>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

I cinquecento jihadisti «made in UE»
Stampa
  Text size
Centinaia di cittadini europei sono a fianco dei ribelli siriani nella guerra al regime di Bashar al-Assad. Accanto a quelli che l’Occidente considera ribelli “cattivi”: integralisti sunniti. A rivelarlo è il coordinatore dell’antiterrorismo dell’Unione europea, Gilles de Kerchove, intervistato dall’emittente inglese Bbc.

De Kerchove ha riferito che il numero dei volontari partiti dal Vecchio continente è di 500 circa, in massima parte provenienti da Irlanda, Regno Unito, Belgio e Francia. La ricerca citata, elaborata dal Centro internazionale per gli studi sulla radicalizzazione (Icsr) del King’s College di Londra, non ha individuato un flusso di partenze verso il fronte siriano dall’Italia.

Gli europei ammonterebbero al 7-11% degli stranieri dispiegati sul terreno. In realtà, il contro-spionaggio della Federazione russa, nella persona del colonnello Lev Korolkov, ha già dato l’allarme in proposito all’inizio di aprile, parlando di «una rete efficace che possiede numerosi centri di arruolamento presso le gigantesche diaspore di oriundi dei Paesi islamici».

Secondo Mosca, più sensibili alle sirene integraliste sono le quarte generazioni di immigrati, arruolate da ex combattenti con soldi sauditi e qatarioti. Tutte rivelazioni che rafforzano l’inquietudine della comunità internazionale sulla natura dell’esercito ribelle e sulle implicazioni del conflitto. «Non tutti loro sono radicali quando partono, ma molto probabilmente alcuni lo diventano lì, vengono addestrati», ha detto il coordinatore De Kerchove, chiosando: «Questo potrebbe rappresentare una seria minaccia quando rientrano» nei Paesi dai quali sono partiti.

Così la guerra siriana, di cui non si riesce a intravvedere né una soluzione politica né tantomeno un esito militare, diventa sempre più una questione mondiale. La presenza sul territorio siriano di jihadisti tunisini, egiziani, caucasici, iracheni e asiatici è ormai cosa nota: sul cadavere di numerosi combattenti ribelli sono stati rinvenuti documenti attestanti nazionalità extra-siriane; lo stesso vale per l’esercito di Damasco, affiancato da ufficiali scelti iraniani e libanesi sciiti.

Ma del flusso europeo non si era mai parlato apertamente. I dati diffusi giungono in un frangente critico: in seno all’Ue, la Gran Bretagna preme affinché l’embargo sulle armi venga interrotto per fornire supporto ai ribelli. Così anche Parigi, pronta a sganciarsi dagli altri Paesi europei. Intanto, Washington incrementa il pacchetto di aiuti «non letali» agli insorti. Ma il rischio è alto: la Siria del dopo-Assad potrebbe essere, nel migliore dei casi, in mano alla Fratellanza musulmana, come l’Egitto e la Tunisia. Nel peggiore dei casi, un feudo salafita con ambizioni regionali. Uno scenario apocalittico per Israele, Libano, Giordania, Turchia e via dicendo.

Indicativo, dunque, il comunicato dell’Esercito siriano libero di ieri, in risposta ai volontari sunniti libanesi: «Come comando supremo dell’Esl, ringraziamo ma respingiamo qualsiasi appello alla jihad in Siria e la presenza di combattenti stranieri». Come i miliziani islamisti di Jabhat al-Nusra (Fronte di liberazione della Siria), che giurano fedeltà all’Els, ma esibiscono l’alleanza con Ayman al-Zawahiri e al-Qaeda Iraq. Un conflitto nel conflitto sembra ormai dietro l’angolo.

Federica Zoja

Fonte >
   Avvenire.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# sivispacemparabellum 2013-04-25 18:11
Non potrebbero arruolare estremisti in europa senza il consenso tacito dei "servizietti" dei governi occidentali.
I porci governanti occidentali mandano questi assassini ad uccidere i Cristiani di Oriente senza che la Chiesa Ufficiale denunci apertamente questi ipocriti mostri che magari hanno il coraggio di dichiararsi "cristani" e poi operano per lo sterminio dei Cristiani di Oriente! Vergogna!
Ivan
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-04-25 20:01
In realtà sono più di 500 dei 3000 - 5500 combattenti non siriani. Ma queste sono stime ufficiali, quelle reali non le sa nessuno. Der Spiegel riporta che sono molti sopratutto dalla Germania e che il BND ha già dato l'allarme. Ovviamente tutti sono paralizzati dalla possibile accusa di razzismo se qualcuno, non sia mai, dovesse decidere di espellerli dal Paese. Bisognerà aspettare che scoppino le autobombe anche quì come in Libano.
"..più sensibili alle sirene integraliste sono le quarte generazioni di immigrati"
Un'altra prova che la cittadinanza è diventata un pezzo di carta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità