>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

180mila morti per colpa delle bibite zuccherate
Stampa
  Text size
Salutisti e bibite zuccherate: una guerra ancora aperta

In Italia ci aveva provato il ministro della salute Renato Balduzzi, negli Stati Uniti il sindaco di New York, Michael Bloomberg. Ma entrambi sono stati affossati dalle pressioni e dalle proteste dei produttori di bibite zuccherate (attenzione: zuccherate, non gassate!): non toccate (e non tassate) cole, aranciate, chinotti, succhi di frutta e via dicendo. C'era stato anche un contestato spot televisivo a prendere le difese della Coca Cola, regina tra le accusate. Eppure sono ormai tantissime le evidenze scientifiche che spiegano i danni alla salute correlati all'assunzione di questi prodotti e tutto lascia credere che Balduzzi e Bloomberg abbiano perso una battaglia, ma che la guerra resti aperta. Non solo perché questo genere di bevanda è già frenata dalle tasse ed eliminata dalle scuole e dai luoghi pubblici di diversi Stati americani e della Francia. Ma soprattutto perché sempre più pressante è l'appello della comunità medica.

Le patologie collegare allo zucchero

L'ultima rivincita degli amministratori “salutisti” (ma che in realtà guardano ovviamente anche ai costi dell'assistenza medica) arriva dall'American Heart Association’s, riportata tra gli altri da Time: 180mila morti nel mondo sono collegati all'abitudine di bere bevande zuccherate. L'ampia e dettagliata ricerca unisce studi di diversi Paesi, enti scientifici e medici: lo zucchero contenuto naturalmente o aggiunto nelle bevande aumenta il rischio di morte per attacco cardiaco, diabete e obesità (quest'ultima patologia è collegata anche alle morti per tumore). Se Michael Bloomberg aveva provato a bandire le confezioni più grandi, e il Ministro Balduzzi voleva tassarle per disincentivarne l'acquisto, entrambe le proposte sono state bocciate, oltreoceano in modo clamoroso: tutto bloccato da un giudice la notte prima dell'entrata in vigore. Ma gli effetti sulla salute dello zucchero sono noti da tempo, e quest'ultima pubblicazione per la prima volta conta i danni, e quantifica una vera strage.

I ricercatori hanno analizzato informazioni raccolte negli ultimi 2 anni e mezzo dal Global Burden of Diseases Study, considerando quanti zuccheri vengono assunti dalla popolazione, e dividendo i dati per età e sesso. Hanno poi calcolato l'impatto sul numero di obesi, sui malati di diabete, sul numero degli attacchi cardiaci e sull'incidenza di alcuni tumori, riuscendo a determinare il collegamento tra queste malattie, l'assunzione di zuccheri e la mortalità, diviso per età e genere.

Le vittime

Solo nel 2010, negli Usa 25mila decessi sono collegati all'abuso di zucchero da “lattina”: 133mila per diabete, 44mila per attacchi cardiaci, 6mila per tumore. “Il 78% di questi morti, causate dall'abuso di bevande zuccherate, si concentra nei Paesi mediamente o scarsamente sviluppati,” hanno specificato gli autori. Ma ecco come si dividono i decessi “da eccesso di bevande zuccherate”: 38mila morti in America Latina e 11mila morti nell'Eurasia centro-orientale. Il Messico, che vanta il triste primato del più alto consumo procapite di queste bibite, conta 318 morti per questo motivo ogni milione di adulti. Il Giappone, che ha il minore consumo, ha di conseguenza anche il minor rischio: 10 morti per questi motivi ogni milione di adulti.

La nostra analisi dovrebbe spingere le amministrazioni a insistere per ridurre il consumo di bevande zuccherate: tasse, campagne informative, ogni mezzo teso a ridurre la disponibilità di questi prodotti sarà utile”, ha detto Gitanjali Singh, co-autore della ricerca.

Secondo le raccomandazioni dell'American Heart Association, le donne in particolare devono prestare attenzione, e limitare il loro consumo di zucchero a solo 100 calorie al giorno, l'equivalente di 6 cucchiaini. Per gli uomini, si parla di 150 calorie da zuccheri, 9 cucchiaini: meno di quello contenuto in una sola lattina.

Fonte >  Wired.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# arduino 2013-03-27 11:44
"...collegamento tra queste malattie, l'assunzione di zuccheri e la mortalità, diviso per età e genere".
Forse era più corretto parlare di "età e sesso". Vedo che si continua a confondere la grammatica con la biologia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Larry06 2013-03-27 23:53
L'onda "civilizzatrice" dell'impero ebraico-massonico degli USA nel mondo lo si vede anche dai "cibi" e "bevande" che ci hanno imposto a suon di spot e messaggi subliminali martellanti presenti ovunque. Ci hanno volente o nolente riprogrammato mentalmente. Ditemi. Chi al giorno d'oggi non ha mai bevuto almeno una lattina o bottiglia di coca cola (o di qualsivoglia bibita gasata made in USA)??? I gusti e le abitudini tipici della perversa non-società americana hanno ormai soppiantato o meglio sostituito culture e tradizioni dei popoli che hanno conquistato. Non lamentiamoci se dopo avvengono tutte queste casistiche di decessi e malattie croniche come l'obesità, purtroppo deformazione corporale specchio di una ben più grave deformazione/corruzione spirituale. Ricordiamoci che il sovvertimento dell'Ordine voluto da Dio lo si vede anche nelle piccole cose come il cibo, depositario di antichi saperi tramandati inconsciamente nei secoli dai nostri avi. Non è forse il cibo pane per l'anima come la letteratura?? Cibo e bevande sono il marchio/identità di un popolo, di una nazione (dimmi come mangi e ti dirò chi sei!!!). Mio nonno tra una pausa e l'altra del suo lavoro spaccaschiena soleva bere con i suoi aiutanti un buon bicchiere di vin rosso e qualche fetta di soppressa! Cosa volete che bevesse??? quell' intruglio da streghe dal nome coca cola???
Fin che non ci affrancheremo dal giogo del Badrone a stelle e strisce e dei sionisti e non inizieremo a prendere coscienza della nostra sovranità ormai da troppo tempo perduta,credo che ci meritiamo di bere coca cola e mangiare mac donald's proprio come fanno i maiali quando si avventano al trogolo. Al vederci ingurgitare spesso frettolosamente junk food, l'elite mondiale ebraica se la sta ridendo di noi poveri goym ridotti a bestie. Non sono di certo fessi loro! Solo cibo rigorosamente kosher! Tanto la fogna piena di saccarina e coloranti cancerogeni ce la rifilano a noi! Ci dicono: piegatevi stupidi animali parlanti! Questo è il cibo che confà alla vostra intrinseca natura subumana!

Signore, ti prego, abbi pietà di noi perchè non sappiamo quel che facciamo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità