>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Ecco i trombati d'oro: a Fini una liquidazione da oltre 260mila euro
Stampa
  Text size
Da aprile il leader del Fli andrà in pensione con 6200 euro al mese. Per Di Pietro 60mila euro di buono uscita e 4300 euro di pensione al mese

Lontani dagli occhi, ma non dal portafoglio. Una lunga fila di politici e politicanti di professione non si presenterà più in parlamento ma non mancherà di passare, ogni mese, a ritirare una pensione con troppi zero.

Pensione che saranno i contribuenti italiani a pagare con i propri sacrifici. Un esempio su tutti? Gianfranco Fini che, incassati la bellezza di 148mila voti (0,46% alla Camera), si prende un periodo sabbatico dalla politica. Si dedicherà ai suoi hobby (magari alle immersioni in quel di Giannutri) e alla cultura, senza la minima preoccupazione di dover sbarcare il lunario. Fra un paio di mesi il (quasi) ex presidente della Camera porterà a casa un assegno di fine mandato da 260mila euro netti. Tutto qui? Macchè. Dopo una lunga vita "spesa" a far politica, l'ex leader di An potrà finalmente ritirarsi in pensione percependo 2600 euro netti al mese.

A fare i conti ai "trombati" eccellenti è Franco Bechis su Libero (leggi l'articolo) che mette a nudo i politicanti di professione che si preparano a lasciare i palazzi romani con assegni a sei cifre. La lista è davvero lunga. E volti sono tutti noti. Sono i vari futuristi, gli immancabili radicali e il solito Antonio Di Pietro. Fino a qualche giorno fa, a sentirli parlare, si poteva addirittura pensare che il destino dell'Italia e gli equilibri del futuro governo fossero nelle loro mani. "Che fai mi cacci?", aveva tuonato Fini a Silvio Berlusconi all'assemblea nazionale del Pdl. Alla fine ci hanno pensato gli italiani. Al leader del Fli non resta che portare a casa il "tapiro" che ieri gli è stato regalato da Valerio Staffelli e accontentarsi del vitalizio che gli è garantito dopo trentun lunghi anni di legislature, incarichi governativi e via via dicendo. Tra i futuristi non è certo l'unico a ringraziare le casse opulte dello Stato. Italo Bocchino lascia il parlamento con un assegno di fine mandato da 150mila euro. Mica male, se si pensa che non ha diritto né al vitalizio né la pensione per altri diciassette anni.

Di Pietro, che ieri ha presentato le proprie dimissioni dall'Italia dei Valori, tornerà a Montenero di Bisaccia? Dismessa la toga cosa farà? Nessun problema. L'ex leader dell'Idv, per pocoallato dei Antonio Ingroia nella breve e fallimentare esperienza della lista "Rivoluzione civile", non è certo la prima volta che è costretto a fare valigie e schiodarsi dala parlamento. Proprio per questo, dovrà accontentarsi di un buono uscita da 60mila euro netti: la prima gli era già stata versata, tempo fa. Non solo. Come Fine, anche l'ex pm di Mani pulite potrà godere, da aprile, di una pingue pensioncina da 4300 euro al mese.

Sulle stesse cifre si aggira anche Emma Bonino che gli elettori hanno deciso di lasciar fuori dalla politica. Sempre che qualcuno non voglia "piazzarla" sullo scranno del Quirinale come successore di Giorgio Napolitano, l'esponente radicale lascerà l'agone politico con un assegno da 60mila euro e una pensione da 6500 euro al mese. Più alto il buono uscita dell'ex presidente del Senato Franco Marini (188mila euro) che potrà godere di 5300 euro di pensione al mese a cui si aggiungerà quella da sindacalista. Insomma, trombati sì, ma col portafoglio bello gonfio.

Fonte >  Giornale.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# stelio 2013-02-27 21:29
voi del giornale invece, quanto prendete di fondi pubblici rubati alla colletività ?????
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maraffio 2013-02-27 22:19
E non solo loro, contando anche i magistrati e militari in pensione viene fuori una cifra da iradiddio a carico della collettività...

Questa cosa deve finire, quando si è al servizio del paese poi non si può pensare che costoro continuino a succhiare vita natural durante i soldi pubblici.
Bastano e avanzano (di molto) i stipendi percepiti, altro che pensioni del cazzo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ducadegliabruzzi 2013-02-27 23:52
Almeno questi sono politici e nel bene o nel male qualcuno li ha votati in passato, ma cosa volete che siano 100mila euro con quello che hanno rubato in precedenza. Ma Bechis non rosica quando a prendere bei soldoni sono Scilipoti o Razzi? e Formigoni che non spende un euro da 20 anni perché gli regalano tutto? Bechis sei un povero!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EMERICH 2013-02-28 09:29
Vorrei essere "trombato" in tale modo...e comunque i sopravvissuti non sono migliori dei trombati ( Fini a parte , la m...a assoluta )
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità