>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Israele attaccherà l'Iran in primavera
Stampa
  Text size
WASHINGTON (USA) - Gli Usa temono che Israele possa attaccare i siti nucleari iraniani in «aprile, maggio o giugno», prima che i mullah trasferiscano il materiale sensibile in bunker più protetti e fuori della portata delle bombe speciali israeliane. La previsione è del segretario alla Difesa americano Leon Panetta ed è stata raccolta da David Ignatius, famoso giornalista del «Washington Post», che era in viaggio con il rappresentante Usa.

L'ATTACCO - L’aviazione di Gerusalemme pensa di poter colpire i bersagli con operazioni «limitate» a 4 o 5 giorni che possono creare danni sufficienti per ritardare il programma atomico. O almeno è ciò che sperano. Poi è prevedibile un intervento dell’Onu che impone un cessate il fuoco. Ignatius aggiunge che l’annullamento delle manovre congiunte Israele/Usa previste per la primavera è da imputare ad una richiesta di Gerusalemme che avrebbe comunicato problemi nel mettere a disposizione le proprie forze. E i «problemi» altro non sarebbero che un possibile impegno militare in Iran. Tanto a Washington che nello stato ebraico i generali hanno esaminato le possibili ritorsioni da parte dell’Iran in caso di un attacco. Dal blocco di Hormuz ad attentati: per questo e per evitare «malintesi» gli Stati Uniti hanno moltiplicato i segnali verso Teheran per separare la propria posizione da quella dell’alleato israeliano. Ma, come sottolinea lo stesso Ignatius, non è facile per il Pentagono stare fuori. Se le città israeliane dovessero essere colpite è difficile che gli Usa rimangano a guardare. Ed è anche possibile che i pasdaran possano coinvolgere nella loro risposta le navi o le basi statunitensi nel Golfo.

ISRAELE - Gerusalemme – come è già emerso in queste settimane – non sembra invece temere più di tanto la risposta degli ayatollah. La crisi siriana ha di fatto paralizzato l’alleato più prezioso di Teheran nella regione e la minaccia più seria può venire dagli Hezbollah libanesi che dispongono di decine di migliaia di razzi. La gran parte dei quali nascosti in centri abitati e bunker nel Libano sud. Uno scenario tracciato da esperti israeliani ha previsto che le vittime dei bombardamenti Hezbollah potrebbero essere circa 500. Ignatius conclude il suo pezzo affermando che il governo israeliano non ha ancora raggiunto una decisione definitiva sul blitz, anche perché molti esponenti dell’intelligence si sono dichiarati contrari. L’analisi di Panetta combacia con quella apparsa sul «New York Times» a firma di Ronen Bergman dove si dava per scontata un’operazione militare di Israele in primavera. Ma proprio i riferimenti temporali precisi lasciano perplessi gli esperti: non ha senso – osservano – dare queste indicazioni al nemico. E pensano che si tratti di un ulteriore gesto di pressione su Teheran. Quanto alle continue dichiarazioni – «possiamo attaccare» – sarebbero un modo per Israele per apparire come un attore imprevedibile che non si ferma neppure davanti agli alt intimati da Washington. Nulla di nuovo, visto che Gerusalemme nella sua storia ha mostrato sempre una grande autonomia e indipendenza.

Guido Olimpio

Fonte > 
Corriere.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# NOMEN 2012-02-05 16:28
Mah... e qui davvero bisogna appellarsi al nostro mitico... "PEPPINO"...
"NON E' VERO,MA CI CREDO"... QVIA... da troppo, troppo, troppo tiempo ormai,dura 'sto ridiculo... "Push-Pull"... 'sto far farsesco del... "SI'+NO+NI+SO"... perchè sia cosa ancora plausibile... ERGO... C'EST DU CINEMA... SPETTACOLO d'ILLVSIONISMO... e null'altro, mes amis!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-02-05 17:03
Israele non attaccherà nessuno. Temono troppo le ritorzioni degli iraniani e degli islamici in generale. Faranno in modo che ad attaccare, sempre che ci riescano, siano i loro servi americani ed eventualmente europei.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-05 21:14
Citazione Pietro G:
Israele non attaccherà nessuno. Temono troppo le ritorzioni degli iraniani e degli islamici in generale. Faranno in modo che ad attaccare, sempre che ci riescano, siano i loro servi americani ed eventualmente europei


Nisciuno attaccherà mai nisciuno, verissimo... QVIA... TANTA MA TANTA E' LA STRIZZA... certo, sceneggiate mediatiche a parte, tanto per tener sulla corda ed in ansia gli spettatori dei telegiornali... ERGO... il presente "presente" parrebbe, come per "nigra" magìa e "strana" malìa... "PIETRIFICATO"... IN ETERNO... AD INFINITVM???!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pierpaolo 2012-02-05 18:12
Ci sarebbe da preoccuparsi, se l'autore non fosse il noto Guido Olimpio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-05 22:18
Citazione Pierpaolo:
Ci sarebbe da preoccuparsi, se l'autore non fosse il noto Guido Olimpio


No te preocupes, mon ami... QVIA... visti gli innumerevoli precedenti... E' SOLO FINZIONE... PVRO... ILLVSIONISMO... ERGO... tutta roba da non prender sul serio!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-02-05 19:11
"... prima che i mullah trasferiscano il materiale"
Il Corriere di Sion colpisce ancora con i loro articoli demenziali. Non sapevo che fossero i "mullah" in persona a gestire i siti nucleari.
Guido Olimpo non scriverebbe mai una cosa simile in riferimento ai siti nucleari israeliani: "I rabbini trasferiranno le bombe in...".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-02-05 19:14
Mi domando... e se gli iraniani, invece di colpire a caso navi americane o bersagli civili israeliani, bombardassero Dimona o le altre istallazioni atomiche israeliane?
I giornalistelli servi di Sion in che modo racconterebbero una simile risposta iraniana? Sarebbe un bel guaio per la propaganda di Sion...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Saturn 2012-02-05 22:54
Ehi, avete notato come il noto Pagliara, abbia parlato stasera di D'Alema (in visita...) e - fra l'altro - del suo No all'attacco?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Sivispacemparabellum 2012-02-06 15:54
Notizia OLIMPIONICA, si tratta solo di propaganda e di intimidazioni, con quello che hanno visto sin ad ora i dirigenti iraniani hanno dato prova di nervi d'acciaio e non recederanno di un pollice.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-06 20:22
Citazione Sivispacemparab ellum:
Notizia OLIMPIONICA, si tratta solo di propaganda e di intimidazioni, con quello che hanno visto sin ad ora i dirigenti iraniani hanno dato prova di nervi d'acciaio e non recederanno di un pollice


... Iraniani... "staliniani"... hihihi...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# marco poletto 2012-02-07 01:23
Questo dell'attacco all'Iran è un disco rotto che sentiamo da almeno 7 anni.... se non hanno attaccato sinora significa che non è cosi semplice farlo.
.... E poi c'è di mezzo sia la Russia che la Cina.
Una massiccia risposta missilistica seppur convenzionale sul minuscolo Stato di Israele potrebbe essere fatale per lo Stato ebraico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-07 16:53
Citazione marco poletto:
Questo dell'attacco all'Iran è un disco rotto che sentiamo da almeno 7 anni.... se non hanno attaccato sinora significa che non è cosi semplice farlo.
.... E poi c'è di mezzo sia la Russia che la Cina.
Una massiccia risposta missilistica seppur convenzionale sul minuscolo Stato di Israele potrebbe essere fatale per lo Stato ebraico


Mon ami... C'EST DU CINEMA... e nulla più!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# funkystaff 2012-02-07 14:46
Dai, in fin dei conti l'Iran non è la Siria... dovrebbero averlo capito anche le teste di Katz.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maxim 2012-02-08 11:41
Wunderbar funkystaff.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-08 20:25
E vedrete che, a giugno, ci verranno a dire che il fantomatico "attacco" dovrà, causa forza maggiore, esser rinviato al prossimo Autunno... hahaha... 'sta storia infinita somiglia sempre più a quella del mirabolante... "MESSIA"... il cui apocalittico... "ARRIVO"... è sempre atteso per... "DOMANI"...hihihi... sì ,certo, come no, ricorda da presso, proprio il beffardo... "PAGHERO'"... del nostro mitico... TOTO'!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-09 14:12
Citazione NOMEN:
E vedrete che, a giugno, ci verranno a dire che il fantomatico "attacco" dovrà, causa forza maggiore, esser rinviato al prossimo Autunno... hahaha... 'sta storia infinita somiglia sempre più a quella del mirabolante... "MESSIA"... il cui apocalittico... "ARRIVO"... è sempre atteso per... "DOMANI"...hihihi... sì ,certo, come no, ricorda da presso, proprio il beffardo... "PAGHERO'"... del nostro mitico... TOTO'!!!


... e, poi, in Autunno, si rimanderà il tutto alla Primavera proxima ventura, sempre adducendo a scusante, la consueta causa di fuerza maggiore... e così via... und so weiter... AD INFINITVM!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità