>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Il manuale per carabinieri che definisce gli omosessuali dei «degenerati»
Stampa
  Text size
Mancuso: «Tornati indietro di decenni. Offesi tutti i militari gay». Concia (Pd): «Adesso mi aspetto le scuse dell'Arma»

Il manuale per il concorso
Un buon maresciallo aiutante dei carabinieri deve saper compilare in modo impeccabile il cartellino biografico «Mod OP/46» dei «soggetti di interesse operativo», vale a dire delinquenti abituali o professionali, chi è agli arresti domiciliari o è sottoposto a misure di prevenzione, eversori, persone appartenenti alla criminalità organizzata o socialmente pericolose. Tra le cose da annotare nel «cartellino» - notizie sulla identità e sulla personalità, abitudini, carattere, malattie fisiche e mentali, condotta durante il servizio militare - ci sono le «degenerazioni sessuali», perché «l'istinto sessuale prende parte molto attiva nella formazione del carattere e nello sviluppo delle attività individuali». E, per essere precisi, le principali degenerazioni sessuali sono «l'omosessualità, l'esibizionismo, il feticismo, il sadismo, il masochismo, l'incestuosità, la necrofilia, la bestialità (o zoofilia)»(GUARDA IL TESTO).

Così è scritto nella dispensa di 585 pagine della Scuola marescialli e brigadieri dei carabinieri intitolato «Sinossi per la preparazione al concorso per l'avanzamento a scelta per esami al grado di maresciallo aiutante s. Ups». Datato dicembre 2011 e approvato dal comandante colonnello Pasquale Santoro, il manuale è stato scaricato dall'Intranet dell'Arma dai candidati al concorso nazionale che si è svolto il 25 giugno a Padova nei padiglioni della Fiera di via Tommaseo.

«È una cosa vergognosa, cerco di contenere la rabbia, ma giuro che fatico. È semplicemente allucinante», è la prima reazione dell'onorevole Paola Concia, moglie di Ricarda Trautmann, da anni impegnata senza successo per una legge contro l'omofobia. «Chiederò di annullare il concorso, farò un'interrogazione parlamentare, inviterò il ministro della Difesa, quello per le Pari opportunità e il premier a intervenire. È una cosa che va contro tutte le leggi fondamentali dello Stato, contro la nostra Costituzione, contro l'Oms e i Trattati internazionali. Sono pronta a fare ricorso alla Corte di giustizia europea se non avrò riscontri e se l'Arma non si scuserà».

Ciò che amareggia maggiormente la deputata del Pd, autrice con Maria Teresa Meli di La vera storia dei miei capelli bianchi in cui racconta il suo percorso sentimentale, è «l'omofobia di Stato: quelli che dovrebbero difenderci sono proprio quelli che si permettono di affermare che l'omosessualità è come la zoofilia, è una perversione, quindi in fondo se qualcuno aggredisce i gay è perché se lo sono cercato».

E anche Aurelio Mancuso, già presidente di Arcigay e fondatore di Equality Italia, è sorpreso dagli accostamenti che vengono fatti nel manuale. Dice: «È una storia che ha dell'incredibile, mi sembra di essere tornato indietro di decenni. Mi offende essere messo tra le degenerazioni sessuali. E come me dovrebbe sentirsi offeso ogni carabiniere gay».


Fonte > 
Corriere.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Maurizio Piri 2012-07-12 12:40
Beh!

Degenerato sessuale mi sembra il minimo!
Non si rendono conto che proprio normali non lo sono!

Saluti Fraterni.
Piri M.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sivispacemparabellum 2012-07-12 13:00
Giusta critica perbacco!
Anche i CC già reali devono adattarsi al politicamente corretto poffarre.
Sarebbero così carini poi ai posti di blocco, con un po di rimmel, gli occhioni sgranati sul maschiaccio motociclista in cuoio borchiato che esibisce i documenti.
Ecco come potrebbe svolgersi il colloquio secondo i "politicamente corretti".
Carabiniere (turbato dall'avvenenza del motociclista) " Bel maschione motociclista per favore mi mostri i documenti! "
Motociclista (mentre osserva interessato gli occhi mascarati del già reale CC)
" ecco bel militare i miei documenti...devo precisare che non specicano appieno le mie doti! " (ricomponendosi molto educatamente le parti basse)
eccetera eccetera
Poi oltre alle donne in uniforme come non riconoscere il terzo sesso?!
Un'uniforme "ad hoc" è indispensabile con elementi maschili e femminili!
Ai "normali" non resterebbe che praticare le loro "squallide" abitudini sessuali etero ai soli fini della riproduzione e tacere perchè gli assistenti sociali, sempre in ansia di politicamente corretto, non sottraessero loro i figli per affidarli a più consone ed equilibrate coppie con due papi o con due mami o con due trans.
O tempora o mores!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# enrico g 2012-07-12 14:08
Personalmente concordo con il testo incriminato. Si tratta di degenerazione.

Che ci sia una certa tendenza all'attrazione verso lo stesso sesso nell'intimo dell'uomo e sia più o meno forte in alcuni piuttosto che in altri, penso sia cosa condivisibile.
Diverso è accondiscendere i propri impulsi e perversioni.

Dio ci accompagni! Sono tempi davvero di prova per la nostra fede.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-07-12 14:47
Quello di cui molti non si rendono conto, è che anche le femmine nei carabinieri (e in polizia e nell'esercito), tutte vestite uguali agli uomini, contribuiscono alla diffusione dell'omosessualismo. Un omosessualismo molto più pericoloso e subdolo del "classico" omosessualismo, perchè mina il concetto di diversità sessuale (fra maschi e femmine), a livello mentale. Infatti, nessun uomo sano di mente, ma solo un "frocio psicologico" (che purtroppo sono tanti), potrebbe mai mettersi con una poliziotta/carabinieressa/"soldatessa". Ad un uomo normale, eterosessuale, la sola vista di queste femmine in divisa dovrebbe provocare un sano senso di repulsione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2012-07-12 16:02
Credo che questo non sia che un altra sfaccettatura di quel processo di distruzione massonica (sintetizzata nella formula "ordo ab chao").
Il bispensiero si manifesta in tutta la sua devastante potenza: quello che era l'eccezione diventa la norma, quello che era normale diventa ab-norme; l'anima e lo spirito non esistono, il virtuale diventa reale, il delitto non è punito ma la libertà di pensiero e di parola sì, lo storico che cerca la verità trova la galera, i crimini di guerra sono premiati con un nobel per la pace preventivo, la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza... George Orwell docet!
AlexFocus
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CESCO 2012-07-12 21:28
E' la verità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# viktor - ss 2012-07-13 07:02
"«È una cosa vergognosa, cerco di contenere la rabbia, ma giuro che fatico. È semplicemente allucinante», è la prima reazione dell'onorevole Paola Concia, moglie di Ricarda Trautmann, da anni impegnata senza successo per una legge contro l'omofobia." Anche io a stento riesco a non correre in bagno per vomitare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ares 2012-07-13 11:43
Chissà chi sarà andato a spifferare il contenuto di questo testo allo zelante politicante sfondato....dubito che questi personaggi abbiano capacità indagative e critiche simili.
In un prossimo futuro allora dovremmo aspettarci di veder manganellati fidanzati a spasso con le fidanzate e padri di famiglia con la moglie perchè attentano al pubblico decoro e son politicamente scorretti?..ma per favore...
Onore a certi agenti in buona fede, ma l'arma rimane sempre il servitore autistico di questo stato massonico fin dal principio...omologazione ignoranza e pressapochismo imperano li, a parte rare eccezioni che magari ci lascian la pelle per colpa di generali e ufficiali iscritti a logge e legati col sedere a poltroncine e ai loro giochini di soldatini...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità