>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Nozze gay, Parigi invasa dai contrari. Alla fine scontri e centinaia di arresti
Stampa
  Text size
I matrimoni fa persone dello stesso sesso sono ormai legge da otto giorni in Francia, ma il fronte per il 'No' non rinuncia a un'ultima dimostrazione di forza. "Siamo un milione", dicono gli organizzatori. Poi militanti di destra irrompono in una sede socialista e comincia la guerriglia. Trentasei feriti, 34 dei quali tra gli agenti

PARIGI
- Partendo da tre diversi punti della capitale per poi confluire nella spianata des Invalides, sfilano ancora una volta a Parigi, in un clima di altissima tensione, gli oppositori della legge sulle nozze e le adozioni per le coppie gay, già promulgata. Secondo gli organizzatori, è sceso in strada più di un milione di persone, mentre le stime della polizia riducono tutto a non più di 150mila manifestanti. Militanti di estrema destra hanno occupato la sede del Partito socialista, rue Solferino, dispiegando un grande striscione con la scritta 'Hollande, dimissioni'.

Tafferugli sono scoppiati alla fine della manifestazione. Sulla spianata degli Invalides, mentre i dimostranti stavano tornando ai pullman, alcuni giovani hanno lanciato sassi contro la polizia, che ha risposto con lacrimogeni. I contestatori hanno scandito slogan contro contro la "dittatura socialista".

Quasi 300 persone sono state fermate e per 231 il fermo potrebbe tramutarsi in arresto. Diverse centinaia di persone non hanno ottemperato all'ordine di sciogliere la manifestazione e hanno sfidato le forze dell'ordine al grido di "esplode tutto, esplode tutto", "dittatura socialista", "Hollande, dimissioni" e "giornalisti collaborazionisti". Secondo il capo di gabinetto del prefetto di polizia, Laurent Nunez, "fra 400 e 500 giovani", "estremamente violenti", sono responsabili degli scontri. Contro le forze dell'ordine e in direzione dei giornalisti, sono state lanciate bottiglie e sassi, oltre ad alcune transenne. I poliziotti hanno risposto con gas lacrimogeni e una serie di numerose cariche. Trentasei i feriti, 34 dei quali tra gli agenti. Proprio per il timore di nuove violenze, le autorità avevano schierato nelle strade 4.500 uomini delle forze dell'odine.

Le nozze gay sono legge da otto giorni in Francia e il primo matrimonio gay sarà celebrato a Montpellier mercoledì prossimo, ma i francesi contrari e organizzati non rinunciano a un'ultima dimostrazione di forza. Quattro i cortei, tre organizzati dal collettivo più noto, la 'Manif pour tous' e un dagli integralisti cattolici di Civitas. Treni e pullman sono arrivati dalle province nel giorno della festa della mamma in Francia, e nonostante il ministro dell'Interno, Manuel Valls, abbia "sconsigliato" di partecipare alle famiglie con bambini.

FOTO

Gli organizzatori puntavano ancora una volta a "superare il milione di persone in piazza", come il 24 marzo. Prima ancora della manifestazione, ieri sera, 56 militanti anti-nozze gay erano stati fermati dopo un "blitz" a sorpresa sugli Champs-Elysees. Frigide Barjot, figura finora simbolo della 'Manif pour tous', è sembrata ormai superata dagli eventi e incapace di controllare gli irriducibili del suo schieramento, al punto da annunciare la sua assenza alla manifestazione di oggi dicendosi minacciata.

Il primo ministro francese Jean Marc Ayrault, ha detto che chi esorta a manifestare deve "far prova di grande vigilanza". Il partito di opposizione Ump "si prende una grande responsabilità provocando l'irrigidimento e la radicalizzazione" di alcuni manifestanti, ha aggiunto. Mentre il ministro dell'Interno, Manuel Valls, ha esortato i partecipanti "a riflettere, essere prudenti, perché siamo preoccupati per la minaccia e la presenza di questi gruppi" di estrema destra.

Secondo un sondaggio pubblicato oggi, tre francesi su quattro ne hanno abbastanza di manifestazioni sul tema delle nozze gay, soprattutto adesso che la legge è stata votata.

Fonte >  Repubblica.it

Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# sivispacemparabellum 2013-05-29 11:17
"La Repubblica" è la voce della culattonia globale del famigerato ing Demaledetti.
Ivan
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità