>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-200

RSS 2.0
menu-1
È il “mercato”, ragazzi…
PDF
Stampa
  Text size
 E hanno anche il coraggio di chiamarlo “libero”...

Segnalo un pezzo del Financial Times indicativo del potere di condizionamento delle multinazionali del farmaco sulle istituzioni sanitarie.

Recentemente si è verificata negli ospedali USA la scarsità del più semplice ed economico dei farmaci, la soluzione fisiologica (“saline”), carenza artificiosamente pianificata e indotta dalle tre sole case farmaceutiche fornitrici del prodotto, per costringere le istituzioni sanitarie ad acquistare formulazioni più costose, e al prezzo da loro imposto: Saline investigation highlights the cost of American healthcare.

La conclusione dell’articolo è abbastanza ovvia:

“Ciò significa che i pazienti e gli ospedali sono vulnerabili, non solo per il potere di determinazione dei prezzi e le tattiche di vendita delle società a scopo di lucro, ma anche perché si prospettano future carenze causate da disastri naturali, guerra biologica e attacchi informatici. Un’opzione sarebbe quella di regolamentare prodotti come la soluzione fisiologica, come di assoluta utilità piuttosto che farmaci, il che darebbe alle autorità più voce in capitolo per definire produzione e costi. In alternativa, i grandi produttori potrebbero essere messi in concorrenza. Ma il signor Wendelbo dice che è improbabile che queste idee possano essere accettate  negli Stati Uniti”.

Forse anche noi dovremmo abituarci a considerarla l’industria farmaceutica, alla stregua degli altri comparti scientificamente e tecnologicamente avanzati dell’economia che, se da un lato sono in grado di esprimere contenuti fortemente innovativi solo grazie all’intervento decisivo del settore pubblico, dall’altro si uniformano a criteri di gestione aziendale orientati allesclusiva ricerca del profitto in ossequio alla sovranità dei mercati (che nelle attuali condizioni vuol dire principalmente mercati finanziari).

Per concludere, se è vero che non è riscontrabile nei dirigenti di big pharma alcun intento particolarmente malvagio, non è certamente da loro che ci si può aspettare un cambio di paradigma a favore del bene comune. Spetta agli Stati operare in modo che gli interessi dei mercati non prevalgano sulle legittime esigenze dei malati.

Vi ringrazio dell’attenzione e invio cordiali saluti

Giuseppe Di Bella


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Marina Cavallini 2018-03-08 18:49
Voce che grida nel deserto, ma un giorno la Verità trionferà. Auspico che gli Stati comprendano quanto importante sia la salute della gente e non continuino ad anteporre il profitto alla scienza medica. Le persone devono svegliarsi e reagire.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Tomasoni Andrea 2018-03-22 20:23
Dovrebbe organizzare un incontro in prima serata su una rete nazionale per ristabilire il concetto ,a livello nazionale, di una nuova sperimentazione del metodo Di Bella, poichè le persone influenti ,forse,sono cambiate.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime lettere pubblicate:
Metodo Di Bella e diffamazione
È stato creato dall’AIOM (Associazione Italiana Medici Oncologi) il sito “Tumore, ma è vero che?” generosamente, capillarmente diffuso con grande, zelante impegno e generale mobilitazione a...
Sperimentazione del Metodo Di Bella
In questo articolo vengono sintentizzate le numerose e gravi anomalie che hanno destituito di ogni credibilità e dignità scientifica la sperimentazione ministeriale del MDB del 1998.
È il “mercato”, ragazzi…
Recentemente si è verificata negli ospedali USA la scarsità del più semplice ed economico dei farmaci, la soluzione fisiologica (“saline”), carenza artificiosamente pianificata e indotta...
La cura dei Tumori e la loro Prevenzione Farmacologica
I meccanismi biologici della malattia, lo studio e la conoscenza della loro deviazione dalla fisiologica normalità, ne determinano la base razionale della medesima concezione terapeutica
Meccanismi d’azione nella prevenzione farmacologica dei tumori
Gli illuminati guardiani dell’ortodossia della ricerca censurano le scomode evidenze scientifiche per potere poi affermare in coro con le immacolate e disinteressate vestali della comunità...
La relazione su 297 casi trattati con MDB al New Zealand Breast Cancer Symposium di Auckland
È stata accettata, pubblicata agli atti e inserita nel programma questa relazione sul MDB. Il dato che ha destato maggiore interesse è la sopravvivenza a 5 anni del 4° stadio del tumore del...
In memoria del Prof Luigi Di Bella
Non ho il benché minimo merito né parte nelle ricerche e nelle scoperte di mio padre, mia unica ambizione è diffondere il suo Metodo, la sua concezione terapeutica, proseguire nella realizzazione...
Disinformazione di “regime”
Nell’ultima trasmissione televisiva di Telecolor (https://youtu.be/tG0DnjrL0o0), reperibile anche nella rassegna stampa del sito "Metodo Di Bella", ho spiegato i meccanismi d'azione base...
Sull’India e la cultura della dissoluzione
Non solo gender: la dissoluzione dell’educazione degli infanti ha da anni anche questo coté di liturgia pagana
Espulso da un convegno di single cattolici
Dall’amico Francesco Ruggeri ricevo questa lettera amaramnente divertente
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità