>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Vicenza, soldato Usa ai domiciliari in caserma scappa e aggredisce di nuovo
Stampa
  Text size
Il personaggio è una vecchia conoscenza, di cui EFFEDIEFFE aveva già scritto. Avrebbe stuprato una ragazzina autoctona, e mesi dopo picchiato e violentato una prostituta facendole perdere il bambino, ora fugge dagli «arresti domiciliari» (calandosi dalla finestra: quante volte lo avrà fatto) e aggredisce unaltra prostituta incinta per poi menarne ancora un’altra nella stessa serata. La deriva okinawese – stupri e violenze a rotta di collo – dei militari americani in terra veneta pare proprio dietro l’angolo...

Dodici mesi fa, lo stupro di una minorenne sudamericana all’uscita da una discoteca. E a luglio di quest’anno anche una ragazza rumena è stata sua vittima. Ma nonostante le due violenze sessuali di cui era accusato, incredibilmente, per il militare statunitense Jerelle Lamarcus Gray non era stata disposta la custodia in carcere. La procura aveva ritenuto sufficienti i domiciliari all’interno della caserma Del Din (ex Dal Molin). Nella notte tra venerdì e sabato il 22enne ha però tentato di colpire ancora.

Per eludere la sorveglianza gli è stato sufficiente riempire il letto con un fantoccio improvvisato con dei vestiti e calarsi dalla finestra del dormitorio. Una volta uscito dalla base il militare è andato a ubriacarsi e si è poi diretto in un residence frequentato da prostitute. Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, qui ha avvicinato una 27enne – anche lei, come una delle precedenti vittime, incinta – e l’ha aggredita mentre chiedeva una prestazione sessuale, che non ha però ottenuto. Una volta attraversata la strada, stando alle accuse, ha aggredito un’altra donna e l’ha anche colpita al volto. A quel punto si è scatenata una rissa che è stata registrata dalle telecamere di sorveglianza.

Grazie al filmato la polizia è riuscita a intervenire subito. Il militare è stato arrestato per evasione e denunciato per lesioni. “È una dinamica che ricorda l’aggressione della mia assistita – commenta l’avvocato Alessandra Bocchi, che segue la donna vittima della seconda violenza, quella di luglio -. È incredibile che, nonostante i due processi in corso, l’uomo non si trovasse in una cella di sicurezza. Per questo è riuscito a uscire dalla caserma. Ma, qui a Vicenza, quando un procedimento riguarda i militari Usa accusati di violenza sessuale spesso si applicano premure aggiuntive poco comprensibili”.

“Se si fosse trattato di un immigrato di altra nazionalità, vista la gravità dei reati e la loro reiterazione, il trattamento sarebbe stato molto diverso”, le fa eco Anna Zanini, l’avvocato della prima vittima, la 17enne stuprata nel novembre dell’anno scorso. Per il secondo episodio di violenza, quello di luglio, Jerelle Lamarcus e l’altro militare accusato – entrambi si dichiarano innocenti – hanno ottenuto i domiciliari appena una settimana dopo l’episodio. La donna, che al momento della violenza e del successivo pestaggio era incinta di sei mesi, ha partorito a ottobre un neonato con malformazioni all’apparato respiratorio e neurologico. Dopo il parto, è stato tenuto per 20 giorni in terapia intensiva. Sono in corso accertamenti medici per verificare l’eventuale correlazione tra la violenza e le malformazioni.

“Nonostante le promesse via Twitter del ministro della Giustizia Andrea Orlando ancora non sappiamo se il processo si celebrerà in Italia”, prosegue Bocchi. Il luogo di svolgimento del processo è, appunto, l’altro fronte aperto. Come già raccontato da Il Fatto Quotidiano, per una singolare interpretazione dei trattati Nato il 90 per cento dei militari americani di stanza in Italia accusati di reati comuni riesce a ottenere di essere giudicato Oltreoceano. Una volta trasferito il fascicolo alle autorità statunitensi, il ministero della Giustizia smette di seguire il processo, tanto che non è in grado di fornire dati sul numero di assoluzioni o di condanne.

Nelle scorse settimane la base Usa di Vicenza è finita nel mirino del governatore veneto Luca Zaia. Insieme ad altri esponenti leghisti, Zaia si è scagliato contro la decisione di far trascorrere nella base vicentina la quarantena dei militari impegnati contro il virus Ebola in Liberia. Sull’aggressione di venerdì però glissa: “Non conosco abbastanza la vicenda”. No comment anche dai vertici della base: “Rivolgete le domande agli inquirenti”.

Fonte >  IlFattoQuotidiano


Home  >  Worldwide                                                            Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Nova 2014-12-09 17:25
Mai alcun Paese ha potuto uscire dalla NATO. Tale organizzazione ha la funzione di soggiogare gli Stati membri ed è il braccio armato delle corporations.
La caserma Dal Din (non più Dal Molin - che mattacchioni a cambiar nome) è una base USA non NATO.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ogogoro 2014-12-10 01:52
Continuerò a ripetere alla paranoia che il 25 aprile non è una giornata di festa ma di lutto per la morte della nostra libertà.
Tutti quelli che lo festeggiano per me sono degli imbecilli.È l'anniversario delle invasioni barbariche!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# VALFRED 2014-12-10 10:17
hanno fatto bene a cambiar nome: Tommaso Dal Molin era un aviatore "fassista" non meritava di vedere il suo nome accostato alla odierna cloaca degli spietati bombardatori del "suo" vecchio aeroporto...

Renato Del Din invece era un partigiano bellunese, uno di quelli che i bombardieri li aspettava a braccia aperte!

Il nome giusto, al posto giusto, direi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2014-12-12 10:11
Mi ricorda di come la polizia israeliana assolva i coloni che picchiano un non ebreo, non importa se maronita, armeno, idealista o materialista, un non ebreo.
Inoltre, gli angloamericani in genere considerano il sentimento di un uomo per una donna come una debolezza imperdonabile. Per loro esiste il sesso crudo e basta. Ad esempio, non hanno il gusto per l'eleganza, bensì per il nudismo, e per loro "musica" significa un insieme di percussioni e di grida disordinate. Se un soldato americano fosse arrossito silenziosamente e rispettosamente di fronte a una donna,ahimé, avvenente, allora questo avrebbe violato il codice del soldato e lo avrebbero condannato. Infatti, gli angloamericani non pensano all'educazione sentimentale per i bambini: inorriirebbero. Per loro, vale soltanto comprensibile l'idea di un'educazione sessuale, che, peraltro, nelle esperienze emozionali dei pargoli, non ha ancora un senso o una verosimiglianza . Si tratta di gente che non ha mai preso il latte materno, e che, dopo gli omogeneizzati peggiori, passa direttamente al peggio dei mac Donald.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2014-12-13 15:35
un semplice colpo in testa? per poi gettarlo nel cemento?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
Francesco abolisce le norme familiari?
EFFEDIEFFE.com
Gli Stati Uniti sul sentiero di guerra con l’Iran (con l’aiuto dei media globali)
Ben Armbruster
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Nuovo suicidio nel giro di Goldman Sachs
New Yotk Times
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Un altro passo verso l’annichilazione
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Il test di Anna Frank
Philip M. Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Il percorso verso la terza guerra mondiale
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Dietro la strage in Iran...
Zero Hedge
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Populismo e UE
Diana Johnstone
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Russia, Stati Uniti, Israele, Iran e Siria: una lotta continua per innescare o evitare la guerra
Ejmagnier
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
La quinta colonna di Israele
Philip M. Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità