>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Quando i “diritti dell’uomo” soppiantano i “diritti di dio” (2)
Stampa
  Text size
SECONDA PARTE
Laicismo corruttore del Cristianesimo

Se il laicismo non arriva alla persecuzione cruenta della Chiesa, cerca inevitabilmente di corrompere i suoi Ministri per far perdere loro ogni ascendente pubblico sulla Società civile. Mentre il Comunismo ha incarcerato i corpi dei cristiani ed ha creato i martiri, il cui sangue è “seme di futuri cristiani” (Tertulliano), il laicismo liberale imprigiona le menti dei fedeli, le sdilinquisce, le deprava e produce gli apostati, che oggi spadroneggiano nell’ambiente ecclesiale devastato da 50 anni di modernismo.

La decadenza del clero e del laicato cristiano porta con sé la decadenza della Società civile, che dovrebbe essere fermentata dal Cristianesimo quale “Sale della terra”.

La stampa liberale si concentra allora sulle mancanze del clero e dei cristiani e discredita la religione, la quale cessa di esercitare il suo influsso benefico sul mondo.

Demolizione dell’istruzione privata e pubblica

Volendo dominare le menti degli uomini il laicismo cerca di cancellare la memoria storica, culturale e spirituale del popolo. Per poter far ciò deve necessariamente abbassare il livello della qualità dell’istruzione pubblica e privata poiché le “teste vuote” sono una preda facile per i manipolatori dell’opinione pubblica.

Se vediamo ciò che è successo in Italia dopo il Sessantotto riscontriamo questa decadenza della qualità degli studi e dell’insegnamento. Le università aperte a tutti hanno sfornato una enorme massa di asini, incapaci di ragionare e impotenti a lavorare colle braccia, che son diventati facili prede dell’alcolismo, delle droghe e della degenerazione morale. Mao Tse Tung diceva: “Rendi gli uomini mezze donne e le donne mezzi uomini, così dominerai facilmente su mezze cose”.

La pigrizia, l’ozio padre dei vizi, l’ignoranza del perché delle cose e la corruzione morale portano all’estinzione della civiltà di una Nazione e inevitabilmente all’indebolimento della sua religione. La Sinarchia apolide domina incontrastata sulla massa amorfa, la quale ha rimpiazzato la sanior pars societatis che è il popolo nel suo significato più genuino come ha insegnato Pio XII.

Come restaurare una Società decaduta

Se il liberalismo separatista rovina le radici culturali e spirituali di una Nazione e scuote la Società civile sin dalle sue fondamenta, mediante il culto dell’Uomo, della Libertà come il Fine ultimo e l’Assoluto, allora bisogna ricostruire la Società, senza inventarla (S. Pio X, Notre Charge apostolique, 1910), sulle basi della sua vera storia, ossia non sulla sovranità del popolo e del parlamento, ma su quella di Dio e dei suoi Comandamenti. Infatti è impossibile portare un popolo diventato massa amorfa, poiché inebriato dalla sua emancipazione, dalla indipendenza totale e inorgoglito per suoi Diritti che reputa essere assoluti, ad osservare i suoi doveri, mentre ha in testa solo i suoi “Diritti”.

La supremazia dello Stato sulla Chiesa

Questa pretesa supremazia è uno dei dogmi della massoneria, la quale come “scimmia di Dio” si diverte ad invertire l’ordine naturale delle cose. Quindi l’uomo è ritenuto da lei superiore a Dio, lo Stato alla Chiesa, Cesare alla religione, la natura alla grazia, il naturale al soprannaturale.

Quindi, se si vuol costruire sulla roccia e non sulla sabbia, occorre innanzi tutto che la religione si risollevi dallo stato di prostrazione in cui l’edonismo liberale l’ha umiliata. Solo allora la religione potrà esercitare il suo influsso pubblico sulla Società civile, che senza di essa è come una materia senza forma, un corpo senza anima.

Se la Chiesa gode della sua piena libertà e non è ostacolata dal separatismo liberale, può adempiere al meglio il suo dovere di evangelizzare e civilizzare i popoli.

I Concordati come mezzi per la restaurazione del Regno sociale di Cristo

Se il Concordato tra Chiesa e Stato è ben fatto, secondo i princìpi del Diritto Pubblico Ecclesiastico e non solo per garantire i fedeli dalle eventuali minacce di uno Stato laicista o autoritario, allora dà i frutti che immancabilmente nascono dalla collaborazione di subordinazione tra Chiesa e Stato a motivo della gerarchia dei loro fini (temporale/spirituale).

Per esempio, il Concordato stipulato da Garcia Moreno[1] con Pio IX nel 1862 è stato redatto in piena collaborazione di subordinazione tra potere temporale e spirituale. Il Presidente dell’Ecuador voleva che il temporale fosse subordinato allo spirituale come il corpo è sottomesso all’anima. Quindi il suo Concordato calava in norme giuridiche i princìpi della dottrina sociale cattolica. Nel corso del secolo successivo vi sono stati altri Concordati simili a questo del 1862; mi riferisco a quelli con la Spagna di Francisco Franco[2] e col Portogallo di Antonio Salazar[3].

In concreto il Concordato del 1862 tra S. Sede e Ecuador stabiliva 1°) l’indipendenza intera della Chiesa dallo Stato per adempiere alla sua missione spirituale; 2°) la professione esclusiva della religione cattolica e l’interdizione di tutti gli altri culti, 3°) l’insegnamento pubblico secondo lo spirito della dottrina cattolica per impedire la corruttela della gioventù e le rivoluzioni sociali; 4°) il diritto esclusivo della S. Sede di scegliere i Vescovi.

Così la Chiesa in Ecuador risorse come Gesù la domenica di Pasqua, liberandosi dai ceppi che il laicismo liberale le aveva imposto. Non bisogna, quindi, stupirsi se l’inferno e la sua setta segreta preferita su questa terra (la massoneria) abbiano urlato pieni di odio contro Garcia Moreno e Pio IX. Nel 1870 il Papa restò prigioniero in Vaticano per l’invasione di Roma da parte della Casa Savoia e nel 1875 la massoneria latino-americana uccise Garcia Moreno. La Rivoluzione vorrebbe ricacciare Gesù e la sua Chiesa nel sepolcro, ma Essi son destinati a risorgere, come Pio IX e il Presidente ecuadoregno risorgeranno alla fine del mondo per annunziare la vittoria definitiva di Dio e la disfatta della contro-chiesa.

L’importanza delle sana riforma del clero per la restaurazione della Società civile

I veri grandi santi come Gregorio VII, Carlo Borromeo, Pio IX hanno capito che per far regnare Cristo nel mondo occorre avere un clero degno ed esemplare. Dal Concilio di Trento nacque la vera “riforma” (che non è quella luterana) dei costumi e della dottrina, dalla quale il mondo è stato vivificato nelle arti, nella cultura, nella scienza e nella morale.

La disgrazia del momento presente è avere un clero non solo inadeguato, ma promotore della Sovversione secondo i piani della setta: “ci occorre un Papa secondo i nostri pensieri per fare la Rivoluzione in cappa e tiara”. Purtroppo con l’orientamento di Giovanni XXIII portato alle estreme conseguenze da Francesco I è proprio il clero a far la rivoluzione in tutti  campi.

Occorre chiedere a Dio di liberare il sacerdozio dallo strato di fango di cui la “Sinagoga di satana” (Apoc., II, 9) lo ha ricoperto, ma sotto cui giace pur sempre il “Sale della terra” e la “Luce del mondo”.

Non bisogna scandalizzarsi dello stato miserevole in cui è stato ridotto l’elemento umano della Chiesa, come durante la Passione di Gesù fu ridotta la sua umanità “più simile a un verme che ad un uomo” (Isaia). La Chiesa è sempre Immacolata nella dottrina, nei sacramenti, nel Cielo cui conduce anche se i suoi Ministri si lasciano avvolgere dalle tenebre del mondo. Invece di abbatterci dobbiamo reagire e operare per la restaurazione del clero cattolico e della famiglia cristiana, che sono i due polmoni con cui respira anche la Società civile.

La strana anomalia del cattolicesimo liberale

Il cardinal Louis Billot ha definito il cattolico liberale “la contraddizione stessa sussistente fatta persona”. Infatti egli come individuo privato si professa cattolico, mentre in pubblico si mostra ateo. Egli è la quadratura del cerchio. Per cui è normale che il catto/liberale voglia aggiornarsi, assimilarsi al mondo moderno, voglia accettare i princìpi della contro-chiesa. Perciò non ci si deve meravigliare delle incongruenze di Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco I. Son cattolici liberali e amano la contraddizione, vivono di contraddizioni. Così non desta stupore il catto/tradizionalista che stringe la mano di Bergoglio, la mano che lo strangolerà, è nella sua natura di catto/liberal/tradizionalista, che si è fatto pungere dalla tarantola modernista ed incantare dalla sirena sincretista. La modernità relativista e soggettivista ha talmente sconvolto la mente dell’uomo contemporaneo che anche le teste migliori iniziano a pensare alla kantiana prendendo le loro idee per la realtà, Bergoglio per S. Pio X… “Il vento del Concilio” ha fatto girar loro la testa.

d. Curzio Nitoglia



1) Cfr. Agostino Berthe, Garcia Moreno. Vindice e martire del Diritto cristiano, I ed., Alba, Paoline, 1940, II ed., New York, Dolorosa Press, 2016.

2) Cfr. L. de Poncins, Histoire secrète de la Révolution espagnole, Parigi, Beauchesne, 1938.

3) Cfr. P. Sérant, Salazar e il suo tempo, Roma, Volpe, 1963; J. Ploncard d’Assac, Salazar, Milano, Il Borghese, 1968; L. de Poncins, Le Portugal renait, Parigi, Beauchesne, 1936.

 
Nessun commento per questo articolo

Aggiungi commento


In memoria del Prof Luigi Di Bella
Non ho il benché minimo merito né parte nelle ricerche e nelle scoperte di mio padre, mia unica ambizione è diffondere il suo Metodo, la sua concezione terapeutica, proseguire nella realizzazione...
Disinformazione di “regime”
Nell’ultima trasmissione televisiva di Telecolor (https://youtu.be/tG0DnjrL0o0), reperibile anche nella rassegna stampa del sito "Metodo Di Bella", ho spiegato i meccanismi d'azione base...
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità