>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Il peso della Pubblica Amministrazione sul PIL
Stampa
  Text size
A partire da dati ISTAT, abbiamo calcolato regione per regione il peso della componente “Valore aggiunto dell’Amministrazione pubblica e difesa, assicurazione sociale obbligatoria, istruzione, sanità e assistenza sociale” rispetto al PIL regionale.

La media dell’Italia e’ 18,5%. Il dato minore e’ per la Lombardia (12,9%), segue il Veneto (13,8%) ed Emilia Romagna (14,9%).

In Calabria tale voce pesa il 30,1% del PIL, Sicilia 28,8% e Sardegna 26,4%.

gpg1 351 Copy Copy Copy Copy Copy Esclusivo – Dati Regionali: il peso della Pubblica Amministrazione sul PIL

 

 

Fonte >   Scenari Economici

Home  >  Worldwide                                                Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# il_corvo 2013-08-03 11:59
adesso che è scritto nero su bianco che il centro sud sono a "rimorchio" non più della locomotiva produttiva del nord (da 5 anni in coma profondo)ma dei correntisti italioti del nord....(vedi livelli di tassazione) che si fà?

nulla di nuovo sotto il sole il solito chiagni e fotti marchio DOC della Pitecolandia, avete capito adesso perche il governo strombazza ad ogni TG "fantomatici" miliardi di euro di evasione?

sarebbe MOLTO più interessante affiancare una tabella dell'andamento del risparmio per regioni degli ultimi 3/5 anni e paragonarla a questa

tranquilli che la svolta positiva per i conti delle PA si avra con l'introduzione dello JUS SOLI , da 20 anni ormai è noto che che i "nuovi italiani 2.0" portano solo ricchezza !
tra qualche anno saremo i più ricchi d'europa!
e nelle fontane della capitale sgorgherà latte e miele
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Asdrabulos 2013-08-03 14:33
Questi dati sono fondalmentament e razzisti e leghisti perchè riportano i soliti luoghi comuni riguardo ai meridionali; sciochezze come dire che i mafiosi sono siciliani e i camorristi napoletani!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Salvo M. 2013-08-03 18:12
Siocchezze? Dati razzisti e leghisti?
Io sono originario di Trapani e le assicuro che: 1) amo la mia regione 2) non sono leghista 3) di economia me ne intendo "un (bel) po'" 4) ho sottomano molti dati relativi alla spesa pubblica.
Mi creda: quanto qui esposto è purtroppo molto reale e molto realistico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-08-04 06:54
Tanto per palare di luoghi diversi il senso tribale, il servilismo il nepotismo il parassitismo ... sono stati esportati in tutto il pianeta per rovinare individui e famiglie oneste. Visto che ad aiutare i picciotti c'erano molti o tutti i neocatacumeni é chiaro che lo scopo era ed é quello di estinguere di sterminare il meglio e crere nelle Amministrazioni Pubbliche dei Clan. Se non fossero serviti o se non servissero sarebbero stati cancellati dal potere per cui é inutile duscutere. E la propaganda contro la mafia?Appunto propaganda.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gustavo d 2013-08-04 16:56
Non capisco cosa voglia dire l'amico DBF, può essere più chiaro?
Comunque i dati sono chiarissimi, mi chiedo solo perché non si segua il modello Lombardia in tutto il Paese con notevole risparmio di uomini mezzi nonché miglioramento dei servizi. Nell'Ente dove lavoro è noto che le regioni che lavorano meglio sono Lombardia ed Emilia Romagna e nessuna delle altre direzioni regionali cerca di imitarle.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-08-06 00:26
La cosa è semplice e si potrebbe spiegare in due parole ma la gente non ci crede assolutamente per cui non capisce. Inoltre non si può spiegare perché la ragnatela oramai c'è e non si può eliminare. Questo meccanismo è stato rodato da tutti i poteri. Per esperienza vissuta certi comportamenti non sono modificabili per cui hanno contagiato quasi tutti chi non si fa influenzare è escluso ed estinto. L'appartenere al clan o costituire il clan o fare nepotismo è una questione di istinto. La "famiglia" e il territorio (l'Amministrazione ) sono il perno di tutto. Ad esempio Israele per essere invincibile fino alla fine del mondo - che piaccia oppure no - ha unito clan o tribù in una "magna carta" rappresentata dal mito dall'Arca dell' Allenza. E questo ha creato un effetto domino globale che non ha confini. Per cui anche se Israele decidesse di sparire domani, il sistema globale è … anche Israele. Il pubblico perciò è oramai privatizzato.
Ma questo lo sanno tutti o quasi tutti … ed è già un dato scontato. Mediamente un individuo del nord lavora ma non esercita servilismo per cui serve per lavorare ma non "serve" in tutti i sensi a nessuno. Il teorema è questo: chi serve serve e chi serve comanda.
Questi soggetti però non sanno lavorare nel senso che pensa la gente per cui cercheranno di proteggere o comunque scegliere settori in cui gli affari o la superstizione - nel senso etimologico – è a far da padrona. Per cui lavorano ma con un alto tornaconto. E questa è una forza apparente come tutto il lavoro, per cui basta che il potere schiocchi di dita e costoro ubbidiscono. Questa è l'altra faccia della medaglia per cui c'è chi è ricattato con la crisi e chi per le cattive predisposizioni . Ma dato che chi serve serve e chi serve comanda alla fin fine diventa un onore.
Mi dispiace per lo sforzo e per la speranza ma per un certo tipo umano è chiaramente finita.
Tanto per fare un esempio assurdo ed apparentemente estraneo al tema, la rete Tv Focus ha affermato che forse la tecnologia tedesca degli anni 30-40 non era stata fatta dai tedeschi ma da esseri extraterrestri perché non esiste differenza tra le intelligenze. Senza discutere questo è stato il messaggio per il pubblico. Per cui siamo tutti eguali e sicuramente per fare certe fantastiche affermazioni vuol dire che quel tipo umano non esiste più. E' stato prima ingannato poi spremuto e poi estinto. Questo con la guerra e in ogni guerra. Chiaro? Mi dia retta e sia realista, è una battaglia già persa dalla gente comune. Lasci perdere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2013-08-04 22:26
Ho sempre sostenuto: parificazione tra pubblico e privato. Eliminazione dei sindacati e dell'art. 18 e 39 della costituzione riformandolo in un altro più consono alla realtà attuali.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-08-06 00:38
Ripeto quanto sopra scritto. Il pubblico è già privato. Se privatizzano il pubblico invece di essere una galera per alcuni diventa un lager. Ma capisce o no chi comanda nel pubblico?
I sindacati nel pubblico non esistono da un pezzo. Appaiono ma se va a controllare sono tutti funzionari. E lo sono perché "sono" sindacalisti. Resta qualche sindacato piccolino per proteggere chi lavora. Almeno al nord.
E' bella la sua ingenuità e cioè la sua genuinità ma il mondo non è giusto. Anche la Giustizia si serve dell'ingiustizia per cui il potere o un certo tipo di potere regge sull'invidia e l'ingiustizia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-08-06 15:11
Attenzione ai numeri perchè stranamente variano come sono variati improvvisamente i valori massimi del colesterolo.
Un paio di anni fa in ambienti politici si affermava che l'Amm. Pubblica incide sul PIL per il 3% per cui gli statali avevano il solo compito di spendere il denaro recepito per alimentare l'economia.

Ragionando freddamente ed egoisticamente cosa accadrà se l'AM che incide per il 18,5 % - non "costasse" più così tanto? Per il tempo necessario che fine farà la produzione e a caduta tutto il resto?

La staffetta Grecia insegna. Bisogna osservare che cosa accade lì.

Comunque i più furbi o i più preparati sono scappati da questo paese. Gli altri pensavano di studiare e alla fine hanno scoperto che la scuola serviva prima per parcheggiali e poi per renderli ingnoranti e dunque schiavi.
Certo che certe regole valgono per alcuni e non per tutti ... leggere la storia di Mike Bongiorno del padre e perciò degli immigrati meridionali. http://it.wikipedia.org/wiki/Mike_Bongiorno
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità