>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

jogg.jpg
Verità scientifiche? No, rivelate
Stampa
  Text size

«Il segreto per una lunga vita ha affascinato l'uomo sin dalla notte dei tempi, gli avventurieri hanno cercato la Fontana della Vita e gli alchimisti hanno tentato di creare la pietra filosofale, tuttavia, è possibile che il segreto sia più a portata di mano di quanto si sia pensato finora. Ricercatori dell'Unione europea hanno scoperto che i segreti per una lunga vita in salute possono già essere alla nostra portata. Adottare, infatti, quattro semplici strategie può aggiungere 14 anni alla nostra aspettativa di vita.

Una delle priorità fondamentali per i paesi nel mondo è la salute e la sicurezza dei propri cittadini e gli Stati membri dell'Unione europea non la pensano diversamente. Per questo motivo, l'UE ha finanziato una delle maggiori attività concertate nella ricerca sulla salute e le abitudini alimentari dei cittadini europei.

I risultati di questo complesso studio sono appena arrivati e stanno suscitando stupore. Dimostrano che le persone che adottano quattro semplici comportamenti salutari vivono in media 14 anni in più rispetto a coloro che non ne adottano nessuno. Queste abitudini sono: non fumare, fare esercizio fisico, moderare il consumo di alcol e mangiare cinque porzioni al giorno di frutta e verdura» (1)

È bello constatare come le più recenti scoperte della scienza non fanno altro che confermare dati della Tradizione cristiana e della Rivelazione.
La Sacra Scrittura, libro ispirato ed infallibile.
Temperanza in tutto, insegna la Scrittura; il non fumare, il moderare il consumo di alcol, rientrano proprio in quella continenza che in special modo, durante la Quaresima dovrebbe caratterizzare l'atteggiamento del cristiano.

Il mangiare verdure?
È noto come il digiuno, consigliato dalla Chiesa, sia non soltanto di tipo «quantitativo», ma anche «qualitativo»: si prediligeranno pertanto i vegetali, a scapito di carne e pesce.Questa tradizione molto antica risale ai Padri della Chiesa che avevano individuato nell'attaccamento e consumo di certi tipi di alimenti, in particolare, l'insorgere irruente di determinate passioni.

Quanto all'esercizio fisico?
L'ascesi deve essere non soltanto «privativa», ma anche «attiva»; si tratta del «labora» di benedettina memoria, che caratterizza l'impegno fisico del cristiano a 360°.
È un elemento mai ignoto alla Tradizione cristiana.
Oggi, con l'aumentare del sedentarismo, si può forse ovviare di vivere questa dimensione corporea della santificazione, dedicandosi a sport di resistenza, come la corsa, per esempio, o semplicemente prediligendo un'attitudine attiva alle cose da farsi: preferire le scale all'ascensore, i piedi all'automobile, e via dicendo; in poche parole occorre sperimentare un buon rapporto con la fatica, anche fisica.

Ancora nel nostro frugare nella rete, apprendiamo anche un'altra notevole conferma della bontà e bellezza della Rivelazione
Se volete una vita coniugale lunga e in salute, litigate.
A dare questo singolare suggerimento sono i ricercatori dell'università del Michigan, che hanno verificato come nella coppia chi reprime e trattiene la propria rabbia ha vita breve.
Ha cioè un rischio di morte precoce doppio rispetto a chi si sfoga sempre.

Una conclusione cui gli scienziati sono arrivati dopo aver studiato 192 coppie per 17 anni, dividendole in quattro categorie.
Quella cioè in cui entrambi i partner esprimono la propria rabbia, quelle in cui o il marito o la moglie comunica la rabbia mentre l'altro la sopprime, e quella in cui entrambi i coniugi la reprimono continuando a rimuginare.

Laddove entrambi gli sposi sopprimono la loro ira quando l'altro li attacca ingiustamente, la probabilità di morire precocemente è doppia rispetto agli altri tipi di coppie.
«Quando i partner si riuniscono - spiega Ernest Harburg, coordinatore dello studio - uno dei compiti principali è quello di riconciliarsi sul motivo che ha causato il conflitto. Generalmente a nessuno viene insegnato come farlo, a meno che non lo abbiano visto fare ai propri genitori. Il problema principale è quindi come risolvere il conflitto
». (2)

Il conflitto che imploda all'interno del cuore, senza apparentemente manifestarsi (almeno al momento) all'esterno, è pericoloso in tanto in quanto generi appunto rancore dalle ricadute e strascichi imprevedibili.
Ma il cristiano sa che nel cuore deve custodire in primo luogo la presenza di Dio; quindi deve (e può) con questa forza liberarsi da ogni avversione malevola contro chiunque e soprattutto nei confronti dei propri cari: si tratta di disinnescare la miccia di bombe che poi verranno eliminate nel tempo; occorre pregare per ogni situazione ed in ogni circostanza.
Il Signore non tradisce e dà la forza.

«Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme con lui?» (Romani 8,32).
Vivendo la dimensione della carità di cui ci parla San Paolo (3), abbiamo già sopravanzato qualunque esito positivo di qualsivoglia terapia di coppia.
La carità tutto copre, tutto spera, tutto sopporta; si rallegra della verità!
Non tiene conto del male ricevuto; non cerca il proprio interesse.

L'amore che unisce gli sposi sarà pertanto un amore autentico, fondato proprio su una verità di rapporto profondamente sincero, votato l'uno per l'altra (e viceversa) alla consegna di tutta la persona nelle mani dell'altro.
In questo contesto, la sincerità non può che essere spontaneo atteggiarsi di fronte alle cose della vita, ai problemi e ai potenziali conflitti.
La coppia che vivrà di ciò fonderà la propria famiglia sulla «roccia», su Cristo, ricevendo da Lui tutta la forza necessaria per risolvere ogni difficoltà.

Sapersi abnegare e pacificare gli animi al momento opportuno; dimenticarsi del «male» ricevuto; anche questo fa parte del «vero digiuno».
«Allora la tua luce sorgerà come l'aurora, la tua ferita si rimarginerà presto.  Davanti a te camminerà la tua giustizia,  la gloria del Signore ti seguirà.  Allora lo invocherai e il Signore ti risponderà; implorerai aiuto ed egli dirà: "Eccomi!"». (Is 58,1-9)

Stefano Maria Chiari



1) da www.newsfood.com/Articolo/segreti-lunga-vita
2) da www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/societa/
3) vedi 1 Cor, 13

 

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Roberto 2008-02-29 00:28
CITAZIONE: È bello constatare come le più recenti scoperte della scienza non fanno altro che confermare dati della Tradizione cristiana e della Rivelazione. La Sacra Scrittura, libro ispirato ed infallibile. Temperanza in tutto, insegna la Scrittura; il non fumare, il moderare il consumo di alcol, rientrano proprio in quella continenza che in special modo, durante la Quaresima dovrebbe caratterizzare l'atteggiamento del cristiano. Cioè????????? Vedasi al seguente link: http://www.alcase.it/education/articoli/tabacco.htm
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità