>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Il sindaco-sceriffo: così caccio i lavativi
Stampa
  Text size
Ex missino, pugno di ferro e adrenalina in circolo. Il sindaco di Villafranca di Verona si chiama Mario Faccioli, 48 anni appena compiuti, eletto con una lista civica ma attaccato al ramo An del Pdl, detesta i fannulloni e li licenzia in men che non si dica.

«Più che altro miserie», definisce al Corriere del Veneto i casi, sei, di cui si è occupato personalmente in municipio. Come un impiegato beccato con una tangente di 10mila euro e un altro che si arricchiva con le pratiche funerarie. L'ultima scure ha tagliato una dipendente che usava i permessi comunali per andare all'università invece che assistere - come da richiesta - un familiare malato. Faccioli, nostalgico della Fiamma e lusingato dal soprannome di «dux» cucitogli addosso in città, è fiero del suo metodo antifannulloni: «Premesso che io sono una zecca fastidiosa e mi controllo tutti gli atti amministrativi, non dico che sia facile ma probabile trovare anomalie in certi comportamenti. Basta fare degli incroci e se qualcosa non va lo scopri. Le norme per licenziare ci sono. Eccome. E siccome sono pignolo le conosco. È lo stesso contratto nazionale che ti permette di agire. E devi farlo subito, altrimenti diventa più difficile».

Ecco la strategia applicata a Villafranca: «Bisogna anticipare l'atto penale. Perché quando inizia l'iter in tribunale sei fregato, devi aspettare i tre gradi di giudizio prima di licenziare. Ma se lo fai prima, avendo tutte le carte che dimostrano la bontà del tuo provvedimento, è fatta. Verifico gli atti con i miei legali e applico il licenziamento senza preavviso. Lo dico anche ai miei colleghi sindaci: se conosci le norme puoi fare e strafare». Le proteste sindacali le liquida in un secondo: «Ai sindacati dico che dovremmo essere dalla stessa parte quando ci sono delle persone che con il loro atteggiamento fregano i colleghi. Non è giusto. Io ho dei dipendenti di prim'ordine e non voglio che per il mal agire di qualcuno si pensi che tutti sono dei lavativi. Io li voglio sul pezzo. E gli faccio la posta».

Anche sull'Imu ha qualcosa da ridire: ha rinunciato alla parte che spetta al Comune. «Ho agito per tempo. Ho ridotto i mutui del Comune, ho liberato risorse, diminuito spese e attività. I miei assessori non hanno cellulari comunali, io non ho rimborso spese, i giornali li leggiamo su Internet. È anche così che si fa».

R. P.

Fonte >
  Corriere.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Em 2012-07-02 07:46
Ce ne vorrebbero di sindaci così, come del resti di presidenti di prvicnia, prefetti, presidneti di regione, deputati, premier, e presidenti di repubblica.
L'Italia sarebbe molto diversa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Riccardo 2012-07-02 11:35
Averne di gente cosi'..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità