>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Il Paese più indebitato al mondo
Stampa
  Text size
Nuovo studio rivela quali sono, imprevedibilmente, gli Stati più indebitati al mondo: quelli più MORALISTI verso noi cicale! Quando l'Europa scoppierà, noi ci riprenderemo, loro no.

L'Inghilterra è lo Stato più indebitato al mondo. Il rapporto debito/Pil, infatti, ha raggiunto ormai il 900%. A una certa distanza si trovano il Giappone (poco più del 600%), la Svezia (intorno al 450%) e, a seguire, Norvegia, Svizzera, Stati Uniti, Australia, Canada e Nuova Zelanda. A rivelarlo è un recente studio di Morgan Stanley pubblicato da BusinessInsider, che fa un calcolo del debito molto più esteso di quello utilizzato di solito per classifiche di questo tipo.

La banca d'affari americana non si è limitata a includere nel rapporto il debito che gli Stati hanno accumulato per coprire le spese di funzionamento. A questo indicatore, infatti, i ricercatori ne hanno aggiunti altri tre: il debito finanziario, cioè quello contratto dalle istituzioni finanziarie, come le banche; quello non finanziario, che fa capo alle imprese; il debito delle famiglie, che pesa sulle persone fisiche.

"Considerare in particolare anche il debito finanziario è importante – dice Gianluigi Cesano, analista macroeconomico dello Studio G2c e docente all'Alta Scuola Finanza di Torino - perché se questo settore dovesse avere problemi, è inevitabile che lo Stato si faccia carico di tale fardello, essendo questo settore alla base del sistema economico".

Il grafico di Morgan Stanley sul rapporto debito globale/Pil pubblicato dal sito BusinessInsider


Entrando nel merito dei risultati, Cesano nota che "lo studio di Morgan Stanley mette in evidenza lo stato di colabrodo nel quale versa l'economia del Regno Unito". Del rapporto tra il debito nella versione più estesa e il Pil, pari al 900%, l'analista sottolinea che "la parte più rilevante è rappresentata, per una quota superiore al 600%, dall'indebitamento finanziario". Insomma, il maggiore responsabile della situazione è il settore finanziario inglese, che peraltro rappresenta un "peso elevatissimo rispetto al Pil (circa quattro volte) e finisce con lo sbilanciare in maniera più che evidente il rapporto in questione".

La Gran Bretagna ha anche altri problemi. "Il deficit commerciale continua a peggiorare, tanto che la differenza tra esportazioni e importazioni è negativa per 7,6 miliardi e lo era per soli 2 miliardi nel 2001", dice Cesano. Inoltre, il deficit di bilancio è ancora elevatissimo in conseguenza della crisi del 2007 e altri dati, come la disoccupazione all'8,3%, hanno raggiunto nuovi massimi.

Come è possibile, allora, che i Gilt, i titoli di Stato di Sua Maestà, si trovino su livelli più che accettabili, tanto che quelli con scadenza a 10 anni, per esempio, offrono rendimenti del 2,2% circa (contro il 6,8% dei titoli italiani con la stessa scadenza)? Questo fenomeno, secondo Cesano, non è poi così difficile da spiegare. "L'Inghilterra ha una propria valuta e una banca centrale che svolge il ruolo di prestatore di ultima istanza e quindi i creditori sanno che la Banca d'Inghilterra può sempre stampare valuta per rimborsare i debiti dello Stato, mentre tale operazione nell’area Euro non è possibile".

In definitiva, quindi, il problema di Eurolandia starebbe tutto nel ruolo giocato dall'istituzione guidata da Mario Draghi. "Le posizioni oltranziste della Germania con riferimento all’impossibilità di stampare moneta e ad attribuire alla Banca centrale europe, che in realtà non può per proprio statuto, il ruolo di prestatore di ultima istanza – conclude Cesano – stanno condannando la zona euro all’inferno che tutti conosciamo". Insomma, "se venisse risolto questo problema e se venissero dati più poteri alla banca centrale, unitamente a una rivisitazione dell’architettura Ue, il problema potrebbe essere risolto agevolmente e il Regno Unito è un esempio più che lampante in questo senso, tanto più se si considera che la sterlina non è una valuta di riserva".

Fonte >  Yahoo Finanza


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# raff 2011-12-23 12:13
Come dice Monti, le crisi sono benedette perché favoriscono passo dopo passo la costruzione dell'Europa unita (lo Stato europeo dei banchieri), delegando maggiori poteri alla BCE e a Van Rompuy; ma chi lo conosce?
Dobbiamo riappropriarci della sovranità monetaria? Sì, ma della lira.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-23 14:32
Citazione raff:
Come dice Monti, le crisi sono benedette perché favoriscono passo dopo passo la costruzione dell'Europa unita (lo Stato europeo dei banchieri), delegando maggiori poteri alla BCE e a Van Rompuy (ma chi lo conosce?).

Dobbiamo riappropriarci della sovranità monetaria? Sì, ma della lira


Beh... ha proprio "rotto"... "er burattino"... che me pare pure un manikino, un robottino... "telecomandato"!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2011-12-23 12:21
I rapporti sono semplicemente impressionanti, alla faccia delle cicale che non fanno nulla. Questi moralisti hanno compiuto questo debito "virtuosamente", era il loro lavoro. In Italia, nonostante tutti i nostri problemi, anche gravissimi, c'è evidentemente una buona parte che riesce a compensare le malefatte e gli sprechi madornali. Almeno per ora.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-23 14:19
... quelli più... "MORALISTI"... ovverossia... I PIU'... "IPO-KRITI"... ovvero... i più scaltri, lesti, come sempre, a giocar d'anticipo, gettando per tempo la croce addosso agli altri, CRETINI, battezzandoli quali... "P.I.I.G.S"... che, guarda caso, caso strano, sono poi... "KATTOLICI+ORTOD OXI"... ma quanto so' drittoni... 'STI SE' DICENTI... "PROTESTANTI"... troppo, però, pe' li gusti mei... ERGO... invio loro lo meo più sentito, sonoro, sincero... "FVCK-OFF"... con tutto lo Kore... VAFFA... e che lo vostro possa esser... DEO VOLENTE... N NATALE... "MORTALE"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-23 18:26
Citazione NOMEN:
... quelli più..."MORALISTI"...
ovverossia... I PIU'... "IPO-KRITI"...
ovvero... i più scaltri, lesti, come sempre, a giocar d'anticipo, gettando per tempo la croce addosso agli altri, CRETINI, battezzandoli quali... "P.I.I.G.S"... che, guarda caso, caso strano, sono poi... "KATTOLICI+ORTOD OXI"... ma quanto so' drittoni... 'STI SE' DICENTI... "PROTESTANTI"... troppo, però, pe' li gusti mei... ERGO... invio loro lo meo più sentito, sonoro,sincero... "FVCK-OFF"... con tutto lo Kore... VAFFA... e che lo vostro possa esser... DEO VOLENTE... UN NATALE... "MORTALE"!!!


LA+DIVINA+ORDAL IA... PRIMO RE, XVIII, 40... EL+DEGVELLO...
NISI HODIE, QVANDO... FRA MILLE MILIARDI DI MILLENNI...
troppo comodo davvero, mes amis!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Sivispacemparabellum 2011-12-23 18:46
Mah... un leggero cambiamento di clima con una deviazione della corrente del Golfo... e la temperatura media in Inghilterra su zero centigradi... è chiedere troppo?!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-23 19:26
Citazione Sivispacemparab ellum:
Mah...un leggero cambiamento di clima con una deviazione della corrente del golfo...e la temperatura media in Inghilterra su zero centigradi...è chiedere troppo?!

... A+DIO+PIACENDO... DEO+VOLENTE...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità