>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Qualcuno prenda il timone di questo Paese
Stampa
  Text size
Consiglieri regionali. Abbiamo visto Er Batman-Fiorito difendere i suoi magheggi bancari con forza leonina in tv, poi De Romanis, l’altolocato de noantri, rivendicare l’innocenza bambocciona della sua festa suina. E la Polverini chiedere al consiglio regionale del Lazio una piega qua e un bigodino là; e la Guardia di Finanza fare toc toc alla porta del consiglio regionale della Campania, si salvi chi può, siamo alla sagra del pecorino marcio.

Consiglieri regionali. Abbiamo visto Er Batman-Fiorito difendere i suoi magheggi bancari con forza leonina in tv, poi De Romanis, l’altolocato de noantri, rivendicare l’innocenza bambocciona della sua festa suina. E la Polverini chiedere al consiglio regionale del Lazio una piega qua e un bigodino là; e la Guardia di Finanza fare toc toc alla porta del consiglio regionale della Campania, si salvi chi può, siamo alla sagra del pecorino marcio. Nel frattempo il mondo va avanti e l’Italia, come nel 1992, sta perdendo il treno delle riforme.

Anche allora un governo tecnico ci mise la toppa, ma solo quella. Andava fatto ben altro per non ritrovarsi vent’anni dopo in uno scenario postbellico. I tecnici di allora cercarono di salvare la lira sotto attacco, controllare (si fa per dire) la spesa e avviare un piano di dismissioni delle Partecipazioni Statali che non è servito a niente. I tecnici di oggi sono ancor più nei guai e senza grandi idee: il sistema politico è alla deriva, gli scandali hanno nauseato l’opinione pubblica a tal punto che due italiani su tre sarebbero tentati dal voto di protesta o dall’astensione, la crisi dell’economia reale galoppa, le stime del Pil sono al ribasso e tutto questo costituisce un formidabile carburante per avventurieri, salvatori della Patria in maschera e ciarlatani che vendono pozioni magiche. In questa fiera carnevalesca, Mario Monti ha fatto pesare il suo indiscutibile prestigio internazionale e la sua capacità di relazione con l’establishment. Ma ha sbagliato a non pungolare il suo ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, (il quale ieri s’è beccato la giusta critica di Sergio Marchionne) e ha sottovalutato la spirale recessiva e le difficoltà della miriade di imprese italiane non orientate all’export.

È un esponente della tecnocrazia e non è di certo uno che ha gran fiducia nel popolo. Ma ditemi: che c’è di meglio in campo? Niente. L’Italia ha un bisogno disperato di cambiare passo. Ci provò negli anni ’80 Bettino Craxi a lanciare la Grande Riforma, ma i suoi propositi s’infransero sul muro eretto dai due titani che co-governavano l’Italia: la Dc e il Pci.

Quelli che prendono in esame il ventennio berlusconiano (e anti) commettono un errore, perché l’immobilismo ha una storia più che trentennale e la cosa surreale è che la riforma più significativa approvata in questo lungo intervallo di tempo, è quella del Titolo V della Costituzione, votata dal solo centrosinistra nel 2001, che ha dato più poteri alle Regioni, cioè a quegli enti che sono tra i principali responsabili dello sfibramento dello Stato e della progressione del debito pubblico. Più poteri a Er Batman... pazzesco. La realtà è che le Regioni sono da abolire e l’Italia è dei Comuni. Tra un baccanale e l’altro è ora che qualcuno prenda il timone di questo Paese e lo riporti sulla terra.

Mario Sechi

Fonte >
  Tempo.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# italiano per caso 2012-09-23 00:21
al sig. Mario Sechi ricordiamo che come scrive lui, "questo paese" non dipende più dai nostri politici o dal popolo italico + meticciato che lo abita ... ma è stato ceduto per trenta denari alla germania, ergo.....

ps: le figure quali er batman o i baccanali le escort le ruberie delle caste ecc.... non sono la spia dello sgretolamento della socità, ma il risultato!,di questo crollo ventennale!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sivispacemparabellum 2012-09-23 09:21
Aridatece er puzzone!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-25 19:08
Citazione sivispacemparab ellum:
Aridatece er puzzone!


Troppo mite,troppo tenero,troppo bono...
tant'è vero che alla fine finì appeso!!
Mejo assai...er Baffone!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2012-09-24 10:15
Prima di pensare al timone, si deve pensare alla rotta: dove vogliamo andare?
Essere liberi e sovrani, senza stuoli di militari appartenenti a potenze straniere, sul suolo nazionale a condizionarci?
se sì, bisogna prima liberarsi di tutti i parassiti senza altro ideale che non riempire il portafoglio.
La battaglia che ci saspetta è spirituale e questi porci di politici corrotti, con la loro pletora plaudente per i favori ricevuti, in cambio di altri favori, non può capire di cosa si tratta.
Abolire la camicia di nesso dei trattati di Maastricht e di Lisbona, detestare il debito illegale, allontanarsi dal cadavere maleodorante del capitalismo, stampare moneta locale, nazionalizzare le banche che hanno debito italiano, se necessario autarchia e baratto.
E, soprattutto, mandare a quel paese i cattivi maestri di UK-USraele che, dopo aver fatto danno sul proprio territorio sono venuti a farlo da noi...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-25 20:40
"è ora che qualcuno prenda il timone"...

sì,certo,ma per poi puntar dritto dritto
verso l'Eisberg,e farla finita quanto prima,abbrevian do così l'agonia di questo nostro disgraziato Paese,che certo non merita più di esser salvato,perchè non sarebbe affatto giusto...bensì di esser affondato!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maxim 2012-09-26 12:45
Che manica di buffoni e incompetenti: ci hanno solo rovinati. A CASA e senza soldi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-27 19:18
Citazione maxim:
Che manica di buffoni e incompetenti: ci hanno solo rovinati. A CASA e senza soldi.


...e magari L'ONNIPOTENTE,
volesse,a Lui piacendo,
aggiungervi una..."esse"!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# classe optimist 2012-09-28 12:43
ma questo "paese" ha un timone ?!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-09-28 23:10
Citazione classe optimist:
ma questo "paese" ha un timone ?!


No, certo,non più...però in compenso ci son tanti ma tanti,troppi davvero...
ambiziosi,fasul li,aspiranti...
"timonieri"...SIA VECCHI CHE GIOVANI...
destinati a colar a picco,assieme alla sgangherata "nave" che si illudono di poter governar con le loro chiacchere...
IMPOTENTI-IPOCRITI-IMPOSTORI!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ulisse 2012-09-29 04:28
Non sopporto la Merkel che commenta stizzita ogni dichiarazione non gradita (a lei) dei leader politici italiani (ovviamnete di Berlusconi). So che ci sono le sfere d'influenza , e oggi (ahimé) siamo nella sfera d'influenza "cermanica",ma "est modus in rebus".
L'euro è una moneta disegnata da/per la Germania, e accettata all'epoca, per miopia, da Mitterand/Andreotti. Bisogna pensare a un sistema che monetario (moneta comune, ma non unica) che dia a tutti oneri ed onori.
Infine, questo Monti mi sembra aver finito la benzina, altroché!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# enrico21 2012-10-10 20:57
Il titolo dell' articolo è sbagliato. Il timone in realtà è già, saldamente in mano ai satanisti che comandano in italia e la barca, và spedita nella direzione da loro voluta: l' asservimento totale di un popolo. Non riusciremo mai, a governare la "barca", prendendo il timone, piuttosto di cedercelo, ci uccideranno tutti. L'unica chance che abbiamo è, armarci e organizzarci più di loro. il resto sono solo dei belati, ai quali loro, non prestano più nemmeno ascolto. Nel 1860 diedero il via all' invasione della penisola italica, assoldando un contractor di nome garibaldi, sono sempre gli stessi, sanno come fare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità