>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

I petrolieri pagano il pieno ai lucani
Stampa
  Text size
Da questo articolo di cronaca, si scoprono numeri interessanti sul nostro petrolio: solo in Lucania vengono estratti 80.000 barili al giorno e cioè 1/10 del nostro fabbisogno, mentre le compagnie petrolifere straniere pagano il 10% - e solo alla Regione - dei loro guadagni sui lavori che effettuano

ROMA
- Altro che il pieno al self service notturno, dove se va bene risparmi un paio d'euro. Altro che i distributori low cost dove la differenza si sente di più, ma c'è sempre la fila e sono pure fuori mano. Chi vuole salvarsi dal caro benzina dovrebbe trasferirsi a Potenza, a Matera, al limite a Maratea. Insomma in «Lucania Saudita».

Proprio in questi giorni gli abitanti della Basilicata hanno cominciato a utilizzare il bonus carburante, una specie di bancomat ricaricabile che regala 100 euro e 70 centesimi di benzina o gasolio l'anno. Basta essere residenti nella regione e avere la patente. Non ci sono differenze fra ricchi e poveri e nemmeno tra chi macina 40 mila chilometri l'anno e chi la macchina la lascia chiusa in garage. Il bonus è uguale per tutti. Ed è una specie di compensazione per la seccatura di avere tra i boschi della Val d'Agri, pozzi e trivelle che ogni giorno tirano fuori 80 mila barili di petrolio, quasi un decimo di quello che serve a far girare l'Italia intera.

Anzi non solo una seccatura visto che tre giorni fa c'è stata una fuoriuscita - con inevitabili polemiche sulla sicurezza degli impianti e i rischi ambientali - nell'oleodotto che porta quel petrolio da Viggiano a Taranto.

I primi pieni a costo zero sono di questi giorni anche se la storia comincia tre anni fa. Nel 2009 il decreto sviluppo del governo Berlusconi alza dal 7 al 10% le cosiddette royalties, i soldi che le compagnie pagano alla Regione come tassa sullo sfruttamento di un bene naturale. E stabilisce che quegli euro in più, circa 32 milioni l'anno, devono tornare ai cittadini sotto forma di sconti. A pagare sono le compagnie petrolifere, anche se le royalties italiane restano molto più basse rispetto a quelle chieste in altri Paesi, con il record della Norvegia (80%). A Natale sono state distribuite 220 mila carte benzina, su 270 mila persone che ne avevano diritto. Alla fine di febbraio le carte sono state attivate. E ora si è riaccesa la discussione. Il governatore Vito De Filippo (Pd), la card non l'ha chiesta e parla di scelta sbagliata: «Non si tiene conto delle differenze di reddito e si taglia fuori chi non ha la patente». Non solo: «Così disperdiamo dei soldi che potremmo usare per fare investimenti, creare infrastrutture e lavoro». A Potenza è nato anche un comitato che chiede di usare quei soldi per progetti di solidarietà. E probabilmente c'è questa protesta dietro quelle carte non richieste da chi aveva diritto. L'ideatore del bonus è Guido Viceconte, coordinatore del Pdl Basilicata, ex sottosegretario alle Infrastrutture: «Abbiamo riportato nelle tasche dei cittadini soldi che appartengono ai lucani e che prima si perdevano nei meandri delle amministrazioni. È un principio rivoluzionario».

E il fatto che non ci sia differenza tra ricchi e poveri? «Una polemica stupida. Il petrolio si estrae in Basilicata e i vantaggi vanno a chi vive qui: povero, ricco, di sinistra o di destra non fa differenza». Entro il 2015 dovrebbero entrare in funzione altri pozzi nella zona di Tempa Rossa, la produzione totale della regione dovrebbe raddoppiare. E visto che le royalties sono proporzionali al petrolio estratto anche la card dovrebbe aumentare il suo valore. Il passo successivo è già scritto: come titolava un giornale qualche anno fa, quando cominciarono le trivellazioni in Val d'Agri, «La Lucania nell'Opec».

Lorenzo Salvia

Fonte > 
Corriere.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Fumio Nakahira 2012-03-14 12:27
«La Lucania nell'Opec» Dove si deve firmare!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-03-15 07:00
A Benevento, nel 1266, i manipoli lucani, rimasti nelle compagini sveve dopo il tradimento dei baroni di Puglia, tutelarono Manfredi sino alla sua morte da valoroso in campo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ClodoveoX 2012-03-15 07:06
La Lombardia "deve" essere solidale e sussidiare con i propri soldi,travasand oli,le povere regioni svantaggiate del Tsud.
Quando però per una volta c'è da fare il contrario, ciao Pepp !Il petrolio è solo dei lucani.

secondo il vecchio motto :
Quello che è tuo è nostro, quello che è mio è mio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# hylarion 2012-03-15 08:48
Complimenti hanno fatto l'elemosina e i barili che si estraggono sono molto più di 80.000.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità