>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Introvigne: «Sbagliato un sostegno acritico ad Assad»
Stampa
  Text size
Alleanza mossadica. Ovvero: quando la merda non va in vacanza

«Ad Aleppo è drammatico il rischio di violenze contro i cristiani». Con una nota Massimo Introvigne, coordinatore dell’Osservatorio della Libertà Religiosa promosso dal ministero degli Esteri. ricorda che «Aleppo, con trecentomila cristiani, è la più grande metropoli cristiana del Medio Oriente dopo Beirut e Il Cairo».

«Tra gli insorti operano milizie ultra-fondamentaliste islamiche già responsabili di rapimenti e uccisioni di cristiani – denuncia Introvigne – . L’Italia, mentre chiede libertà per tutti i siriani, sta chiarendo che concederà aiuti e riconoscimenti politici solo a quelle organizzazioni dell’opposizione che garantiscano con i fatti, e non solo con le parole, i diritti dei cristiani e il controllo e la punizione di chi li minaccia e li perseguita».

«Ma occorre anche ricordare – prosegue la nota – che ci sono numerosi cristiani, vittime a loro volta di violenze, tra le fila di chi si oppone al regime, e che un atteggiamento di acritico sostegno ad Assad, adottato da alcuni presunti difensori dei cristiani, è ingenuo e irrealistico e in ogni caso non corrisponde alla posizione della politica estera italiana».

Fonte >  Avvenire | 31 luglio


Home  >  Worldwide                                                                                Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Vitoparisi3 2012-07-31 13:08
Non mi sembra che Intrivigne sia un emarginato per il coraggio delle proprie idee. E' piuttosto occhiuto, pare invece, sappia con tattica schierarsi, dalla parte di chi gli dà la minestra. Il cane abbaia sì per conto del padrone, ma non opera di regola lealmente: morde alla traditora, ha la cravatta...pardon, il guinzaglio e la ciotola piena assicurata. Non è che si possa chiamare fedele, si è semplicemente assicurato per un poco di tempo un posto... Assad ha favorito i cristiani da che regna, non mi vengano a dire che egli reprima il cristianesimo, all'improvviso, proprio adesso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# SART+ 2012-07-31 14:31
Ma quale vacanza... Questa merda è attualmente in attività spasmotica. Ogni sayan sa bene che l'ultima possibilità di evitare la fine di Israele consiste nel liquidare la Siria, Paese chiave per la resistenza antisionista, ma anche anello più debole dell'alleanza che si batte per Dio contro coloro i quali hanno "per padre il Diavolo".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# duxcunctator 2012-08-02 14:20
Tremenda trappola dell'Avversario quella di indurre a credere che l' "alleanza che si batte per Dio" sia quella di nazioni come Siria, Russia, Cina e Iran.
Un accecamento che è di per sé significativo del fatto che viviamo in tempi escatologici.
L'accecamento similare è quello dei cristiano-sionisti che credono di identificare nello schieramento opposto (al cui vertice c'è la triade Ukusraele) quella stessa "alleanza che si batte per Dio".
Gli uni (a cui tu, appartieni, Sartor; assieme a tanti lettori di questo pur prezioso sito) e gli altri (a cui appartiene Introvigne, nell'ipotesi che la sua sia una scelta fatta in buona fede e non di convenienza e di comodo) siete vittima di un accecamento speculare e simmetrico.
Che fa il paio con l'accecamento degli zeloti e di tanti israeliti di duemila anni fa: legati, troppo legati (e cos'è un "legato" se non un prigioniero?) all'idea di un Messia guerriero e leader politico-militare che avrebbe instaurato il Regno di Dio sulla terra utilizzando la forza ed il potere, umanamente intesi.
Inconcepibile, per tanti di allora, che il Messia venisse a liberare da un giogo ben più duro di quello dei romani: ossia da quello del peccato.
Inconcepibile, per tanti di oggi, che il Ritorno di Gesù lo possiamo anticipare come Dio vuole (e non come vuole il Suo Avversario) solo e soltanto offrendo i nostri cuori e le nostre vite: e non partecipando attivamente (ne, tantomeno: attivamente creando) alle vicende geo-politiche, geo-economiche e geo-militari che stanno delineando sempre più la loro funzione di preparare la manifestazione piena dell'Anticristo.
Sono state poche le volte, nella storia, in cui un'alleanza politico-militare sia stata senza ombra di dubbio identificabile come "alleanza che si batte per Dio". Ed un sigillo necessario, in tal senso, è SEMPRE stata la benedizione del Vicario di Cristo: come avvenne a Lepanto, nel 1571.
Oggi né Ukusraele né i loro oppositori russo-cino-irano-siriani sono benedetti dal Vicario di Cristo.
Ma, tutti, sono al servizio, più o meno consapevole, dell'Avversario di Dio.
Come succede, sistematicament e, tutte le volte che mettiamo al primo posto la nostra volontà e i nostri programmi, invece che la Volontà ed i Programmi del Padre.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# MASSI1970 2012-07-31 15:13
Certamente un sostegno acritico ad Assad come a qualsiasi altro governo e/o regime e/o monarchia è sintomo di visione parziale e non oggettiva, ma vi rendete conto di chi si nasconde dietro la destabilizzazio ne della Siria? E vi rendete conto di quali piani ci siano intorno a tutto quello che stiamo vedendo? Vorrei vedere meno superficialità, soprattutto in coloro che si dichiarano cattolici come l'amico Introvigine. Nessuno vi ha mai parlato di segni dei tempi? Nessuno legge mai il vangelo? Nessuno riesce a fare la semplice operazione 1 + 1? E' questa la cosa veramente preoccupante. Si rasenta il ridicolo poi quando si parla di politica estera italiana. Da quando gesù Cristo agisce in comune con la politica estera italiana mi piacerebbe saperlo! Cordialità. Massimiliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# MASSI1970 2012-07-31 15:44
Probabilmente per il signor Introvigine Gesù Cristo si uniforma alla politica estera italiana. Ma mi faccia il piacere!
Massimiliano.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ulisse 2012-08-01 06:00
I lettori che hanno scritto su Introvigne hanno ragione, e quindi non insisto sull'argomento:è il comportamento abituale degli ignavi, che per non dover prendere posizione, prendono spocchiosamente prima le misure a tutti.
All'ignavia è improntata peraltro la linea editoriale de "L'Avvenire" organo, non a caso, della CEI:é la loro lunga battaglia per conquistare l'irrilevanza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giobatta Zoppelletto 2012-08-01 08:00
IL problema infatti non è l'articolo di Introvigne (che conosciamo tutti e sappiamo di che pasta usraeliana è fatto) ma DOVE è stato pubblicato!
Più passa il tempo e più mi convinco che quando si parla di Avvenire, la frase QUOTIDIANO CATTOLICO andrebbe scritta con la seconda parola fra le virgolette....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità