>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

La bolla di miliardi che non gonfia la ripresa
Stampa
  Text size
Nel suo anno e mezzo alla guida della Banca centrale euro­pea Mario Draghi ha tagliato quattro volte i tassi (erano all’1,5% quando è entrato in carica e ora sono allo 0,5%), ha prestato mille miliardi alle banche, ha comprato i titoli di Stato dei Paesi in difficoltà e ha promesso che se sarà necessario tornerà a comprarli, e in quantità illimitata.

Ha riempito di soldi l’Europa come nessuno aveva mai fatto prima, ma quel denaro si ferma nei bilanci di banche troppo spaventate per prestarli alle imprese. Al massimo i soldi finiscono in Borsa. «Siete frustrati per la cautela del­le banche?» gli ha chiesto un giornalista americano nella confe­renza stampa del 2 maggio, dopo l’ultimo taglio dei tassi. «Siamo... sì, frustrati, certamente, ha usato la parola giusta – ha risposto il banchiere italiano –. Il fatto è che noi non andiamo in giro a spar­gere soldi con l’elicottero. In Europa bisogna passare dalle ban­che ».

Sono trascorsi 44 anni da quando l’economista Milton Fried­man inventò l’esempio dell’elicottero della banca centrale che get­ta banconote dal cielo su un paesino afflitto dalla deflazione, e quell’immagine è ancora straordinariamente efficace. Quando quel cronista lo ha stuzzicato, a Draghi saranno venuti in mente i suoi due principali colleghi, che hanno fatto già decollare i loro e­licotteri spargisoldi: l’americano Ben Bernanke (non a caso 'Heli­copter Ben', per i critici) e il giap­ponese Haruhiko Kuroda. L’eccezionale politica monetaria e­spansiva della Bce appare poca co­sa davanti a quello che stanno fa­cendo la Federal Reserve e la Ban­ca del Giappone.

Dopo avere azze­rato i tassi e immesso nel sistema 2mila miliardi di dollari compran­do bond del Tesoro e titoli legati ai mutui, la Fed lo scorso settembre ha avviato il suo terzo piano di 'quantitative easing': «Comprere­mo titoli legati ai mutui al ritmo di 40 miliardi al mese», aveva an­nunciato Bernanke, salvo poi raddoppiare la spesa (a 85 miliardi) a dicembre. Bernanke continuerà a rovesciare denaro sull’economia americana finché la disoccupazione non sarà scesa abbastanza: quando ha iniziato il tasso dei senza lavoro era all’8,1%, ad aprile la quota di disoccupati era diminuita al 7,5%, l’obiettivo è scendere ver­so il 6%.

Nel frattempo sull’altro lato del Pacifico il nuovo governa­tore giapponese Haruhiko Kuroda sta caricando i suoi elicotteri. Il primo ministro Shinzo Abe lo ha chiamato per aiutarlo a risolleva­re – a colpi di spesa pubblica – un’economia depressa da vent’anni e lui ci vuole riuscire con un piano monetario realmente faraonico: in due anni raddoppierà i soldi in circolazione in Giappone. La ba­se monetaria aumenterà di 130mila miliardi di yen (987 miliardi di euro, ai cambi attuali). «Voglio adottare tutte le misure immagina­bili » ha avvertito l’economista giapponese: comprerà senza molti scrupoli titoli di Stato con scadenze quarantennali, ma anche fon­di comuni di investimento al ritmo di 7 miliardi di yen al mese. Il suo obiettivo è riconquistare un’inflazione stabile al 2%, un mirag­gio desiderabile in un Paese in cui i prezzi sono da anni in discesa e il debito è al 230% del Pil.

Se poi, come in effetti sta accadendo, Ku­roda ottiene anche una svalutazione dello yen che può dare una ma­no alle esportazioni, tanto meglio. Anche il Regno Unito è pronto a far decollare il suo elicottero. La cloche è affidata al canadese Mark Carney, che dal 1° luglio prenderà il posto dell’attuale governatore Mervyn King. La Banca d’Inghilterra, che ha tassi allo 0,5% da 4 an­ni, ha già adottato misure estremamente aggressive, comprando ti­toli di Stato per 375 miliardi di sterline (443 miliardi di dollari), ma da Carney – che da governatore del Canada ha protetto il Paese dalla crisi – molti si aspettano mosse più ardite. Se queste strategie funzioneranno gli studenti di economia delle prossime generazioni troveranno nei loro manuali lunghi capitoli sugli anni in cui la crisi fu affogata in un mare di denaro.

Se falli­ranno quelle pagine parleranno di come la recessione fu ulterior­mente peggiorata da una bolla inflazionistica gonfiata da Bernanke, Kuroda e colleghi. Perché un’inflazione galoppante è il naturale ef­fetto collaterale di una politica monetaria troppo espansiva. Per il momento l’inflazione è sotto controllo, la domanda è debo­le e i soldi freschi non hanno dato grandiosi risultati nell’economia reale. Piuttosto si sono viste grandi cose sui mercati finanziari, che stanno facendo il pieno di nuova moneta. La ricerca di alti rendi­menti ha portato le ondate di liquidità sul mercato dei titoli di Sta­to dell’euro, facendo crollare i tassi dei Btp italiani e dei Bonos spa­gnoli.

Con tanti soldi in giro le Borse sembrano avere trovato il Pae­se di Bengodi, con gli indici che abbattono i massimi toccati prima della crisi: a marzo nuovo record storico Wall Street, questo mar­tedì record per Francoforte, mercoledì record per la piccola In­stanbul. Fra qualche settimana potrebbero arrivare anche i record di Londra e Zurigo. Il rischio è che impreviste interruzioni del flusso di nuova liquidità facciano crollare i listini e rimandino alle stelle gli spread . La spe­ranza è che nel giro di qualche mese si parli anche dei 'record' di ripresa delle aziende e dell’occupazione. Il bello della metafora del­l’elicottero è che la pioggia di soldi aiuta la gente del villaggio a sta­re meglio. La banca e la Borsa non sono menzionate.

Fonte >  Avvenire.it



Home  >  Worldwide                                                                          Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Indaco 2013-05-13 17:52
Riflessione semiseria:
Non è, semplicemente, che le banche vogliono avere in cassa tanto denaro, quanto rischiano nelle loro operazioni finanziarie.
Basterebbe dargliene, un po' di più e, forse, il di più andrebbe all'economia reale.
Non è che il concetto di riserva frazionaria, è, nei fatti, in via di superamento da parte delle banche stesse.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2013-05-14 08:56
E' solo una pia illusione: le banche UNIVERSALI (sono quelle che possono "speculare", cioè "giocare" in borsa, col danaro dei correntisti) sono come quei ludopatici a cui, più soldi dai, più ne buttano nella canna del c..so delle macchinette "mangiasoldi".
Invece le banche che "investono" SOLO sul territorio (cioè nelle imprese che forniscono PRODOTTI e/o SERVIZI) sono quelle (come la banca di STATO del Nord Dakota) alle quali e' VIETATO speculare in borsa per STATUTO.
Fra l'altro le banche private italiane (questo vale anche per le altre nazioni ma non conosco le cifre) ci hanno RUBATO in circa 12 anni (cioè dall'introduzione dell'euro) circa 100'000 miliardi di euro (con la TRUFFA del SIGNORAGGIO), coi quali hanno fatto circa 15'200 miliardi di UTILI su cui NON hanno pagato un centesimo di tasse perchè le hanno nascoste nelle FONDAZIONI (se avessero versato circa il 28% come gli stipendiati, direttamente in busta paga) avrebbero dovuto sborsare 4'180 miliardi. Questi sì che sono evasori, vero "ragioniere" dei miei stivali, Mario Mortis!? Vero Mario Vampir-Draghi? Vero Enrico Ci-Al-Letta?
E come se non bastasse il debito pubblico, questo FALSO in BILANCIO, viene agitato come un spaventapasseri per terrorizzare le "pecore tristi" che non solo non sanno niente e niente capiscono ma non vogliono nemmeno ascoltare chi li avverte perchè questo le costringerebbe a "pensare" (mamma mia! che mal di testa...)
Loro giusto ascoltano mamma-RAI, zia-Mediaset, o leggono qualche titolo di sfuggita su “La Repubblichetta delle banane” o “Il Corriere della Serva” o “Il Fessaggero” o “SoloBugie24Ore AlGiorno”
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paratore 2013-05-14 13:36
Citazione AlexFocus012:
E' solo una pia illusione: le banche UNIVERSALI (sono quelle che possono "speculare", cioè "giocare" in borsa, col danaro dei correntisti) sono come quei ludopatici a cui, più soldi dai, più ne buttano nella canna del c..so delle macchinette "mangiasoldi".
Invece le banche che "investono" SOLO sul territorio (cioè nelle imprese che forniscono PRODOTTI e/o SERVIZI) sono quelle (come la banca di STATO del Nord Dakota) alle quali e' VIETATO speculare in borsa per STATUTO.
Fra l'altro le banche private italiane (questo vale anche per le altre nazioni ma non conosco le cifre) ci hanno RUBATO in circa 12 anni (cioè dall'introduzione dell'euro) circa 100'000 miliardi di euro (con la TRUFFA del SIGNORAGGIO), coi quali hanno fatto circa 15'200 miliardi di UTILI su cui NON hanno pagato un centesimo di tasse perchè le hanno nascoste nelle FONDAZIONI (se avessero versato circa il 28% come gli stipendiati, direttamente in busta paga) avrebbero dovuto sborsare 4'180 miliardi. Questi sì che sono evasori, vero "ragioniere" dei miei stivali, Mario Mortis!? Vero Mario Vampir-Draghi? Vero Enrico Ci-Al-Letta?
E come se non bastasse il debito pubblico, questo FALSO in BILANCIO, viene agitato come un spaventapasseri per terrorizzare le "pecore tristi" che non solo non sanno niente e niente capiscono ma non vogliono nemmeno ascoltare chi li avverte perchè questo le costringerebbe a "pensare" (mamma mia! che mal di testa...)
Loro giusto ascoltano mamma-RAI, zia-Mediaset, o leggono qualche titolo di sfuggita su “La Repubblichetta delle banane” o “Il Corriere della Serva” o “Il Fessaggero” o “SoloBugie24Ore AlGiorno”


Ma certo...le cose stanno proprio così!

E chissà per quanto tempo ancora potranno,questi spudorati Ingannatori,
al soldo della diabolica***Sat anerìa,
continuar,imper territi,a farsi beffe
del Popolo(in teorìa)Sovrano...

certo che,più tempo passa,e maggiore,
più terribile e pesante,sarà la Pena,
che l'Eterno vorrà riservar..."loro"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# g scotti 2013-05-15 21:40
in italia le banche devono essere nazionalizzate, la storia dice che la banche private italiane sono sempre fallite (e servivano solo a riciclare soldi pu' o meno sporchi)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità