>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Forteto, Fiesoli condannato a 17 anni, ma resta libero
Stampa
  Text size
FIRENZE - Dopo quasi due anni si conclude in tribunale il processo sul Forteto, la comunità di Vicchio del Mugello (Firenze), finita sotto accusa per maltrattamenti e abusi sessuali. La sentenza di primo grado ha fissato una condanna a 17 anni e mezzo di reclusione per il «profeta» e fondatore della comunità Rodolfo Fiesoli. Con lui, condannate altre quindici persone su 23 imputati. Nel dispositivo letto dal giudice Marco Bouchard, pene pesanti anche per l’«ideologo» Luigi Goffredi (8 anni), Daniela Tardani (7 anni per maltrattamenti), Mauro Vannucchi, Stefano Pezzati e Luigi Serpi (4 e mezzo).

Il sindaco: «Una vicenda drammatica»

C’era anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, ad ascoltare la lettura della sentenza. Il primo cittadino era presente in qualità di presidente della Città metropolitana, parte civile al processo. Presenti in aula anche mi consiglieri regionali Stefano Mugnai (Fi) e Giovanni Donzelli (Fdi). «Questa sentenza e questo processo mettono a nudo una vicenda drammatica, una storia che dimostra quanto abominevole possa essere l’azione dell’uomo quando utilizza i minori sfruttando la fiducia dei cittadini e delle istituzioni», ha detto il sindaco, tuttavia «da qui proprio i cittadini e le istituzioni devono trarre insegnamento per aumentare il livello di vigilanza e di controllo nei confronti di strutture a cui si da fiducia». «Da cittadino e da amministratore - ha aggiunto - questa vicenda mi ha impressionato. È una vicenda grave, che ha bisogno di giustizia, e lesiva dell’immagine della città metropolitana».

La soddisfazione della procura

«Siamo soddisfatti. L’ufficio ha lavorato bene e il giudice ha accolto, in gran parte, le nostre tesi. Ovviamente la soddisfazione che esprimiamo è sul lavoro fatto». È il commento del procuratore di Firenze, Giuseppe Creazzo, dopo la lettura della sentenza. «Esprimo soddisfazione - ha aggiunto Creazzo - che il processo si sia concluso e si sia concluso in questo modo». In aula, alla lettura della sentenza, c’erano i due magistrati della procura di Firenze che hanno curato l’inchiesta sul Forteto e che hanno sostenuto l’accusa durante il processo, Ornella Galeotti e Giuliano Giambartolomei.

La «comunità modello»

Nelle oltre 90 udienze, andate avanti tra stop e ripartenze dovute alla ricusazione del giudice e al tentativo di spostare il processo a Genova, i testimoni hanno raccontato anni di violenze in quella che veniva additata come una comunità modello, diventata in pochi anni un’eccellenza imprenditoriale.

«Il Fiesoli rapinava il sesso ai ragazzini»

«In quella comunità – ha detto un mese fa il pm Ornella Galeotti nella sua requisitoria durata nove ore – si verificò per anni una sospensione delle leggi dello Stato, attraverso un programma criminale in cui il Fiesoli “rapinava il sesso” ai ragazzini, con la complicità degli altri imputati: i bambini venivano separati dai fratelli e la famiglia originaria veniva denigrata, nessuna coppia era sottoposta a valutazione e i bambini venivano aiutati a costruire ricordi falsi che in molti casi sono costati anni di carcere ai genitori». Per questo la pm aveva chiesto la condanna a 21 anni per Fiesoli, a 15 anni per Goffredi e a pene da due a dieci anni per altri 19 imputati (chiesta l’assoluzione per due).

La prima condanna del 1985

Rodolfo Fiesoli viene arrestato nel dicembre 2011 dopo la denuncia di alcuni ragazzi che vivevano nella comunità. Nel 1985 la Corte d’Appello di Firenze aveva già condannato i due fondatori per maltrattamenti e atti di libidine. E nel 2000 la Corte europea dei diritti dell’uomo sanzionò l’Italia per i rapporti recisi tra genitori e figli. Nonostante quelle condanne però il tribunale per i minori ha continuato per decenni ad affidare i bambini alle coppie che vivevano all’interno della comunità.

Giulio Gori, Antonella Mollica

Fonte > Corriere.it


Home  >  Worldwide                                                            Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Il trovatore. 2015-06-18 11:54
Come sarebbe a dire "resta libero"? Un mostro del genere? Dopo una condanna a 17 anni?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2015-06-19 10:25
Credo che il maggior disdoro debba ricadere sulle spalle di chi, nella cosiddetta “sinistra” ha fatto “d’ufficio” una difesa a spada tratta di questi bastardi, anzi ci sono tanti politici che, i occasione delle varie campagne elettorali, hanno perfino fatto la passerella elettorale al Forteto (oltre che un fornitore preferenziale delle COOP, è un vero e proprio “votificio”): Rosy Bindi, Antonio di Pietro, Giuliano Pisapia (addirittura era nel comitato scientifico del “lager”), Eduardo Bruno, Alberto Monaci, Enzo Brogi, Daniela Lastri, e così via.
Insomma una lista della vergogna, la cui lunghezza non si conosce…
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Militiaceleste2 2015-07-16 16:21
grazie per la segnalazione.
Chiedo e mi chiedo se esistano collegamenti tra questa abominevole vicenda e l'oscura tragedia detta "Mostro di Firenze".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ugo bertaglia 2015-06-20 16:23
Traggo dal Foglio 3 novembre 2013 "Nel 2003 c'era stato "La strada stretta: storia del Forteto", del ricercatore Nicola Casanova, con prefazione dello storico Franco Cardini..." Altro locale nome illustre anche, ahimè, legato al panorama della cd destra, che si aggiunge a quelli ricordati da Alex Focus
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# driver 2015-06-27 12:55
Questo oltre ad essere una condanna criminale è un problema gravissimo del sistema giustizia che strappa i figli ai genitori spesso per motivi futile. la legge applica ingiustizia per alimentare un vergognoso business fatto di bambini, spessissimo,sol o per la colpa di essere poveri. È un sistema perverso che dovrebbe essere sradicato ma che invece i nostri giudici invece spaventosamente continuano a perseguire. Ci vorrebbe maggiore attenzione da parte della società. saluri
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
Francesco abolisce le norme familiari?
EFFEDIEFFE.com
Gli Stati Uniti sul sentiero di guerra con l’Iran (con l’aiuto dei media globali)
Ben Armbruster
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Nuovo suicidio nel giro di Goldman Sachs
New Yotk Times
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Un altro passo verso l’annichilazione
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Il test di Anna Frank
Philip M. Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Il percorso verso la terza guerra mondiale
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Dietro la strage in Iran...
Zero Hedge
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Populismo e UE
Diana Johnstone
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Russia, Stati Uniti, Israele, Iran e Siria: una lotta continua per innescare o evitare la guerra
Ejmagnier
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
La quinta colonna di Israele
Philip M. Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità