>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Il sindaco rosso guida gli espropri nei supermercati
Stampa
  Text size
Tre carrelli di cibo per 37 famiglie povere di Siviglia. In Andalusia requisiti a un  duca 1.200 ettari incolti

L’ ultima clamorosa protesta è stata un «esproprio alimentare» in un supermercato: martedì scorso Juan Manuel Sanchéz Gordillo, 60 anni, dal 1979 sindaco con maggioranza assoluta della comunistissima Marinaleda, ha diretto l’assalto a un supermercato nella limitrofa Ecija, portando via tre carrelli pieni di pasta, fagioli, lenticchie e latte, che ha donato a 36 famiglie di squatter disoccupati di Siviglia. Unanime la condanna del governo, dei socialisti, di lu. Ovviamente è stato denunciato. Ma lui se la ride: «È stata un’azione simbolica. Il prossimo obbiettivo? Le banche».

Sanchéz Gordillo, non è solo sindaco, è anche molto altro: deputato regionale andaluso, leader del Cut-Bai (Collettivo unità dei lavoratori-Blocco andaluso di sinistra) e del sindacato agricolo Sat. E da sempre fa parlare di sé, occupando terre incolte o la Moncloa, il Palazzo del governo, con l’ex premier socialista González dentro. Ma nella regione con più disoccupati d’Europa (34%), nel suo Comune non ce n’è uno grazie alle cooperative comunali ortofrutticole da lui inventate e dove tutti guadagnano lo stesso stipendio: 1128 euro al mese. «Non ho mai fatto parte del partito comunista con la falce e martello, però mi sento comunista, o comunitarista, come credo si sentissero Cristo, Gandhi, Lenin e il Che», dice questo professore di storia, figlio di un poverissimo muratore, che ha potuto andare all’Università grazie a una borsa di studio.

Entrato in Izquierda Unita (il cartello elettorale comunista) nell’86, nemico acerrimo dei socialisti («Zapatero rubava ai poveri per dare i soldi ai ricchi»), gode di una popolarità impressionante, e non solo nella sua Marinaleda (2645 abitanti): nelle regionali andaluse del marzo scorso, come capolista di Iu per Siviglia, ha ottenuto116.726 voti (il 12,18%).

Il suo motto è sempre stato: «La terra a chi la lavora». E Gordillo, che pare uscito da «Novecento» di Bertolucci anche se usa Twitter, è un leader che fa quello che dice. Nell’Andalusia agraria in mano a ricchissimi proprietari terrieri, il barbuto sindaco, dopo 12 anni di occupazioni, nel 1992 è riuscito a espropriare 1200 ettari che erano del Duca dell’Infantado.

Sempre in prima linea, venerdì scorso è stato sloggiato dalla Guardia Civil, insieme ad altri 200 militanti del Sat, da un terreno militare. «Torneremo. Abbiamo già cominciato a lavorare la terra», ha detto agli agenti delle Benemérita.

L’esproprio terriero è stato il volano della sua revolución, sempre perseguita con la non violenza. Il sindaco che tiene la foto del Che nel suo ufficio sempre aperto al pubblico e porterà la kefiah al collo «finché i palestinesi non avranno una loro patria», ha costituito la Cooperativa Hu Humar-Marinaleda, ovviamente ecologicamente corretta. Produce carciofi, peperoni, fave, olio di oliva. Il comune è proprietario di una fabbrica di conserve, un frantoio, serre, allevamenti bovini. Salario: 47 euro al giorno, 6 giorni la settimana, 35 ore settimanali. Ecco perché non ci sono disoccupati.

Ma c’è di più. A Marinaleda non è mai entrato un costruttore. Il municipio regala il terreno per costruire un villino a schiera (90 metri quadrati su due piani, più 100 metri di cortile), anticipa i soldi per i lavori ed esige che il proprietario collabori alla costruzione della sua casa o paghi un sostituto. Restituirà il debito in rate di 15,52 euro al mese.

Dulcis in fundo, non esiste la polizia locale. «Da noi non è necessaria», vanta Gordillo.

Fonte >  Stampa.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# PepitoSbazzeguti 2012-08-12 12:10
un GIUSEPPE BOTTAZZI contemporaneo!

Gordillo "numerouno!"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-08-12 12:12
Quindi, a rigor di logica, uno può entrare in casa di questo imbecille, rubargli parecchia roba, e dirgli che lo sta facendo perchè si sente "comunitarista"... o forse il discorso vale solo quando è lui a mettere le mani sulle cose degli altri ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2012-08-12 18:53
Si parla di ricchi e poveri.

Si dichiara veramente comunista nonostante non si sia iscritto a nessun partito (sarà un indipendente), ma confonde la redistribuzione della ricchezza con l'abolizione della proprietà privata (e Che Guevara con Gesù Cristo). Paradossalmente fa la cosa giusta, anche se la crede in forma errata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-08-12 21:17
Si parla di rubare e non rubare.

E' entrato in un supermercato a prendere cose non sue, per poi "donarle" (leggi: facendo il "frocio con il culo degli altri") a delle famiglie di "squatters".

Non è una cosa giustificabile come non sarebbe giustificabile che un povero entrasse in casa sua a rubare.

Adesso il suo "dono" lo pagherà salato, com'è giusto che sia.

E' il tipico comunistello che si fa "bello" con il sudore e il lavoro degli altri... cos'è, dopo essere stato per 30 anni sindaco del paese, non aveva i soldi per pagare la roba che ha rubato ?

Questo è il tipico "barbaro verticale" che pensa che la roba del supermercato si materializza magicamente la notte mentre tutti dormono...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2012-08-13 00:14
Va bene, quella del supermercato è esagerata magari, anche perché prendersela col supermercato di per sé è inutile. Però se ha risolto veramente il problema della disoccupazione e della criminalità, educando la gente ad avere ciò che ha in misura sufficiente, credo che bisognerebbe rifletterci. Non sto facendo apologia del furto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2012-08-12 18:52
La ricchezza di pochi richiede necessariamente la privazione per molti.
Ogni forma di compensazione è legittima, soprattutto se il sistema la impedisce scientemente (democrazia).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto udine 2012-08-13 08:59
La terra a chi lavora???
....Avete mai visto uno squatter lavorare??
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Il trovatore. 2012-08-14 11:07
Stavo giusto pensando la stessa cosa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ogogoro 2012-08-13 21:05
Questo è uno che ha i coglioni e fa bene, qui da noi nessuno ha un decimo del coraggio di questo quà.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
Black Lives Matter — un nuovo culto religioso
Dr. Peter Hammond
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
“Great Reset” — il piano radicale per trasformare l’economia
The Hill
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
USA e Israele: operare al di fuori dello stato di diritto
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Ombre del mondo reale
Israel Shamir
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Nuove storie “israeliane”… senza Israele
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Israele annette l’America
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Filantropo o Mostro?
Ray Jason
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Shockdown Doctrine COVID — e come sconfiggerla
Julian Rose
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Abolire la famiglia, mangiare insetti, iniettare ormoni femminili: il CV è Natale per i comunisti liberali
Graham Dockery
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Gates e la “Guerra al denaro contante”
Colin Todhunter
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità