>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

L’ex commissario UE Bolkestein: “L’euro ha fallito".
Stampa
  Text size
In una lettera a De Volkskrant, l’ex Commissario olandese dell’Unione Europea, Frits Bolkestein, ha dichiarato in modo perentorio che:

l’unione monetaria ha fallito“.  Per questo motivo, secondo  Bolkestein, i paesi della zona euro che hanno ancora conservato la tripla A sul mercato dei debiti sovrani dovrebbero introdurre una moneta propria parallela all’euro.

L’ unione monetaria avrebbe dovuto promuovere l’amicizia tra i popoli. Invece , la cancelliera Merkel s’e’ comportata come Hitler coi paesi in deficit. Olanda sta nuotando in una trappola e non trova la via del ritorno

Scenarieconomici.it ha tradotto l’intervento.

Frederik “Frits” Bolkestein e’ un economista e politico Olandese, aderente al partito liberale Olandese, nonche’ ministro, ed infine ex-Commissario Europeo per il Mercato Interno, la Tassazione e l’Unione Doganale nella Commissione Prodi. E’ quindi una persona che ha vissuto in pieno la nascita dell’Euro, perfettamente all’interno della cerchia di establishment che ne ha deciso l’adozione.

gpg1 (469) - Copy - Copy - Copy - Copy - Copy - Copy

——————-

FRANCIA E GERMANIA: DIVERGENZE INSANABILI

Unione europea e monetaria (UEM ) è stata creato per l’intercessione di Germania e Francia. Ma questi due paesi hanno cercato obiettivi che entrambi non hanno colto, scrive Frits Bolkestein .

Il Cancelliere Helmut Kohl voleva un’unione politica europea ed era disposto a rinunciare al Marco; alla fine l’Unione Politica non e’ stata creata e non verra’. L’obiettivo francese era – e rimarrà sempre – l’influenza politica sulla Banca centrale europea . Questo era inaccettabile per la Germania e l’Olanda. Entrambi i protagonisti non hanno ottenuto cio’ che cercavano.

Francia e Germania hanno opinioni diverse su cio’ che l’Unione monetaria dovrebbero essere.

I francesi vogliono che le importanti decisioni economiche vengano fatte con interventismo centrale e con la conseguenza pratica che vi siano politiche redistributive.

La Germania – sostenuta da Paesi Bassi – crede che le decisioni economiche fondamentali si trovano nel trattato stesso: una BCE indipendente con la priorità della stabilità dei prezzi, bilanci in pareggio e no bail -out, punizioni per i paesi in deficit.

In breve : il Nord Europa vuole solidità , l’Europa mediterranea vuole solidarietà, cioè il denaro.

Francia-Germania-300x165

IL DIFETTO DI NASCITA DELL’UNIONE EUROPEA

Così l’ unione monetaria soffre del difetto di nascita che l’euro e’ la medesima valuta per due gruppi di paesi con differenti culture economiche. Il dibattito finale sulla UEM in Parlamento ha avuto luogo il 15 aprile 1998. Venne posto il problema del Debito enorme dell’Italia. Io ero contro l’adesione di Italia . Tra l’altro tale adesione ha avuto l’effetto disastroso di portare alla successiva adesione della Grecia.

Ho deciso il mio contributo a quel dibattito, sottolineando i rischi dell’Unione Monetaria: in Primo luogo abbiamo iniziato con un grande gruppo eterogeneo di paesi, in secondo luogo, sarebbe stato difficile mantenere il patto di stabilità, in terzo luogo, avevo paura che l’unione monetaria avrebbe comportato trasferimenti di reddito all’interno dell’Unione. Questo è esattamente quello che è successo . Il governo olandese, al pari degli altri si schierarono per l’Unione Monetaria in modo frivolo e superficiale. Il Senato ha approvato il trattato di Maastricht.

PATTO DI STABILITA’: UNA “PROMESSA” DISTRUTTA PROPRIO DA FRANCIA E GERMANIA

Il Patto di stabilità si basava su una Promessa, una dichiarazione solenne da parte degli Stati contraenti da rispettare rigorosamente. Contro i criteri di tale patto, tuttavia, la Francia e la Germania hanno deciso nel 2003 di non farlo.

Ora, se una dichiarazione solenne dopo pochi anni finisce nella spazzatura, conseguentemente, successivamente l’accordo europeo ha perso qualsiasi affidamento. Ciò è particolarmente vero per il Patto di stabilità, che a tutti gli effetti era stato violato. La promessa e’ divenuta inutile.

Herman Van Rompuy , presidente del Consiglio europeo , ha tracciato un percorso per una federazione fiscale all’interno della zona euro all’inizio di dicembre 2012. Questo percorso si compone di tre fasi: Unione Bancaria, contratti fiscali e quindi una vera unione fiscale con le proprie tasse.  La domanda da porsi e’ quale possa esse il controllo democratico nelle riforme in materia di governance economica in Europa per combattere la crisi economica?

DEBITI: L’IPOTESI DEGLI EUROBOND

Preoccupante e’ l’ipotesi elaborata dal Consiglio Europeo sulle Politiche di Bilancio. I bilanci degli Stati membri dovrebbero essere determinati dalla Commissione Europea, e quindi anche le politiche, gli orientamenti, le priorita’ di bilancio. Il Consiglio di Stato ha affermato che la possibilità di modifica o di rigetto di tali politiche per gli Stati membri sara’ decisamente limitata.

Alla fine del processo si arriverebbe all’ unione fiscale europea, con le proprie tasse, e con gli Eurobond. Tutti i membri della unione monetaria vedrebbero finire i loro debiti in un “grumo” e quella montagna di debito sara’ finanziata attraverso un interesse europeo. L’Olanda pagherebbe più interessi sul proprio debito pubblico di oggi, mentre quei paesi in deficit non hanno alcun incentivo a ristrutturare. Fortunatamente, i governi olandese e tedesco hanno chiaramente respinto questo sfortunato piano.

L’UNIONE EUROPEA IN TRANSIZIONE PERMANENTE

L’ unione monetaria ha fallito. L’ euro è stato un sonnifero per  i paesi in deficit , che hanno coltivato sogni di un dolce far niente invece di preoccuparsi per la propria competitività . Il risultato è un’unione in cui e’ permanente la transizione.

LA CANCELLIERA MERKEL COME HITLER

L’ unione monetaria avrebbe dovuto promuovere l’amicizia tra i popoli. Invece , la cancelliera Merkel s’e’ comportata come Hitler coi paesi in deficit. Olanda sta nuotando in una trappola e non trova la via del ritorno .

merkel271971

LA SOLUZIONE: FAR USCIRE E POI RIENTRARE NELL’EURO I PAESI POCO COMPETITIVI DOPO UNA SVALUTAZIONE oppure INTRODURRE MONETE PARALLELE COMPLEMENTARI NEI PAESI FORTI

Cosa fare? L’economista tedesco Hans-Werner Sinn ha proposto che i paesi con insufficiente competitività escano e poi rientrino nell’Euro dopo una svalutazione e riforme strutturali (Financial Times, 23 luglio, 2013). Certo sarebbe meraviglioso, ma complesso.

Io stesso ho proposto di preservare l’euro, ma anche per introdurre nei paesi a tripla A. Monete Complementari. Certo sarà difficile, ma continuare sulla strada attuale non porta ad una soluzione sostenibile.

GPG Imperatrice

Fonte > 
Scenari Economici

Home  >  Worldwide                                                  Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# sivispacemparabellum 2013-10-05 15:25
Alla parola "liberale" una sana reazione sarebbe estrarre la pistola e sparare alla tempia del malnato, in questo caso Bolkestein oppure meglio bombardargli le dighe ed annegarli tutti questi demoni olandesi.
Il furbastro del paese dell'eutanasia, dei fiori e dei pedofili vuole "battere una moneta del nord" e accusa la Merkel di essere "come Hitler" perchè vuole mettere le mani nel borsellino dei tirchissimi e ricchissimi olandesi.
Andrà a finire che l'euro prenderà la strada per andare a ramengo.
I vilepesi paesi del sud dovrebbero rinominare i loro debiti in valuta locale allo stesso tasso di cambio dell'ingresso nell'euro e poi dopo una bella svalutazione del 500% resituirli ai pelosissimi cornuti filo pedofili del nord e chi si è visto si è visto.
Ivan
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# viktor - ss 2013-10-05 17:47
Le dichiarazioni rilasciate da questo tipo valgono come si suo dire, come il due di briscola. E poi, paragonare Merkel a Hitler... Epoche diverse, situazioni diverse. Se Bolkestein ha detto queste cose è solo perché non rappresenta più nulla e nessuno e ovviamente non contribuirà minimamente a smantellare questa euro-schifezza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zumbon_allegrobajon 2013-10-06 18:19
e ci voleva il genio (pirla) olandese ....
una volta si diceva che saremmo morti tutti democristiani ...
oggi si sta dicendo che forse moriremo tutti tedeschi...
...io dico forse africani!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Fabio B 2013-10-06 21:56
formidabili questi 'esperti'! assieme a politici e magistrati possono prendere mostruose cantonate senza pagarne alcuna conseguenza.... La democrazia è un sistema eccellente per mettere i peggiori ai posti di comando a rovinare popoli e nazioni!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# OrazioC. 2013-12-01 19:36
Assolutamente d'accordo!!!!
Niente da aggiungere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Mega bit 2013-10-15 10:44
OT interessante

http://www.tomshw.it/cont/news/registro-italiano-in-internet-la-truffa-tedesca/49957/1.html

..La Deutscher Adressdienst GmbH ha sede legale ad Amburgo in Germania, mentre l'azienda Cross Border Recovery s.r.o., con sede legale a Praga, è la società di recupero crediti internazionali agisce per conto di DAD al fine di riscuotere i presunti crediti che quest'ultima vanta nei confronti delle microimprese italiane.....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità