>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Padre Livio, ecco cosa sono le Forze di ‘Difesa’ Israeliane
Stampa
  Text size
L’eroico esercito israeliano arresta la mamma. Due bambine, disperate, resistono. Alla famiglia palestinese l’esercito ha rubato alcuni terreni, perchè sono troppo vicini ad un insediamento illegale di coloni israeliani da “proteggere”.




Sottotitoli del video:

La scorsa settimana, durante le proteste nel villaggio di An-Nabi Salih, una mamma ha cercato insieme alle sue tre figliolette di raggiungere la terra che le era stata sottratta dall’esercito israeliano. Le Forze di Difesa israeliane si erano appropriate della terra affermando che sarebbe stata utilizzata per crearvi un’area militare da addestramento fortificata.

A’hd e Marah stanno disperatamente cercando di cacciare i soldati occupanti ma questi, usando le armi, tengono lontane le due bambine dal grembo della madre. Grida e pianto è tutto quello che si può sentire provenire dalle bambine private del loro genitore. «Dove portate la mamma?».

Prima che accadesse tutto questo, le tre figlie A’hd, Marah e Wiaam insistevano di voler raggiungere la loro terra nel villaggio di An-Nabi Salih, terra che era stata sottratta loro dai coloni israeliani. Per tutta risposta è stato detto loro che su quella terra non ci avevano mai nemmeno messo piede.

Ecco la terra i cui ladri sono protetti dai soldati che se la prendono con chiunque osi solo avvicinarsi.

Madre: «Se è un’area militare perché dentro ci sono dei coloni? Cacciateli via! Questa è la mia terra! Ho i documenti per dimostrarlo. Io non me ne vado. Io mi preoccupo per le mie bambine. Le mie bambine non vogliono andarsene. [Il soldato replica ma non ci sono i sottotitoli ]. Vogliono la loro terra».

Anche se ha solo 10 anni, A’had cerca di farsi ridare la madre, ma le sue parole sono inutili e non ottengono nulla dai soldati se non la negazione del diritto di esprimersi.

A’hd (rivolgendosi ad un soldato): «Voglio la mia mamma, non me ne vado finché non me la riportate. La stampa mostrerà questo video, lo vedranno tutti, anche la sua famiglia (del soldato a cui si sta rivolgendo)».

Il pianto di queste bambine sarà per sempre un monito contro l’assenza di leggi internazionali. Leggi che trovano sempre il modo per disinteressarsi delle lacrime di A’hd che forse non ha mai potuto godere di un infanzia normale ma che è nata comunque con il diritto di esprimersi e di ottenere una risposta.

Gilad Atzmon

Traduzione per EFFEDIEFFE.com a cura di Massimo Frulla


Fonte
Gilad.co.uk



 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Nahars 2012-09-20 18:33
speriamo che queste lettere ad personam vengano lette.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# uno_qualunque 2012-09-20 19:32
Preghiamo per padre Livio. ne ha tanto bisogno
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-20 19:38
BBBRRR...BBBRRR...BBBRRR...
mamma mia!

Visti così,paion davvero dei terribili guerrieri,tali da oscurar addirittura la sinistra fama delle famigerate
"NAZI"..."SS"...
di hitleriana memoria!

Ma son stati finora impegnati in robetta
di poco conto,dal punto di vista
militare,in modeste scaramucce
di breve durata ed intensità...
troppo poco...niente di epico,
nulla d'eroico,insomma! !

Vorremmo perciò vederli ingaggiar,
per accertar se son bluff oppur no,
veri scontri all'ultimo sangue,
ad armi pari,contro altri militari,
come seppero ben fare
le due bellissime,cora ggiosissime
Ultime Vere Armate
della Storia Occidentale...

LA GLORIOSA..."Russa*Armata*Ro ssa"
LA GLORIOSISSIMA..."Wehr+Macht"...

ALLELUJA!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2012-09-20 19:48
I soliti ebrei.
Forti coi deboli e deboli coi...
Ah, mi dicono che hanno cambiato la regola a loro vantaggio: contro i forti mandano a combattere e versare il loro sangue i gentili americani ed europei, opportunamente ingannati e ricattati con il denaro, la corruzione e una marea di fregnacce psico-religiose.
Che la svastica torni al più presto a liberarci dai figli di Satana.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Cinzia 2012-09-23 20:22
Citazione temponauta:
I soliti ebrei.
Forti coi deboli e deboli coi...
Ah, mi dicono che hanno cambiato la regola a loro vantaggio: contro i forti mandano a combattere e versare il loro sangue i gentili americani ed europei, opportunamente ingannati e ricattati con il denaro, la corruzione e una marea di fregnacce psico-religiose.
Che la svastica torni al più presto a liberarci dai figli di Satana.


La svastica? Se torna potrebbe essere male anche per te.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2012-09-24 10:40
[quote name="Cinzia

La svastica? Se torna potrebbe essere male anche per te.

Si intende riveduta e corretta, in particolare senza un Himmler e le SS.
In questo sito non si dovrebbe dimenticare che il miglior concordato stipulato dalla Chiesa di Roma con uno stato estero è quello con la Germania nazista e perdura tutt'oggi con ampia soddisfazione per la curia tedesca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-28 14:31
Citazione temponauta:
[quote name="Cinzia

La svastica? Se torna potrebbe essere male anche per te.


Si intende riveduta e corretta, in particolare senza un Himmler e le SS.
In questo sito non si dovrebbe dimenticare che il miglior concordato stipulato dalla Chiesa di Roma con uno stato estero è quello con la Germania nazista e perdura tutt'oggi con ampia soddisfazione per la curia tedesca.

Vedo che hai saputo ben trarre "lezione" dalla Storia trascorsa...
ovvero dagli ingenui errori commessi in passato,ove ci si mise "a priori" dalla parte del torto,cadendo nell'astuta trappola tesa dal "bene assoluto",
destinandosi così alla sconfitta finale,ancor prima di scender in campo...
qual colossale strategico errore!

Mentre c'è ancor oggi qualche parassita, qualche illuso "drittone",che conta su di un pedissequo,bana le,provvidenzia le...
"remake"...per aver poi modo di strillar per altri cent'anni,campando così di comoda,immerita ta,cialtronesca rendita!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2012-09-28 20:48
Esatto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paladino 2012-10-02 21:07
Faccio presente che nell'enciclica "Mit Brennender Sorge" (con grande preoccupazione) il Papa pio XI nel 1937 esprimeva la sua preoccupazione ed angoscia per le persecuzioni del governo nazionalsociali sta contro i cattolici: dopo il concordato del '33, le cose erano costantemente peggiorate, nella primavera del '37 furono arrestati e dportati o imprigionati più di 1000 preti cattolici, spesso con false accuse di frode fiscale o crimini sessuali (tanto per cambiare, copione ben oliato). Il regime di Hitler non fu mai amico della chiesa, nell'enciclica di cui sopra, Hitler, definito "hinimicus homo" era accusato di condurre una lotta spietata contro la chiesa "dell’odio, della diffamazione, di un’avversione profonda, occulta e palese, contro Cristo e la sua Chiesa, scatenando una lotta che si alimentò in mille fonti diverse, e si servì di tutti i mezzi." - quindi alla pubblicazione dell'enciclica la Chiesa non stava "prevedendo" future persecuzioni, stava denunciando una continua violazione del patto del'33 e una persecuzione già in atto.

La verità è che chiunque voglia dominare l'occidente - dai comunisti, ai nazisti agli ultimi arrivati (o sono i primi...), chiamiamoli eufemisticament e plutocratico-globalisti - come primo provvedimento deve far fuori le chiese - cristiane in generale, cattolica e ortodossa in particolare - in quanto centri di aggregazione, di riferimento etico e morale, e di valori storici ed umani che devonoessere annientati per garantire la schiavizzazione dei popoli presi di mira. In Grecia, prima ancora dell'economia, furono attaccate e messe sulla graticola mediatica le istituzioni greco-ortodosse, nell'europa dell'Est sotto il comunismo i preti, ma anche nella ex-libera America, prima di questo disastro finanziario e umano a cui assistiamo, gli "scandali dei preti pedofili" tennero banco per anni.

Io ho svilupato un'idea, magari solo parziale e parzialmente corretta: c'è una cultura, chiamiamola occidentale, che valorizza la persona, il suo lavoro, la sua casa, la sua famiglia e la sua terra, ed ha fra i suoi valori la carità e l'amore per il prossimo. Quanto protetti ed applicati, dipende da tante cose, ma i valori sono quelli; c'è una tendenza di gente non legata specificamente ad una terra, che si sentono sovranazionali e cosmopoliti, e sanno che per avere il controllo della società devono distruggere questi capisaldi: cristianesimo, famiglia, casa, patria. Nel corso dei secoli sono cambiati i nomi e i colori delle bandiere, ma l'intento di fondo, il domino a spese di chi ha costruito qualcosa, sono sempre gli stessi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ARDITO 2012-09-20 20:39
Don Livio ste cose non le vede e nemmeno le sente, mi sembra come quelli che sono al soldo degli angloamericanis ionisti. fa politica ( che non devono fare) a senso unico
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2012-09-20 22:54
Come è morto Arafat?

Ghandi nel suo tempo così giudicò la questione palestinese.
Ora il muro della ipocrisia divide la palestina, nell'ipocrita violenza dell'indifferenza.


"Ho ricevuto numerose lettere in cui mi si chiede di esprimere il mio parere sulla controversia tra arabi ed ebrei in Palestina e sulla persecuzione degli ebrei in Germania. Non e' senza esitazione che mi arrischio a dare un giudizio su problemi tanto spinosi."

Le mie simpatie vanno tutte agli ebrei. In Sud Africa sono stato in stretti rapporti con molti ebrei. Alcuni di questi sono divenuti miei intimi amici. Attraverso questi amici ho appreso molte cose sulla multisecolare persecuzione di cui gli ebrei sono stati oggetto.[.......].

Ma la simpatia che nutro per gli ebrei non mi chiude gli occhi alla giustizia. La rivendicazione degli ebrei di un territorio nazionale non mi pare giusta.

A sostegno di tale rivendicazione viene invocata la Bibbia e la tenacia con cui gli ebrei hanno sempre agognato il ritorno in Palestina. Perche', come gli altri popoli della terra, gli ebrei non dovrebbero fare la loro patria del Paese dove sono nati e dove si guadagnano da vivere?

La Palestina appartiene agli arabi come l'Inghilterra appartiene agli inglesi e la Francia appartiene ai francesi. È ingiusto e disumano imporre agli arabi la presenza degli ebrei. Cio' che sta avvenendo oggi in Palestina non puo' esser giustificato da nessun principio morale. I mandati non hanno alcun valore,
tranne quello conferito loro dall'ultima guerra.

Sarebbe chiaramente un crimine contro l'umanita' costringere gli orgogliosi arabi a restituire in parte o interamente la Palestina agli ebrei come loro territorio nazionale. La cosa corretta e' di pretendere un trattamento giusto per gli ebrei,
dovunque siano nati o si trovino. Gli ebrei nati in Francia sono francesi esattamente come sono francesi i cristiani nati in Francia. Se gli ebrei sostengono di non avere altra patria che la Palestina, sono disposti ad essere cacciati dalle altre parti del mondo in cui risiedono? Oppure vogliono una doppia patria in
cui stabilirsi a loro piacimento?[...]

Sono convinto che gli ebrei stanno agendo ingiustamente. La Palestina biblica non e' un'entita' geografica. Essa deve trovarsi nei loro cuori. Ma messo anche che essi considerino la terra di Palestina come loro patria, e' ingiusto entrare in essa
facendosi scudo dei fucili . Un'azione religiosa non puo' essere compiuta con l'aiuto delle baionette e delle bombe (oltre tutto altrui). Gli ebrei possono stabilirsi in Palestina soltanto col consenso degli arabi.[...]

Non intendo difendere gli eccessi commessi dagli arabi. Vorrei che essi avessero scelto il metodo della nonviolenza per resistere contro quella che giustamente considerano un'aggressione del loro Paese. Ma in base ai canoni universalmente accettati del giusto e dell'ingiusto, non puo' essere detto niente contro la resistenza degli arabi di fronte alle preponderanti forze avversarie."
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-09-21 13:32
@ astrorosa 1

GHANDI conosciuto anche come "GREMBIULINO ROSA"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2012-09-21 17:43
La ringrazio per l'informazione, non ne ero al corrente, spero non siano calunnie e siano ben documentate.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-26 19:47
Citazione aloisius:
@ astrorosa 1

GHANDI conosciuto anche come "GREMBIULINO ROSA"


Se non ricordo male,venne bollato,
proprio da sir W.C. in persona,
qual..."spregevole fachiro"...
il che prova in qual considerazione tengano i lor ingenui manutengoli!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Litoldo 2012-09-21 08:47
che rabbia!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NUMA 2012-09-21 09:46
Non ci credo che P.Livio non sappia come è fatta quella gente.Se non lo sai lui allora siamo rovinati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pino0000 2012-09-21 11:42
Una domanda:dove trovano i soldi questi signori per possedere una radio che trasmette 12 ore al giorno?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2012-09-21 17:44
Dalla povera gente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ares 2012-09-21 12:56
Senza dover difendere a spada tratta P.Livio, credo che purtroppo, come la maggior parte degli uomini "comuni" si limiti a prender per oro colato ciò che la stampa allineata emette a valanga.
Senza fonti di stampa alternativa e omologandosi al senso comune è facile venire ingannati e creder per vera la realtà dipinta dai falsi media.
D'altra parte la sua attività è fare il pastore di anime e come ripiego credo faccia il "giornalista".
Avesse le informazioni di un don Curzio Nitoglia....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CESCO 2012-09-21 13:40
Se Padre Livio dicesse pubblicamente quello che veramente pensa,la sua radio sarebbe stata chiusa e lui accusato di fomentare l'odio invece che la fede.Ma non è che stiamo esagerando ingiustamente nei suoi confronti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2012-09-23 12:03
Si, vabbe',daccordo ma siamo sicuri che si tratta di cattolici. Si tratta di prudenza?
Mah!Sono più propenso a pensare che si tratti, come dice Astrorosa 1 di "ipocrits violenza dell'indifferenza. Oppure,secondo me. di pura paura. Uno stato dell'anima umano, ci mancherebbe altro, legittimo ma che non fa di un uomo un buon cattolico. Viene meno la ragione sociale e di conseguenza si finisce per uccidere del tutto il sano principio che fa di un uomo un prete: LA DIVULGAZIONE E LA DIFESA DELLE vERITà AD OGNI COSTO.
Se non loro chi mai lo potrà fare?
Il fumo di Satana, ormai stabilmente irrorato in Vaticano, non deve prevalere e dominare gettando una sinistra foscìa che rende ciechi i "Soldati di Cristo.
Serve un poderoso scatto di reni che coinvolga la maggior parte dei cattolici. Altrimenti è meglio convertirsi ufficialmente alla Kabala, all'ebraismo imposto del santo olocausto. Giusto per coerenza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2012-09-23 19:33
Pardon! Foschìa,non foscìa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maccabeo 2012-09-21 17:06
Questi rambo-sionisti alla fine si suicidano in massa...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-26 19:33
Citazione Maccabeo:
Questi rambo-sionisti alla fine si suicidano in massa...


Campa cavallo!
E'tutta gente che vuol campar il più a lungo possibile,comun que vada...
magari pure cent'anni!!
Ed infatti si guardan bene dal metter a repentaglio le lor "preziosissime" vite...mica son..."cretini"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-09-22 12:31
Citazione astrorosa1:
La ringrazio per l'informazione, non ne ero al corrente, spero non siano calunnie e siano ben documentate.


Può starne certa. Le voglio comunicare una frase letta tempo fa: Raramente un oratore è all'altezza dei propri discorsi.
I "falsi profeti" di cui Gesù Cristo ci ha avvertito sono malepiante che mettono radici ovunque e in ogni epoca, la nostra ne è piena zeppa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-09-22 12:36
Citazione ares:
Senza dover difendere a spada tratta P.Livio, credo che purtroppo, come la maggior parte degli uomini "comuni" si limiti a prender per oro colato ciò che la stampa allineata emette a valanga.
Senza fonti di stampa alternativa e omologandosi al senso comune è facile venire ingannati e creder per vera la realtà dipinta dai falsi media.
D'altra parte la sua attività è fare il pastore di anime e come ripiego credo faccia il "giornalista".
Avesse le informazioni di un don Curzio Nitoglia....


Insomma gli dai dello scemo o per lo meno ignorante? quest'ultima è sicuramente vera e per favore non paragonare questo don Livio a Don Nitoglia, è un vero insulto per N.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dany Zenobi 2012-09-23 00:51
ATTENZIONE: ragazzi controllate bene le vostre fonti! Alcuni citano Padre Livio come calunniatore di un certo vescovo Gatti. Detto Gatti non è affatto un vescovo! E' un prete, guida spirituale di una sedicente veggente, che si è autoproclamato vescovo perchè...dice che Gesù stesso apparendogli lo ha investito di tale dignità (sic!). La santa sede ovviamente, anche a seguito di altre numerose, gravi e reiterate infrazioni canoniche, lo ha sospeso a divinis e ridotto allo stato laicale. X fortuna c'è ancora un Padre Livio a ricordarci di quante idiozie è capace l'uomo, anche quello che porta il saio!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-23 18:52
Citazione Dany Zenobi:
ATTENZIONE: ragazzi controllate bene le vostre fonti! Alcuni citano Padre Livio come calunniatore di un certo vescovo Gatti. Detto Gatti non è affatto un vescovo! E' un prete, guida spirituale di una sedicente veggente, che si è autoproclamato vescovo perchè...dice che Gesù stesso apparendogli lo ha investito di tale dignità (sic!). La santa sede ovviamente, anche a seguito di altre numerose, gravi e reiterate infrazioni canoniche, lo ha sospeso a divinis e ridotto allo stato laicale. X fortuna c'è ancora un Padre Livio a ricordarci di quante idiozie è capace l'uomo, anche quello che porta il saio!


Bene,bene,bene...
ci manca solo che ci si materializzi un qualsiasi "don Cani" e poi potremo assister a divertenti,furi ose zuffe fra..."Cani e Gatti"...che farebbero il paio con quelle tragicomiche,gi à in atto,
nel campo politico "rappresentativo ",
fra..."CANI E PORCI"...pardon..."PROCI"!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maccabeo 2012-09-23 18:37
Per fidarci ancora di questo prete vogliamo che reciti il GIURAMENTO ANTIMODERNISTA IN DIRETTA:

IO LIVIO FANZAGA, fermamente accetto e credo in tutte e in ciascuna delle verità definite, affermate e dichiarate dal magistero infallibile della Chiesa, soprattutto quei principi dottrinali che contraddicono direttamente gli errori del tempo presente.

Primo: credo che Dio, principio e fine di tutte le cose, può essere conosciuto con certezza e può anche essere dimostrato con i lumi della ragione naturale nelle opere da lui compiute (cf Rm 1,20), cioè nelle creature visibili, come causa dai suoi effetti.

Secondo: ammetto e riconosco le prove esteriori della rivelazione, cioè gli interventi divini, e soprattutto i miracoli e le profezie, come segni certissimi dell'origine soprannaturale della religione cristiana, e li ritengo perfettamente adatti a tutti gli uomini di tutti i tempi, compreso quello in cui viviamo.

Terzo: con la stessa fede incrollabile credo che la Chiesa, custode e maestra del verbo rivelato, è stata istituita immediatamente e direttamente da Cristo stesso vero e storico mentre viveva fra noi, e che è stata edificata su Pietro, capo della gerarchia ecclesiastica, e sui suoi successori attraverso i secoli.

Quarto: accolgo sinceramente la dottrina della fede trasmessa a noi dagli apostoli tramite i padri ortodossi, sempre con lo stesso senso e uguale contenuto, e respingo del tutto la fantasiosa eresia dell'evoluzione dei dogmi da un significato all'altro, diverso da quello che prima la Chiesa professava; condanno similmente ogni errore che pretende sostituire il deposito divino, affidato da Cristo alla Chiesa perché lo custodisse fedelmente, con una ipotesi filosofica o una creazione della coscienza che si è andata lentamente formando mediante sforzi umani e continua a perfezionarsi con un progresso indefinito.

Quinto: sono assolutamente convinto e sinceramente dichiaro che la fede non è un cieco sentimento religioso che emerge dall'oscurità del subcosciente per impulso del cuore e inclinazione della volontà moralmente educata, ma un vero assenso dell'intelletto a una verità ricevuta dal di fuori con la predicazione, per il quale, fiduciosi nella sua autorità supremamente verace, noi crediamo tutto quello che il Dio personale, creatore e signore nostro, ha detto, attestato e rivelato.

Mi sottometto anche con il dovuto rispetto e di tutto cuore aderisco a tutte le condanne, dichiarazioni e prescrizioni dell'enciclica Pascendi e del decreto Lamentabili, particolarmente circa la cosiddetta storia dei dogmi.

Riprovo altresì l'errore di chi sostiene che la fede proposta dalla Chiesa può essere contraria alla storia, e che i dogmi cattolici, nel senso che oggi viene loro attribuito, sono inconciliabili con le reali origini della religione cristiana.

Disapprovo pure e respingo l'opinione di chi pensa che l'uomo cristiano più istruito si riveste della doppia personalità del credente e dello storico, come se allo storico fosse lecito difendere tesi che contraddicono alla fede del credente o fissare delle premesse dalle quali si conclude che i dogmi sono falsi o dubbi, purché non siano positivamente negati.

Condanno parimenti quel sistema di giudicare e di interpretare la sacra Scrittura che, disdegnando la tradizione della Chiesa, l'analogia della fede e le norme della Sede apostolica, ricorre al metodo dei razionalisti e con non minore disinvoltura che audacia applica la critica testuale come regola unica e suprema.

Rifiuto inoltre la sentenza di chi ritiene che l'insegnamento di discipline storico-teologiche o chi ne tratta per iscritto deve inizialmente prescindere da ogni idea preconcetta sia sull'origine soprannaturale della tradizione cattolica sia dell'aiuto promesso da Dio per la perenne salvaguardia delle singole verità rivelate, e poi interpretare i testi patristici solo su basi scientifiche, estromettendo ogni autorità religiosa e con la stessa autonomia critica ammessa per l'esame di qualsiasi altro documento profano.

Mi dichiaro infine del tutto estraneo ad ogni errore dei modernisti, secondo cui nella sacra tradizione non c'è niente di divino o peggio ancora lo ammettono ma in senso panteistico, riducendolo ad un evento puro e semplice analogo a quelli ricorrenti nella storia, per cui gli uomini con il proprio impegno, l'abilità e l'ingegno prolungano nelle età posteriori la scuola inaugurata da Cristo e dagli apostoli.

Mantengo pertanto e fino all'ultimo respiro manterrò la fede dei padri nel carisma certo della verità, che è stato, è e sempre sarà nella successione dell'episcopato agli apostoli (1), non perché si assuma quel che sembra migliore e più consono alla cultura propria e particolare di ogni epoca, ma perché la verità assoluta e immutabile predicata in principio dagli apostoli non sia mai creduta in modo diverso né in altro modo intesa (2).

Mi impegno ad osservare tutto questo fedelmente, integralmente e sinceramente e di custodirlo inviolabilmente senza mai discostarmene né nell'insegnamento né in nessun genere di discorsi o di scritti.

Così prometto, così giuro, così mi aiutino Dio e questi santi Vangeli di Dio.

************
Note:

1 Ireneo, Adversus haereses, 4, 26, 2: PG 7, 1053.

2 Tertulliano, De praescriptione haereticorum, 28: PL 2, 40.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2012-09-24 12:48
Maccabeo, purtroppo non comprendi che il modernismo, insieme al culto della pace universale, è solo uno degli estremi tentativi della Chiesa romana di trasformarsi come un camaleonte in una religione "di servizio" prima che il crollo (ormai inesorabilmente avviato)di buona parte dei dogmi, imposti da un esasperato e artificioso processo di divinizzazione della figura umana di gesù, la spazzi via come (falsa) religione "di verità".
In questo senso Don livio è solo una pedina, ma neanche la fede cattolica tradizionale è una soluzione.
Forse sarebbe meglio riportare indietro la Cristianità a prima di nicea e provare a ricostruirla senza cattedrali teologiche.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-24 12:54
Citazione Maccabeo:
Per fidarci ancora di questo prete vogliamo che reciti il GIURAMENTO ANTIMODERNISTA IN DIRETTA:

IO LIVIO FANZAGA, fermamente accetto e credo in tutte e in ciascuna delle verità definite, affermate e dichiarate dal magistero infallibile della Chiesa, soprattutto quei principi dottrinali che contraddicono direttamente gli errori del tempo presente.

Primo: credo che Dio, principio e fine di tutte le cose, può essere conosciuto con certezza e può anche essere dimostrato con i lumi della ragione naturale nelle opere da lui compiute (cf Rm 1,20), cioè nelle creature visibili, come causa dai suoi effetti.

Secondo: ammetto e riconosco le prove esteriori della rivelazione, cioè gli interventi divini, e soprattutto i miracoli e le profezie, come segni certissimi dell'origine soprannaturale della religione cristiana, e li ritengo perfettamente adatti a tutti gli uomini di tutti i tempi, compreso quello in cui viviamo.

Terzo: con la stessa fede incrollabile credo che la Chiesa, custode e maestra del verbo rivelato, è stata istituita immediatamente e direttamente da Cristo stesso vero e storico mentre viveva fra noi, e che è stata edificata su Pietro, capo della gerarchia ecclesiastica, e sui suoi successori attraverso i secoli.

Quarto: accolgo sinceramente la dottrina della fede trasmessa a noi dagli apostoli tramite i padri ortodossi, sempre con lo stesso senso e uguale contenuto, e respingo del tutto la fantasiosa eresia dell'evoluzione dei dogmi da un significato all'altro, diverso da quello che prima la Chiesa professava; condanno similmente ogni errore che pretende sostituire il deposito divino, affidato da Cristo alla Chiesa perché lo custodisse fedelmente, con una ipotesi filosofica o una creazione della coscienza che si è andata lentamente formando mediante sforzi umani e continua a perfezionarsi con un progresso indefinito.

Quinto: sono assolutamente convinto e sinceramente dichiaro che la fede non è un cieco sentimento religioso che emerge dall'oscurità del subcosciente per impulso del cuore e inclinazione della volontà moralmente educata, ma un vero assenso dell'intelletto a una verità ricevuta dal di fuori con la predicazione, per il quale, fiduciosi nella sua autorità supremamente verace, noi crediamo tutto quello che il Dio personale, creatore e signore nostro, ha detto, attestato e rivelato.

Mi sottometto anche con il dovuto rispetto e di tutto cuore aderisco a tutte le condanne, dichiarazioni e prescrizioni dell'enciclica Pascendi e del decreto Lamentabili, particolarmente circa la cosiddetta storia dei dogmi.

Riprovo altresì l'errore di chi sostiene che la fede proposta dalla Chiesa può essere contraria alla storia, e che i dogmi cattolici, nel senso che oggi viene loro attribuito, sono inconciliabili con le reali origini della religione cristiana.

Disapprovo pure e respingo l'opinione di chi pensa che l'uomo cristiano più istruito si riveste della doppia personalità del credente e dello storico, come se allo storico fosse lecito difendere tesi che contraddicono alla fede del credente o fissare delle premesse dalle quali si conclude che i dogmi sono falsi o dubbi, purché non siano positivamente negati.

Condanno parimenti quel sistema di giudicare e di interpretare la sacra Scrittura che, disdegnando la tradizione della Chiesa, l'analogia della fede e le norme della Sede apostolica, ricorre al metodo dei razionalisti e con non minore disinvoltura che audacia applica la critica testuale come regola unica e suprema.

Rifiuto inoltre la sentenza di chi ritiene che l'insegnamento di discipline storico-teologiche o chi ne tratta per iscritto deve inizialmente prescindere da ogni idea preconcetta sia sull'origine soprannaturale della tradizione cattolica sia dell'aiuto promesso da Dio per la perenne salvaguardia delle singole verità rivelate, e poi interpretare i testi patristici solo su basi scientifiche, estromettendo ogni autorità religiosa e con la stessa autonomia critica ammessa per l'esame di qualsiasi altro documento profano.

Mi dichiaro infine del tutto estraneo ad ogni errore dei modernisti, secondo cui nella sacra tradizione non c'è niente di divino o peggio ancora lo ammettono ma in senso panteistico, riducendolo ad un evento puro e semplice analogo a quelli ricorrenti nella storia, per cui gli uomini con il proprio impegno, l'abilità e l'ingegno prolungano nelle età posteriori la scuola inaugurata da Cristo e dagli apostoli.

Mantengo pertanto e fino all'ultimo respiro manterrò la fede dei padri nel carisma certo della verità, che è stato, è e sempre sarà nella successione dell'episcopato agli apostoli (1), non perché si assuma quel che sembra migliore e più consono alla cultura propria e particolare di ogni epoca, ma perché la verità assoluta e immutabile predicata in principio dagli apostoli non sia mai creduta in modo diverso né in altro modo intesa (2).

Mi impegno ad osservare tutto questo fedelmente, integralmente e sinceramente e di custodirlo inviolabilmente senza mai discostarmene né nell'insegnamento né in nessun genere di discorsi o di scritti.

Così prometto, così giuro, così mi aiutino Dio e questi santi Vangeli di Dio.

************
Note:

1 Ireneo, Adversus haereses, 4, 26, 2: PG 7, 1053.

2 Tertulliano, De praescriptione haereticorum, 28: PL 2, 40.


Gli chiedi davvero troppo...
l'ineffabile,radi ofonico "don",
confida certo più nella fantomatica "Gospa" bosniaca,
che in Dio...
e,che ne sarebbe poi del suo amato...
"io"?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Robert De Zan 2012-09-24 10:05
MA la figlia bionda era adottata? Ed anche l'altra aveva una carnagione non proprio palestinese.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# arduino 2012-09-24 17:08
Di biondi e di pelle chiara ce ne sono parecchi tra i Palestinesi: sono i discendenti dei crociati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-26 14:34
Citazione arduino:
Di biondi e di pelle chiara ce ne sono parecchi tra i Palestinesi: sono i discendenti dei crociati.


E chi ci si raccapezza più,ormai,
nell'odierno caos etnico e razziale,
entro il quale così ben ci si occulta e mimetizza,per schivar brutte sorprese:

Robinson,Astair e,Allen
ALIAS
Koenigsberg,Aus terlitz,Goldenb erg...

tutti "crucchi",insomma,poveri ni,
costretti,dai duri tempi,a celar,
per prudenza,la lor provenienza,
il claro lor..."DNA"..."NAZI"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# UR 2012-09-25 14:07
Il filone Medjugorie rende a tutti,da Socci a Cammilleri a padre Livio che continuano a sfornare libri,quella che mi stupisce che nella stessa redazione di Effedieffe ci sono persone che si definiscono veri cattolici,seri studiosi di una certa levatura,che cadono come dei principianti e fanno gli elogi a Medjugorie,e con ciò mi riferisco al Dott. Vassallo che ha scritto delle rencensioni favorevolissime a quel trombone mediatico di padre Livio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-25 19:26
Citazione UR:
Il filone Medjugorie rende a tutti,da Socci a Cammilleri a padre Livio che continuano a sfornare libri,quella che mi stupisce che nella stessa redazione di Effedieffe ci sono persone che si definiscono veri cattolici,seri studiosi di una certa levatura,che cadono come dei principianti e fanno gli elogi a Medjugorie,e con ciò mi riferisco al Dott. Vassallo che ha scritto delle rencensioni favorevolissime a quel trombone mediatico di padre Livio.


Scommetto,allor a,che andavano
in visibilio pure per quell'altro "trombone" mediatico,
il defunto "cardinalone" meneghino...
tutti quanti delle assolute nullità,
al cospetto del Nostro Ispirato Auriti,
il solo che ebbe l'immenso coraggio di combatter a viso aperto sia il Diavolo che la Satana...
nel contemporaneo vile,colpevole, vigliacco silenzio
sia di laici e di clerici!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-09-29 11:29
I palestinesi sono semiti, ed i sionisti sono antisemiti, quindi in torto secondo le più moderne leggi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità