>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Tornare all’Architettura
Stampa
  Text size
Premessa

La
lettura di questa raccolta di scritti sull’Architettura moderna, distribuita in quattro volumi, è vivamente sconsigliata a chi non ha mai provato almeno un attimo di dubbio e di perplessità davanti a costruzioni che la critica ufficiale definisce capolavori e simboli dell’attuale civiltà.

Lettura sconsigliata a chi nutre la certezza che l’Architettura moderna, spoglia da ogni ornamento, disumanizzata quanto basta nelle sue grandi superfici e grandi volumi vuoti, rigorosamente anarmonici, sia quanto di meglio si possa immaginare per espri­mere la modernità, una modernità la cui longevità un po’ artificiale si protrae da oltre un secolo.

Nell’ambito di questa modernità si è tentato di rompere l’uniformità di quelle costruzioni che è sempre più difficile evitare di chiamare brutture. Si sono definiti stili e sottostili, i cui caratteri e le cui differenze vengono percepite solo dagli esperti, devoti a tanta meraviglia. A parte certe opere, come la Torre Velasca, il grattacelo Pirelli (diventato preda della vorace ed insaziabile Regione Lombardia), ed altre poche opere di valore, come quelle che troviamo all’Eur a Roma, le critiche esposte in questa antologia sono impietose.

I tratti comuni di questi stili e sottostili, in pratica uno stile per ogni grande architetto, sono:

۰ la totale assenza di ogni qualsivoglia forma di ornato,

۰ il rifiuto dei rapporti armonici,

۰ il malcelato disprezzo per la funzionalità,

۰ la forzatura delle tecniche costruttive,

۰ il rifiuto all’adattamento alle particolari condizioni ambientali,

۰ il rifiuto a riferimenti evocativi del passato,

۰ il trionfo dell’astrattismo più vuoto e iconoclasta,

۰ ed infine la pretesa di essere originali e diversi l’uno dall’altro.

Il rispetto di questi principi arriva a compiere autentici delitti, che una stampa sempre deferente omette di denunciarne l’origine. Un esempio per tutti: Il caso dei tanti palazzi dello sport costruiti nei paesi del Nord con tetti rigorosamente piatti, destinati a crollare sotto il peso della neve, tutti costruiti come se fossero ambientati in un arido deserto.


Introduzione

Perché tornare all’Architettura?

Perché dal momento in cui è stata cancellata ogni forma di ornato, l’ Architettura è diventata uno squallido strumento il cui unico e vero compito è quello di dare una veste moderna ai valori immobiliari, dare corpo ai capitali investiti secondo una logica puramente speculativa.

La suggestione creata dalle rievocazioni e dai simboli, contenuti nella sfera dell’ornato, è stata cancellata e sostituita dalla presenza esclusiva di volumi e superfici lucide e biancheggianti, intenzionalmente vuote e disumanizzate dall’uso generalizzato di rapporti anarmonici.

Il profeta di questa architettura mortuaria fu Adolf Loos, un architetto austriaco che non sapeva disegnare e che per questo si ingegnò ad inventare un’Architettura priva di ornato. Ma Loos aveva grande conoscenza dei marmi ed alla sua carenza nel disegno pose rimedio utilizzando ricchi marmi nelle forme più variegate, che avevano insito una specie di ornato naturale (si veda il Volume I dove viene riportato un pezzo del testo di Loos: Architettura e delitto).

Questo abile cialtrone è stato utilizzato per rivendicare poi l’impostazione di uno stile senza ornamenti, dimenticando la funzione ornamentale dei suoi bei marmi variegati. L’ornato è stato assimilato ad un delitto estetico, ad una immoralità dello spreco, per la ragione sottintesa di facilitare l’edilizia speculativa nelle città in rapida espansione.

Per questo dobbiamo tornare all’Architettura ed all’ornato, che restituisca un’ anima alle costruzioni.

Esiste una regione in Italia in cui l’ornato è ancora desiderato ed ammirato dalla gente, è la Liguria, dove è ancora vivo un ornato dipinto. Nel Volume II verrà illustrato questo aspetto di una architettura che non si è arresa al modernismo.

L’antologia inizia con il racconto dell’influenza della CIA sullo sviluppo di tutta l’arte moderna, un’arte finalizzata a contrastare ad ogni costo l’arte che nel dopoguerra si era sviluppata nei paesi dell’est, al di là della cortina di ferro.

Questa influenza, esercitata tramite finanziamenti indiretti, spesso all’insaputa degli artisti, fornisce una spiegazione al trionfo inarrestabile delle forme astratte e di opere che il senso comune considera spazzatura.

Si consiglia la lettura propedeutica del libretto di Tom Wolfe: MALEDETTI ARCHITETTI, dal Bauhaus a casa nostra, edizione tascabili Bompiani, 2003


Studio completo disponibile al link:

Antologia di scritti sull’Architettura Vol. I



INDICE

INFLUENZA  DELLA CIA NELLO SVILUPPO DELL’ARTE
OCCIDENTALE ……………………………………………………………..          4
LE ARTI DELLA CIA - di Maurizio Blondet ………………………………      15
I SILENZI DI TOGLIATTI …………………………………………………..      20
VEDERE LA REALTA’ PER IMMAGINI OPPURE PER PAROLE
E NUMERI …………………………………………………………………...      31
L’ARCHITETTURA “MODERNA” NON PUO’ INVECCHIARE ……………. 32
ARCHITETTI DA CONDANNARE - di Maurizio Blondet ……………………37
LA COMMITTENZA DEL PRINCIPE NELL’ARTE …………………………. 41
L’ARTE MODERNA: UN FALSO POSTUMO ………………………………. 46
LA PAROLA COME OMBRA DELLO SGUARDO - di Domenico Papa …. 48
I LIBRI CAROLINI, LE INDULGENZE E I BTP ……………………………..  53
ANTIARCHITETTURA  E  DEMOLIZIONE …………………………………   57
L’ARCHITETTURA PRIMA DEL DECOSTRUTTIVISMO ………………     64
DISUMANIZZARE L’ARTE ? ………………………………………………     97
BERENSON E LA LUNGA FARSA DELL’ARTE MODERNA …………     120
UN’ANIMA PER LO SPAZIO LITURGICO di Ciro Lomonte ……………... 130

APPENDICE:
DA “ORNAMENTO E DELITTO” di Adolf Loos …………………………     138
LA CITTA’ DEL SOLE - di Tommaso Campanella ……………………..     145


Professor Raffaele Giovannelli




 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# milvus 2012-11-01 09:42
La lettura è sconsigliata, ma se si va in centro città, palazzi antichi di colori storici, sono pugni negli occhi e non passano sicuro inosservati: dal rosso ruggine tipico bolognese di città "dotta" al rosso fragola tendente al fuscia violaceo apocrifo!
Schiaffi di tinte orrende in mezzo alle tinte tradizionali e non hanno nulla a che vedere con palazzi sedi di importanti istituti in preda all'anarchia multicolore sgargiante ed indegna senza decoro.
Nuove livree pastello per condomini stile europeo, enormi cessi, ben costruiti, giallini, azzurrini, verdolini, senza garage personale, ma a mò di Carrefour, sotterranei, in città del nord dove si sà che d'inverno nevica parecchio, la morte generale dell'Architettura.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2012-11-01 14:10
Che meraviglia, lo regalerò a tutti gli architetti che conosco!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sivispacemparabellum 2012-11-01 15:42
Gli architetti vanno mostrati come opere d'arte impalandoli sulla pubblica piazza in stile "ponte sulla Drjna".
Ivan IV, molto più civile, si limitò a fare accecare gli architetti responsabili della costruzione della cattedrale si San Basilio.
Bisogna cominciare dai grandi nomi a memento dei non affermati che così si daranno una calmata.
I geometri dei leoni sulle colonne degli ingressi dei villini fanno meno danni, i nani nei giardini hanno già un loro movimento di liberazione.
Evviva i capimastri comacini e biellesi!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Sandro Lazier 2013-01-17 05:56
Deduco che lei sia un capomastro. Non se bravo o cattivo. Dovrebbe comunque amare il suo lavoro. Il mio amico Mario Galvagni passava giornate intere in cantiere con le maestranze perché, secondo lui, e secondo la sua teoria, le maestranze italiane avevauno 3000 anni di storia nel loro dna. Una ricchezza che non andrebbe sprecata nella ripetizione di concetti e frasi fatte, ripetendo banalmenta modelli e stili architettonici scontati, spesso volgari, votati al sentimentalismo nostalgico piú che a un vero interesse storico e creativo.
Sono d'accordo con lei che molti architetti andrebbero impalati (metaforicament e, intendo). Ma questa non è per una buona ragione per avallare tesi inconsistenti come quelle sostenute in questo sito, che ci fanno solo regredire, intellettualmen te per la trivialitá degli argomenti e umanamente per l'intolleranza che alimentano. Forse ci meritiamo un po' di più, non crede? Pensi alle cattedrali che i suoi predecessori hanno costruto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# l_Architetto 2012-11-01 16:44
l'Architettura per essere tale necessita
del luogo e clima favorevole ....
Oggi la globalizzazione inpone pensieri standard , cose standard, progetti standard,
culture standard.....

Non a caso gli antichi per identificare socità e luoghi diversi parlavano di "genius loci" "saper fare locale"

ps: ricordate una cosa importante, non esagerate a "valutare" l'architettura dogma ineludibile perchè fondamentalment e oggi fà "contenitori"....
e non "contenuti"!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maddeche 2012-11-02 10:12
Caro ignorantone 'sivispacemparab ellum'

Ivan IV fece accecare (si dice) gli architetti di San Basilio affinche' non potessero costruire altrove un edificio che ci potesse comparare per bellezza e potenza. Non certo perche' San Basilio era brutta, come il suo italiano fa intendere.

Si rende conto dello sfrondone storico/ideologico che ha scritto? e pure indentato con un "molto piu' civile".

L'unica cosa civile qui e' il fatto che nessuno le toglie la licenza media.

Ma a scuola c'e' andato o no?
Questo e' il problema di internet e della democrazia online. Tutti possono scrivere qualunque boiata, senza timore di essere ripresi o altro, e magari anche diffondere e propagare la propria ignoranza, i propri pregiudizi, i propri errori.

Riprenda in mano un libro di scuola, per favore. E si documenti sui suoi pregiudizi, prima di condividerli.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sivispacemparabellum 2012-11-02 14:28
Lei per caso fa l'architetto Signor Maddeche?
Mi stia bene Signor Maddeche.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raffaele.giovanelli 2012-11-03 09:59
Comincerò il mio commento dei commenti dal primo commento quello di milvus. Avevo il timore che le prime due frasi del lavoro sarebbero state fraintese anche se chiarissime e non scritte con intento formale e retorico. Le due frasi dell’opera sono:
«La lettura di questa raccolta di scritti sull’Architettu ra moderna, distribuita in quattro volumi, è vivamente sconsigliata a chi non ha mai provato almeno un attimo di dubbio e di perplessità davanti a costruzioni che la critica ufficiale definisce capolavori e simboli dell’attuale civiltà. Lettura sconsigliata a chi nutre la certezza che l’Architettura moderna, spoglia da ogni ornamento, disumanizzata quanto basta nelle sue grandi superfici e grandi volumi vuoti, rigorosamente anarmonici, sia quanto di meglio si possa immaginare per espri¬mere la modernità, una modernità la cui longevità un po’ artificiale si protrae da oltre un secolo.»
Lo scopo era quello di evitare agli entusiasti dell’architettu ra moderna di imbarcarsi in una lettura che avrebbe disturbato le loro certezze e procurato risentimento conte l’autore. In altre parole non volevo ingannare nessuno, rischiando anche di andare contro il dogma imperante secondo il quale siamo tutti quasi eguali, tutti devoti al pensiero unico.
Mi pare che milvus non abbia ben compreso il significato di quelle due frasi. Egli infatti dice:
«La lettura è sconsigliata, ma se si va in centro città, palazzi antichi di colori storici, sono pugni negli occhi e non passano sicuro inosservati: dal rosso ruggine tipico bolognese di città "dotta" al rosso fragola tendente al fucsia violaceo apocrifo! Schiaffi di tinte orrende in mezzo alle tinte tradizionali e non hanno nulla a che vedere con palazzi sedi di importanti istituti in preda all'anarchia multicolore sgargiante ed indegna senza decoro. Nuove livree pastello per condomini stile europeo, enormi cessi, ben costruiti, giallini, azzurrini, verdolini… »
La colorazione dei palazzi storici è spesso opera di architetti dei giorni nostri, architetti disperatamente bisognosi di darsi uno scopo e di raggiungere un minimo di visibilità. Cito l’impossibile colore verde smeraldo applicato alla celebre e bellissima villa Durazzo a Santa Margherita ligure, mentre in tutta la Liguria sopravvive un meritevole e coraggioso ornato dipinto, che mantiene in vita forme tradizionali con bellissimi colori. Le critiche contenute nell’opera sono rivolte soprattutto contro il nichilismo, che è comparso dopo la prima guerra mondiale e che, sotto mentite spoglie, si è consolidato dopo la seconda.
Senza arrivare a forme truci, condivido lo spirito dell’opinione espressa da sivispacemparab ellum. Quanto alle chiese russe di rito ortodosso si deve ricordare che il loro stile riprende quello delle chiese di Bisanzio. Le chiese bizantine piacquero tanto ai russi che trovarono nella loro bellezza un motivo per convertirsi al cristianesimo. La Chiesa dovrebbe chiedersi quanto apostolato esercitino oggi le chiese moderne, dalle quali gli stessi fedeli scappano inorriditi.
Giustissima a mio parere l’opinione espressa da l_Architetto circa la standardizzazio ne globalizzata. Vorrei aggiungere che i programmi digitali per la progettazione assistita dal calcolatore, contengono vaste biblioteche di elementi architettonici standardizzati per lo più in forme moderniste. La perduta capacità di disegnare a mano fa il resto.
Trovo del tutto ingiustificata la polemica iniziata da Maddeche. Infine ho notato con rammarico l’assenza del commento di Giuliano.
Giovanelli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maddeche 2012-11-03 11:10
Si vis pacem para bellum,

contra si vis dire,
para te ipsum cum libris, neque sine.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NUMA 2012-11-03 11:52
Vorrei spezzare una lancia in favore dei MAC DONALDS e alla loro FUNZIONE SOCIALE E URBANISTICA nelle città storiche.Molti dei MAC DONALDS presenti nei centri storici delle principali città italiane sono stati OBLIGATI A CHIUDERE!Tra cui casi eclatanti,quell o nella galleria di >Milano e al Pantheon a Roma.Mac Donald,consenti va a chiunque, anche con un euro, di accedere e godersi seduto ad un tavolino le meraviglie storiche del nostro paese.Ora,espusli i Mac Donald,i centri storici delle città, sono diventati i salotti buoni destinati e riservati alle elite disposte a pagare almeno 5 euro per un caffè al tavolo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2012-11-14 11:14
Mah?!| Prima di quei emettitori di miasmi gastroenterici nei centri delle città c'erano i locali tipici, i bar che ora hanno chiuso per far spazio a negozi anonimi, luccicanti dai costi proibitivi.
I casolini, le pizzicherie, le macellerie, gli arrotini, sono completamente spariti, sostituiti nell'arco di pochissimi anni dal nulla. Ma anche la gente è cambiata, non se ne ricorda più e vaga per queste strade volgarmente illuminate.
Sono a favore del mescolamento culturale purché lentamente e a piccole dosi, ma lì dove esso produca vantaggi reciproci, gli Usa di vantaggioso ci hanno dato poco più che una moneta di scambio che nel corso degli anni vale sempre meno: la distruzione della nostra cultura.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-11-03 11:55
Professore cosa pensa della ex Casa del Fascio, dell'Asilo Sant'Elia e del Monumento ai caduti (quest'ultimo realizzato su progetto iniziale di Sant'Elia) di G.Terragni a Como?
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-11-04 01:29
Caro Professore leggo solo oggi e ringrazio dell'onore che mi concede. Vorrei chiarire il disguido dicendo che di questi tempi mi sento affascinato dal razionalismo che attira, così come altri monumenti straordinari, un grande interesse sulla nostra città di Como, purtroppo anche malauguratament e svilita da alcune recenti demenze ingegneristiche a presidio delle esondazioni. Per questo il mio commento si limitava (con qualche ritardo) alla domanda di cui sopra in attesa di leggere l'Antologia. Tenga però conto che quando lo ho fatto non era ancora stato pubblicato il Suo commento ai commenti.
Carissimi saluti.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanelli 2012-11-06 11:16
Rispondo a Giuliano. Il razionalismo è stato un movimento che aveva sufficienti giustificazioni per sostituire il liberty (esemplificando ), ma non lasciava molto spazio alle fantasie "creative". Così è stato rapidamente abbandonato creando architetture che si sono allontanate progressivament e da qualsiasi elemento concreto. Non solo non è stato più concesso chiedersi se un'opera era bella o brutta (di solito brutta) ma neppure chiedersi se era adatta a svolgere le funzioni per cui veniva costruita. L'architettura del ventennio a Como è la prova provata di quanto essa sia stata ricca ed articolata, mentre si è dimenticato che lo stesso Piacentini sia stato "piacentiniano" prima del fascismo.
Si è anche dimenticato che lo "stile fascista" durante il ventennio, e per almeno venti anni dopo, sia stato largamente seguito e copiato in tutto il mondo. Poi sono successe alcune cose che sono narrate nei volumi di "TORNARE ALL'ARCHITETTURA"
Giovanelli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Sandro Lazier 2013-01-17 06:05
Sono strabiliato dalla determinazione, profondità d'analisi, unita sintesi e anche cinismo teorico, (perché no?) con cui lei riesce ad estrarre l'essenza stessa delle minchiate che dice...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-11-04 11:30
La ringrazio stimato Professore per il chiarimento, la mia era solo una valutazione estetica di ciò che osservo, evidentemente basata su elementi personali soggettivi ed in parte oggettivi, e Lei giustamente migliora i rapporti tra noi commentatori, gestendo entrambi gli elementi con molta attenzione.
Come cgdv, anche io La ringrazio per la correzzione ad una opinione soggettiva. La perduta capacità di disegnare a mano, forse è basilare anche nella scelta delle tinte, che, a parere mio, si deve adeguare al paesaggio, al luogo, alla scala cromatica del verde degli alberi, siepi ed arbusti, che solitamente contorniano gli edifici, le chiese moderne.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-11-04 19:22
Cara Milvus posto che Le voglio bene da nonno, devo dire che quando mi cita lo fa stranamente. Come esempio, in questo caso, devo consigliare attenzione alla corrispondenza del Suo post di giustificazione con quanto da me scritto.
Per carità niente di male, ma il citarmi c'entra come i famosi cavoli.
Cari saluti.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-11-04 23:38
Nessun problema da parte mia, solo mi dispiace averLa citata a sproposito. Vedo che la cosa La abbia davvero disturbata. C'è dunque qualcosa che non va in Lei, Le do ragione e Le chiedo scusa, altro non posso fare, perchè credo sia uno spazio per dire la nostra da abbonati e non una chatline. Ah! mi citi quando vuole, è il "benvenuto".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# exelion 2012-11-04 23:49
Ma l'architettura razionale delll'inizio del ventesimo secolo dov'è finita? Sant'elia o la Bauhaus tedesca non hanno lasciato nulla ai posteri? A quanto pare neanche de palazzi in stile littorio, monumentali e razional iall ostesso tempo se n'è persa la traccia. Anzi si fa a gara ad abbatetrli per nascondere un passato scomodo dove in soli 20 ann isi edificata l'italia mentre nei successivi 70 ann isi è fatto ben poco di edilizia pubblica e si + rubato a tutto spiano Dagl anni 80 la nostra architettura è affetta da involuzione progessiva: vediamo case kitsch fatte con i tetti in coppo le persiane esterne uso del legno (poveri alberi) e muratura di tipo più che obsoleto che si sgretolano nel giuro di pochi lustri.. oppure vediam osorrgere palazzi di vetro e acciaio anonimi che danno una sensazione di freddo ed inanimato. Bariti pensare alla nuova Basilica eretta in memoria di Padre Pio che ricorda un negozio di ferramenta. Forse dovremm ofare diversi passi indietro, riprendere manuali e libri e ricopiare daccapo l'architettra deli anni '60 da Nervi a Saarinen. E' necessario un vero passo evolutvo che tarda ad arrivare, ma cercando nel passato recente lo si trova. Pensateci su. Ciao
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# eyecandy1 2012-11-10 15:15
Sull'argomento consiglio caldamente questo ebook http://www.amazon.it/The-Logos-Architecture-Opponents-ebook/dp/B008RCDBXQ/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1352556796&sr=1-1
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# eyecandy1 2012-11-11 10:03
Logos pervades every aspect of our lives, including the built environment. The kind of buildings we build depends on who we are and how we define ourselves in relation to Logos.

The post World War II building boom that spread Bauhaus architecture throughout the world caused two reactions: one Catholic, the other Jewish.

The Logos of Architecture and Its Opponents describes the architecturally surprising but ethnically predictable reactions of Thomas Gordon Smith and Frank Gehry to the tyranny of Bauhaus architecture.

Searing cultural analysis by E. Michael Jones, editor of Culture Wars magazine and author of Living Machines: Bauhaus Architecture as Sexual Ideology.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-11-13 21:32
Riscoprire l'arte vera e l'Architettura credo sia esenziale oggi per non alterare ulteriormente i sensi umani fino ad arrivare a forme parossitiche tipo le chiese moderne, che nulla hanno a che vedere con le opere d'arte. L'architetto moderno progetta però per non vivere direttamente lui la propria creatività, l'arte deve commuovere meravigliare richiamare non trasformare il gusto. certe forme di arte non dico che non siano lodevoli, ma la serietà dell'arte consiste nel continuum della nostra storia e non dal bisogno di novità che annullano i sensi e le emozioni. Se il digitale ha sostituito la matita, è fare da replicanti per replicanti.
Nel vecchio film Blade Runner i replicanti si confondono con gli umani e l'unica maniera di identificare gli umani è nell'evocare i ricordi e le emozioni. La stessa cosa dovrebbe succedere con le opere d'arte e l'Architettura.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità