>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Discorso integrale di Ahmadinejad all'ONU
Stampa
  Text size
E’ l’ottavo discorso di Mahmoud Ahmadinejad all’Onu, il più bello, il più emozionante, il più completo. Il presidente dell’Iran non tralascia un solo problema del mondo senza averne parlato; parla di tutto quello che non va, in tutto il mondo ed in questo senso il suo discorso è realmente qualcosa di unico. Ecco la traduzione della versione integrale del suo discorso, un’esclusiva di Radio Italia IRIB.

La terra d’Iran

“Io vengo dall’Iran, dalla terra della bellezza e dell’imponenza, dalla terra della scienza e della cultura, la terra della saggezza e delle virtù, dalla culla della filosofia e dello gnosticismo, dalla patria del sole e della luce, la terra degli scienziati, dei saggi, dei filosofi, degli gnostici, dei letterati, la terra di Avicenna, Ferdowsi, Rumi, Hafez, Attar, Khayyam e Shahriar; sono quì in veste di rappresentante di un popolo grande e dignitoso, tra i fondatori della cultura umana e tra gli eredi di essa; sono il rappresentante di gente saggia, innamorata della libertà e della pace, affettuosa, che ha assaggiato il sapore amaro delle guerre e delle aggressioni e che ama la pace e la serenità.

Il messaggio dell’Iran

Oggi sono quì con voi fratelli e sorelle provenienti da tutto il mondo per parlare per l’ottava volta in otto anni di servizio al popolo del mio paese, e dimostrare al mondo intero che il dignitoso popolo dell’Iran, proprio come il suo passato splendente, ha ancora oggi un pensiero rivolto a tutto il mondo e non rinuncerà a qualsiasi sforzo per lo sviluppo ed il rafforzamento della pace, della sicurezza e della stabilità nel mondo; e l’Iran sa che questo non sarà possibile se non con la cooperazione e l’aiuto degli altri.

Sono quì per riferire a voi rispettabili presenti il messaggio divino degli uomini e delle donne del mio paese. Un messaggio che il maestro dell’orazione della terra d’Iran, Saadi di Shiraz, ha reso immortale in questi due versi:

I figli di Adamo sono uno parte dell’altro, dato che sono creati da un unico gioiello quando la vita reca male ad una di queste parti, le altre parti perdono la propria quiete.

Nei sette anni precedenti ho parlato delle sfide e delle soluzioni e dell’orizzonte dinanzi al mondo ed oggi voglio osservare questo argomento da un’altra angolatura. Passano migliaia di anni dalla diffusione sulla terra dei figli di Adamo, figli che con colori, gusti, lingue e tradizioni differenti hanno tutti sognato la costruzione di una società piena di amore, per raggiungere una vita più bella e stabilire il benessere, la pace e la sicurezza.

Come sarebbe il mondo se…

Nonostante lo zelo incessante dei buoni e dei grandi riformatori e degli amanti della giustizia e nonostante i tanti sacrifici delle masse popolari per raggiungere la felicità e la vittoria, tranne delle piccole eccezioni, la storia dell’umanità è stata piena di sconfitte e fatti amari.

Immaginatevi cosa sarebbe successo se gli egoismi, le mancanze di fiducia, le dittature, non ci fossero state e se nessuno avesse usurpato i diritti altrui? Se invece della ricchezza e del consumo, il rispetto ad una persona dipendesse dalle sue virtù? Se l’uomo non avesse attraversato il periodo nero del medioevo, se i potenti non avessero impedito il progresso in quel periodo? Se non ci fossero state le crociate, ed il periodo dello schiavismo, ed il colonialismo? Se non ci fossero stati i due conflitti mondiali e le guerre in Corea e Vietnam e non ci fossero state le guerre che ci sono state in Africa, America Latina e nei Balcani? 

Se invece dell’occupazione della Palestina e l’imposizione di un falso regime ad essa e la costrinzione di migliaia di persone a lasciare le proprie case si fosse fatto dell’altro? Se non ci fosse stata la guerra di Saddam contro l’Iran ed i potenti di quel tempo invece del sostegno a Saddam avessero sostenuto i diritti del popolo iraniano? Se non si fosse verificato l’amaro fatto dell’11 Settembre e se non ci fossero state le aggressioni contro Iraq ed Afghanistan e se invece di gettare a mare il corpo di un imputato ucciso senza processo si avesse deciso di processarlo in modo che la verità venisse a galla? Se non si fosse usato il terrorismo e l’estremismo per portare avanti politiche espansioniste? Se le armi si fossero trasformate in penne per scrivere e se i budget militari fossero stati usati per il benessere e l’amicizia tra i popoli? 

Se non si scatenasse in continuazione il tam tam delle divergenze etniche, religiose e razziali e se queste divergenze non venissero usate per raggiungere scopi politici ed economici? Se invece del finto sostegno alla libertà di espressione quando si tratta di offendere le sacralità umane ed i messaggeri divini - che sono gli uomini più puri ed affettuosi e sono i più grandi doni di Dio all’umanità - si permettesse la critica alle politiche di dominio ed alle azioni del sionismo internazionale? Se le agenzie di stampa mondiali potessero diffondere liberamente le verità? Se il Consiglio di Sicurezza non fosse sotto il dominio di pochi paesi e se l’Onu fosse in grado di agire in maniera veramente indipendente? Se gli istituti economici mondiali non fossero sotto pressione e riuscissero ad esprimersi veramente sulla base delle indicazioni dei propri esperti? Se i capitalisti mondiali non sacrificassero l’economia dei paesi deboli per i propri interessi? Se questa gente non sacrificasse la gente per rimediare ai propri errori? Se a dominare le relazioni internazionali fosse stata la sincerità e tutti i popoli e governi avessero potuto partecipare alla gestione del mondo in maniera giusta e con eguaglianza? E se non ci fossero decine di altre situazioni inconvenienti per l’umanità, immaginatevi che bella vita avremmo oggi e che bella storia avrebbe l’essere umano.

Ma ora bisogna dare pure uno sguardo alla situazione odierna del mondo.

La situazione del mondo di oggi

  • a)   Situazione economica La povertà ed il divario tra ricchi e poveri aumentano. Il debito estero dei 18 paesi maggiormente industrializzati del mondo ha oltrepassato i 60 mila miliardi di dollari e pensare che solo la retribuzione della metà di questo debito agli altri popoli risolverebbe per sempre il problema della povertà nel mondo. L’economia basata sul consumismo ha portato solo alla schiavitù dei popoli a favore di un gruppo limitato. La creazione di asset di carta, facendo leva sulla potenza e sul dominio sui centri economici mondiali, è la più grande frode della storia ed uno degli elementi che ha originato la crisi economica mondiale. Un rapporto dimostra che un solo governo ha creato 32 mila miliardi di dollari di averi ‘di carta’. La programmazione dello sviluppo sulla base del capitalismo, conduce in un vicolo cieco, e crea competizione distruttiva che in pratica ha dimostrato di essere fallimentare.

  • b)   Situazione culturale Le virtù morali come la lealtà, la purezza, la sincerità, l’affetto, l’altruismo dal punto di vista dei politici che dominano i centri di potere del mondo, sono tutti concetti superati ed un ostacolo al raggiungimento dei loro obbiettivi. Si dice ufficialmente che la politica e la società non c’entra con la moralità e l’etica. Le culture originali e preziose che sono l’esito di secoli di sforzi e sono il punto d’incontro dell’amicizia degli uomini e dei popoli e sono motivo di varietà e di ricchezza culturale e sociale sono minacciate ed in via di estinzione. Con l’umiliazione e la distruzione sistematica delle identità culturali si propina alla gente un tipo di vita senza identità personale e socialeLa famiglia, che è il più prezioso centro per l’educazione degli uomini ed è il nucleo della creazione e della diffusione dell’amore e dell’umanità è stata indebolita a dismisura ed il suo ruolo costruttivo sta per essere distrutto. La personalità ed il ruolo centrale della donna, che è un essere celestiale ed il simbolo della bellezza e dell’affetto di Dio e la colonna della stabilità della società, è stata strumentalizzata e danneggiata da ricchi e potenti. Lo spirito umano è triste e la vera essenza dell’uomo è stata annichilita ed umiliata.

  • c)    Situazione di politica e sicurezza L’unilateralismo ed i doppi standard,  l’imposizione delle guerre e della mancanza di sicurezza e dell’occupazione per soddisfare interessi economici o esigenze di dominio, è divenuta pratica abituale. La corsa alle armi e la minaccia con le armi atomiche e le armi di distruzione di massa attraverso le grandi potenze è diventato una pratica abituale. La sperimentazione di armi sempre più devastanti, super moderne e il minacciare gli altri dicendo che si possiedono queste armi e la promessa dell’uso di queste al momento opportuno, ha dato vita ad una nuova forma di espressione al livello politico che serve a terrorizzare i popoli e sottometterli. Minacciare di una aggressione militare ai danni del grande popolo dell’Iran, ad opera dei sionisti senza cultura, è un esempio palese di quest’amara verità. La mancanza di fiducia domina le relazioni internazionali e non vi è un punto di riferimento realmente giusto ed equo a cui poter fare riferimento per risolvere le contese. Persino coloro che hanno migliaia di bombe atomiche e tutta una gamma di armi spaventose, non si sentono al sicuro.

  • d)   Situazione ambientale L’ambiente è la ricchezza comune di tutti noi ed appartiene a tutta l’umanità ed è la garanzia per il proseguimento della vita umana; ma per via delle ambizioni e delle scorrerie di un gruppo di sprovveduti e irresponsabili, per lo più capitalisti, sta subendo i peggiori danni e come esito, la siccità, le inondazioni, i sismi ed i diversi tipi di inquinamento, stanno mettendo in pericolo la stessa sopravvivenza umana.

Lo scontento è generale

Amici!

Come osservate nonostante il progresso raggiunto, i figli di Adamo non hanno ancora realizzato i loro sogni.

C’è qualcuno tra di voi che pensi che l’attuale ordine mondiale possa regalare la felicità alla società umana?

Tutti sono insoddisfatti delle condizioni attuali e del sistema dominante a livello internazionale e per di più non hanno nemmeno tante speranze nel futuro.

Di chi è la colpa?

Cari colleghi!

Gli uomini non si meritano una situazione del genere e Dio, il Buono, il Saggio, ama tutti gli uomini e non ha certo voluto per noi una condizione simile. Egli ha chiesto all’uomo, che è il migliore delle sue creature, di vivere sulla terra nel migliore dei modi e con bellezza, giustizia, amore e dignità. Ed allora pensiamoci.

Sinceramente, chi è responsabile della situazione attuale?

Alcuni cercano di definire ‘naturale’ questa situazione ed addirittura definirla volere di Dio e per giunta puntano il dito contro la gente, contro i popoli e presentano loro come i responsabili.

Dicono:

“Sono i popoli che accettano l’ineguaglianza e l’ingiustizia. Sono i popoli che sono disposti a farsi sottomettere dalle dittature e dall’avidità di alcuni. Sono i popoli che si arrendono al volere ‘imperiale’ e di dominio di alcuni. Sono i popoli che si fanno ingannare dalla propaganda di gruppi di potere e quindi alla fine, ciò che capita di male alla comunità internazionale è l’esito dell’operato dei popoli”.

Questo è il ragionamento di coloro che addossano la colpa ai popoli per giustificare le azioni odiose e distruttive di una cricca che domina il mondo.

Anche se queste pretese fossero state verità, non avrebbero giustificato lo stesso la permanenza di un sistema ingiusto al livello internazionale.

Ecco come sono fatti veramente i popoli

Tutti si ricordino che la verità è che la povertà e la debolezza viene imposta ai popoli e che le ambizioni e la brama di ricchezza dei dominatori del mondo vengono esauditi a scapito dei popoli, con l’inganno ed alle volte con la forza delle armi.

Loro per giustificare le loro azioni anti-umane usano la teoria della sopravvivenza del più forte e parlano della ‘razza superiore’.

Ciò mentre la maggior parte delle persone in tutto il mondo aspira alla giustizia ed è sempre pronta ad accettare la giustizia ed insegue assolutamente la dignità, il benessere, l’amore.

Le masse popolari non hanno mai desiderato fare conquiste ed ottenere con la guerra ricchezze mitiche. I popoli non hanno divergenze, non hanno avuto nessuna colpa nei fatti amari della storia, sono stati solo ‘le vittime’.

Io non credo che le masse musulmane, cristiane, ebraiche, induiste, buddiste ed ecc… abbiano dei problemi fra di loro. Loro si amano facilmente, vivono in una atmosfera di amicizia, e vogliono tutti purezza giustizia ed affetto.

In generale le richieste dei popoli sono sempre state positive e l’aspetto comune tra di loro, è la loro propensione per istinto verso la bellezza e le virtù divine ed i valori umani.

È giusto dire quindi che la responsabilità dei fatti amari della storia e delle condizioni inconvenienti di oggi, è della gestione del mondo e dei potenti del mondo che hanno venduto l’anima a Satana.

L’ordine mondiale di oggi è un ordine che ha le sue radici nel pensiero anti-umano dello schiavismo, nel colonialismo vecchio e nuovo, ed è responsabile della povertà, della corruzione, dell’ignoranza, dell’ingiustizia e della discriminazione diffusa in tutte le parti del mondo.

L’ordine mondiale attuale

La gestione attuale del mondo ha delle caratteristiche ed io ne voglio citare qualcuna.

Primo: è basata sul pensiero materiale e per questo non sente il dovere di rispettare i principi morali.

Secondo: è basato sull'egoismo, l'inganno e l'odio.

Terzo: effettua una classificazione degli uomini, umilia certi popoli, usurpa i diritti di altri ed è basata sul dominio.

Quarto: è alla ricerca della diffusione del dominio attraverso l'intensificazione delle divisioni e delle divergenze tra i popoli e le nazioni.

Quinto: cerca di concentrare nelle mani di pochi paesi il potere, la ricchezza, la scienza e la tecnologia umana.

Sesto: l'organizzazione politica dei centri principali del potere mondiale, è basata sul dominio e sulla forza che un paese ha e che è superiore a quella di altri paesi. Gli enti internazionali pertanto sono centri per acquisire potere, ma non per creare pace e servire tutti i popoli.

Settimo: il sistema che domina il mondo è discriminatorio e basato sull'ingiustizia.

Cenno alle elezioni negli Stati Uniti ed al movimento del 99%

-         E voi, credete che solo per servire l'umanità, un gruppo sia disposto a spendere centinaia di milioni di dollari per la campagna elettorale?

-         Anche se ci sono grandi partiti nei paesi maggiormente industrializzati, in questi paesi spendere nella campagna di un candidato è diventata un investimento.

-         In questi paesi la gente è costretta a scegliere i partiti; ma ciò mentre una parte minimale della gente ha il tesserino dei partiti ed è membro di essi.

-         La volontà della gente, negli Stati Uniti ed in Europa, ha una minima influenza sulle politiche interne ed estere e la gente non sa dove sbattere la testa; anche se la gente forma il 99% della sua società, non può partecipare alla gestione del paese.

-         I valori umani e morali vengono sacrificati sull'altare delle elezioni e si fanno solo promesse alla gente per strappare il voto.

Come deve essere il nuovo ordine mondiale?

Amici e colleghi cari!

Cosa bisogna fare? Qual'è la soluzione? Non c'è dubbio che il mondo ha bisogno di nuovo pensiero e nuovo ordine. Un ordine in cui:

1-   L'uomo venga riconsiderato la più eccelsa creatura divina e ad esso venga riconosciuto il diritto di avere una vita caratterizzata da aspetti sia materiali che morali e venga riconosciuto il valore elevato della sua anima e venga riconosciuta legittima la sua propensione istintiva alla giustizia ed alla verità.

2-   Invece dell'umiliazione e della classificazione degli uomini e delle nazioni, si pensi alla rinascita della dignità e del carattere sacro dell'uomo.

3-   Si cerchi di creare, in tutto il mondo, pace, sicurezza stabile e benessere.

4-   La nuova struttura venga costruita sulla base della fiducia e dell'amore tra gli uomini, si cerchi di avvicinare i cuori, le menti, le mani ed i governanti imparino ad amare la gente.

5-   Venga applicato un unico standard nelle leggi e tutti i popoli vengano presi in considerazione alla pari.

6-   Coloro che gestiscono il mondo si sentano al servizio della gente e non superiori alla gente.

7-   La gestione venga considerato un incarico sacro affidato dalla gente alle persone e non una opportunità per arricchirsi.

Come si realizza il nuovo ordine?

Signor Segretario, Signore e Signori!

-         Un ordine del genere può realizzarsi senza la cooperazione di tutti alla gestione del mondo?

-         È chiaro che queste speranze avranno una probabilità per avverarsi solo quando tutte le nazioni inizieranno a pensare in dimensione internazionale e saranno seriamente decise a partecipare all'amministrazione del mondo.

-         Con l'aumento del livello di consapevolezza, ci sarà sempre una maggiore richiesta per una nuova gestione del mondo.

-         Questa è l'era dei popoli e la loro volontà sarà determinante per il domani del mondo.

Pertanto è degno un impegno collettivo in queste direzioni:

1)   Fare affidamento al Signore ed opporsi con tutta la forza alle ambizioni ed a coloro che vogliono più di quanto spetta loro per isolarli ed indurli a rinunciare al vizio di voler decidere al posto dei popoli.

2)   Credere nell'aiuto divino e cercare di compattare ed avvicinare le comunità umane. I popoli ed i governi eletti dai popoli devono credere fermamente nelle proprie capacità e devono avere la forza per lottare contro il sistema ingiusto vigente e difendere i diritti umani.

3)   Insistere nell'applicazione della giustizia in tutte le relazioni e rafforzare l'unità e l'amicizia, ampliare le relazioni culturali, sociali, economiche e politiche nell'ambito delle ong e delle organizzazione specializzate, in modo da preparare il terreno fertile per l'amministrazione collettiva del mondo.

4)   Riformare la struttura dell'Onu sulla base degli interessi di tutti ed il bene del mondo intero. Bisogna ricordare che l'Onu appartiene a tutti i popoli e per questo discriminare i membri è una grande offesa alle nazioni. L'esistenza di differenze, vantaggi, diritti e privilegi non può essere accettabile, in nessuna forma ed in nessuna misura.

5)   Cercare di produrre leggi e strutture basate sempre più sulla letteratura dell'amore, della giustizia e della libertà. L'amministrazione collettiva del mondo è una garanzia per la pace stabile. Il Movimento dei Non Allineati, il più grande ente internazionale dopo l'Assemblea Generale dell'Onu, comprendendo l'importanza di questo argomento e con una profonda comprensione del ruolo svolto dalla cattiva gestione del mondo nei problemi di oggi, ha dedicato il suo 16esimo summit, a Teheran, alla "amministrazione collettiva mondiale". In questo summit alla quale hanno partecipato attivamente i rispettabili rappresentanti di oltre 120 paesi, è stata ribadita l'importanza della partecipazione seria dei popoli nell'amministrazione mondiale.

Siamo giunti al punto di svolta della storia

-         Fortunatamente siamo ormai giunti al punto di svolta della storia. Da una parte il sistema marxista non ha più posto nel mondo e di fatto è stato cancellato dalla scienza amministrativa e dall'altra parte anche il sistema capitalista è impantanato in una palude che ha creato con le sue stesse mani e non ha nemmeno una via d'uscita; non ha soluzioni per i problemi economici, politici, di sicurezza e culturali del mondo e pertanto è in un vicolo cieco sotto il profilo amministrativo. Il Nam ha l'onore di dichiarare ancora una volta che la sua storica decisione, e cioè quella di negare i poli del potere e le loro dottrine, è stata esatta.

-         Oggi, il qui presente, come rappresentante del Movimento dei Non Allineati, invita tutte le nazioni del mondo a svolgere un ruolo più attivo nella gestione del mondo e ad impegnarsi affinché ciò si possa avverare. La necessità di superare gli ostacoli che si presentano dinanzi a questa prospettiva si sente più che mai.

-         L'Onu, oggi, ha perso la sua efficienza e di questo andamento, presto nessuno crederà più negli enti internazionali per difendere i diritti dei popoli. Questo sarebbe un danno gravissimo per il nostro mondo.

-         Le Nazioni Unite sono state fondate con l'obbiettivo di creare giustizia e tutelare i diritti di tutti. Ma questa stessa organizzazione oggi è affetta da discriminazione ed è diventata uno strumento, per pochi paesi, per imporre la loro ingiustizia a tutto il mondo. Il diritto di veto e la concentrazione del potere nel Consiglio di Sicurezza, impedisce di fatto che i diritti dei popoli vengano difesi realmente.

-         La necessità di riformare la struttura è un argomento importante di cui hanno parlato moltissimo i rappresentanti di diversi paesi, ma finora nessuna modifica è stata apportata.

-         Quì pertanto, chiedo ai membri dell'Assemblea Generale ed al Segretario ed ai suoi colleghi di seguire con serietà l'argomento delle riforme e ideare una prassi adeguata per l'attuazione di queste. In quest'ambito, il movimento dei Non Allineati sarà disposto a dare il proprio aiuto e supporto.

…Lui verrà

Signor Segretario, amici e colleghi cari!

-         Far dominare la pace e la stabilità sulla terra e creare una vita felice per gli esseri umani, è una missione grande e storica, ma possibile. Dio, il Benevole, non ci ha lasciati soli in questa missione ed ha affermato che quel giorno, in cui l'uomo raggiungerà la perfezione, arriverà di sicuro, perché se non arrivasse ciò sarebbe in contrasto con la Saggezza divina.

-         Dio ha promesso l'arrivo in terra di un uomo fatto di amore, che ama la gente, che porterà la giustizia, e che si chiamerà Mahdi (che Dio affretti la sua venuta/ndr) e che verrà accompagnato da Gesù (la pace sia con lui) e da altri grandi riformatori che usando le capacità degli uomini e delle donne di questa terra e di tutti i popoli: ripeto usando le capacità degli uomini e delle donne di tutti i popoli, guiderà la società umana nel raggiungimento della felicità.

-         L'arrivo del Salvatore sarà una nuova nascita, una nuova vita. Sarà l'inizio della vera vita e della pace e della sicurezza duratura.

-          Il suo arrivo sarà la fine dell'ingiustizia, del male, della povertà, della discriminazione e l'inizio del bene, della giustizia, dell'amore, della fratellanza.

-         Lui verrà per dare inizio al periodo di vero progresso e di gioia dell'uomo.

-         Lui verrà per cancellare gli ostacoli dell'ignoranza e delle superstizioni e per aprire le porte della scienza e della conoscenza, creando un mondo pieno di sapere, nella quale tutti partecipano alla gestione del mondo.

-         Lui verrà per regalare a tutti gli uomini l'affetto, la speranza, la dignità.

-         Lui verrà affinché tutti gli uomini assaggino il sapore dolce dell'essere umani e del vivere insieme agli altri.

-         Lui verrà perché le mani si stringano col calore ed i cuori siano pieni di amore e le menti piene di pensieri puri, tutto al servizio della sicurezza, del benessere e della felicità umana.

-         Lui verrà affinché tutti i figli neri, bianchi, rossi e gialli di Adamo tornino a vivere insieme in una casa dopo un lungo e buio periodo di lontananza.

-         L'arrivo del Salvatore, di Gesù e dei loro compagni non sarà accompagnato dalla guerra, ma si realizzerà attraverso la presa di coscienza dei popoli, con la diffusione dell'amore, e loro determineranno il futuro eternamente felice dell'umanità con il sole della scienza e della libertà e ciò risveglierà dall'inverno il corpo gelato del nostro mondo. Lui regalerà la Primavera all'umanità. Lui è la Primavera stessa e con il suo arrivo l'inverno dell'esistenza umana, incatenato dall'ignoranza, la povertà e la guerra, rinascerà facendo fiorire l'imponenza dell'uomo.

-         Sin da ora si può sentire nell'aria il buon profumo della Primavera. Un Primavera che è iniziata e non appartiene a nessuna razza, popolo o zona particolare e che presto investirà tutte le terre, l'Asia, l'Europa, l'Africa e le Americhe.

-         Lui è la Primavera di tutti coloro che vogliono la giustizia, la libertà e che credono nei profeti del Signore. Lui è la Primavera dell'uomo e lo sfarzo di tutti i tempi.

Venite tutti ad aiutare e ad agevolare la sua venuta.

Che sia lodata la Primavera, che sia lodata la Primavera ed ancora, che sia lodata la Primavera!

Fonte >  Radio Italia IRIB

Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# temponauta 2012-10-03 10:35
Tutto molto corretto e condivisibile, tranne la parte finale con il richiamo agli avengers dai superpoteri amorevoli.
Nessuno scenderà mai dal cielo per "salvarci", ma solo per unirsi a noi quando avremo raggiunto un adeguato grado di perfezione (spirituale, si intende, non tecnologica).
Deve essere l'uomo, con le capacità di cui è stato dotato dal creatore, a combattere il male, distruggerlo e consegnarlo alla damnatio memoriae eterna.
In tremila anni di storia questo male (assoluto) è stato combattuto più volte, ma in modo inefficace, ed è sempre ricresciuto come una graminia inarrestabile.
Questo male si chiama PLUTOCRAZIA e ha negli ebrei il suo migliore esercito di sudditi-credenti.
Oggi è giunto il momento di mettere la parola fine (damnatio memoriae) ed entrare così da uomini liberi ed evoluti nel nuovo millennio.
Ci dobbiamo salvare da soli, non attendere per millenni un salvatore: è questo l'inganno più mortifero in cui ci ha ingabbiato la plutocrazia giudaica.
Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-03 12:56
Non è affatto..."Primavera"...
magari già lo fosse,
e,purtroppo,si illude e ci illude,
il barbuto Persiano...

anzi,tutt'altro,è proprio il contrario:

in geometrica opposizione di fase,
è,or ora,appena iniziato..."Autunno"...
preludio al fatale,proximo venturo...
"Inverno"..."INFERNO"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-10-03 18:02
Ahmadinejad: "La personalità ed il ruolo centrale della donna, che è un essere celestiale ed il simbolo della bellezza e dell’affetto di Dio e la colonna della stabilità della società, è stata strumentalizzat a e danneggiata da ricchi e potenti"
------------

Sarà per questo che in Iran le donne devono portare il velo per legge, e in caso di separazione dal marito devono semplicemente lasciare la casa, che va automaticamente all'uomo assieme ai figli ?

Beninteso, tutto ciò E' GIUSTO e concordo con quelle leggi iraniane, ma non sarà certo una leccatina di culo che suona falsa lontana un miglio come quella di definire le femmine occidentali "vittime" o definire le femmine "celestiali" (ma Ahmadinejad è musulmano o pagano ? e i maschi, sono anche loro celestiali, o servono sono da muli da soma per le femmine ?) a tener buone le femministe iraniane come Shrin Ebadi.

Ahmadinejad: "la colonna della stabilità della società"

No. La colonna della stabilità sociale è rappresentata dagli uomini, quando questi decidono di dare una socializzazione di tipo patriarcale alle donne e quindi dar loro un ruolo altamente artificiale e quindi prezioso e "fragile" da mantenere, che è quello della donna "angelo del focolare" che fa la buona moglie e la buona madre di famiglia.

Ma essendo questo ruolo ARTIFICIALE (ci son voluti uomini cazzuti nel corso della storia per imporlo con la forza alle donne), appena gli uomini smettono di ritenerlo "utile" o "retrogrado" (come pensano ancora molti sessantottini, anche di "destra"), salta ogni tipo di controllo sociale sulla femmina e questa si trasforma nelle bestie matriarcali che si vedono negli USA (nei ghetti, anche bianchi), femmine inadeguate a crescere figli e che preferiscono la loro "indipendenza" pur di vivere nella miseria e non permettere ad un uomo di fare il padre di famiglia. Un circolo vizioso che si ripete poi di continuo dato che i figli allevati da queste "madri single" poi si sono degli autentici relitti umani per la gran parte dei casi.

Comunque, basta leggersi ogni giorno PressTv per accorgersi che gli iraniani sono già stati conquistati culturalmente dal "satanico occidente". E' solo questione di tempo, e quando femministe come Shrin Ebadi riusciranno a riformare le leggi sulla famiglia e sul velo, la società iraniana in pochi decenni si trasformerà nella brutta copia delle società occidentali. E ovviamente, quando ciò avverrà, ci saranno i soliti ottusi che di tutto ciò daranno la colpa al "patriarcato", quando invece era proprio il patriarcato che manteneva la società stabile e funzionante.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2012-10-04 11:39
E se anche la donna fosse una delle arcate del ponte? Senza l'altra, l'una crolla...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giuseppe1 2012-10-03 18:24
Se vi sembra bello, emozionante e completo aspettare il Mahdi, chiaramente distinto da Gesù e a questo punto unico vero Salvatore, fate voi. A me costui preconizzato sembra l'altra faccia dell'Anticristo e chi ne parla il suo (confuso) profeta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2012-10-04 11:40
Il Mahdi e Gesù, nella tradizione islamica, a seconda delle interpretazioni , coincidano. Ovviamente, non per il wahabismo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# atlaservice 2012-10-07 12:55
dissento, l' uomo di cui si tratta si chiamerà Muhammad figlio di Abdallah e Amina, verrà dalla terra di Yemen e sarà un forte guerriero contro gli ebrei e i loro alleati e condurrà i Musulmani alla vittoria militare intesa come liberazione delle terre Islamiche occupate; questo è prelude della fine dei tempi, infatti coincide con il ritorno del Messia Figlio di Maria che gli dirà in un' occasione: guida tu l' orazione che conosci il Corano meglio di me. Su questo concordano sia sciiti che sunniti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-04 14:00
Citazione Giuseppe1:
Se vi sembra bello, emozionante e completo aspettare il Mahdi, chiaramente distinto da Gesù e a questo punto unico vero Salvatore, fate voi. A me costui preconizzato sembra l'altra faccia dell'Anticristo e chi ne parla il suo (confuso) profeta.


..."SARA'...VERRA'...FARA'"...

sì,come no,magari fosse vero!
Però,tutti questi verbi,
coniugati sempre al..."futuro"...
assai comodi a chi,intanto,si sta pappando beatamente il..."presente"...
somigliano stranamente al magico...
"PAGHERO'"...del nostro mitico...TOTO'!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CESCO 2012-10-04 00:05
Sembra Berlusconi quando parlava del partito dell'amore
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-04 12:31
Citazione CESCO:
Sembra Berlusconi quando parlava del partito dell'amore


Sì,certo...bisogna sempre diffidare di chi,laico oppur chierico,tanto non fa ormai più la menoma differenza,ha sempre in bocca i magici,untuosi, melliflui paroloni..."GANDHIANI"...quali...

"AMORE"..."PACE"...ET SIMILA...

tramite i quali cerca di addormentar e rabbonir le altrui "cretine" coscienze,
al sol ultimo fine di mantener e perpetuar il presente ingiusto stato di cose,quello che gli fa sì tanto comodo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2012-10-25 16:18
Credo, visto che l'Iran (o, se vogliamo, Persia) sono 400 anni che non muove guerra a nessuno (si difende solo dagli attacchi), che, almeno riferendosi al termine "Pace" non si possa tacciare nè di ipocrisia nè di falso ideologico. Non mi pare che si possa dire altrettanto di paesi che predicano la "distruzione" dell'Iran, come ad esempio gli USA che nella loro breve esistenza (rispetto all'antico impero persiano) hanno lanciato circa 250 attacchi senza essere provocati, pur spacciandosi per una nazione pacifica, il "poliziotto del mondo".
Se ci fosse un tale poliziotto per le nostre strade, a parte i cadaveri che lascerebbe dovunque, ben presto la legge dovrebbe togliergli il grado e l'arma, oltre a processarlo per direttissima per poi sbatterlo in galera...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# colzani 2012-10-04 14:22
Yuma in Iran "per legge" nessuno deve portare il velo e se guarda PressTv dovrebbe essersi accorto della inesattezza che ha espresso. Sulla occidentalizzaz ione dell'Iran direi: che male c'è se quattro ragazzi si destreggiano su toni hip hop o se le loro compagne indossano le minigonne? E' così che si manifesta Satana?
cordialmente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# eLahi 2012-10-05 00:24
Discorso veramente bello e commuovente, MA LO E'ANCHE IL PREAMBOLO! Alcuni di coloro che invece nei commenti lo hanno criticato nonostante fosse un discorso portatore di pace, hanno taciuto per il discorso provocatorio e mendace di Netanyahu...sarà mica vero che chi tace, acconsente?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-05 11:58
Citazione eLahi:
Discorso veramente bello e commuovente, MA LO E'ANCHE IL PREAMBOLO! Alcuni di coloro che invece nei commenti lo hanno criticato nonostante fosse un discorso portatore di pace, hanno taciuto per il discorso provocatorio e mendace di Netanyahu...sarà mica vero che chi tace, acconsente?



Bando agli equivoci...
AMBO le parti in..."TRAGI.COMMEDIA"...
fanno solo delle vane chiacchere,
tese soltanto a guadagnar tempo,
nella illusoria speranza di poter rinviar "sine die" il fatale...
"Giorno del Giudizio"!

Sono ENTRAMBI in palese mala fede...
ergo...si può a buon diritto sospettare che,sotto sotto,siano pure d'accordo!!

P.S.: Io diffido di chi fa discorsi bellicosi,senza mai passar all'azione...
ma ancor meno mi fido di chi ha sempre sulle labbra la zuccherosa parolona...
"Pace"...tramite la quale cerca di farsi buono e bello di fronte ai codardi!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# eLahi 2012-10-06 13:15
La vera "Tragi-Commedia" è che tutto progede secondo la solita coerenza: da una parte il criminale e mendace Netanyahu che parla come agisce, dall'altra l'avveduto ed assennato Ahmadinejad fa lo stesso e nel mezzo l'italiano medio che coerentemente alla propria indole rimane eternamente sospeso nel limbo della sfiducia più totale rigettando tutto (anche ciò che è migliore!) solo perché NON gli assomiglia!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# eLahi 2012-10-06 14:01
P.S.
E poi scusi, pare che lei sia notevolmente male informato: Netanyahu non si limita a fare discorsi bellicosi, senza mai passare all'azione...continui a diffidare, continui pure...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-06 19:07
Citazione eLahi:
P.S.
E poi scusi, pare che lei sia notevolmente male informato: Netanyahu non si limita a fare discorsi bellicosi, senza mai passare all'azione...continui a diffidare, continui pure...


Ma quanto sei ingenuo,
o troppo furbo,caro mio,
mica me la dai a bere...

per me marciano,sottob anco,
"TUTTI E DUE"...d'amore e d'accordo...
ognuno recitando la propria parte,
chi da "buono",chi da "cattivo"...

ergo,che la facciano finita,una bona volta,che ci hanno davvero annojato...

che si affrontino a viso aperto,ad armi pari,in un decisivo scontro all'ultimo sangue...invece da rinviar,da codardi,
il tutto alle furbesche,farlo cche...

KALENDI..."ISRAELO-PERSIANE"!

Vabbè che non son certo né i Russi né
i Tedeschi della WWII...quelli sì che ebbero gli attributi e che attributi...

mica vollero campar fino a cent'anni,
come certo sperano i falsi e fasulli,
finti pseudo "militari" odierni!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# eLahi 2012-10-07 01:08
Dalle tragi-commedie...alle tragi-comiche!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-07 13:35
Citazione eLahi:
Dalle tragi-commedie...alle tragi-comiche!


Infatti...l'hai detto tu stesso...

confronta le presenti sfacciate facce,
sempre sorridenti e ridanciane,
degli odierni spudorati impostori
"rappresentativi "...
"repubblicani,la ici e...democratici"...
oggi immeritatamente al potere...

con i serii,severi,so lidi
volti dei nostri Nonni e Padri...
quelli sì che furono Uomini Veri,
che seppero battersi e morire...

non certo questi codardi,pagliac ci
e buffoni,che si pavoneggiano innanzi
alle telecamere,senz a rischiar mai nulla!

Amico mio...
l'Uomo si rivela per quel che realmente vale ed è,solo calando l'ipocrita maschera recitativa e rappresentativa ...
solo quando sia costretto,dal Fato,ad affrontar...LA MVERTE!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# eLahi 2012-10-07 18:51
No...mi riferivo alla tua visione in politica estera...e poi se in nostri Nonni e Padri fossero stati "seri, severi e solidi"...non avrebbero svenduto il paese al vincitore!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-07 23:09
Citazione eLahi:
No...mi riferivo alla tua visione in politica estera...e poi se in nostri Nonni e Padri fossero stati "seri, severi e solidi"...non avrebbero svenduto il paese al vincitore!


Che colossale equivoco...
evocando..."Nonni e Padri"...
mi riferivo simbolicamente a quelli di cent'anni or sono,che ancor potevano agir con..."Sovranità"...beati loro!

Certo,poi,che i ridicolissimi fantocci "rappresentativi ",
che son stati via via messi al potere,dopo la fatal sconfitta del '45,solo per far gli interessi
degli ipocriti..."vincitori"...

meriterebbero tutti quanti,se ancor vivi,
la fucilazione nella schiena,per...
"ALTO TRADIMENTO"...
se già defunti,di esser disseppelliti e le lor luride,fetenti, lerce carogne date in pasto ai cani randagi !!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pompili 2012-10-07 18:40
Visti i commenti, mi domando se qualcuno ha compreso il messaggio, o, perlomeno, la sua "funzione" dentro l'ONU. Anche a me non è piaciuta la premessa sulle Crociate, ma va da sé, che chi manda questo messaggio è mussulmano e per cui, tollero.
Saluti
Marco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# urbano 2012-10-07 21:07
Vorrei sentir parlare all'Onu il Papa e poi conrontare. Dopo di chè avremmo argomenti da trattare. Per ora la parte del buono di Ahmadinejad. non convince.
PS. Ma chi sono e quanti sono questi non allinati?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GEN44MARK 2012-10-07 23:36
Citazione urbano:
Vorrei sentir parlare all'Onu il Papa e poi conrontare. Dopo di chè avremmo argomenti da trattare. Per ora la parte del buono di Ahmadinejad. non convince.
PS. Ma chi sono e quanti sono questi non allinati?


...però non già per sentir predicar
Sua Santità sulla "PAX",che sarebbe davvero cosa banale e scontata,
bensì su di un tema assai più capitale,vitale ,centrale
per tutto il popolo dei Fedeli:

CONTRO L'VSVRA E GLI VSVRAI..."£+€+$"...
facendo così finalmente contento Auriti,
che ebbe modo di sentir quand'era ancora solo..."cardinale"...
You Tube..."Auriti e Ratzinger"

vabbè che,essendo poi divenuto addirittura..."Papa"..."Stille+Nacht"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# frank10 2012-10-10 22:45
Appunto, non ci resta che aspettare l'Anticristo.
Che sia il Messia musulmano o ebraico, ben distinto da Gesù (accompagnato o odiato), poco importa.
Anzi, quello ebraico è facile da identificare dato che è il suo nemico.
Quello musulmano invece è ancora più subdolo, perché vorrebbe portare pace, amore e ogni soluzione con la benedizione del "riformatore" Gesù che rimane comunque sottomesso e NON SALVATORE.
Il vero Salvatore è un altro, si capisce, il Mahdi.

"Chi è il menzognero se non colui che nega che Gesù è il Cristo? L'anticristo è colui che nega il Padre e il Figlio. Chiunque nega il Figlio, non possiede nemmeno il Padre; chi professa la sua fede nel Figlio possiede anche il Padre." 1 Gv 22-23
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità