>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Imu, ecco lo studio choc: costa più del doppio dell’Ici
Stampa
  Text size
Il capannone industriale è pari a una villa per le vacanze secondo la voracissima Imu, l’Imposta municipale sugli immobili, annunciata nello scorso dicembre ma che solo adesso comincia a far davvero paura ai contribuenti.

Il 16 giugno infatti o, per meglio dire il 18, perché il sabato e la domenica le scadenze per i pagamenti di tasse e balzelli sono annullate, i Comuni passeranno all’incasso e il conto, per tutte le categorie, si presenta terribilmente salato.

«Per i piccoli imprenditori - denuncia il presidente di Confartigianato Como, Marco Galimberti - l’Imu raddoppierà la tassa immobiliare che già si pagava con l’Ici sui capannoni industriali e sugli immobili adibiti alla produzione, come magazzini e depositi». Una vera ingiustizia, spiega Galimberti, in quanto le piccole imprese e le attività artigiane sono in crisi da tempo.

«Secondo i nostri calcoli - continua il presidente di Confartigianato Como - un capannone che pagava 2.300 euro di Ici con i nuovi moltiplicatori e le nuove aliquote potrebbe pagare fino a 4.800 euro».

Più del doppio, dunque. Troppo per un immobile strumentale in carico a un’azienda che a sua volta è già chiamata a pagare le tasse. Gli aumenti sono legati soprattutto all’incidenza delle aliquote che il governo ha fissato allo 0,4%, per le prime case, e in una forchetta compresa tra lo 0,76% e l’1,06% per le seconde case e gli altri immobili.

«Il problema - aggiunge Galimberti - è che difficilmente i Comuni terranno l’aliquota minima e, dunque, gli aumenti che si prospettano saranno molto pesanti da sostenere per attività produttive che sono già in crisi. Molto spesso, ormai, gli imprenditori continuano la loro attività solo per non dover chiudere e licenziare. Guadagnare qualcosa è diventato una specie di miraggio».

Una situazione difficile, dunque, anche se Confartigianato sta cercando di aiutare gli imprenditori delle zona di Como, dove conta circa 6mila iscritti su 18mila aziende registrate alla Camera di commercio. «Stiamo portando avanti iniziative per incentivare le aziende che producono in conto terzi - osserva ancora Galimberti- ad andare all’estero per vendere direttamente i loro prodotti, ma ci stiamo muovendo anche sul fronte del credito».

Quanto all’Imu, Confartigianato ha cominciato, domenica scorsa, una raccolta di firme tra i piccoli imprenditori che saranno portate ai sindaci dei vari Comuni comaschi per sensibilizzarli al problema. La speranza è quella di ottenere delle aliquote minime, allo 0,4% come per le prime case, anche per gli immobili adibiti ad attività produttive.

«In zona la questione è molto sentita - conclude Galimberti - perché molti imprenditori hanno investito, nel corso degli anni, in immobili, comperando o facendo costruire i capannoni della loro azienda. Anche io, che ho un’azienda tessile, sono nella stessa situazione. E ora per il capannone fatto costruire con tanti sacrifici da mio padre, dovrò pagare, oltre al mutuo, anche questa nuova tassa immobiliare che, se non sarà modificata, influirà in maniera molto pesante sulle piccole e medie imprese che già sono in affanno per colpa della crisi».

Fonte >  Giornale.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Pietro G 2012-04-19 19:09
Vale anche per le abitazioni private. Io pago più del doppio dello scorso anno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maurizio piri 2012-04-19 21:23
Ma perchè dov'è è il problema?
Tutti i prezzi sono duplicati: 1 K g di mele prima 1.500 lire ora 1,5 euro (3.000lire),
la benzina prima 2.200 lire al litro ora 2.2 euro (4.400 lire). Una casa che prima costava 180 milioni di lire ora costa 180.000 euro.
Ora giustamente tocca alle tasse!!!
Ma scusate tanta polemica per che cosa ma che cos'è che non è aumentato? Stipendi e pensioni naturalmente.

Saluti Fraterni
Piri M.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio P. 2012-04-20 11:26
Perchè fai esempi sbagliati? La benzina non costa 2,20 Euro e comunque costa più un cesso di un telefonino di ultima generazione, laddove il peso (Lira) nel tempo si modificava troppo in fretta si è scelto di muoversi in base al vento (Euro) che è più dinamico. Il problema è quando si crede che il vento sia ciò che ci governa. Non sei una foglia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-04-20 08:15
Gli servono soldi per pagare bombe e aerei da guerra, da utilizzare per la "protezione" del Piccolo Innocente Popolo Eletto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio P. 2012-04-20 11:38
Non credo sia una buona idea aumentare le tasse.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità