>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Chi comanda in Italia? Ce lo dice lo storico Giulio Sapelli
Stampa
  Text size
Mai come in questo difficile e confuso momento storico è stato difficile capire chi davvero detiene il potere nel nostro Paese. Ci ha provato nel suo ultimo saggio Chi comanda in Italia, edito da Guerini e Associati, Giulio Sapelli, uno dei più autorevoli storici italiani. Lo abbiamo sentito per farci raccontare la sua visione delle cose. 

Professore iniziamo proprio dal titolo del suo ultimo saggio: chi comanda in Italia?
“L’Italia di oggi è un paese devertebrato ovvero un paese in cui il potere si è disgregato. I partiti e le grandi imprese di fatto non esistono più. In passato in circostanze simili sarebbero intervenuti i militari. Oggi questo non è più possibile e il potere è stato occupato dall’alta burocrazia e dalla magistratura”.

Non è eccessivo dire che i partiti non esistono più? A me sembra che siano più potenti che mai e un altro libro che parla di potere, l’intervista di Madron a Bisignani, conferma questo quadro.
“Quello di Bisignani è sostanzialmente un libro che manda dei segnali mafiosi. Un volume scritto per dire che può ricattare tutti. I partiti di oggi sono dei semplici comitati d’affari che perseguono interessi personali e lobbistici ma che di fatto non esercitano più un potere reale”.

Quindi mi sta dicendo che anche un personaggio del calibro di Silvio Berlusconi non ha potere?
“Berlusconi è potente ma non ha alleanze. E’ un uomo anti-establishment. Appena ha tirato su la testa per entrare nel salotto buono lo hanno massacrato. E’ vero che ha fatto di tutto per farsi massacrare però i miliardi spesi per intercettarlo credo siano un record mondiale”.

Secondo non pochi osservatori l’Italia sarebbe un paese a sovranità limitata ovvero sia il governo Monti che quello Letta in realtà prenderebbero ordini dall’Unione europea o peggio ancora da Berlino. Fantasie o realtà?
“Purtroppo la mancanza di una vera sovranità nazionale è una costante del nostro paese. L’Italia è stata una costruzione geografica messa assieme dalla diplomazia inglese per contrastare il dominio francese nel Mediterraneo. Garibaldi, per esempio, venne assoldato direttamente dagli inglesi tramite la massoneria di rito scozzese. La realtà è che non abbiamo mai avuto la nostra autonomia nazionale e la nostra storia va sempre interpretata nell’ambito dei conflitti di potere internazionali”.

Mi scusi ma qui stiamo parlando del 1800. Da allora sono cambiate tantissime cose.
“Se vuole degli esempi più recenti posso citarle lo smantellamento di alcuni settori industriali italiani voluti da potenze straniere come l’informatica, dove eravamo leader con l’Olivetti, e il nucleare con lo scandalo Ippolito. Per non parlare poi della chimica fine e delle privatizzazioni di Prodi con cui sono state svendute e chiuse intere filiere merceologiche”.

E in questo momento? Cosa sta succedendo?
“Che Francia e Germania stanno imponendo il loro potere su tutta l’Europa compresa l’Italia. Se ancora ci sono delle resistenze dobbiamo ringraziare gli Stati Uniti. Gli americani non vogliono che l’Italia cada completamente nelle mani dei tedeschi e dei francesi per il semplice motivo che sul nostro territorio hanno le loro basi militari. Fino a quando gli aerei americani partiranno dai nostri aeroporti siamo in buone mani. E’ meglio stare con gli Stati Uniti che non sotto il tallone dei tedeschi”.

Prima lei accennava al ruolo della massoneria nel processo di unificazione però non l’ha citata tra i poteri che oggi comandando in Italia.
“Oggi la massoneria non ha più il peso di una volta. I grandi intellettuali, come era per esempio Spadolini, l’hanno abbandonata. Alcuni sono morti, altri si sono messi in sonno. La degenerazione di Gelli le ha dato un colpo terribile. Esiste ancora una buona massoneria patriottica raccolta attorno al rito scozzese ma, ripeto, non conta più come prima”. 

Tornando all’aspetto internazionale, lei ha parlato di un potere franco-tedesco che domina in Europa a cui si oppongono gli Usa. Questa visione presuppone un ruolo molto importante dei singoli Stati e smentisce quanti affermano che il potere del mondo ormai non sarebbe più nelle mani della politica ma in quelle dei grandi gruppi finanziari transazionali.
“Le banche hanno sicuramente un enorme peso ma allo stesso tempo hanno anche un forte legame con gli Stati nazionali. Se la Deutsche Bank non avesse delle relazioni strette con il governo tedesco avrebbe già fatto una brutta fine come le banche americane. L’oligopolio finanziario mondiale condiziona gli Stati ma ha anche bisogno di loro. Il quadro è più complesso di quanto possa apparire”.

Michael Pontrelli

Fonte >
  Tiscali.it



Home  >  Worldwide                                                                            Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# italiano borbonico 2013-07-02 13:37
I periodi in cui l'Italia ha provato ad alzare la testa e rifiutare il ruolo di nazione sottomessa e telecomandata sono facilmente identificabili: Ferdinando II Due Sicilie a metà Ottocento, Mussolini nel ventennio fascista, Craxi durante gli anni Ottanta e Berlusconi nell'ultimo decennio.
A giudicare dalla fine che hanno fatto, delle due l'una: o chi va ha potere ne abusa e si trasforma in tiranno o gli italiani NON vogliono comandare in casa propria.
Potrebbe essere un mix delle due, ma propendo più per la prima...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# italiano borbonico 2013-07-02 16:33
Ho trasformato la frase e invertito i le due ipotesi alternative: intendo che propendo per la seconda, che gli italiani non vogliono essere padroni in casa loro e preferiscono fingere, delegando ad altri (Francia, Inghilterra, USA, Germania...) l'ingrato compito
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maki 2013-07-03 07:55
Non capisco perché dobbiamo sempre sottostare agli ordini stranieri. Ma è una nostra vocazione o altro?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sempreio 2013-07-02 20:07
ha una visione poco accorta della massoneria questo qui
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Scipio emiliano 2013-07-03 13:04
gia' ci sono varie incongruenze, dietro stay behind c'erano vagonate di piduisti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Karl 2013-07-02 22:45
"Fino a quando gli aerei americani partiranno dai nostri aeroporti siamo in buone mani. E’ meglio stare con gli Stati Uniti che non sotto il tallone dei tedeschi"

Hai capito il Sapelli ?. Con i tedeschi "stiamo sotto il tallone", con gli yankees "stiamo con". Va riconosciuto agli USA che i loro talloni ce li hanno messi con stile. Dopo quasi 70 anni siamo ancora come il cane di mustafà (vedi link sotto) :

http://www.youtube.com/watch?v=ACogHja4aGo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sempreio 2013-07-03 19:46
si vede che gli americani lo pagano...
intanto le mille stazioni avveniristiche non servono mai per capire com'è finita alla piccola Denis Pipitone...for exemple
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# steveds 2013-07-02 23:11
Forse le massonerie "ufficiali" hanno perso forza, ma il potere vero è conteso da un pullulare di circoli esoterici prossimi al satanismo, la loro meta naturale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Tubalcain 2013-07-03 19:11
Vorrei indicare un'imprecisione:
"Garibaldi, per esempio, venne assoldato direttamente dagli inglesi tramite la massoneria di rito scozzese."
La massoneria inglese è una cosa ed è, appunto, inglese, la massoneria di rito scozzese, nonostante il nome, rappresenta invece la tradizione che origina negli stati uterini d'america.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Em 2013-07-03 20:25
Più che altro la massoneria italiana è l'ombra di quello che era fino all'inizio degli anni '90.
Oggi invece contano i grandi gruppi di potere establishment (illuminati, bildbergs, trilaterals ecc.).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Caliban 2013-07-03 21:15
Ridicole analisi di questo pseudostorico che puzza lontano un miglio di filoamericanism o. L'Italia sarebbe cara agli Usa perchè in essa ci sono le loro basi? Vada a farsi un giro in Germania per vedere come stanno da quelle parti in fatto di occupazioni da parte dello zio Sam!Ridicolo e in mala fede.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-07-03 21:21
I cosiddetti "autorevoli storici italiani" non possono raccontare la storia altrimenti non sarebbero autorevoli ma emarginati o peggio.
Dire autorevoli inoltre è etimologicament e errato poiché l'autore della storia è un altro. Costoro si limitano ad essere allineati.
Ogni lettore e ogni essere umano abitante in questa penisola se non ottuso o un astuto conformista, sa - anche se storicamente ignorante - che quello che dico è vero.
Perciò l'articolo – senza inutili spiegazioni - storicamente è approssimativo, stereotipato e i commenti idem, a parte uno.
Giulio Sapelli perciò ha detto solo parte della verità, quella appariscente, quella essoterica, quella che la gente deve sapere.
La Verità invece è sempre e solo una:
Se Dio è all’origine di tutto, Lui è la causa di ogni effetto e l’effetto di ogni causa. (José Saramago)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Seahorse 2013-07-04 10:48
L'Italia fu' Una, Unificata, Sovrana ed Indivisibile nel periodo storico che va' dal 4 Novembre 1918 al 25 luglio 1943.

Oggi essa e' storicamente paragonabile al Lombardo Veneto sottomesso all'occupante austriaco.
Mero Quadrilatero militare austriaco allora, Quadrilatero militare statunitense oggi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità