>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Germania, nessun letto per gli storici revisionisti
Stampa
  Text size
The Algemeiner, certamente il più rivoltante mezzo di informazione ebraica in circolazione, ha annunciato che l’industria alberghiera tedesca d’ora innanzi boicotterà David Irving. Come dire che, per un revisionista, sarà «improbabile trovare una stanza disponibile a Berlino».

Rivelato che Irving aveva in programma di tornare a Berlino in settembre per una conferenza, una campagna di diffamazione ad opera di Volker Beck, membro del Green Party Bundestag, ha fatto pressione sugli alberghi della capitale tedesca affinché non accettassero lo storico come loro ospite. Secondo l’organo di stampa ebraica, gli alberghi di Berlino e l’associazione dei ristoratori hanno risposto positivamente alla campagna, invitando i loro associati a non permettere ad Irving di prenotare una stanza. «Per cortesia, non accettate un propagandista di estrema destra».

La sinistra ha per lungo tempo adottato la tattica «nessun palcoscenico» nel tentativo di bloccare relatori, accademici, artisti ed intellettuali che tendevano pubblicamente a non omologarsi con il loro credo. Evidentemente, questo approccio, è ora maturato a nuova fase – la strategia del «nessun letto».

Devo ammettere che è piuttosto divertente essere testimone della continuità politica e culturale tra sionisti hard core e cosiddetti «liberal». Per diverso tempo questa lobby unificata ha combattuto la libertà di parola ed altri elementari e preziosi diritti. Il motto «guerra senza quartiere», da metafora si è trasformato in direttiva concreta: senza quartiere, non c’è spazio, neanche un letto.

Questa campagna contro Irving del «diritto ad un letto» è a dir poco isterica. Molto presto, prevedo che l’industria alberghiera tedesca dovrà rilasciare certificati kosher – una carta blu e bianca – che darà ai titolari il diritto di «pernotto» con colazione continentale inclusa.

Gilad Atzmon

Traduzione per EFFEDIEFFE.com a cura di Lorenzo de Vita

Fonte > 
Gilad Atzmon



La presente traduzione è da noi commissionata a traduttori di nostra fiducia ed effettuata appositamente per EFFEDIEFFE. Diffidiamo dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Franco_PD 2013-07-30 20:03
Suppongo che chi dovesse trasgredire verrebbe "bollato" in qualche modo. Ma non era qualcun altro che "bollava" e metteva "marchi" nel secolo scorso...?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ARDITO 2013-07-30 20:40
Sono diventati i padroni del mondo, raccontando bugie, fatte passare per verità, i peggiori nazisti erano degli angioletti nei confronti di questi personaggi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# renzo 2013-07-31 09:52
Ma sono democratici ARDITO, demo-cratici.
La storia come al solito la scrivono i vincitori. Che schifo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-07-30 21:11
Direttore
si ricorda il suo articolo ANCORA SUI NEOCATECUMENALI che aveva scrito nel 2005? (...) Forse non è noto che Gennarini ha scritto un lungo articolo, ospitato sul Foglio con ovvio entusiasmo, dove ha raccontato la fratellanza neocat ed ebraico-neocon alla Domus Galileae, riferendo delle danze attorno alla Torah, dell’Architetto dell’Universo che vi si adora, e dell’attesa messianica che li accomuna. (...) Chi non era con loro è stato bollato e rovinato. Per cui quel che succede ora ... in questi giorni ... non muta i fatti e non ridà la vita ne a noi come Irving non la ridà a tutti i ragazzi tedeschi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-07-31 08:10
Ricordo che c'è in Germania chi sta scontando 12 (!) anni di galera per negazione dell'olocausto. Irving al confronto è un privilegiato. La cosa stupefacente è che poi questi Paesi (Germania,Franc ia,Austria, Svizzera) si dicono campioni dei diritti umani e criticano questo o quel Paese per mancanza di libertà democratiche, e nessuno della stampa di regime (in questo caso il termine è giustificato) ha il coraggio di farglielo notare.
Quanto alla libertà di parola, sembra che anche quì da noi ci saranno ulteriori restrizioni, a sentire i piani della ministra (dell'invasione) Kyenge. Con la scusa dell'incitazione all'odio razziale tra un po' andrà in galera anche chi si dichiara contro l'immigrazione. Potrete dire che Carderoli (o Berlusconi) è una scimmia ma se lo dite di Balotelli o della Kyenge rischiate la condanna. Certo la cosa non finisce di stupire : un popolo finanzia l'invasione del suo stesso Paese, anche quando la disoccupazione è a livelli record, e poi promuove leggi autodiscriminat orie. È un novum della storia dell'umanità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2013-07-31 17:49
Pietro, nel momento in cui stai parlando con qualcuno, e questo si guarda attorno circospetto e sussurra: "Ma questo si può DIRE?" significa che tutto è finito, che chi si gonfia pontificando di libertà e democrazia è un bugiardo e devo notare che questo comincia già a succedere, nella vita di tutti i giorni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-07-31 18:41
Franco nell'articolo sulla Stampa (http://www.lastampa.it/2013/07/30/italia/politica/stretta-su-web-e-caporalato-e-nel-piano-kyenge-anche-scuole-ditaliano-per-migranti-zXww2Rl1R19wCYcyr7iuEJ/pagina.html) c'è scritto : "In particolare, la stretta dovrebbe riguardare l’uso di Internet per la propagazione virale di odio razziale e istigazione alle discriminazioni ."
ISTIGAZIONE ALLE DISCRIMINAZIONI ??? Che roba è? Qui tra una cosa e l'altra stiamo veramente andando dritti dritti verso un regime stile Unione Sovietica, se non ci siamo già dentro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Hermann 2013-07-31 19:45
Sono molto curioso di vedere cosa succederà alla prima gara del campionato di calcio: il primo accenno di insulto nei confronti di Balotelli o di un qualsiasi giocatore di colore fermerà il gioco. Il calciatore offeso lascerà il campo immediatamente. Multa salatissima e squalifica del campo per gli avversari. Dai filmati la Digos risalirà agli autori, sicuramente giovanissimi, che saranno costretti a pene amministrative e pecuniarie severe, oltre che a processo penale. Il giorno dopo, ululati di sdegno da parte PD, intervento di Napolitano e Letta, convocazione urgente del Consiglio dei Ministri, immediato decreto-legge del Governo con inasprimento di tutte le attuali pene.
Sarà praticamente impossibile anche solo contraddire un non-comunitario per una tazza di caffè.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gustavo d 2013-08-01 07:33
Qui facciamo tutto da soli. L'occidente, sotto forma di multinazionali e banche (non so quanta parte vi abbia l'Italia),sfrutta interi paesi e popoli, li sobilla, provoca fratture etniche, tribali, religiose, li depreda delle loro risorse, poi manda gli "scarti" da noi, dove queste persone vengono messe a carico di cittadini innocenti (lo stato ci mette i soldi, ma anche molti privati cittadini). Insommma è la solita solfa: privatizzazione dei profitti e socializzazione delle perdite, ma su scala mondiale. L'immigrazione incontrollata alla volemose bene ci costa un patrimonio e in questo periodo ci vorrebbe una bella moratoria, altro che sbarchi. Mi permetto di proporre una soluzione: prendere tutti questi immigrati giovani e forti che ciondolano e vagabondano nelle nostre città (compresi i cosiddetti rifugiati) e tanti arzilli zingarelli e metterli a lavorare nei cantieri per creare infrastrutture pubbliche (vitto e alloggio, nel cantiere, e una piccola diaria). Così sperimentiamo pure se funzioni la multiculturalit à e la multirazzialità , ma non a spese nostre.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2013-07-31 09:14
Lo storico David Irving è noto per essere stato forse il più famoso revisionista e negazionista dell'Olocausto. Per questa opinione fu oggetto di un mandato di arresto da parte dell'Austria nel 1989. Tuttavia Irving decise un bel giorno di andare in Austria ad una manifestazione e naturalmente venne arrestato l'11 novembre 2005 in base a quel lontano mandato. A meno di due settimane dall'arresto incominciò a fare marcia indietro sulle sue opinioni e il 20 febbraio si dichiarò colpevole di aver negato l'Olocausto. Liberato nel 2006 se ne va in giro ampiamente screditato.
La domanda da porsi è perché sia oggetto di questa strana e ridicola "grida", anziché essere accolto con il mazzo di fiori per aver aggiunto con la sua altrettanto strana abiura più di qualche nuovo mattone all'edificio.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Riccardo 2013-07-31 10:26
cgdv:

Abiurare per riottenere la liberta' e poi ricominciare ad instillare il dubbio in chi crede alla triste versione storica standardizzata e corretta non mi pare poi un gran peccato.

Pietro ebbe a rinnegare Cristo per prima di diventare Papa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EdoardoCas 2013-07-31 13:22
W la Libertà d'espressione delle democrazie!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# brenno 2013-07-31 22:37
Giustissimo....spero di essere compreso..chi NEGA o minimizza l olocausto deve essere arrestato e condannato nel modo più severo.
Perchè l Europa ha GASSATO 6 o 12 o forse,secondo loro STESSE fonti, 24 milioni di loro.
Appunto... è bene nè nagarlo nè tantomeno...Dimenticarlo...bene perciò andare e costringere i bambini a visitare auschwiz....è bene,per l oggi e per il domani che NESSUNO dimentichi cosa è e puà fare l uomo bianco europeo.
Andateci, guardate,pensat e...e non dimenticate...ricordate sempre...la Storia è una ruota che gira.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Elrond 2013-08-01 09:03
Lunedì, come tutti sanno, il Capitano Erick Priebke ha compiuto 100 anni. Oltre 10 dei quali passati in prigionia agli arresti domiciliari. Assolto, poi condannato "a furor di popolo" (è proprio il caso di dirlo...).
Da un lato mi aspettavo un commento da parte del Direttore Blondet, ma dall'altro ero abbastanza certo che avrebbe evitato... Pur essendomi ripromesso di non farmi trascinare nel solito manicheo gioco da bar "pro o contro i festeggiamenti"...non ho potuto non vedere le immagini proposte da tutti i TG, con la folla inferocita che aggrediva l'amico (o parente non si è capito), che arrivava con una bottiglia di spumante a festeggiare il centenario.E non ho potuto evitare i pesanti conati di vomito nel sentire la schiera di "giornalisti" ripetere le solite frasi fatte e i luoghi comuni triti e ritriti rivolti al Capitano: "boia della fosse Ardeatine", "responsabile della morte di 335 persone" e via di questo passo. Ora, che qualche ventenne annoiato possa essere coinvolto per fare un pò di casino senza sapere di cosa si parli lo posso anche accettare, è sempre successo. Ma che non ci sia uno straccio di giornalista che abbia il coraggio di raccontare come sono andate le cose, che Priebke era al più "terzo" nella linea di comando in Italia e che eseguiva un ordine di guerra, che in quella occasione sparò i suoi due unici colpi di pistola della sua guerra (trascorsa soprattutto a fare l'interprete e con poi ruoli di coordinamento nella capitale), beh questo francamente non riesco ad accettarlo. Poi, leggendo il pezzo che la Redazione ci propone in traduzione forse inizio a capire un pò di cose in più...Alla faccia della democrazia, "democarazia democrazia in quanto che comandate voi", oggi più che mai bisogna fare attenzione a quello che si dice. Dice molto bene Franco_PD "nel momento in cui stai parlando con qualcuno, e questo si guarda attorno circospetto e sussurra: "Ma questo si può DIRE?" significa che tutto è finito, che chi si gonfia pontificando di libertà e democrazia è un bugiardo e devo notare che questo comincia già a succedere, nella vita di tutti i giorni".
Io, lo dico a bassa voce, tempo fa ho avuto l'opportunità (si noti come sto neutro e circospetto nella enunciazione), di fare visita nella abitazione romana dove il Capitano Priebke sta scontando l'ergastolo. Ovviamente previo invio di carta d'identità e autocertifcazio ne di non avere carichi pendenti con la Giustizia. Conscio della fine che avrà fatto il mio nominativo e in che manni sarà immediatamente finito. Ma non me ne importa nulla! Posso dire senza timore di essere accusato di connivenza col nazismo che ho incontrato una persona di una dignità rara? Facciamo qualcosa, perchè qui la situazione sta degenerando; tra poco non si potrà più esprimere un pensiero che vada in contrasto con il "pensiero unico" che ci viene imposto in maniera acritica.
Un saluto a tutti.
Roberto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# viktor - ss 2013-08-02 13:39
Ma guarda un po'! Dopo aver letto di tutto questo ostracismo contro Irving ho deciso di comprare i suoi libri (il primo, La guerra di Hitler, arriverà stasera), così mi renderò conto, ancora meglio, da quale ipocrita "democrazia" siamo circondati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# PIERO61 2013-08-04 18:54
Citazione viktor - ss:
Ma guarda un po'! Dopo aver letto di tutto questo ostracismo contro Irving ho deciso di comprare i suoi libri (il primo, La guerra di Hitler, arriverà stasera), così mi renderò conto, ancora meglio, da quale ipocrita "democrazia" siamo circondati.


salve
le suggerisco anche: "Norimberga ultima battaglia", dove, citando SOLO fonti alleate e sovietiche, demolisce quel processo riducendolo ad una farsa (tragica).
Educativo anche: Apocalisse a Dresda...
saluti
Piero e famiglia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Viktor - SS 2013-08-06 16:15
Citazione PIERO61:
Citazione viktor - ss:
Ma guarda un po'! Dopo aver letto di tutto questo ostracismo contro Irving ho deciso di comprare i suoi libri (il primo, La guerra di Hitler, arriverà stasera), così mi renderò conto, ancora meglio, da quale ipocrita "democrazia" siamo circondati.


salve
le suggerisco anche: "Norimberga ultima battaglia", dove, citando SOLO fonti alleate e sovietiche, demolisce quel processo riducendolo ad una farsa (tragica).
Educativo anche: Apocalisse a Dresda...
saluti
Piero e famiglia


Grazie del consiglio, lo seguirò! Intanto il libro di Irving mi è arrivato e lo sto leggendo con immensa soddisfazione, alla faccia di... beh, lo sapete.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# leopardo 2013-11-17 00:12
"alla faccia di... beh, lo sapete."
Eh no! Caro Viktor! Non pensare di cavartela cosí facilmente. La tua frase é un segnale inequicovacabil e di antisemitismo. Quindi sará aperta una procedura di condanna nei tuoi confronti. Ti saranno appioppati almeno 12 anni di galera ed ovviamente tutti gli alberghi di tutti i continenti non potranno ospitarti.Tutto ridicolo ed improbabile? No! é giá accaduto. Assistiamo quotidianamente al genocidio di un popolo, ma se tu insulti gli assassini, beh, sei un antisemita e come tale passibile di condanna.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# HildegardB 2013-08-04 13:50
Segnalo anche questa eccellente intervista di Atzmon alla BBC:
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=p1NEpExbtRk
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BULEGH 2013-08-04 17:42
Che roba è questa?
Incredibile!
Anzi, plausibile o probabile?

Forse bisognerebbe ringraziare lorsignori (si fa per dire) d'aver intrapreso una tale iniziativa, vicenda particolarmente rivelatrice della animalesca snatura di questi bipedi, burattini ispirati e manovrati dai soliti Universal Satanic Agents, insomma sterco del demonio.

Episodio che dimostra al mondo quanto siano delinquenti deficienti (o viceversa).

Non capiscono nemmenmo d'essersi dati la zappa sui piedi, e si spera pure altrove. Quale reale quintessenza della deficienza o della delinquenza? O viceversa?

Se non vado errando (non ho più sott'occhio certi articoli e libri pubblicati a quei tempi), Irving fu attratto a Vienna con l'inganno: forse falsamente invitato ad un libero convegno ma con l'obiettivo di poterlo accusare di negazionismo, onde poterlo quindi arrestare proprio a Vienna, capitale da tempo immemore sede di comando di una delle più potenti comunità talmudiche in europa?

Che poi Irving sia stato convinto o costretto a rimangiarsi alcune delle sue tesi e delle sue documentate analisi storiche, non toglie nulla al curriculum e al profilo immorale nonché bestiale dei soliti scaltrissimi prediletti salvati dalle acque.

Purtroppo, costoro controllano tutto il sedicente occidente e dispongono di fittissima rete di spionaggio e di disinformazione .

Se riusciranno a impedire a Irving di trovare alloggio in qualche albergo, essi giungeranno così anche ridimostrare il loro strapotere mondiale.
Stanno trascinando tutte (o quasi) le nazioni occidentali e anche il resto del pianeta verso l'apocalittico baratro infernale voluto da SATANA.

Esagerazione questa?
Chi vivrà vedrà (e forse se ne pentirà?)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dom 2013-08-08 12:37
La verita fa male,e i sionisti sono allergeci al dolore.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# leopardo 2013-11-16 23:43
Irving non ha bisogno di venir ospitato da nessun albergo, soprattutto da quelli la cui direzione é cosí putrida da obbedire alle ridicole imposizioni giudaiche. IRVING puó venire ospitato non solo in Germania ma nel mondo intero da milioni di persone che hanno apprezzato i suoi sforzi encomiabili di fare emergere la veritá totalmente sconvolta e travisata dalla mistificazione giudaica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità