>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Il Corano più antico
Stampa
  Text size
Forse era la prima versione del Libro, cancellata perché non più "ammissibile"... Gli imam hanno tentato di distruggere i microfilm "sacrileghi"; ma qualche teologo inizia a studiarli con metodo storico.

Il ritrovamento di antichi manoscritti nello Yemen rilancia il dibattito sull’origine del sacro testo dell’islam

 Maometto sapeva leggere e scrivere? La maggior parte dei musulmani credono che il Profeta, del tutto illetterato, abbia ricevuto il suo messaggio direttamente da Dio, in accordo con la tradizione islamica che lo rappresenta mentre recita le sure ai suoi prossimi o mentre le detta agli scribi, man mano che gli vengono rivelate.

Del resto l’espressione da cui deriva il termine Corano sembra esprimere l’idea di “comunicazione orale”, di “messaggio”, trasmesso sotto forma di “recitazione ad alta voce”. Secondo la Sunna, intorno al 610, Muhammad ibn’Abdallah, il Profeta, si preparava a passare la notte in una grotta del monte Hira, vicino alla Mecca, quando ricevette l’apparizione dell’arcangelo Gabriele che gli ordinò: “Leggi! (secondo le diverse traduzioni: “recita”, oppure “prega”). Nel nome del tuo Signore che ha creato, creato l’uomo da un grumo di sangue…”. A questa prima “rivelazione” ne seguirono tante altre, distribuite su 23 anni, dal 612 al 632, data della morte del Profeta.

Nella forma riconosciuta e immutabile, il Corano è composto da 114 capitoli, o sure, suddivisi in versetti e classificati secondo un ordine di lunghezza decrescente, tipico di raccolte poetiche o filologiche del mondo semitico. Per i musulmani il Corano è dunque è la parola stessa di Dio, dettata in una lingua araba “inimitabile”. Ma alcune recenti scoperte rimettono in discussione un dogma accettato ciecamente dall’islam più conservatore. La più interessante riguarda un’antichissima copia del Corano scoperta a Sanaa, capitale dello Yemen, di cui parlava il quotidiano Le Monde in un lungo articolo di qualche giorno fa.

Nel 1972, durante i lavori di restauro della grande moschea Jama’a al-Kabir, uno dei più antichi monumenti dell’islam, alcuni operai trovarono in un nascondiglio ricavato sotto il tetto un ammasso di vecchie pergamene consumate dal tempo. Si trattava di una “tomba delle carte”, cioè una “sepoltura” di vecchi testi religiosi ormai in disuso e che per il loro carattere sacro non è permesso distruggere: una pratica in uso anche nel mondo ebraico.

Per invito del presidente delle Antichità yemenite, il ricercatore universitario tedesco Gerard Rudigen Puin potè esaminarle a fondo ed anche riprodurle su microfilm. Si trattava senza dubbio di antichissimi manoscritti arabi del Corano: la scrittura, semplice e senza fioriture, contrasta con la versione ufficiale del Corano, il cui testo viene presentato senza varianti e circondato da una cornice decorata che ne sottolinea il carattere unico. La scrittura è in stile hedjazien, in uso alla fine del VII secolo nella regione di Hedijaz, tra la Mecca e Medina.

Gerard Puin spiega: “Più esattamente risalirebbe al 680 circa, sotto la dinastia degli Ommiadi di Damasco. In questo tipo di scrittura non esiste ancora il segno che indica le vocali corte e neppure i segni diacritici, quei puntini posti sotto o sopra le lettere che permettono di differenziarne il suono, e distinguere per esempio la “b”, la “n”, la”y” e la “t”“. Le conseguenze sono importanti, come spiega lo studioso: “Per questo la parola “ql” può leggersi sia “di’”, sia “egli diceva”. Tutto ciò presuppone che la scrittura servisse di supporto alla tradizione orale. In ogni pagina le differenze con la vulgata coranica sono una decina. Più interessante ancora la scoperta di un documento che era stato scritto su una pergamena già utilizzata per un altro testo. La prima scrittura, che appare nettamente benché fosse stata lavata, è anch’essa un testo del Corano, tracciato nello stesso stile arcaico”. “Senza dubbio ci troviamo di fronte al più antico testo coranico conosciuto - spiega il ricercatore tedesco - che è stato cancellato perché forse non era più ammissibile…”.

Le ipotesi di Puin sono semplicemente sacrileghe per i musulmani sunniti, per i quali il Corano è in qualche modo “il Verbo di Dio” disceso in terra. Non stupisce che i microfilm di Sanaa siano stati esposti alla luce (per fortuna senza gravi conseguenze) quando le autorità dello Yemen si sono rese conto delle conseguenze di una simile scoperta. Secondo la tradizione islamica, per evitare che il testo sacro scomparisse dalle memorie, una prima raccolta di tutti i frammenti della rivelazione fu compiuta da uno degli scribi di Maometto tra il 632 e il 634. Ma secondo gli specialisti non musulmani (per i quali i problemi storici non hanno nulla a che a fare con quelli relativi alla fede) non esistono le prove archeologiche che il Corano esistesse già alla fine del VII secolo: nessun testo scritto di quelle epoche è arrivato fino a noi.

Secondo Jacqueline Chabbi, professore a Parigi VIII, autore di Le Seigneur des tribus (1977), il Corano è stato messo per iscritto la prima volta sotto il califfo Abd-al Malik a Damasco all’inizio dell’VIII secolo: a partire da frammenti orali è stato dunque compilato il “Corano islamico”, che si è arricchito di dettagli nel corso dei due secoli successivi; nel corso dei quali però ha perduto gran parte del suo colore e della sua forza.

Nonostante il problema della storicità del Corano si ponga in termini molto più delicati per i ricercatori musulmani, alcuni di loro incominciano ad infrangere il tabù. Un professore universitario tunisino, che gode della fama di demolitore di tutte le certezze (ex marxista, ha pubblicato alcuni articoli in cui nega perfino l’esistenza delle camere a gas), è autore di un libro uscito in Francia di recente e intitolato Il Corano è autentico? (editore Sfar). Benchè credente convinto, Mondher Sfar accetta le conclusioni dei ricercatori tedeschi e francesi: per lui il Corano è il frutto di “evoluzioni e variazioni nel tempo”; il che nulla toglie alla sua origine divina.

Nel mondo di Maometto, intorno al VII secolo - sottolinea lo storico tunisino - il concetto di autenticità letteraria non era quella contemporanea: il profeta e lo scriba compiono ognuno la sua funzione e dalla loro collaborazione nasce l’autenticità. Per lui Maometto “non ha ricevuto la rivelazione sotto la forma della dettatura, ma dell’ispirazione”. La sua sintesi tra tradizione e ricerca dimostra che gli studi coranici potrebbero oggi trovare un nuovo ossigeno e recuperare il tempo perduto, due secoli, rispetto agli studi biblici.

Fonte >  Cultura Cattolica



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Pompili 2012-10-09 13:17
Trovo più "corrette" le Crociate, che questo tipo di articoli. Cos'è? ora ci mettiamo a fare come i protestanti nordeuropei?
Saluti
Marco
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maury 2012-10-09 14:17
La demolizione delle pretese di autenticità delle false religioni dovrebbe essere considerata una cosa positiva, se fatta con metodo serio e fondato - sine ira et studio, come si diceva un tempo.
Trovo più ridicoli i "cattolici" che difendono l'autenticità del Corano.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-10-09 15:25
Complottismo stile Dan Brown in salsa anti-islamica. Ma guai a fare simili sparate contro il cristianesimo, magari affermando che Gesù era sposato...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Juma 2012-10-09 15:27
"Ma secondo gli specialisti non musulmani (per i quali i problemi storici non hanno nulla a che a fare con quelli relativi alla fede)"

Frase che si può cambiare anche in:

"Ma secondo gli specialisti non cristiani (per i quali i problemi storici non hanno nulla a che a fare con quelli relativi alla fede)"

Oppure:

"Ma secondo gli specialisti non credenti (per i quali i problemi scientifici non hanno nulla a che a fare con quelli relativi alla fede)"

E applicare ai credenti in generale, ai cristiani, a che non crede all'evoluzionismo etc.etc.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-10-09 16:03
Son circa 80 anni che studiosi e ricercatori tedeschi e americani studiano le origini dell'Islam. Che cosa hanno scoperto?
- Non è stata trovata traccia di Maometto.Il cosidetto profeta compare per la prima volta in biografie che datano 200 anni dopo la sua morte.
- Nel 632 non esisteva l'arabo scritto. I testi della parte teologica del Corano sono stati scritti in aramaico siriano.
- I costanti riferimenti a Gesù (una dozzina), inconcepibili in una rivelazione indipendente, si spiegano con il fatto che questa parte è stata compilata da sette cristiane orientali prima del Concilio di Nicea. Il resto dei precetti, scritti in seguito, riflettono le usanze tribali del tempo.
- La "rivelazione" coranica è una bufala.
Spiace vedere un quotidiano cattolico mettere sullo stesso piano la Bibbia e questo libro. Ma già, questo è il segno dei tempi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2012-10-09 17:29
Il classico caso della pagliuzza e della trave nell'occhio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità