>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Recensioni

18720063.jpg
A casa nostra
Stampa
  Text size

Dev’essere una persona notevole Francesca Comencini, figlia di registi, che ha diretto «A Casa Nostra», film di cui parla (cosa rara) l’Herald Tribune. (1)
Sicuramente «di sinistra», questa Comencini dice cose dolorosamente profonde e vere, che un cristiano riconosce: l’Italia non procrea più, dice, «perché è disperata e non lo sa. E’ edonista ma infelice. Per avere bambini, bisogna prima sentire che esiste una culla morale» capace di accoglierli nella società.
La culla è perduta.
Il film è sulla malattia italiana, infatti: un gruppo di manager, banchieri e donne-manager milanesi che per denaro - per avidità o necessità usuraria - vendono proprietà, il corpo, l’anima.
I dialoghi, come ha voluto la regista, sono tratti di peso dalle intercettazioni telefoniche che ben conosciamo: questi manager parlano come Moggi, Consorte e Fiorani ai cellulari, quella lingua da criminali volgarissimi e incalliti.
E’ un film sul denaro.
«Oggi il denaro è al centro della cultura italiana, e la gente pensa che sia normale», dice la Comencini: «Ma ciò porta a un imbarbarimento inesorabile della vita di ogni giorno. Ci ruba la capacità di immaginare il futuro».
Dice che l’Italia «ha perso la bussola morale».
Dice: «L’Italia è perduta, ma non lo sa, per questo un film così è necessario, perché la gente prenda coscienza».
E aggiunge, e questo mi pare specialmente essenziale: «Può essere troppo tardi. Ci sono cose che una volta perdute, non le fai tornare».

Perché mi colpiscono queste parole?
Anzitutto perché si scopre che, a «destra» come a «sinistra» ci sono persone serie che convengono nella diagnosi.
Che non si limitano più a gridare che se l’Italia è marcia, «è colpa di Berlusconi» come i girotondini moralistici, come Nanni Moretti e i giustizialisti, come Eugenio Scalfari ed Oscar Luigi Scalfaro: Berlusconi è, semmai, esso stesso un sintomo e un prodotto del male che ci ha colpito tutti.
Vedo nella Comencini una che non parla più a vànvera di «valori», ma dice che quel «qualcosa» che abbiamo perduto è del genere che «non ritorna» a volontà: qualcosa di organico, come sono le cose spirituali,  non una macchina guasta che si può riparare.
Mi piace il senso d’urgenza, la convinzione di fare un film non per intrattenimento, ma per necessità.
E' urgente che persone del genere comincino a parlarsi, a pensare e ad agire politicamente insieme, lasciando gli steccati opposti che non hanno più senso.
Perché tutto, tutto quello che ci accascia ha una stessa causa.
Tutto: l’orrendo bullismo dei ragazzi contro i deboli o i poveri, la supplente di Campobasso che si denuda per fare sesso con cinque scolari, i trucchi di Moggi, la collusione di Fazio (il banchiere) con Consorte, la disgustosa volgarità televisiva, lo spreco e i privilegi dei miliardari di Stato, i 190 mila euro mensili di Cimoli per Alitalia, la deliquescenza di Napoli, la nullità arrogante della Bocconi, le università inutili che tirano a campare senza trasmettere nulla di arduo né il piacere della scoperta, le liti Sgarbi e Mussolini, Berlusconi e Prodi, le Ferrovie in bancarotta, la volontà punitiva e taglieggiatrice di Visco, l’insubordinazione generale delle caste e dei gruppi di potere, l’arraffare di tutti quelli che possono a danno di quelli che non ci riescono… tutto questo ha una sola causa, la perdita dell’anima denunciata dalla Comencini.
E tutto questo si alimenta a vicenda, le piazzate Sgarbi - Mussolini giustificano i bulli di scuola,
il gergo delinquenziale di Moggi è connesso con le università dove non s’insegna e con l’evasione fiscale e con la disoccupazione (meglio: inoccupabilità) giovanile.
La doppiezza di Napolitano è la stessa cosa del clientelismo di Bassolino, che impiega i camorristi in Regione; l’infinita stupidità della TV di distrazione è la stessa cosa dei furbetti del quartierino e di Padoa Schioppa; e questa è la causa stessa di un’intera generazione che si perde nelle discoteche.
Manifestazioni diverse causate dallo stesso male: che ci siamo venduti l’anima e non sappiamo dove andare, insieme, collettivamente, né qual è il nostro posto nel mondo come nazione, come popolo.

E soprattutto: il male è così profondo, che nessuna ricetta «di destra» o «di sinistra» può curarlo.
Bisogna ripensare tutto alla radice, con coraggio, abbandonando ogni conformismo.
Pensare fuori dai binari, ricominciando dal principio: cos’è la democrazia e perché non funziona, come abbiamo perduto la nazione e il senso del comune destino, perché siamo in mano a delinquenti sotto e sopra, nella società civile e nello Stato (o regioni).
Un’altra donna sicuramente «di sinistra», quella Gabanelli di RaiTre, mi pare faccia settimana per settimana la stessa diagnosi di fondo.
Smaschera le pseudo-privatizzazioni (dove alla fine a pagare sono sempre i contribuenti, soci senza saperlo e senza le loro quote) come moltiplicazione di falsi consigli d’amministrazione che sono clientele e sinecure; rivela gli sprechi di una magistratura che sequestra denaro e beni, e poi li dimentica, non li sa mettere a disposizione dello Stato; mostra inefficienze, sprechi, corruzioni, incurie - tutte facilmente curabili, si direbbe.
Ma nulla accade.
I politici non guardano quel genere di trasmissioni, probabilmente si interessano solo ai «dibattiti» da Vespa e da Santoro, dove mettono in scena la loro vanitosa inutilità.
Ma anche se volessero fare qualcosa, dopo essersi serviti per primi e abbondantemente dal piatto del denaro pubblico, non potrebbero.
Perché i politici, nella perdita generale dell’anima, hanno perduto anche la capacità e gli strumenti del governo, e nemmeno se ne sono accorti.
Credono che governare consista nell’emanare leggi - la legalità o la legalizzazione della vita, vecchio vizio della democrazia disfunzionante - e si aspettano che le leggi vengano attuate così, per semplice comando legale.
Ma gli apparati che dovrebbero eseguirle sono guasti, esistono solo per sé stessi, non funzionano più: e come ripararli e farli funzionare (in ciò consiste il governo vero) nemmeno lo sanno, né se ne occupano.

L’incapacità della magistratura di gestire, mettere a frutto e a disposizione del bene pubblico i patrimoni sequestrati, non è in teoria difficile.
In una qualunque azienda privata sarebbe creato subito un ufficio snello ed efficiente, fornito dei competenti necessari, per recuperare queste cifre enormi, metterle a contribuire alla copertura del deficit.
Ma nello Stato, un simile ufficio va creato «per legge», e dovrà agire «secondo legge»: tutto quello che dovrà fare dovrà essere prescritto e previsto per legge.
Sicchè non sarà né snello né efficace, ma una burocrazia fra le altre, a pesare sull’erario.
Allo Stato - anche se volesse - manca una troupe come quella di Report: capace di indagare le malfunzioni, rapidamente portarle alla coscienza pubblica e indicare rimedi secondo il pubblico interesse.
Gabanelli for president?
Forse sì.
Forse è necessario ripensare come ridare potere allo Stato, ma in modo completamente nuovo.
Che sarebbe nuovo per le burocrazie pubbliche parassitarie, ma ben noto e applicato nel settore privato.
Esplode «l’emergenza Napoli» e si annunciano «provvedimenti»: quali?
Si pensa a qualche legge, ancora una volta.
Inapplicabile, perché è l’anima della città ad essere malata, l’aspirina non cura un cancro.
Del resto, nemmeno un inizio di dibattito aperto e non-conformista, che metta in causa tutto e tutti, senza tabù e riguardi.
«Non offendiamo Napoli», raccomanda … Emilio Fede, sai che maitre à penser.
Ma sul film «A Casa Nostra», anche Letizia Moratti ha eccepito che «offende Milano», perché a Milano si producono il 40% dei brevetti italiani, si vendono 100 mila biglietti l’anno per eventi culturali, lavorano 80 mila volontari sociali… ma scusate, così non si va da nessuna parte.
Esibire le virtù residue di Napoli o di Milano (o di Roma e Torino) è il modo peggiore di «affrontare il problema».
Sono le virtù che ci mancano quelle di cui, precisamente, abbiamo bisogno.

Oppure: appare su internet il video dove i bulli malvagi picchiano il mongoloide (già il fatto di chiamarlo «down» è una falsità, un ostacolo alla soluzione dei problemi) e nei dibattiti radiofonici ci si chiede «cosa fa la scuola», si denunciano insegnanti che assistono alle prepotenze e fanno finta di non vedere.
Beh, nessuno pare essersi accorto che la scuola pubblica - questo modello risorgimentale, ottocentesco, che era la sola agenzia educativa prima che esistessero la TV e la pubblicità - non funziona ormai da mezzo secolo.
Che ha cessato da tempo di trasmettere cultura, disciplina, senso del bello e del nobile.
Gli insegnanti?
Appena facessero il loro dovere disciplinare - eh sì, la punizione e l’umiliazione degli arroganti è il primo provvedimento da prendere - avrebbero contro i genitori, i sindacati, i presidi, i giornali,
i sociologhi e le TV progressiste.
Gli insegnanti non hanno dalla loro la nazione.
E solo loro, da soli, dovrebbero rischiare il licenziamento (e le percosse dei giovanissimi teppisti, e le denunce legali dei genitori-teppisti), per il loro stipendiuccio?
Sono una burocrazia miserabile ancorchè parassitaria, oscuramente conscia di essere sopravvissuta alla sua utilità sociale: ma dovrebbe rinunciare a quella misera paga, solo lei?
Prima Cimoli, prima Mastella, prima Formigoni e Draghi.
A loro, non si chieda di attenersi alla «legalità».
Del resto la supplente di Campobasso che nuda masturbava i suoi studenti era stata assunta in base ad una lista insindacabile: il preside non aveva nessun potere di scelta né di rifiuto.
E la «legalità», i sindacati e i giudici vegliano su di essa.
Emergenza carceri: un indulto «legale», fuori tutti i delinquenti faticosamente presi, con rischio personale anche giudiziario (per i giudici, poliziotto e delinquente sono pari), dalle nostre numerose polizie.

Questo in Italia è governare: demoralizzare le forze e gli apparati che provano a far qualcosa. Quante volte abbiamo sentito parlare della necessità di pene alternative: mai una vera idea, però.
Un giorno di carcere costa - a noi contribuenti - 200 euro per carcerato.
Qualcuno potrebbe, prego, spiegare perché?
E se non è proprio possibile spendere meglio quel denaro, nell’interesse stesso del delinquente? Non dovrebbe essere difficile.
Per una quantità di gente onesta, 200 euro al giorno sono un sogno irraggiungibile, milioni di pensionati onesti campano con 7.500 euro l’anno.
Bisognerebbe pensare prima a loro, e in ogni caso usare con estrema responsabilità di quel denaro per le carceri.
Mai un’idea, mai un dibattito serio: non da Vespa, ma presso qualche organo da costituire ad hoc, e capace di pensare radicalmente la pena e il suo senso educativo per la nazione.
Da quell’organo, beninteso, dovrebbero essere esclusi per principio quei politici e ideologi che pretendono di dare alle galere (col bugliolo, ma con la TV a colori) il compito di «reinserire il reo nella società», di gestire una pena «non afflittiva ma riabilitante».
Non perché non siano cose bellissime, ma perché - semplicemente - lo Stato non le sa fare.
Troppo complesse per la burocrazie inadempiente.
Faccia il minimo: sicurezza della punizione, sicurezza dei cittadini.
Mica siamo in Svezia.
E nemmeno in Spagna, dove tutto funziona meglio.
E che dire dei «giacimenti culturali» da sfruttare, che ci farebbero diventare tutti ricchi?
Mai un’idea che sia una.
L’Italia è piena di un patrimonio culturale che, anziché rendere, costa: le Belle Arti vegliano sulla «legalità», non sulla fruttificazione.
O la «lotta all’evasione».
La Gabanelli può, in un paio di puntate, mostrare dove e come si nasconde, in quali conti correnti, con quali trucchi.
Lo Stato non è capace, e tartassa quelli che già le tasse le pagano.

Insomma, bisogna che ci uniamo, noi persone mediamente serie - senza troppo esserne sicuri, perché la malattia dell’anima colpisce anche noi - per pensare da capo, con il coraggio e la durezza necessari.
Perché il coraggio è essenziale.
«Che i vili siano comandati dai malvagi - è giusto», diceva Plotino.
Senza coraggio, i malvagi e corrotti ci governeranno in eterno, sotto etichette idiote come «destra» e «sinistra».
Nel film «A Casa Nostra», la poliziotta (Valeria Golino) che mette le manette al banchiere che ha fatto bancarotta - morale e patrimoniale - dice: «Questa è anche casa nostra».
E’ questo che ci siamo dimenticati.
Non è solo la casa dei camorristi, né di Mario Merola o di Mastella.


1) Elisabetta Povoledo, «A filmaker’s grim Italian morality tale», Herald Tribune, 14 novembre 2006.

 
Nessun commento per questo articolo

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità