>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

baku2.jpg
Petrolio all’India, per una strana via
Stampa
  Text size

L’India riceverà il greggio estratto in Asia Centrale, ossia dalle repubbliche ex-sovietiche attorno al Caspio.
A guardare una carta, il percorso teoricamente più breve sarebbe un oldeotto Nord-Sud-Est, attraverso l’Afghanistan, o anche attraverso l’Iran.
Invece, Delhi otterrà il petrolio del Caspio dalla Turchia, attraverso un lungo e tortuoso percorso.

L’oleodotto usato sarà quello (fortemente voluto da Washington, per tagliare la Russia dai giacimenti del Caspio) che parte da Baku, attraversa la Georgia, e sbocca al porto turco di Ceyhan  nel Mediterraneo orientale.
Alquanto lontano dal subcontinente indiano.
Ma niente paura: da Ceyhan, le petroliere porteranno il petrolio dall’altro lato dell’ex mare nostrum, fino al porto israeliano di Ashkelon.
Qui, l’oro nero sarà versato nell’oleodotto che va da Ashkelon ad Eilat sul Mar Rosso, dopo un percorso di 254 chilometri.

Qui, altro trasbordo: petroliere in attesa caricheranno il greggio asiatico e faranno rotta verso
il golfo di Aqaba, il golfo di Aden, il Mare Arabico e - finalmente – nell’oceano Indiano.
Percorso macchinoso e lungo migliaia di chilometri più del necessario?
Forse.
Ma quando il ministro degli Esteri turco Ali Babacan, in visita a Delhi, ha avanzato questa proposta, l’India ha accettato con entusiasmo (1).

Lo Stato indiano dipende fortemente dall’estero per l’energia: importa il 70% del suo fabbisogno, e verso il 2020 dipenderà al 91%.
Oggi, il 45% delle sue forniture gli viene dai petroliferi del Golfo Arabico, Bahrain, Kuweit, Oman, Qatar, Arabia Saudita.
Se si tiene conto di altre forniture provenienti da altri Paesi del Medio Oriente, si arriva al 67% delle forniture.
Una zona di alta volatilità politica, destabilizzata dagli USA e dalla «guerra al terrorismo».

In questo contesto, l’offerta turca è apparsa come provvidenziale, perché scavalca le zone minacciate e destabilizzate.
E’ un vantaggio per la Turchia, il cui nuovissimo porto di Ceyhan, finito nel 2006 proprio come sbocco finale del greggio del Caspio dopo 1.768 chilometri dell’oleodotto che porta un milione di barili al giorno, langue alquanto (l’Europa continua a servirsi per lo più dalla Russia, attraverso le condutture del nord europeo).

E’ un vantaggio per l’India, tanto più che il greggio ad essa destinato, passando per quella via, salterà il passaggio nel canale di Suez, che non può accogliere superpetroliere e i cui noli sono carissimi.

E’ un vantaggio soprattutto per Israele.
Il suo oleodotto Ashkelon-Eilat, costruito nel 1968 per trasportare il petrolio iraniano (allora sotto lo Scià filo-americano), è da allora praticamente inutilizzato.
Una pura perdita.
Ma mentre veniva costruita la conduttura Baku-Tbilisi-Ceyhan, il porto di Eilat è stato risvegliato a nuova vita, adattato ad ospitare superpetroliere, in attesa di clienti.
Ora il grosso cliente è stato trovato.

Adesso diventa forse persino conveniente la stesura di un oleodotto sottomarino tra Turchia e Israele, da tempo progettato ma sospeso per mancanza di utilizzatori.
Israele guadagnerà notevoli royalty di passaggio, e farà concorrenza al Canale di Suez, il che non guasta.
L’India, assetata di petrolio e ansiosa per la situazione in Medio Oriente, ha cercato in ogni modo
di diversificare i suoi fornitori; ma per una ragione o per l’altra, il tentativo non è riuscito.
Verso est, ha cercato di fornirsi dal Myanmar e dal Vietnam.
Ma il progetto di un gasdotto dal Myanmar è stato bloccato dalle pretese del Bangladesh - attraverso cui la conduttura avrebbe dovuto passare: il governo di Dakka pretendeva in cambio la rimozione dei dazi delle merci bengalesi verso l’India, e inoltre royalty giudicate eccessive.

baku2_388.jpg


Un altro progetto è in piedi: l’oleodotto Iran-Pakistan-India, proposto da Mosca e dalla Shanghai Cooperation Organization.
Ma ovviamente l’India ha subito forti pressioni dagli USA che osteggia questo progetto perché favorirebbe Teheran.
Del resto, anche il Pakistan (su suggerimento di Washington) ha liquidato il progetto – l’oleodotto passerebbe sul suo territorio, consentendo al Paese di guadagnare royalty - proprio chiedendo royalty esosissime.
Gli Stati Uniti per contro vedono bene un oleodotto Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan (TAP), ed hanno invitato Delhi ad unirsi al progetto (che costerà 4 miliardi di dollari).

Ma guarda caso: il Turkmenistan il Paese fornitore del gas, ha giustappunto deciso di aumentare le sue forniture a Gazprom, facendole salire a 50 milioni di metri cubi.
Siccome il Turkmenistan produce in tutto 60 milioni di metri cubi, per l’India ne resterebbe pochissimo.
E il TAP è diventato per nulla conveniente, sicchè sembra che il progetto sia stato cancellato.

Nella sua ricerca di altri fornitori, Delhi ha avuto una mano da Mosca, che le ha lasciato vincere una quota significativa dei giacimenti Sakhalin I; in Africa, i tentativi di diventare cliente della Nigeria sono falliti, certamente per interessamento di Pechino che in Africa è ben impiantata.
Non miglior fortuna hanno avuto altri tentativi.
In Kazakhstan l’India stava per comprare una compagnia canadese di estrazione  (PetroKAzakhstan), ma se l’è vista soffiare dalla Cina.

Ora la compagnia indiana OMEL (una joint venture del colosso indiano Mittal) sta cercando di comprare il 50% del giacimento Satpayev sul Caspio, una alleanza con la compagnia di Stato kazaka in posizione dominante.
La Tata Petrodyne (della famiglia Tata, gli Agnelli dell’India) ha acquistato la metà della Caspian Investment Resources, che apparteneva alla russa Lukoil.

Altri acquisti o tentati acquisti sono in corso, a conferma dell’interesse indiano per gli idrocarburi del Caspio (la terza riserva mondiale).
Ma poi, dal Caspio, il gas e il greggio vanno portati a destinazione; e qui sorgono le difficoltà più impreviste, in parte geografiche (il Caspio non ha sbocchi ad altri mari), ma soprattutto geopolitiche.
Alla fine, all’India non resterà che ricevere il greggio del Caspio dalla Turchia e da Israele.




1) Sudha Ramachandran, «Turkey offers oil pipe lifeline to India», Asia Times, 27 febbraio 2008.



Home  >  Asia/Africa                                                                                     Back to top


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# licio 2008-02-27 18:23
TOTO' NON AVREBBE DUBBI A DEFINIRE QUESTA SITUAZIONE UNO \"GNOMMERO\"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vito parisi 2008-02-27 18:29
Sul porto di Ceyhan e quello di Eliat erano già caduti i sospetti di un simile piano, durante l'aggressione giudaica al Libano, nell'estate 2006.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vasco 2008-02-27 18:32
Se Israele diventa terra di passaggio del petrolio per l'India, allora il piano è più insidioso. Esiste già da prima della 2. guerra mondiale un vecchio oleodotto Mosul-Haifa che è lì che attende di essere riattivato. Se ora la Turchia occupa militarmente il Kurdistan iracheno, lo sfruttamento dei pozzi di Mosul avverrà in joint-venture con Israele. La gestione dell'oleodotto Baku-Tblisi-Ceyhan non sarà mai economicamente in attivo perchè gli oleodotti originariamente previsti sul fondo del Caspio in arrivo dall'Asia Centrale non saranno più costruiti. Russia e Iran stati rivieraschi non permetteranno la realizzazione del folle progetto che sconvolgerebbe gli equilibri ecologici e geopolitici.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Yezidism 2008-02-27 18:36
rimane sempre il fatto che l'india possiede molta energia nucleare 8anche bombe), quindi non è mai dipendente dagli altri come lo è il popolo italiota, c'è anche l'opzione che la stessa india possa prendersi gli idrocarburi con la forza esattamente come fanno gli usa. Quando il prezzo salirà oltre i 150 dollari al barile gli italioti andranno a piedi ma a mio parere molte nazioni assetate di idrocarburi selo prenderanno con la forza, (gli usa ormai hanno fatto scuola) oppure voi pensate che la cina o l'india siano degli schiavi degli usa come lo sono gli italioti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Andrea 2008-02-28 00:14
Desidero segnalare ASPO Italia e lo studio che conduce sul Picco del Petrolio. http://www.aspoitalia.net/index.php?option=com_content&task=view&id=3&Itemid=32 e anche http://www.aspoitalia.blogspot.com/. La teoria del picco secondo me spiega molto bene tanti fenomeni attuali e passati (ad esempio la crisi petrolifera dei primi anni '70 a motivo del picco di produzione registrato negli USA e la politica successiva del governo americano fino ad oggi).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# luigi 2008-02-28 10:42
e cosa ne dite del fatto che la concessione per il wi max in Italia l'ha presa un israeliano? Non è che ci controlleranno la posta vero? Noo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Wolf MURMELSTEIN 2008-03-03 18:18
Cosi si spiegano i primi razzi su Ashkelon e su altre città del Negev. Si cominciò lanciando i primi razzi su Sderot e poi si allargava il tiro. Chi finanzia Hamas evidentemente vuole bloccare la via commerciale e l'oleodotto Ashkelon-Eilat. La tragedia del Medio Oriente ha molte vittime e moltissimi tifosi che incitano le parti a combattersi. Ma dietro questi tifosi ci sono nell'ombra dei finanziatori interessati ad impedire ogni possibile pace; lo stesso schema del tifo ultrà negli stadi e dintorni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# FAbio 2008-03-26 17:40
Certamente signor Murmelstein: 4 razzi artigianali sicuramente manderanno in frantumi oleodotti e porti israeliani!!! Capisco che debba reggere la parte ai suoi compatrioti ma cerchiamo di restare coi piedi per terra!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paolo 2008-04-24 22:26
Domanda?? Se qualche ricercatore trovasse una soluzione alternativa al petrolio che fine farebbe? La stessa del Dr. Eugene F. Malove? Omicidio preventivo o salvezza del mondo PanIsraeliano O forse una minestra alla Arafat con veleno all'AIDS ect. ect. ect "CAIFA" è vivente nei suoi nipoti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità