>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Torino, famiglia investita sulle strisce, il bimbo morì: ragazzino rubò loro l'iPhone
Stampa
  Text size
Il padre del piccolo ladro lo scoprì e gli consigliò di cambiare la sim: condannato a tre mesi, rieducazione per il ragazzo

Un ragazzino di 13 anni ruba un iPhone sul luogo di un terribile incidente stradale in cui un bambino di sette anni moriva. È accaduto a Torino. Il padre del tredicenne ha patteggiato tre mesi di pena per ricettazione mentre per il figlio la procura dei minori ha predisposto un intervento educativo.

Bambino di otto anni ucciso da auto pirata Bambino di otto anni ucciso da auto pirat Bambino di otto anni ucciso da auto pirata Bambino di otto anni ucciso da auto pirata Bambino di otto anni ucciso da auto pirata Bambino di otto anni ucciso da auto pirata

LA VICENDA - L'iPhone era caduto a Calogero Sgrò il 4 dicembre 2011 quando fu investito mentre attraversava sulle strisce pedonali con la moglie e il figlio Alessandro di sette anni, che morì. A travolgerli un'auto-pirata con due tossicodipendenti a bordo. I due conducenti furono condannati a 11 anni, ma le indagini proseguirono grazie alla segnalazione di un'insegnante che sentendo alcuni allievi chiacchierare aveva scoperto l'inquietante episodio. La polizia municipale di Torino, coordinata dal pm Gabriella Viglione, accertò così che pochi minuti dopo l'incidente un gruppetto di ragazzi tra i 13 e i 14 anni aveva portato via il telefonino rimasto sulla strada. In particolare uno di loro portandolo a casa non fu rimproverato dal padre, che gli consiglio semplicemente di buttare via la scheda sim per poterlo riutilizzare.

Fonte >  Corriere.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Wotan 2012-10-03 10:00
"Il padre del tredicenne ha patteggiato tre mesi di pena per ricettazione mentre per il figlio la procura dei minori ha predisposto un intervento educativo".

L'unico intervento veramente rieducativo sarebbe una rata di cari, vecchi, mai obsoleti, efficaci schiaffoni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NUMA 2012-10-03 10:30
Più dell'articolo sono curioso di leggere i commenti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2012-10-03 10:48
Selvaggi... con telefonino
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-10-03 11:31
Talis patris, talis filius. Chi è il vero colpevole? La scuola, la società, i media, coloro che hanno ridotto l'essere umano a un sacco vuoto dipendente dagli oggetti?
O piuttosto la famiglia, che dovrebbe essere il primo nucleo della società e comunicare quei valori indispensabili per un vivere degno di quel nome, e in questo coadiuvata dalla Chiesa.

Titolo dell'articolo: "Ritratto di un fallimento globale".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Micheluzzo 2012-10-03 18:34
Orrore!!! Solo 3 mesi, sicuramente pena sospesa e tramutata in una ridicola multa: ma ormai il danno è fatto, l'infame genitore si è riprodotto e il figliolo in futuro sarà certamente capace di altre aberrazioni gratuite. Io gli toglierei la patria potestà...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NUMA 2012-10-04 18:21
Secondo me il padre del ragazzino ucciso che attrversava le strisce pedonali, con la testa tra le nuvole,parlando al telefonino e non preoccupandosi del figlio, non ha le stesse attenuanti di incoscienza che possono aver avuto i due tossici alla guida.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Em 2012-10-04 20:39
La nuova generazione (quella nata dal 1985 in poi ossia da genitori 68ini) è cresciuta nella più assoluta assenza di regole, modelli educativi e formazione religiosa.
Le conseguenze? Queste che abbiamo appena letto oppure intere vie di città trasformate in pub e parchi giochi per adolescenti insonni, aggressivi e irrequieti.
Chissà come sarà il 2030 quando questi adolescenti saranno adulti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-10-05 16:08
Qui dalle mie parti fu il titolare di una ditta di soccorso stradale che non si fece scrupolo di sottrarre il telefonino ad un automobilista morto in un incidente stradale. In passato ricordo un passante colto da malore (notizia letta sul giornale) e morto per la strada. Invece di soccorrerlo ci fu chi gli portò via il portafogli. Ho paura che sotto il sole non ci sia niente di nuovo. Basta poi andarsi a riguardare il film "I Mostri" di parecchi decenni fa per scoprire quanto sia vero quanto dico. Profetico o attuale?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# classe optimist 2012-10-05 20:29
penso sia utile per riflettere.....
sulla "rindondanza tecnologica"

da vedere tutto!

http://www.youtube.com/watch?v=oRJFyHRasOU
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità