>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Prosegue indisturbata la demolizione delle case e la deportazione delle famiglie palestinesi
Stampa
  Text size
Nell’Area C della Sponda Ovest – sotto totale controllo di Israele – la vita dei palestinesi è sempre più impossibile. Il 7 novembre vi sono state demolite altre 2 abitazioni. Il crimine dei residenti? Non avevano il permesso di costruire... permesso che, dipendendo da Israele, è praticamente impossibile da ottenere per loro.

Secondo quanto riferisce Operation Dove – un’organizzazione italiana con presenza internazionale sulle colline a sud di Hebron – una casa è stata distrutta ad Ad Deirat ed un’altra – insieme ad una cisterna per l’acqua – è stata distrutta a Jawwaya, due villaggi nell’Area C della Sponda Ovest, dove i palestinesi sono sempre più sotto il tallone degli israeliani.

Tamar Feldman – dell’ACRI – mi ha recentemente raccontato che 14 villaggi palestinesi nella zona sud delle Colline di Hebron sono in contenzioso con lo Stato ed i colon. Lo scopo è chiaramente espellere i residenti dalla zona. Non solo, ci sono altri 12 villaggi che si trovano in una zona che l’esercito israeliano vuole trasformare nella Firing Zone 19 [zona di tiro]. Se il progetto andrà in porto, 1.500 Palestinesi saranno portati via dalle proprie case.


Soldati Israeliani arrivano sul posto con macchine pesanti per la demolizione 


La maggior parte dei Palestinesi che si trovano nell’Area C – sotto controllo di Israele – non ottiene né il permesso di costruire né il permesso di allargare la propria casa. Mentre gli insediamenti dei coloni israeliani continuano ad aumentare.


Operazioni di demolizione della casa di 2 piani


Lunedì, soldati israeliani hanno portato via due famiglie dalle proprie case a Gerusalemme Est. Una delle case è stata interamente demolita. Stando al Displacement Working Group (DWG) dell’ONU:

  …La municipalità di Gerusalemme, insieme ad Israeli Nature ed alla Parks Authority, più le forze di polizia, hanno demolito la casa di un Palestinese sita vicino al check point Zayyem. La casa era costruita su un terreno risultante di proprietà privata ma collocato in un’area classificata dalle autorità israeliane come verde... l’esiguità delle terre che Israele ha classificato come edificabili dai Palestinesi ha prodotto una grave crisi edilizia con una mancanza di oltre 1.100 unità abitative all’anno che costringe molti palestinesi a dover edificare senza il permesso di Israele.

DWG aggiunge che la coppia non ha altro posto dove andare ed ora è senza casa. Analogamente, lunedì mattina una famiglia di 6 persone è stata allontanata dalla propria casa sul Monte degli Ulivi.




Come riferisce DWG:

  Stando alla famiglia, la casa è stata fracassata e la famiglia portata via da uomini armati che indossavano vestiti civili e che non mostravano nessun identificativo ufficiale. Fuori, sulla strada principale, stazionavano soldati israeliani... gli altri appartamenti dell’edificio erano già stati occupati da coloni associati all’organizzazione El Ad, che aveva dichiarato ad un tribunale israeliano di aver acquistato il condominio dal precedente proprietario, nel 2005, tramite un mediatore. La famiglia portata via era composta dalla madre del proprietario originario, dal fratello, dalla moglie e da 3 bambini.

Ora, va sottolineato che indipendentemente dalla proprietà del palazzo, in base alle leggi internazionali è illegale sia il portar via forzatamente dei civili sia lo spostarli forzatamente che l’imporre degli insediamenti in territori occupati.

La famiglia palestinese segue la demolizione della propria casa ad Ad deirat 


Stando a DWG, alla volta del 25 di ottobre, nel solo 2012, Israele ha distrutto 138 case di palestinesi fra Gerusalemme Est e la Sponda Ovest. A causa delle demolizioni, sono stati deportati 690 Palestinesi, più della metà dei quali bambini. DWG fa notare che alcuni di essi, sono stati trasferiti più di una volta in questo stesso anno.

Traduzione per EFFEDIEFFE.com a cura di Massimo Frulla, revisione di Lorenzo de Vita

Fonte > 
972


 

La presente traduzione è da noi commissionata a traduttori di nostra fiducia ed effettuata appositamente per EFFEDIEFFE.
 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# terrun 2012-12-09 13:13
Certe volte mi vengono brutti pensieri se l'olocausto dovesse essere successo veramente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gianni 2012-12-09 16:05
Chissà come mai i media non raccontano questa tragedia... Satana, evidentemente, protegge con una cortina di invisibilità i suoi adepti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Larry06 2012-12-09 23:45
...perchè Israele è minacciato nella sua stessa esistenza!!!
Lo stato più militarizzato e più potente al mondo (circa 200/300 testate nucleari!!) contro 690 eroi palestinesi di cui, come dichiara l'articolo, la metà bambini!
Io credo che Israele, più che minacciato nella sua stessa esistenza, sia minacciato dalla sua stessa paranoia e consapevolezza (in)conscia di essere uno stato di vigliacchi e criminali!
...ma Dio non lascierà impunito tutto ciò! Ascolterà l'urlo silenzioso dei martiri di Gaza e di tutto il popolo palestinese e alla fine punirà l'empio giudeo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# STEFANO000 2012-12-11 11:57
Quello che succede in Siria o in Palestina,
potrebbe succedere anche da noi.
Ormai la classe dominante angloamericano è in preda alla follia omicida.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Capitano Skorzeny 2013-01-08 21:03
tranquilli, il vento cambierà... Una volta, in una piccola isola dei caraibi chiamata Cuba, gli stati uniti d'america con un classico "casus belli" attaccarono l'ultima colonia spagnola americana...era il 1898 e, dopo 3 anni di guerra dura e selvaggia, nel 1901 Cuba entra nella sfera di influenza Yaankee al livello della repubblica dominicana o peggio, di Portorico. Per 56 anni si succedono governi collaborazionis ti e l'isola è il paradiso per i gangster e tutta la feccia Yankee...un giorno...circa 80 "barbudos" comandati da Ernesto guevara, Fidel Castro e Camilo Cienfuegos sbarcano sull'isola con una baracca di barca. Gli USA dotano Cuba di aviazione da guerra e armi pesanti e, pochi giorni dopo , sono circa 20 ad essere ancora vivi degli 80!!! Si rifugiano sui monti della Sierra Mestra...dopo 2 anni migliaia di rivoluzionari, comandati dagli stessi tre entrano all'havana vincendo la guerra. Un vero miracolo bellico. Capiterà anche ad israele di beccarsi i suoi "barbudos"..chiunque essi siano..ne sono certo. Fede.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità