>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Papa Francesco testimone della Fede di sempre
Stampa
  Text size
Senza motivo gongolano i progressisti

Per attingere la verità sulle due anime in conflitto nella Chiesa cattolica nell’età contemporanea occorre rammentare che la teologia ortodossa afferma, nel Credo niceno, che Cristo verrà nella gloria a giudicare i vivi e i morti, laddove il progressismo afferma l’inesistenza dell’inferno (o la paradossale, grottesca esistenza di un inferno vuoto) e in ultima analisi nega l’eventualità del giudizio finale.

A ben vedere, l’inferno vuoto (teorizzato da Karl Rahner e da Urs von Balthasar, due comete in volo devastante sul Vaticano II e ultimamente teorizzato dal post-cristiano Vito Mancuso) nasconde, sotto l’untuosa e subdola cappa del buonismo, la temeraria opinione dei modernisti intorno al paradiso vuoto.

Contagiati e frastornati dalle rovinose suggestioni propalate dalla smaccata/estinta modernità, i teologi progressisti rilanciano la dottrina modernista, versione rovente del millenarismo. Dottrina in cui si contempla una beatitudine in terra, il paradiso orizzontale annunciato dagli utopisti, dai visionari e dagli autori delle inutili e sanguinarie rivoluzioni moderne.

La verità ultima del modernismo strisciante fra le righe della mitologia progressista è il capovolgimento gnostico della vera fede, ad esempio la sentenza di Sergio Quinzio secondo cui la promessa della beatitudine eterna sarebbe addirittura cadaverica e pertanto dovrebbe essere respinta sdegnosamente.

Il Paradiso celeste, nell’ottica dei progressisti, si rovescia sulla terra delle sinistre bufale, ieri promesse dai giacobini e dai comunisti oggi da economisti in marcia delirante/devastante sotto la cialtronesca bandiera dei cravattari.

L’essenza del progressismo, in ultima analisi, consiste nella negazione del giudizio finale e nel trasferimento del paradiso cristiano nelle terre immaginarie propriamente dette utopie, cioè regni dell’illusione e degli orrendi olocausti.

Ora nella biografia di Papa Francesco, Jorge Mario Bergoglio, si legge la chiara affermazione di due verità che allontano da lui il qualunque sospetto di appartenenza alla triste e vuota comunella dei teologi progressisti. La prima verità affermata dall’arcivescovo di Buenos Ayres contempla l’azione distruttiva di satana nelle campagne per la diffusione del matrimonio pederastico, oggetto di culto di tutte le scuole progressiste. La seconda verità, la trascendenza del fine ultimo promesso da Gesù Cristo all’umanità redenta, riguarda la fallacia delle tesi millenaristiche in corsa nella teologia della liberazione, tesi che il cardinale Bergoglio confutò magistralmente.

Francesco papa dei poveri, dunque, significa l’esatto contrario di papa degli allucinati e degli empi al seguito dei vessilli delle rivoluzioni disgraziate e sanguinarie.

La scelta d’intitolare il suo pontificato a San Francesco, il Santo della restaurazione cristiana e il testimone di una virtù indirizzata unicamente al Regno celeste, infine, conferma la perfetta lontananza di Jorge Mario Bergoglio dalle delizie terrestri vanamente annunciate dai progressisti iniziati all’ateismo eleusino (massonico) e/o al cadaverico modernismo.

L’esultanza televisiva dei banditori progressisti, ad esempio il gongolante professore Alberto Melloni, in definitiva, manifesta soltanto il conformismo e la pochezza intellettuale dei conduttori di trasmissioni che promuovo/emettono trasparenti errori, sciocche illusioni e turgide banalità.

Piero Vassallo




 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# linaprimo 2013-03-14 23:58
Tutti caro Piero vorrebbero che fosse come dice lei e così dovrebbe essere ma deve fare ben altro che la guerra ai "pederasti" come dice lei...voglio ricordarle che sono pur sempre figli dello stesso Dio e fratelli di Gesù e vivono sulla stessa terra che il buon Dio ci ha donato per nutrici, con questo non sto dicendo che approvo matrimoni fra omosessuali e l'affido, tutt'altro, ma un pò di sano rispetto si
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2013-03-15 08:04
scusate, un po' di rispetto per i pederasti ed infinita infamia per i semplici "femminari"? ma va là!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2013-03-15 10:37
Il primo e più importante rispetto è verso le leggi di DIO.
Il decalogo ordina:

Non desiderare la donna d'altri.
Non commettere atti impuri

L'omosessualità è un degrado sessuale
al limite subumano.
Coloro che per una natura errata fossero
soggetti ad istinti perversi andrebbero
aiutati non esaltati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2013-03-16 17:02
Esatto
La carità nei loro confronti è aiutarli a superare l'errore, non a coccolarli nell'errore
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-03-15 12:20
Dobbiamo Citazione linaprimo:
Tutti caro Piero vorrebbero che fosse come dice lei e così dovrebbe essere ma deve fare ben altro che la guerra ai "pederasti" come dice lei...voglio ricordarle che sono pur sempre figli dello stesso Dio e fratelli di Gesù e vivono sulla stessa terra che il buon Dio ci ha donato per nutrici, con questo non sto dicendo che approvo matrimoni fra omosessuali e l'affido, tutt'altro, ma un pò di sano rispetto si



Rispettare anzi amare gli uomini, ma disprezzare e rifiutare il peccato che eventualmente commettono. Chi si fa servitore di Satana non può essere certo rispettato per quello che ha scelto di essere e di fare. Se liberamente il pederasta o il degenerato (di qualunque abominio morale si tratti) vuole non combattere la sua debolezza, bensì innalzarla a propria ontologia, allora non può esserci altro da parte nostra che rifiuto e disprezzo, non in quanto uomini, ma in quanto seguaci volontari del maligno.

------------------------------------

I lettera di Giovanni 1,8-10:

Se diciamo che siamo senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi. Se riconosciamo i nostri peccati, egli che è fedele e giusto ci perdonerà i peccati e ci purificherà da ogni colpa. Se diciamo che non abbiamo peccato, facciamo di lui un bugiardo e la sua parola non è in noi.

---------------------------------

Chi nella pederastia e nell'abominio morale pretende di non peccare ma di esercitare un suo diritto ha fatto una scelta precisa e volontaria che costringe
anche gli altri a tenerne conto.

-----------------------------------------

II Lettera di Giovanni 1,8-10:
Fate attenzione a voi stessi, perché non abbiate a perdere quello che avete conseguito, ma possiate ricevere una ricompensa piena. Chi va oltre e non si attiene alla dottrina del Cristo, non possiede Dio. Chi si attiene alla dottrina, possiede il Padre e il Figlio. Se qualcuno viene a voi e non porta questo insegnamento, non ricevetelo in casa e non salutatelo; poiché chi lo saluta partecipa alle sue opere perverse.

----------------------------

Chi segue oggi questi insegnamenti?

Chi chiama con sdegno pederasti i pederasti o chi definendosi cattolico
incede a indegne pratiche omosessuali
e si dichiara di costoro amico e ne sostiene le battaglie politiche atte a sdoganare pratiche peccaminose e
contro-natura ????

A mio avviso ama il pederasta molto più Vassallo quando ne disprezza pubblicamente il comportamento che non i buonisti dei miei stivali che con la scusa di amare il prossimo invece di confessare Cristo ....(come dice Papa Francesco I citando quel gigante dell'insulto cattolico che fu Leon Bloy) ...Confessano il demonio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# linaprimo 2013-03-15 15:50
Mi ero corretta poco sotto, ma evidentemente non ha letto, la volontà di cambiare non parte dal consiglio degli altri ma da noi stessi, possiamo leggere montagne di libri e conoscere il Sacro Vangelo a memoria ma non basta, e nel Vangelo si leggono le "opere"e non solo le parole di Gesù; chiedo scusa se non riesco ad esprimermi ed essere così fraintesa ma quanti predicano bene e razzolano male
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco 2013-03-15 00:43
Ben detto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2013-03-15 00:51
Sottoscrivo.
C'è una tale fame di millenarismo e complottismo apocalittico, che fra poco sentirò qualcuno che spaventato scoprirà che interpolando il numero delle consonanti, pronunciate dal papa nel primo discorso, inequivocabilme nte ne esce il numero 666!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giulio 2013-03-15 14:03
Buona questa!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# umberto64ok 2013-03-15 01:59
Grazie a Vassallo; sottoscrivo parola per parola.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# andrea.4463 2013-03-15 06:19
Vedremo. Solo il tempo farà da giudice.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rogerus 2013-03-15 07:35
Voglia Dio che sia così! e che il Papa, non solo vescovo di Roma, ci proclami, senza mezzi termini e senza timore del mondo, la Fede di sempre e che povertà e umiltà non si accompagnino necessariamente a bruttezza e sciatteria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2013-03-15 09:00
Cristo predicava sul Regno dei Cieli, principalmente, il che indica tale argomento come reale e basilare, cioè come la roccia solida a fondamento della Casa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2013-03-15 09:03
Caro Vassallo considera che non ho mai sentito nominare il cardinale Bergoglio e quindi mi limito a quello che conosco del suo primo giorno come Papa Francesco.
A parte la " sciocchezzuola " da me postata all'articolo di Blondet a seguito di una sua strana sollecitudine, ho anche sentito la scarna omelia a braccio. Non so cosa pensi in effetti dell'inferno ma ha citato una frase di Leon Bloy: "Chi non prega il Signore, prega il diavolo", spiegando poi: "quando non si confessa Gesù Cristo, si confessa la mondanità del diavolo, la mondanità del demonio".
Se un giorno apparisse al balcone per chiarire alle genti qualche cosa di più sul concetto di "mondanità", senza improntarlo troppo al pauperismo ed al dialogo ma anche alla realtà predatoria che stanno subendo, benvenuto il Papa Francesco.
Cari saluti.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ALEXFOX4 2013-03-15 10:04
scusate cari amici, ma dopo che Paolo VI denunciò la presenza del fumo di satana nella casa di Dio, quante volte avete sentito parlare del demonio? nelle prediche domenicali? sentite parlare dell'inferno? nel migliore dei casi da preti che sostengono che è vuoto... con tale eresia potremmo fingerci tranquilli (ma sappiamo che si tratta di un satanico inganno) inoltre il card Bergoglio ha affrontato a muso duro il governo pseudo/peronista e ha messo la presidentessa in grane difficoltà - ha sconfessato duramente la teologia della liberazoione, un mostricino generato dall'ala avanzata del Vaticano II - vi sembra poco, amici miei?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio_1234 2013-03-16 11:20
Quanto afferma il prof. Vassallo mi trova pienamente d'accordo.
Fermo restando che ogni valutazione (il "giudizio" non spetta a noi, mai) è inevitabilmente prematura, va comunque sottolineando che in soli due giorni Papa Francesco ha detto, fra l'altro:
- "Chi non prega Dio prega satana" (Ok, sarà anche una citazione, ma non pare scelta a caso);
- che uno dei più gravi problemi è l"autoreferenzial ità" della Chiesa di oggi (sfido chiunque a dimostrare il contrario);
- che la Chiesa deve uscire in strada e portare la croce di Cristo, perché "senza Gesù siamo una ong" e basta (affermazione commovente, per quanto è vera).
Da quanto tempo aspettavamo di sentire parole così ferme, concetti così chiaramente espressi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# linaprimo 2013-03-15 10:13
Allora non mi sono spiegata....io sicuramente se dovessi scegliere preferirei essere vittima che carnefice. Anzichè invocare il popolo a pregare per lui (papa Francesco), che di per se dovrebbe ben sapere cosa fare e cos'è il GIUSTO, avrebbe dovuto far pregare per chi NON SA: QUELLI HANNO REALMENTE BISOGNO, QUELLI CHE HANNO PERSO LA STRADA E CHI NON L'HA MAI TROVATA O CHI PER IL VIL DENARO, PER SODDISFARE I BISOGNI ILLUSORI DEL CORPO, NON TENENDO CONTO DI POSSEDERE ANCHE UN'ANIMA E LO SPIRITO DISTRUGGE "LA VITA" DONO DI DIO, e distruggendo la vita degli altri prima di tutto distruggono se stessi. E' l'AMORE che manca, quello vero QUELLO CHE TRASCENDE LA VITA STESSA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# suparta 2013-03-15 21:42
Citazione linaprimo:
Allora non mi sono spiegata....io sicuramente se dovessi scegliere preferirei essere vittima che carnefice. Anzichè invocare il popolo a pregare per lui (papa Francesco), che di per se dovrebbe ben sapere cosa fare e cos'è il GIUSTO, avrebbe dovuto far pregare per chi NON SA: QUELLI HANNO REALMENTE BISOGNO, QUELLI CHE HANNO PERSO LA STRADA E CHI NON L'HA MAI TROVATA O CHI PER IL VIL DENARO, PER SODDISFARE I BISOGNI ILLUSORI DEL CORPO, NON TENENDO CONTO DI POSSEDERE ANCHE UN'ANIMA E LO SPIRITO DISTRUGGE "LA VITA" DONO DI DIO, e distruggendo la vita degli altri prima di tutto distruggono se stessi. E' l'AMORE che manca, quello vero QUELLO CHE TRASCENDE LA VITA STESSA


Basta! Non è luogo di diatribe personali. Scrivetevi via mail, ma non disputate su incomprensibili incomprensioni. Voliamo alto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rosetta M. 2013-03-15 10:15
Speriamo, speriamo veramente sia così.E comunque ci "resta" sempre Cristo! A me quelle braccia penzoloni incapaci di abbracciare e benedire mi hanno lasciato un freddo nello stomaco, un pò come questa ostentata povertà che spero non sia una tattica per nascondere altri intenti e confondere la massa belante di fedeli smarriti. "EPPERO', IN SUBORDINE, CI RESTA CRISTO":)!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# linaprimo 2013-03-15 10:31
Caro Piero Vassallo provi un pò a informarsi della vita di Orlando Yorio e Francisco Jalics all'interno della vita di. l'allora gesuita Bergoglio nel febbraio del 76 e cosa scrisse di quell'episodio Verbitsky
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# suparta 2013-03-15 21:58
Citazione linaprimo:
Caro Piero Vassallo provi un pò a informarsi della vita di Orlando Yorio e Francisco Jalics all'interno della vita di. l'allora gesuita Bergoglio nel febbraio del 76 e cosa scrisse di quell'episodio Verbitsky


Nulla di particolare. Un giornalista incazzato con un prete. Un libro che costruisce un'accusa. Tante illazioni, nessuna prova. Siamo alle solite.
Ci vuole ben altro...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2013-03-15 11:01
Alcune citazioni dell'allora cardinale Bergoglio per chi continua a vederlo figlio del progressismo..

In un discorso rivolto a preti e laici argentini, il 2 ottobre 2007:
«Noi non siamo d’accordo con la pena di morte – disse -; ma in Argentina abbiamo la pena di morte. Un bambino concepito a causa dello stupro di una donna con problemi mentali può essere condannato a morte»

Nel 2007 presenta di suo pugno l’«Aparecida Document» in cui scrive:
«Non si può ricevere la Santa Comunione e nello stesso tempo agire o parlare contro i comandamenti, in particolare quando sono facilitati l’aborto, l’eutanasia e altri seri crimini contro la vita e la famiglia. Questa responsabilità si applica in modo particolare a legislatori, governanti e personale sanitario»

In un libro intervista ha dichiarato:
«Se c'è un prete pedofilo è perché porta in sé la perversione prima di essere ordinato. E sopprimere il celibato non curerebbe tale perversione. O la si ha o non la si ha»
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# MASSI1970 2013-03-15 11:05
"Non venite a Roma ma donate ai poveri". In teoria è meraviglioso, purtroppo però mi ricorda un pochino troppo Giuda quando in merito alla libbra d'olio usato da Maria per ungere il capo e i piedi del Signore sei giorni prima della Pasqua, affermò che sarebbe stato meglio venderlo e donare il ricavato ai poveri.Festeggiare il Papa è festeggiare Cristo e quante persone accorrevano anche solo per vederlo o toccarlo. Questo Francesco lo dovrebbe sapere. Spero di sbagliarmi su tutto.Non prevalebunt.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2013-03-15 11:50
Non venivano per festeggiare il papa, ma l'incardinazione!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# MASSI1970 2013-03-15 12:29
Scusi, Lei ha perfettamente capito su cosa ho voluta mettere la mia attenzione, e la ringrazio della Sua risposta perchè mi permette di conoscere meglio lo spirito dei farisei. Una pignoleria contraffatta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2013-03-15 15:20
Invece lei non ha capito per niente il mio intervento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-03-15 12:22
Plauso a Vassallo. Ottimo l'articolo
che sottoscriverlo per intero.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# italiano borbonico 2013-03-15 12:25
La mia sensazione rimane controversa: mi impressiona vedere l'eccessivo pauperismo della croce di ferro, ma in generale la sua sobrietà (anche nel linguaggio) mi piace. Poi indubbiamente diverse sue posizioni sembrano non solo ortodosse ma persino coraggiose... e forse anche efficaci politicamente, vista l'accoglienza che il mondo gli ha riservato in queste prime ore di pontificato.

Rimane il dubbio sull'efficacia della rinuncia di papa Benedetto (nessuno mi pare abbia provato seriamente a smentire la tesi metafisica del prof. Radaelli) che renderebbe non solo nulla quest'elezione, ma avrebbe generato nientemeno che un antipapa!

Detto francamente: è meglio avere un vero papa pavido e non all'altezza del suo ruolo (ce ne sono stati a decine, eppure la fede della Chiesa non è stato intaccata e nemmeno è in pericolo: al massimo rimane un po' nascosta) piuttosto che un "finto" papa che tutti credono vero e che personalmente è persino apprezzabile, ma che in mancanza dell'appoggio dello Spirito Santo può insegnare contro la Fede.
Sarebbe bene dissiparlo quest'atroce dubbio, peggiore del sedevacantismo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# antaratman 2013-03-15 12:29
http://www.grandeoriente.it/comunicati/2013/03/il-gran-maestro-raffi-con-papa-francesco-nulla-sara-piu-come-prima.aspx

http://www.bnaibrith.org.ar/website/contenido.asp?sys=2&id=1372

E' in spagnolo, ma non poi così difficile da capire, per chi vuole.

L'astuzia del demonio è siderale e
la lingua del serpente biforcuta.
Anche io, come molti su questo sito,
ho voluto credere per un momento nel "miracolo" anche se con una certa riserva, visto i "campioni" del passato, che hanno di fatto diventare la Chiesa
una Sinagoga di Satana. Se non impariamo a stringerci intorno a CRISTO come solo Faro della Vita, non avremo mai capito nulla.

"Maledetto l'uomo che confida nell'uomo,
benedetto l'uomo che confida in Dio".
Ma no, ISAIA si è sbagliato!

Per i laici che forse ricordano Dante:
”Uomini siate, non pecore matte, si che di voi tra voi, 'l giudeo non rida...”.
E' il caso di dirlo.
Manca la fede signori, quella vera, oltre al coraggio di guardare in faccia alla realtà, per quanto devastante e dolorosa si presenti, meglio ancora sarebbe combattere la menzogna.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# catholico 2013-03-15 14:11
Caro amico, per noi la Chiesa è intermediaria tra Cristo e il credente in Dio. La nostra religione non implica mai la ricerca di un rapporto diretto con la divinità (salvo se non è Lui a rivelarsi direttamente a noi e anche in questo caso è sempre è necessario passare attraverso il sacerdote). Quando si cerca il rapporto diretto con Dio si esce dal Cattolicesimo e si intraprendono strade molto pericolose sulle quali incontriamo anche gli eretici di ogni tempo. Gesù ci vuole speranzosi e occhi positivi.
Quando la Chiesa appare corrotta e inaffidabile ricordi sempre che non è la fede nella Chiesa a salvarci ma la fede nelle promesse di Cristo alla sua Chiesa e questo basta. Poi ognuno se la vedrà nel Giudizio finale per le proprie responsabilità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# remox 2013-03-15 13:32
Leggo commenti allucinanti....

Se non riuscite a discernere da questi pochi e primi atti del papa quel che sarà il suo magistero allora siete proprio ciechi.

Vedrete che prestissimo, quando si accorgeranno del loro madornale errore, cominceranno i latrati rabbiosi dei soliti cani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# catholico 2013-03-15 14:03
Dopo il Papa attore e il Papa filosofo, finalmente uno che vuol essere semplicemente un Papa cattolico. Come un bravo parroco dei paesi nostri ha fatto pregare la piazza. Dal balcone ha sfoderato subito tutto l'impianto dottrinale nostro in una mirabile sintesi: Padre nostro, Ave Maria (alla faccia dei protestanti) e Gloria (Trinità, alla faccia degli altri monoteisti) se questa è la linea ci sarà ben poco materia per l'ecumenismo! E poi l'Indulgenza!!! Ancora alla facciazza del protestanti! Sarà ecumenico? Se porta agli altri la Trinità, la Madonna e la Comunione dei santi mi sta bene! Basta con teatrali miscugli con i pagani riti in giro per il mondo e tortuose e accademiche filosofie per cercare sintesi impossibili.

Finalmente è anche finita la IIGM e la storia può ripartire: basta con questi polacchi e tedeschi con i loro polpettoni storici che inevitabilmente hanno richiamato di continuo il problematico confronto con gli Ebrei. La storia ricomincia da noi, dalla nostra tradizione e dalle nostre devozioni: Padre nostro, Ave Maria e Pater Gloria. E ognuno per la propria strada.

W IL PAPA PARROCO!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nahars 2013-03-15 14:13
mi sembra che le cosa vadano piuttosto bene: basta osservare che i media hanno espunto la parola 'diavolo' dalle dichiarazioni del SantoPadre .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-03-15 14:25
D'accordo con l'articolo. Se l'Inferno è vuoto, o non esiste che è la stessa cosa, a cosa servono la Legge morale, i Comandamenti, il Giudizio Universale e, in ultima analisi, l'Incarnazione? Si rendono conto, questi buonisti eretici e confusionari, che stanno negando le fondamenta del Cristianesimo ( e di ogni altra religione) con le loro tesi stranpalate? Allora tanto vale diventare atei, dire che dopo la morte non c'è niente e vivere secondo il principio del carpe diem. Quanto a coloro che confondono il Cristo con Chè Guevara, sarebbe meglio che facessero un esame di coscienza e operassero una scelta definitiva tra i due.
Non solo non si sente più parlare del male, ma ho recentemente sentito in Parrocchia nelle omelie, più di una volta, l'affermazione buonista e pazzesca che il male non esiste. Il male sarebbe solo l'assenza di bene. Viene il sospetto che questi preti non abbiano mai letto l'Apocalisse, o anche il Vangelo lì dove parla delle tentazioni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# antaratman 2013-03-15 14:37
Citazione remox:
Leggo commenti allucinanti....

Se non riuscite a discernere da questi pochi e primi atti del papa quel che sarà il suo magistero allora siete proprio ciechi.

Vedrete che prestissimo, quando si accorgeranno del loro madornale errore, cominceranno i latrati rabbiosi dei soliti cani.


Dai cani passiamo agli asini che volano, e purtroppo ora anche scrivono.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# suparta 2013-03-15 22:08
Non siate offensivi fra voi. Il tempo ci dirà che Papa sia, ma ora non è tempo di condanne
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# remox 2013-03-18 17:26
Citazione antaratman:
Citazione remox:
Leggo commenti allucinanti....

Se non riuscite a discernere da questi pochi e primi atti del papa quel che sarà il suo magistero allora siete proprio ciechi.

Vedrete che prestissimo, quando si accorgeranno del loro madornale errore, cominceranno i latrati rabbiosi dei soliti cani.


Dai cani passiamo agli asini che volano, e purtroppo ora anche scrivono.


Spero non avrà intepretato il "cani rabbiosi" contro la sua persona, altrimenti dovrei condividere, verso di lei, la sua ultima affermazione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2013-03-15 14:52
Bravo Prof. Vassallo, sottoscrivo parola per parola, però ciò che mi ha colpita nel cuore è stata la parentesi di silenzio e raccoglimento, tacere e pregare, basta con il rumore e le chiacchere. Tutta la Piazza pregava, commovente!
Abbiamo bisogno di silenzio, questa è la sua "umiltà", nella calma ed il silenzio potremmo adorare i simbolismi creati dalla Fede, dalle immagini religiose, che sono espressioni arcaiche che ci appartengono, sono necessarie a rompere i limiti di una ristretta dimensione che esige ora e adesso immaginazione nel tacere.
Questo Papa è laureato in filosofia ed ha scritto molte cose, anche sulla base della sua enorme esperienza in Argentina, cose agli antipodi del "pensiero debole", e ricorda a tal proposito che la persona calma e mansueta non è vile o indolente, ma è colui che non ha bisogno di imporre le sue idee con la seduzione o l'illusione perchè la nobiltà della Fede è fedele alla Verità.
E arrivata l'ora della Verità e di tacere, l'idiosincrasia oramai ha raggiunto alte vette, gente pedante, che cerca solo vantaggi personali, gente che travolge il mondo con la furbizia, mai competitiva, solo figure sportive o televisive, politici corrotti e manipolatori. Ridimensioniamo tutto.
Quanti ancestri dopo la Seconda Guerra dovettero fuggire per aver combattuto per un ideale in quelle terre lontane, apportando solo civiltà, cultura, educaizione?
Adesso è arivata l'ora della Verità , un miracolo dello Spirito Santo.
Quanti italiani per non cadere nell'ipocrisia o nell'odio comunista dovettero emigrare proprio dove il Papa ha introdotto l'ironica frase: "mi siete venuti a cercare alla fine del mondo"
Ai progressisti fa comodo dire che è semplice, che è sudamericano, che come Francesco predica la concordia, l'amore per ogni forma di vita, ma l'ex Cardinal Bergoglio è più italiano di tutti, con tal cognome non è affatto straniero, è il massimo della Tradizione e rappresenta il continente non secolarizzato con la più alta quantità di cattolici del mondo. E un conservatore moderato, la Chiesa e lo Stato devono conservare la calma, non si tratta di militari, marinai, e civili, per cui la faccenda Bergoglio e Compagnia dei Gesuiti, sarà un tema per gli storiografi del futuro che andranno a favore o contro ciò che oggi si dice di lui, alla stessa maniera come furono aiutati i miei nonni dai Vescovi di Genova per scappare senza nulla di nulla in Argentina e rifarsi una vita, grazie a Dio bellissima e santa, pena la fucilazione a casa loro. Tutto ciò dopo fu tema degli storiografi, sono 70 anni che chiaccerano, visto che i giudizi della Storia sono astrazioni che il cambio ed il movimento ridurranno alla minima espressione.
Credo che tutta la Chiesa già dall'uccisione di Romero nel Salvador, la massima espressione della dittatura militare, cominciò a cambiare rotta ed a tenersi in disparte da eventuali conflitti diplomatici con certi tipi di governi militari.
Credo anche che la galleria di Santi francescani presentata dal dottor Garofoli Luciano in questo giornale, sia una dimostrazione del politicamente scorretto che non ha nulla a che fare con il poverello d'Assisi, come disse il Profeta Isaia: " Questo popolo mi onora con le parole, ma il suo cuore è lontano da me".
La retrospezione di Bergoglio dovrebbere porsi qualche domanda sulla ragione politica di italiano e non , come vogliono i progressisti di oggi, da sudamericano, altrimenti, come fu per quei santi francescani che andavano dai turchi a convertirli per poi morire malati ed umiliati in patria, quali teologi della Liberazione, farebbero passare San Francesco il primo degli eretici.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Militiaceleste1 2013-03-15 16:46
MI PERMETTO DI FARE PICCOLE, ILARI OSSERVAZIONI, PREMESSO CHE QUALCHE RISERVA LA MANTENGO....come fa ad essere definito PROGRESSISTA un uomo che contemporaneame nte è 1) POVERO NEI MODI E NELLO STILE DI VITA;2 SIMPATICO E CARISMATICO 3) FIGLIO DI POVERA GENTE; 4) AMATO DA SUO POPOLO.
Detto questo, aspettiamo qualche settimana, e poi vedrete, i vari tizi alla Scalfari cominceranno le solite litanie, anzi i soliti latrati, magari questa volta incolpando la MITICA CURIA ROMANA....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# umberto64ok 2013-03-15 16:51
Ma quale Papa attore o filosofo; andare a trovare i cattolici anche dall'altra parte del mondo non significa fare il parroco del mondo? almeno qui stereotipi e luoghi comuni lasciamoli fuori.

Ogni Papa ha il carisma necessario a rispondere alle urgenze del suo tempo.
Ancora grazie a Vassallo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ALEXFOX4 2013-03-15 17:09
grazie milvus, grazie del chiarimento che condivido senza riserve, p.v.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ALEXFOX4 2013-03-15 21:09
a umberto64ok
le litanie anticlericali si odono già - questa sera mortizia/atropo da rai 3 ha lanciato il grido di condanna - un papa omofobo, antifemminista, anti-abortista, anti socialista... non è tollerabile!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# *Pellegrino 2013-03-16 00:02
Qualcuno è in grado di spiegare la citazione di Leon Bloy??
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raff 2013-03-16 19:15
Citazione *Pellegrino:
Qualcuno è in grado di spiegare la citazione di Leon Bloy??


Giusta domanda!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-03-19 18:14
Cosa intendete per "spiegare"????

Volete una spiegazione sul contenuto della citazione (che è chiarissima a mio avviso) oppure una spiegazione sul perchè
abbia citato Bloy ???(chiaro anche questo sempre a mio avviso).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# linaprimo 2013-03-16 08:43
Grazie di tutti i suggerimenti carissimo Fanco lei si che vola alto io invece cammino sulla terra con tutti i miei fratelli cattivi o buoni che siano: ringrazio ogni giorno il Padre di avermi fatto parte della normalità, senza infamia e senza lode sicuramente, ed è per questo che ogni giorno posso dirmi:
QUESTO E' UN GRAN GIORNO PER MORIRE MA ANCHE UN GARAN GIORNO PER VIVERE.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paolaerre46 2013-03-16 09:49
Qualche cosa di nuovo sta accadendo. Ma mi sembra che il buon senso suggerisca - prima di sparare sagge sentenze - che forse sarebbe il caso di aspettare ancora un po'. E comunque, visto il periodo dal quale veniamo e nel quale siamo, occhi ed orecchie ben aperti (e Vangelo pure). Chi sai o sarà Papa Francesco lo vedremo filtrando le sue azioni proprio attraverso le pagine della Scrittura, ma senza pregiudizi. Occhi aperti e cuore saldo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# SART 2013-03-16 11:02
Caro Piero Vassallo,

ho esitato molto prima di scrivere queste righe. Ma è per pura carità cristiana, non per offenderti, che vorrei farti sapere che l'attuale Papa è totalmente in servizio del rabbinato talmudico, e non da poco tempo. Inoltre, non è affatto avverso alle coppie omosessuali, anzi. Se vuoi farti un'idea di ciò che pensa l'attuale papa a riguardo dei sodomiti, leggi questo articolo in uno spagnolo assai facile da capire:

http://www.perfil.com/contenidos/2010/07/24/noticia_0015.html

Tornando alla questione centrale, ovvero alla sudditanza al rabbinato talmudico di questo papa, secondo le mie povere indagini, compiute via internet, il suo servaggio alla Sinagoga risale ad ALMENO il 2007, quando ha concelebrato in sinagoga il capodanno ebraico:

http://www.zenit.org/it/articles/il-cardinal-bergoglio-in-una-sinagoga-per-il-capodanno-ebraico

Appena insediatosi, come primo atto pubblico, nel giorno del suo insediamento, ha scritto al rabbino di Roma, come ulteriore atto di vassallaggio:

http://www.zenit.org/it/articles/papa-francesco-scrive-al-rabbino-di-segni

Ti faccio notare che, a Roma, la comunità ebraica conta solo 17000 fedeli e che i musulmani sono molte volte più numerosi, senza contare i buddisti, anche questi più numerosi dei giudei, come gli induisti del resto. Perfino i testimoni di Geova sono ben più numerosi. Ed allora perché si deve scrivere proprio al rabbino?

Insomma, questo papa non ti confermerà nella Fede di sempre, ma, al contrario, farà di tutto per fartela perdere. Pensa che, secondo lui, la festa ebraica della Hannukkà equivale al Natale cristiano! Se non ci credi, guarda qui:

https://www.youtube.com/watch?v=BkeaWNH2kCE

Non pensare che io mi diverta a scriverti queste righe. Il fatto è che solo la verità può renderci liberi di seguire Dio.

Tuo in Christo Rege,

Scipione Antonio Rino Tagliaferro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# remox 2013-03-18 17:41
Quando si postano link bisognerebbe leggerli prima.
Il presunto modo diverso di pensare sui gay è attribuito dalla rivista a una fonte anonima confidenziale, non al cardinale Bergoglio di cui invece conosciamo bene l'opinione per averla espressa lui direttamente.
Riguardo alla "sudditanza" al rabbinato non è altro che una discutibile deduzione sua, fatta sulla base di un filmato youtube e un paio di articoli. Complimenti.
Neanche ha cominciato che già siamo alla solita manfrina che siamo noi a saper fare i papi meglio dei papi stessi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# antaratman 2013-03-16 13:06
Citazione Militiaceleste1:
MI PERMETTO DI FARE PICCOLE, ILARI OSSERVAZIONI, PREMESSO CHE QUALCHE RISERVA LA MANTENGO....come fa ad essere definito PROGRESSISTA un uomo che contemporaneame nte è 1) POVERO NEI MODI E NELLO STILE DI VITA;2 SIMPATICO E CARISMATICO 3) FIGLIO DI POVERA GENTE; 4) AMATO DA SUO POPOLO.
Detto questo, aspettiamo qualche settimana, e poi vedrete, i vari tizi alla Scalfari cominceranno le solite litanie, anzi i soliti latrati, magari questa volta incolpando la MITICA CURIA ROMANA....


Veramente la definizione di progressista è stato dato all'annuncio di chi era il nuovo Papa dopo l'annuncio di Turan Habemus Papam:" E' il card.Jorge Mario Bergoglio, argentino e progressista" e subito dopo è apparso Bergoglio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2013-03-16 14:16
Teologia della Liberazione= Odio
Dottrina sociale della Chiesa che facilitò la comparsa politica del social-fascismo e di Mussolini= Amore
Odio e Amore sono due facce della stessa moneta.
Forse questo Papa è arrivato qui a farci capire che strana cosa sia successa con l'Amore, sopratutto qui, sede della massima autorità ecclesiastica.
Paolo VI dichiarò che le guerre contro un oppressore sono guerre giuste di liberazione, quindi si legittima un certo tipo di "violenza", nel senso che dopo la II Guerra M. il Papa non potè rappresentare tutti gli interessi nell'ordine materiale di ciò che riguarda il sue gregge imbastardito.
Questo perchè nel campo della Teologia della Liberazione contaminata ci furono sacerdoti di qualunque gerarchia ad esercitare i loro poteri, e fini che gli anni 60 in Italia post fascista prepararono in America Latina gli anni 70 e la Chiesa posteriore agli anni di piombo, Bergoglio in quello stato ereditò quale italiano il trono di Costantino I.
Con l'amore è sucessa una cosa strana e conseguente, visto che le orme di Pietro in Italia si persero negli anni 60, una cosa drastica e purtroppo questo lo hanno compiuto le migliori persone con le migliori intenzioni del mondo.
Anzichè servire l'Amore come insegna Dio, si sono messi ad insegnarlo. L'odio è puro, quando si odia si è genuini, mentre se si ama Dio si è ipocriti.
Così durante tutto gli anni la religione, le religioni, la politica, la pedagogia insegnano l'Amore in generale. Lo insegnano perchè l'Amore sfugge al controllo quando si possiede e gli altri, il potere temono dove l'amore in un esssere umano possa arrivare. Così nessuno possiede amore, ma vi è posseduto. Tutte le società hanno desiderato solo una cosa: controllarci, la società teme la nostra "selvaggia" naturalezza, così fin quando nasci inizia a tagliarci piccoli pezzi d'ala, perchè le nostre possibilità di amare sono pericolosissime , ed una volta discese in noi ci fanno afrrontare il mondo intero.
Forse per questo amore verso l'Italia, dal torinese, gli ancestri di Bergoglio sono dovuti scappare, per non tradire la Tradizione o vivere 70 anni d'odio, fortunati come molti che poterono scegliere!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2013-03-16 16:59
L'inferno vuoto porta l'inferno ovunque
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# catholico 2013-03-26 12:29
Citazione zampano:
L'inferno vuoto porta l'inferno ovunque



Geniale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maccabeo 2013-03-17 17:28
Su youtube c'è la "messa pinocchio" con Bergoglio che presiede! Contra factum...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# stefi 2013-03-18 09:10
in piena coscienza condivido perchè già sapevo , ciò che ha postato SART ....NON DIMENTICHIAMO CHE CREDO TUTTI siamo a conoscenza di profezie autorevoli che non ci fanno dormire sonni tranquilli...è vero che il buon giorno si vede dal mattino ma dipende sempre da come si è dormito la notte...sicuramente nessun papa potrà scardinare le mie certezze in fatto di verità e davanti a Dio dovrò rispondere delle mie mancanze....se saranno toccati i sacramenti, l'eucarestia , i dogmi ...beh allora non ci saranno più dubbi...per ora possiamo solo amare e pregare sperando che i dubbi che abbiamo non si trasformino in certezze.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# remox 2013-03-18 17:42
E quali sarebbero di grazia le profezie che attribuirebbero a questo papa volontà malsane nei confronti della Chiesa? Cominciamo a mettere i classici puntini sulle "i".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2013-03-19 20:45
Volevo aggiungere due riflessioni sempre sul nuovo fiammante Papa Francesco. Non è italiano di nascita, ma i genitori lo sono, parla bene la lingua, per le leggi di Mendel, geneticamente per lo ius sanguinis, è italiano.
Anche Mendel è stato ignorato perchè era religioso.
Tra la compagnia controriformist a creata da Ignazio di Loyola mondialista e militarizzata "yerbatera" di Asunciòn, dal guanto di velluto ed il pugno di ferro, e quella di oggi ci sono differenze: quella dentro la cornice storica che circoscrisse il periodo della conquista e colonizzazione fu molto più importante della nomina di Bergoglio Papa. Segnarono rotte precise di un capitalismo avanzato che aveva saputo sfruttare in maniera intelligente gli aborigeni e difendere i territori ambiti dai portoghesi. Carlo III sotto influenza massonica non volle "lo stato dentro lo Stato" allora fece prendere piede alle ologarchie posteriori, per cui i Gesuiti e la Massoneria ebbero conflitti ma anche vicinanze, così come non è sconosciuta la presenza della massoneria nella Chiesa.
La Chiesa sa bene di non essere stata imperneabile alle idee ed alle ideologie, infatti ha permesso lo sviluppo di correnti e linee di pensiero politico che ebbero ed hanno i loro protagonosti in vari livelli gerarchici.
Anche un tempo il superiore della Compagnia si chiamava Papa Nero, perchè influente quanto un pontefice, ma aveva la sottana nera, l'abito talare, che adesso quasi nessuno, all'infuori dei francescani nessuno porta più.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Boanerghes 2013-09-20 17:14
Bisogno riconoscere la sconfitta: i progressisti avevano ragione.
Contra factum non valet argomentum.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità