atrocità nemmeno lontanamente paragonabili a quelle compiute dai suoi nemici, ma il criminale di guerra Roosevelt il 1 agosto le respinse sdegnosamente e poi il 6 e 9 agosto del 1945, il genocidio inutile di centinaia di migliaia di giapponesi, non bastando il bilancio di altre centinaia di migliaia di giapponesi morti (quello dei bombardamenti convenzionali a tappeto dei mesi precedenti), fece entrare il mondo nel periodo del “terrore atomico”.
Appunto quello che solo dei terroristi come gli anglo-assassini sionisti si potevano inventare, per tenere sotto ricatto il mondo intero…
Capi e capetti di USA, UK, Israele, Canada Australia, Nuova Zelanda dei loro schiavetti europoidi, interessati solo al potere, al prestigio ed al danaro: vil razza dannata!
Entreranno dalle porte dell’inferno ad alta velocità per l’eterno…
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maurone 2018-08-07 00:19
Qui si giudica con troppa facilità!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa7 2018-08-13 17:23
Per quanto riguarda l'Inferno il giudizio sarà di DIO ma per quanto riguarda la volontà di dominare, il denaro e l'uccisione di innocenti i poteri che decisero simili utilizzo di armi sono criminali della peggior specie assatanati.
Ricordo gli 800000 soldati tedeschi uccisi
dagli anglo americani da morte lenta senza
cibo e..... tuttora ignorati tranne un libro
abbastanza ignorato di James Bacque....uccisi dopo la guerra da criminali che oggi hanno massacrato inermi popoli in Siria Libia Iraq.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Metodo Di Bella e diffamazione
È stato creato dall’AIOM (Associazione Italiana Medici Oncologi) il sito “Tumore, ma è vero che?” generosamente, capillarmente diffuso con grande, zelante impegno e generale mobilitazione a...
Sperimentazione del Metodo Di Bella
In questo articolo vengono sintentizzate le numerose e gravi anomalie che hanno destituito di ogni credibilità e dignità scientifica la sperimentazione ministeriale del MDB del 1998.
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità