>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

I Lefebvriani: "Ebrei nemici". Centro Wiesenthal: sono antisemiti
Stampa
  Text size
Nuova polemica dei Lefebvriani. Il superiore della fraternità sacerdotale San Pio X, mons. Bernard Fellay, accusa i "nemici della Chiesa", "ebrei, massoni e modernisti", di remare contro il rientro del gruppo tradizionalista nella Chiesa cattolica. Protesta il mondo ebraico. E il Vaticano prende le distanze. "Abbiamo molti, molti nemici. Chi è che in tutto questo periodo è stato più ostile al riconoscimento della fraternità da parte della Chiesa? I nemici della Chiesa. Gli ebrei, i massoni, i modernisti!", ha detto l'erede di Lefebvre in un discorso pronunciato il 28 dicembre a New Hamburg, in Canada, riportato in questi giorni dai siti tradizionalisti.

"Interessante, no? Cosa hanno detto a Roma? Hanno detto 'Dovete costringere queste persone ad accettare il Vaticano II. E' molto interessante, no? Persone che sono all'esterno della Chiesa, che nel corso dei secoli sono state chiaramente nemici della Chiesa, hanno detto a Roma se volete accettare queste persone, bisogna costringerli ad accettare il Concilio. Non è interessante? Oh, è vero! Penso sia fantastico! Perché ciò mostra che il Vaticano II è cosa loro! Non interesse della Chiesa - lo vedono bene, i nemici della Chiesa, il beneficio che traggono dal Concilio. Molto interessante! E sì, posso dire che è il tipo d'argomento che useremo con Roma Cercare di farli riflettere".

Parole subito criticate nel mondo ebraico. Il centro Simon Wiesenthal ha denunciato che "la descrizione degli ebrei come 'nemici della Chiesa' prova una volta di più l'antisemitismo profondamente radicato al cuore della teologia della fraternità sacerdotale San Pio X". In un comunicato del distretto statunitense dei lefebvriani si precisa che le parole di Fellay erano riferite "ai leader delle organizzazioni ebraiche, non al popolo ebraico" e si denunciano le "ripetute false accuse di antisemitismo o odio formulate nel tentativo di silenziarne il messaggio"

Interpellato dall'agenzia stampa francese 'I.Media', il portavoce vaticano Federico Lombardi ha ribadito che la Chiesa è "profondamente impegnata nel dialogo" con gli ebrei ed è "impossibile" formulazione l'affermazione fatta da Fellay. Lo scorso 27 ottobre la pontificia commissione Ecclesia Dei, responsabile per la Santa Sede dei rapporti con i lefebvriani, aveva pubblicato una nota nella quale si sottolineava che i tradizionalisti avevano indicato di aver bisogno di "ulteriore tempo di riflessione e studio, per preparare la propria risposta" a Roma in vista di un rientro nelal Chiesa cattolica e il Vaticano era "in attesa della risposta ufficiale". Ma "dopo trent'anni di sperazione, è comprensibilie che vi sia bisogno di tempo per assorbire il significato" dei "recenti sviluppi" segnati da un negoziato dottrinale bilaterale. "Mentre il nostro Santo Padre Benedetto XVI - concludeva la nota - cerca di promuovere e preservare l'unità della Chiesa mediante la realizzazione della riconciliazione a lungo attesa della Fraternità sacerdotale di S. Pio X con la Sede di Pietro - una potente manifestazione del munus Petrinum all'opera - sono necessarie pazienza, serenità, perseveranza e fiducia".

Pochi giorni prima, i Lefebvriani avevano espulso il vescovo Richard Williamson, noto alle cronache per le sue posizioni antisemite. Il responsabile vaticano per i rapporti con l'ebraismo, il card. Kurt Koch, aveva poi spiegato, in una conferenza di fine ottobre, che "gli ebrei temevano che, attraverso un eventuale atto di reintegrazione di una serie di sacerdoti e credenti con tendenze antigiudaiche", la Chiesa cattolica "potesse dare una nuova direzione al dialogo con l'ebraismo", mentre "un riavvicinamento con la Fraternità sacerdotale San Pio X non significa assolutamente che le posizioni di detta Fraternità vengano accettate o appoggiate".

Fonte >  Virgilio.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# edop 2013-01-09 11:45
E loro anticristiani,a ntioccidentali, anti....etc..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vito Parisi. 2013-01-09 12:28
I semiti sono i semiti: Giordania, Siria, Libano, Iraq, là i popoli sono semiti. Anche i sefarditi ebrei sono semiti. Non mi risulta, però, che lo siano gli askhenaziti, i quali comandano sia su Israele come stato attuale che sull'occidente e sull'alta finanza. Quel gruppo etnico non ü semita ma centrasiatico e, avendo le leve del potere in mano, induce a credere gran che pericolosi come antisemiti coloro i quali dissentono dalle decisioni askenazite di vertice. La NATO ha giä distrutto la Siria; più antisemita di cos^...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# MINICIT 2013-01-09 13:03
Sicuramente p. Lombardi e il card. Koch ritengono "impossibile formulazione" anche l'affermazione di San Paolo
"Costoro (i J.) hanno ucciso il Signore Gesù e i profeti, hanno perseguitato noi, non piacciono a Dio e sono nemici di tutti gli uomini" (1 Tess 2,15)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# annilus 2013-01-09 13:36
Che molte realtà sociali siano contrarie alla chiesa cattolica non è certo un segreto, nè lo è il fatto che in israele
giornalmente vengano sputacchiati i preti cattolici o lordate chiese conventi
con continue intimidazioni a danno dei cristiani, basta andare su internet: i video che lo attestano sono innumerevoli.

Detto questo:
Io non capisco bene il senso del termine "antisemita" che mi pare un qualcosa di ambiguo ed indistinto, una specie di anatema che gli ebrei scagliano su chi vogliono come e quando vogliono perchè non sono d'accordo su qualcosa o perchè vogliono tacitare scomode verità o opinioni.... ad ogni modo dire che gli ebrei sono ostili verso la fede e la chiesa cattolica mi pare una banalità.

Aggiungo che a quanto mi risulta nessuna comunità ebraica minimamente significativa ha mai dichiarato pubblicamente di essere favorevole al rientro della Fraternità Sacerdotale San Pio X in piena comunione con Roma, mentre abbondano le dichiarazioni di preoccupazione in tal senso da parte di eminenti rappresentanti dell'ebraismo.

Se le comunità ebraiche vogliono nei fatti dimostrare di non avere niente in contrario al rientro della comunità lo esprimano pubblicamente e chiaramente, altrimenti invece di protestare provvedano a stare in silenzio almeno...

E' strano però... i massoni non parlano... i modernisti non possono farlo... e "il mondo ebraico".. (quale???) protesta???

Sarà coda di paglia???

Perchè non badano prima ai fatti loro e alle dichiarazioni "protonaziste" di molti dei loro rabbini?

Ad ogni modo il centro Simon Wiesenthal, così come previsto dal suo statuto invece di stare a denunciare e protestare
come un qualunque intollerante cattolico, all'insegna della tolleranza e della comprensione (prendo spunto dal loro stesso sito), avvi una sana e produttiva fase di dialogo ed apertura ecumenica verso le comunità lefevriane
come auspicato anche dal vaticansecondo...
dando il buon esempio per prima... come si addice ad un bravo "fratello maggiore" no???

ahahahahahahaha ha

e basta co stè buffonate no????
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2013-01-09 16:30
Non mi sento indulgente verso chi adopera strumenti inadatti per situazioni che richiedono, invece, grande cura. Dire che il problema sono gli ebrei o i semiti sono un problema, invece di essere più precisi e di che i nemici sono i "sionisti", è come dire che, se dei ladri stanno scassinando la mia porta, devo chiamare il falegname per aggiustarla od il pittore per ridipingerla. Questa è una guerra politica che viene condotta, anche in modo sleale, da chi ha un preciso piano "politico". Mescolare una categoria "religiosa" come "ebreo" oppure una categoria "etnica" come "semita" non ha molto senso se non di fare confusione, di creare equivoci, di nascondere le vere responsabilità agli occhi del mondo. Per fortuna che ci sono delle organizzazioni di ebrei ortodossi come Neturei Karta o Jews for Israel che affermano "Gli ebrei non sono sionisti ed i sionisti non sono ebrei"...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Em 2013-01-09 21:16
Dio benedica la Fraternità sacerdotale san Pio X; loro dicono sì sì, no no.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# crystalfamily 2013-01-10 11:48
niente di nuovo sotto il sole...mamma mia, non si annoiano da soli sti sionisti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-01-10 17:23
E pensare che è stato proprio mons. Fellay ad espellere dalla Fraternità sacerdotale San Pio X il vescovo Williamson. Ecco come è stato ripagato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# edor 2013-01-11 09:45
....e sono nemici di tutti gli uomini" (1 Tess 2,15).
No,animali parlanti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità