>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

MG_6901.jpg
Programmazione Neuro Linguistica
Stampa
  Text size

Un lettore ci chiede di esprimere un parere in ordine alla programmazione neuro linguistica (PNL), una sorta di nuovo metodo psicoterapeutico, in grado, si dice, di migliorare sensibilmente la vita di coloro che di essa si avvalgono.

Lo slogan che appare su uno dei siti internet di questa corrente di pensiero, recita: «Migliorare il controllo delle emozioni, avere più sicurezza e motivazione. Usare il linguaggio con precisione ed efficacia. Rendere più produttivi i nostri comportamenti e le nostre azioni. Rimuovere paure indesiderate. Aumentare la capacità di comprendere come pensano e decidono le altre persone. Da 35 anni la PNL fornisce idee, strumenti, tecniche e modelli di evoluzione che hanno aiutato e continuano ad aiutare ogni giorno milioni di persone in tutto il mondo a risolvere problemi e migliorare la loro vita, sia personale che professionale» (1).

O ancora altrove: «Vuoi sentirti più sicuro di te? Vuoi imparare a motivare te stesso e gli altri? Scopri come migliorare la tua comunicazione, motivazione, autostima con le strategie della Programmazione Neuro-Linguistica!... Impara anche tu come entrare in sintonia istantanea con chiunque, come motivare gli altri e te stesso e come aumentare la tua autostima con le migliori strategie per lo sviluppo personale!» (2).

O, in ultimo, in via esemplificativa: «TUTTO QUEL CHE POTETE DESIDERARE nelle discipline più moderne in modo semplice, rapido, efficace!» (3).
Ma di cosa si tratta?

Leggiamo da Wikipedia: «La Programmazione Neuro Linguistica è un sistema di sviluppo personale sviluppato nei primi anni ‘70 da Richard Bandler e dal linguista John Grinder, con il contributo di Gregory Bateson (e con la collaborazione di un gruppo di studiosi che comprendeva David Gordon, Robert Dilts, Leslie Cameron Bandler e Judith De Lozier). Si tratta di una metafora di lettura della realtà che costituisce un modello non solo analitico, ma anche operativo, ovvero che facilita il cambiamento, e che utilizza un insieme di strumenti costituito da un insieme di tecniche, assiomi e postulati (frutto anche dell’integrazione tra psicologia, linguistica, cibernetica e teoria dei sistemi) relativi alla comunicazione, alla percezione umana e all’esperienza soggettiva. L’idea centrale della PNL è che i pensieri, i gesti e le parole dell’individuo interagiscono al fine di creare la percezione del mondo. Modificando la propria visione (detta mappa del mondo, ovvero sistema di credenze relativo a ciò che è la realtà esterna e a ciò che è la realtà interna), la persona può migliorare le proprie attitudini e le proprie azioni. La percezione del mondo e la risposta ad esso possono essere modificate attraverso l’applicazione di alcune tecniche. La PNL insegna che una persona può sviluppare abitudini/reazioni di successo amplificando i comportamenti facilitanti e diminuendo quelli indesiderati. Il cambiamento può avvenire riproducendo con attenzione comportamenti e credenze delle persone di successo (modellamento). La PNL asserisce anche che le persone possiedono in sé tutte le risorse per avere successo». […]

«Il nome fu scelto dai creatori della disciplina per sintetizzare queste componenti: Neuro: ogni comportamento umano è fatto di processi neurologici. Il sistema nervoso riceve stimoli dagli organi di senso (vista, tatto, udito, olfatto e gusto) e li rielabora come percezioni e rappresentazioni. Linguistica: i processi mentali umani sono codificati, organizzati e trasformati attraverso il linguaggio. Le parole sono ponti che collegano le rappresentazioni interne del mondo con quel che accade nell’esperienza. Il linguaggio è l’espressione individuale della nostra percezione soggettiva. Programmazione: le modalità umane di comportamento sono diverse e si fondano sulla percezione e sull’esperienza individuali. C’è una gamma predefinita di comportamenti (programmi o schemi), che funzionano in modo inconsapevole ed automatico.
Ed al successivo ‘modellamento’ su noi stessi di esse, per raggiungere il medesimo […]
Oltre alle risorse esterne che si ottengono con il modellamento di altre persone che hanno già raggiunto l’obiettivo che ci sta a cuore, esistono anche alcune risorse interne che già possediamo ed abbiamo utilizzato con buoni risultati in passato di fronte a determinate situazioni».

«I presupposti base di tale metodologia psicoterapeutica sono:
1) Ogni comportamento è comunicazione, ovvero non si può non comunicare
2) La mappa non è il territorio
3) Il buon comunicatore è responsabile al 100% dei risultati che ottiene o che non ottiene
4) Le rappresentazioni fornite dai sensi sono la base dell’esperienza soggettiva
5) E’ possibile individuare le ragioni del successo o dell’insuccesso di una strategia comportamentale
6) Se c’è una persona capace di fare una cosa, se ne può studiare la strategia ed insegnarla ad altre persone
7) Il significato della comunicazione è il risultato che si ottiene. Non è mai giusta o sbagliata, ma efficace o non efficace in relazione all’obiettivo che ci si pone
8) L’eccellenza è limitata dalla nostra percezione di ciò che è possibile e di ciò che non lo è
9) L’esperienza soggettiva ha una struttura che è possibile analizzare
10) Il comportamento fornisce informazioni su quel che sta accadendo all’interno della persona
11) Se qualcosa accade in una parte del sistema (cibernetico/umano), influenzerà tutte le altre parti
del sistema
12) La flessibilità, intesa come capacità di adattare il comportamento per ottenere il risultato voluto, è una delle doti più preziose degli individui e delle organizzazioni
13) L’esperienza interna (immagini/ricordi) produce sul cervello gli stessi effetti di un’esperienza realmente vissuta». […]

«Gli esseri umani possiedono le risorse di cui hanno bisogno. Talvolta non le hanno sviluppate o non le hanno ancora esplorate, ma sta a loro dire cosa funziona e cosa invece non funziona per raggiungere i loro obiettivi. Se si osserva il linguaggio del corpo e se si ascoltano con attenzione le parole, si può comprendere qual’ è il problema, qual è il sintomo, in quali modi si manifesta e come può essere affrontato. Un programmatore (operatore di PNL) competente usa le sue abilità per aiutare la persona ad esplorare la sua mappa del mondo (percezioni e convinzioni). Le domande hanno l’obiettivo di aumentare le possibilità di pensiero e di azione della persona e lavorano sulla visione del mondo che c’è, senza mai suggerire o sovrapporre quella del programmatore. La programmazione neuro linguistica, infatti, insegna a comunicare con l’altro in modo efficace, accogliendo e rispettando la sua visione del mondo» (4).

I presupposti filosofici sui quali si fondano tali convinzioni hanno radice nel pragmatismo americano: già dall’etimo possiamo intuire di cosa si tratti.
E’ una corrente di pensiero che sostiene una stretta correlazione tra verità ed esperienza, verità ed attività dell’uomo sull’ambiente; elementi che interagendo tra di loro danno vita all’impressione ed alla percezione della verità sul mondo stesso.
L’uomo non resta spettatore, ma protagonista del mondo che lo circonda, non vi sono limiti o paletti alla ricerca se non quelli della conversazione - nessun limite generale imposto dalla natura degli oggetti, o della mente, o del linguaggio, ma solo quei limiti particolari che sorgono nella discussione.

Il rischio di questa prospettiva è quella di centralizzare troppo il discorso sulla «persona», relativizzando ogni altro concetto di vero e di bene, cedendo quasi all’ideologia personalista ed in ultima analisi materialista.
Che possa apportare aiuti ed utilità a coloro che abbiano bisogno di sostegno e fiducia, può anche darsi, ma attenzione a non idolatrare una pratica che comunque espone il fianco all’emulazione disordinata (se non all’invidia del «modello» prescelto) ed all’idolatria del successo volgarmente inteso in ogni settore della vita.

Il cristianesimo insegna ben altro: mortificare quello che appartiene alla carne, cercare il Regno di Dio, prima di tutto, il resto è promesso in aggiunta; morire al mondo, crocifiggere quello che sembra buono e giusto, per cercare ciò che in apparenza è stolto e storto agli occhi dell’uomo.
In pratica, si tratta di comprendere la qualità ed il valore delle cose, a prescindere dalla loro mera apparenza formale.

La PNL invece sembra suggerire comunque un ideale di vita, volto necessariamente a perseguire il benessere come una sorta di affermazione di sé, una specie di egocentrismo, mascherato da amore per il bene della propria persona.
Sappiamo che tale via conduce all’abisso, se non è temperata dalla virtù cristiana dell’abnegazione e del sacrificio.
Che posto c’è, poi, in tutto questo, per una visione trascendente?
Resta davvero poco spazio.

Chi scrive è convinto che la PNL, come la maggior parte dei metodi psicoterapeutici, sia soltanto un palliativo e che molto di più valga l’adesione a Cristo, unico rimedio capace di guarire in profondità l’anima ed il cuore nonché la mente.
Una vita di preghiera e di silenzi meditati, vale molto di più di centinaia di sedute psicoanalitiche o quant’altro.

Stefano Maria Chiari



1) Da www.pnl.info/
2) Da www.autostima.net/raccomanda/programmazione-neuro-linguistica/
3) Da www.neurolinguistic.com/
4) Da http://it.wikipedia.org/wiki/Programmazione_neuro_linguistica


 

Home  >  Scienze                                                                                            Back to top


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Davide Enrico 2008-04-02 13:00
Egr. Sig. Stefano, leggo sempre i suoi articoli sui vari metodi pseudo-terapeutici e/o evolutivi rientranti nel movimento new age, sicché ho potuto notare che, a fronte di una sua mirabile cognizione teorica, manca in tutto o in buona parte la sua cognizione pratica, nel senso che lei formula commenti e giudizi su esperienze altrui, mentre di esperienze sue, vissute sulla propria pelle e col proprio spirito, non c'è traccia, oppure sì ma lacunosa. Le suggerirei di sopperire a tale lacuna, così i suoi articoli assumeranno una connotazione più completa, anziché limitarsi alla semplice nozionistica. Cordiali saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giampaolo 2008-04-02 13:51
Solo per ricordare come il pragmatismo di matrice deweiana sia stato il cespite culturale dal quale negli USA sono cominciati gli esperimenti di ingegneria sociale che hanno rimappato, distruggendo, il tessuto sociale cattolico ivi presente. Il pragmatismo, come quest'ultimo suo derivato, non è un'innocente teoria del secolo passato, ma è stato concepito e largamente utilizzato quale strumento bellico di propaganda. Le psicologie comportamentist e ne sono una fioritura del tutto coerente con lo scopo non dichiarato. Nulla di più lontano dal cattolicesimo, dunque di più distante dalla verità . La pretesa di "fare esperienza" di queste aberrazioni, come richiesto dal commentatore precedente, rientra nell'atteggiamento culturale del pragmatismo, che svilisce la riflessione teorica a favore di un presunto primato della prassi. Al contrario di quanto la filosofia classica aveva, e con ottime ragioni, statuito. Non occorre esperire ciò che in via razionale è dimostrato essere falso, a meno di voler porre il vero sotto il dominio dell'utile, come appunto nel pragmatismo si fece, in linea con l'utilitarismo anglosassone di cui è figlio. Cordialità 
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# chiara 2008-04-02 14:24
AH ORRORE!!! Stefano, la PNL è una delle cose più orride che esistano. Al di là  delle belle parole, è una disciplina che insegna a manipolare le emozioni e la mente altrui per i propri scopi. Ho conosciuto gente che la pratica, e sono le persone più senza scrupoli che esistano. Un mio amico lavora per una grossa azienda dove ai dirigenti viene insegnata la PNL, e i risultati sono vessazioni del personale, manipolazioni delle personalità  più deboli, lavoratori messi subdolamente l'uno contro l'altro per favorire l'azienda. Un sistema vomitevole, andrebbe vietato, altroché!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Claudio 2008-04-02 14:58
Al sempre interessante Stefano Maria Chiari: premesso che anch'io considero la vita rettamente impostata sul Cristo (quindi necesasriamente ben radicata nella corretta percezione di sè stessi, della realtà  e di sè stessi in relazione a questa ed agli altri), ritengo possa in alcuni casi risultare utile il supporto di terzi nel riporre una personalità  "instabile" in assètto sufficientement e equilibrato da poter poi serenamente affrontare un cammino di rinascita personale. Nei casi di disturbi di personalità , ad esempio, si è soliti intervenire prima con un riequilibrio chimico della persona mediante terapia farmacologica (psicofarmaci), e quindi con una psicoterapia costruttiva che fonda su uno stato personale reso appunto sufficientement e stabile da poterlo reggere, grazie all'intervento chimico. Nel caso del cristianesimo, se da un lato è vero che esso, anche quando seguìto inizialmente in modo confusionario o anche del tutto inconsapevole (ad esempio c'è chi potrebbe inaugurare un presunto cammino di fede per un malcelato senso di colpa verso la figura autoritaria paterna che ben poco ha a che fare con una vera conversione), è capace grazie alla Sua Verità  di portare a maturazione la persona che vi si affida (Gv 8, 31-32), dall'altra è anche vero che i casi della vita, a mio avviso, non possono escludere che anche un palliativo come la psicoterapia possa risultare, in un momento preciso della vita di una persona, come un ottimo supporto per uscire da un "pantano" che mai si sarebbe in grado di vincere con le sole proprie forze: non dimentichiamoci ad esempio che, in presenza di pregiudizi forti nei confronti della Chiesa/fede (la confusione tra le due realtà  è diffusa), il supporto psicoterapeutic o può fornire quell'occasione di autorecupero che la persona malata mai cercherebbe in territorio religioso; senza contare che difficilmente una persona affronta l'avvio di un sentiero religioso da solo, e la persona a cui si affidasse per essere in ciò guidato potrebbe putacaso trovarsi in condizioni psichiche peggiori delle sue, aggiungendo così danno a danno, e compromettendo per sempre l'immagine della vita religiosa ai suoi occhi. Ho conosciuto persone letteralmente "salvate" da una psicoterapia, e quindi anche per questo (oltre ai motivi di cui sopra)ho imparato in merito a ciò a pensare che sia sempre pericoloso "demonizzare" in un certo qual modo un qualcosa che per taluni potrebbe costituire la salvezza: pur essendo io in accordo con quanto da lei espresso, perciò, credo sia più giusto che si lasci alle persone di consolidata fede l'ammissione di quanto di palliativo ci sia in qualsiasi cosa di diverso alla viva sequela dell'Unigenito Figlio di Dio. Grazie della pazienza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Stefano Busnelli 2008-04-02 15:23
Egr. Sig. Stefano Maria Chiari, leggo spesso i suoi articoli e vorrei complimentarmi vivamente con lei per la sua cultura e la sua capacità  di esposizione. Spesso tuttavia, trovo nei suoi articoli la volontà  di voler disprezzare qualunque cosa non zia immediatamente riconducibile al cattolicesimo o al cristianesimo, con il fine di dimostrare la purezza e la verità  del Cristo. Ora, posso capire la fede in una religione, ma non posso giustificare il fondamentalismo sotto nessun punto di vista. Ho più volte letto nei suoi articoli argomentazioni derisorie verso altre religioni estinte, delle quali i relativi seguaci, in altre epoche, avrebbero potuto avanzare argomentazioni altrettanto derisorie nei confronti della cristianesimo, ma in questo articolo, trovo che lei abbia fatto un pò di confusione. La Programmazione Neuro LInguistica, non è nè una religione nè tantomeno una filosofia. E' uno strumento di comunicazione, quindi a quale titolo lo paragona ad una religione? E' come paragonare il martello (strumento di lavoro) con una teoria come quella di Smith (teoria, o filosofia), sono cose diverse, non paragonabili. Mi sembra che abbia sbagliato obiettivo in questo articolo, inoltre la PNL come strumento di comunicazione, può essere utile anche per fare proselitismo in campo religioso. Gesù, tra le altre cose era un ottimo comunicatore, ed i creatori della PNL nello sviluppare questo strumento, hanno analizzato anche il suo modo di comunicare. Cordialmente, Stefano Busnelli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alex 2008-04-02 15:43
[EDIT REDAZIONALE] Chiara deve aver avuto conoscenza diretta di questa immondizia. La psicoterapia e questa porcheria PNL, od anche Scientology, non sono che forme di PLAGIO, in cui le provocazioni e le deformazioni della realtà  sono parte fondamentale, in cui l' analista o programmatore o chiamalo come ti pare non fa altro che etichettare la tua personalità  come "anormale" secondo schemi molto arbitrari e personali di giudizio spesso condizionati dalle idee politiche e comunque dai modelli "trendy" di oggi. Che su usino gli psicofarmaci perché possano reggere la psicoterapia é chiaro sintomo di questo. Il povero disgraziato prima viene drogato e poi plagiato. Il problema non é solo la "filosofia" caro Chiari. Ed é un problema certamente, per carità . Qui siamo di fronte non solo ad un' alienazione spirituale ma ad una fabbrica di cervelli, ad una manipolazione delle persone. Che il plagio non sia più reato la dice lunga sugli agganci di questa gente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# silvia 2008-04-02 15:54
La psicoterapia è una faccenda,questa è una schifezziola new age,almeno da come è descritta qui:è una ideologia puramente capitalistica del clichè"Sii ciò che vuoi essere".Se si fosse trattato di qualcosa di positivo,oltre al catechismo,all'ora di religione a scuola,da insegnare ai giovani,il programma sarebbe dovuto essere svolto più verso l'accettazione di se stessi,ad essere ciò che si è.Migliorarsi non è affatto un termine usato dai terapeuti,in pratica questa corrente filosoficopscil ogica forma la persona ad adattarsi al consumismo nel migliore dei modi,nel presente e nei consumismi futuri,con costante impegno,ricerca di forme di comunicazione sofisticata,con chiara volontà  di determinare sempre il proprio destino nel senso nietzscheriano.Il tempo per l'osservazione,la lettura,l'ozio perchè no,qui non esiste.In questa maniera,subdola mente,conoscenz e passate vengono in termini diversi trasferite al presente e questo significa che di fronte ad una nuova situazione si tende a reagire secondo modelli sperimentati in passato,con risultati buoni,ma non si impara nulla di nuovo.Non mi risulta che da 35 anni a questa parte il metodo PNL abbia migliorato la vita di migliaia di americani,forse li avrà  convinti a colonizzare il mondo,ma alla fine ...ognuno è il prorpio asino.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Stefano Busnelli 2008-04-02 16:59
X Chiara: Perchè andrebbe vietato? Invece andrebbe insegnato a tutti, in modo da fornire a tutti il modo di difendersi dai vari persuasori di turno, dall' assicuratore che suona al campanello, dal bancario che cerca di venderti le sue porcherie finanziarie ecc... ecc... Io non ho praticato corsi di PNL, ho studiato solo alcuni libri, e non sai come mi diverto quando prendo in giro questi persuasori facendo finta di essere il fesso di turno, fornendo loro informazioni false sul mio modo di pensare, e facendoli fallire nel loro intento rispedendoli via bastonati e con la coda tra le gambe...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rigatino 2008-04-02 17:08
Signor Maria Chiari, dovrebbe parlare anche di Gianni Golfera, il "genio della memoria" che scrive palate di libri sulla sua mnemotecnica. L'inutilità  stessa del metodo dovrebbe dimostrare che questo personaggio (giovanissimo, ma diventato già  "fenomeno") è in realtà  uno specchietto delle allodole per attirare adepti verso la "programmazione neurolinguistic a" (la casa editrice che stampa i suoi libri si occupa anche di organizzarne i "corsi"). Gianni Golfera è semplicemente dotato di una memoria straordinaria, ma non può "insegnarla" a nessuno. Se lo facesse solo per soldi, potrei capirlo. Ma sotto c'è una concezione esistenziale che mi insospettisce. Inoltre il maggior ispiratore delle teorie di Golfera è Giordano Bruno. Detto questo, dott. Chiari, vorrei indicarle anche un altro campo in cui indagare: la cosiddetta "ontopsicologia" di Meneghetti, che è una piccola Scientology fatta in casa per vip nostrani. Tempo fa, un altro "giovane" dal volto pulito, Andrea Pezzi, creò vari programmi per propagandare l'ideologia di questa setta. Questo sito internet può aiutarla per il suo prossimo articolo: http://onto.provocation.net/
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2008-04-02 17:53
un altro articolo saggio e lucido del grande Chiari. Bisognerebbe approfondire il tema della manipolazione mentale, perchè trattasi di uno dei peccati più orribili che si possono commettere. Chiunque ne abbia fatto uso con cognizione di causa ne risponderà  davanti a Dio, se lo ricordi bene!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alessandro 2008-04-02 19:45
In guardia dalla PNL: vero che è una pratica, non una religione e, infatti, il paragone con la religione Cattolica è del tutto improprio; tuttavia è bene chiarire in modo netto che la PNL non è in nessun modo compatibile con un orizzonte cristiano e, per sua natura, non persegue il bene. Al contrario, l'"eccellenza" che si pone come obiettivo è sinonimo di sopraffazione sul prossimo di chi colui che eccelle, ovvero dell'"iniziato" alla tecnica. Il successo vantato dalla PNL nel "migliorare la vita di coloro che se ne avvalgono" va inteso in senso meramente materialistico, come esaltazione della capacità  individuale di chi pratica la PNL di appagare i propri bisogni materiali e la propria brama di potere piegando il prossimo al proprio personale obiettivo. Il fatto che questa tecnica sia sfruttata "utilmente" all'interno di realtà  aziendali dovrebbe far riflettere con viva preoccupazione sulla deriva morale della società  occidentale odierna.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maurizio 2008-04-02 20:33
Secondo me, il fanatismo e l'estremismo possono essere nascosti in quasi tutti gli ambiti della societa' e come spesso accade e' la mancanza di conoscenza e cultura a favorirli....comprendo Chiara ma mi sento di nella posizione di fargli presente che se ha conosciuto delle persone poco serie nell'ambito della PNL (sicuramente ce ne sono come in molte altre discipline) questo non significa necessariamente che sia la PNL un qualcosa da demonizzare; la stessa Chiara per altro sta utilizzando un "meccanismo mentale" che in PNL si chiama Generalizzazion e, meccanismo il quale se fosse (inconsapevolme nte o consapevolmente ...chissa') usato da tutti quelli a cui e'capitato di vedere o sentire di un prete pedofilo, mi riferisco almeno a quei preti che ammettono di esserlo o esserlo stati, penso che questo significherebbe la fine della chiesa cattolica in tempi molto brevi....ho le mie idee riguardo la religione, e me le sono create attraverso le esperienze, la conoscenza personale (per poca che sia) e magari il dialogo con persone di fede o supposta tale (lo scrivo con cognizione di causa), e alla fine credo, senza demonizzare nulla, rappresenti anch'essa (alla stregua della PNL) un mezzo, una via, e che e' piu' il modo in cui viene "utilizzata" a conferirle il giudizio giusto o sbagliato, o meglio: appropriato o meno, e che con una mente libera e consapevole si possa decidere sempre fino a quando percorrerla scegliendo se sia un qualcosa di "ecologico" per la propria vita e quella delle persone con cui ci relazioniamo....ritengo gli interventi di Stefano e Davide molto pacati e chiarificatori....cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# michael 2008-04-02 21:14
mah... la pubblicità¡ lo dice da 20 anni: "Just Do It" Aleister Crowley insegna, no?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# P.Danilo Scomparin, I.M.C. 2008-04-02 21:42
Bisogna tornare alla "cura animarum", detta scienza delle scienze del sacerdozio, provveduto però che il sacerdote a cui affidate la vostra anima sia eccellente nella dottrina cattolica e nella metafisica, conosca la psicologia razionale, che è poi quella tradizionale (quella empirica in uso anche nei seminari e conventi è pura fantasia letteraria) e la sana pedagogia. La psicologia razionale, presa dalla filosofia di Tomaso d'Aquino,è quasi sconosciuta in Italia, fatto è che l'unico autore che la tratta ampiamente (circa 3000 dico tremila pagine) non è mai stato tradotto e i suoi libri nelle nostre biblioteche non ci sono. Il sacerdote dovrà  poi insegnare degli esercizi spirituali di purificazione, illuminazione e unione mistica secondo il manuale e il trattato di ascetica e mistica. Se vi dovesse parlare di psicoterapia centrata sul cliente o di P.N.L. lasciate perdere, è acqua fresca, anche se devo ammettere che la PNL viene attualmente insegnata in una accademia ecclesiastica... A Stefano Maria Chiari: bello l'articolo, ottima la conclusione che condivido pienamente: alla preghiera, aggiungerei: meditazione o orazione mentale, esame di coscienza e soprattutto vita in Grazia, che è ciò che manca in tutti gli stati più o meno patologici; una vita sana secondo natura, dormire di notte e sognare, lavorare di giorno e riposarsi quando si è stanchi. Un migliore palliativo potrebbe essere il miele diluito nell'acqua tiepida e la nutella quando si è giù. è questa la cura della mia nonna e non costa niente. Cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# stacontento 2008-04-02 22:01
Ciao a tutti. Io ho applicato la PNL sia a livello commerciale che personale (anche nelle relazioni affettive). Direi che è uno strumento e, in qunato tale, non è nè malvagio nè diabolico. E' l'intenzione che perseguiamo quando lo utilizziamo che ne caratterizzerà  il risultato. Se l'obiettivo è squaliido prima o poi lo squallore si rivelerà  con tutta la gravità  di cui si è caricato col tempo e la buona fede della "vittima". Tutto questo l'ho esperimentato io nella mia persona. Solo l'Amore gratuito e incondizionato rende l'uomo libero e felice. Chiedo scusa a tutti coloro che ho ferito e condizionato in quanto vittima, a mia volta, del mio egoismo, della mia ignoranza e della mia inconsapevolezz a.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Riccardo 2008-04-02 23:34
Eh sì! Bel mondo, che vive di tecniche per 'eccellere', 'trionfare', 'vincere'... Come l'uomo che aveva i granai pieni e ne voleva costruire di più grandi, e si sentì dire che quella notte stessa sarebbe comparso innanzi al tribunale divino ... E a che sarà  servito conquistare il mondo intero se si perde la propria anima ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# andrea 2008-04-02 23:50
non ho chiaro quale finalita' ultima potrebbe avere tale strumento.una sopraffazione 'soft',indolore, dove un ego sviluppato dal PNL sviluppa ego altrui piu' deboli per determinarsi, o ridurre le comunicazioni interpersonali a teatrino riducendo le relazioni a modo di spot pubblicitari.insomma mi chiedo se fosse utilizzato da tutti indistintamente ,che effetto si avrebbe?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# chiara 2008-04-03 00:11
Maurizio, quelli che tu chiami "meccanismi mentali" io le chiamo "opinioni". E questo la dice lunga sul rispetto verso la persona di chi pratica la PNL.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# orsola 2008-04-03 09:12
chiarissimi i suoi articoli , come il suo cognome d'altronde,resto stupita di quante religioni ,sette e altro ci siano in giro per il mondo! E sempre di più sono convinta che la mia "base" cattolica debba restare nella mia vita, ci tengo alla mia libertà  di pensiero! Le manipolazioni per poter meglio arretire gli altri è stupafacente,è sempre la solita solfa ,il voler apparire superiore ad un altro uomo.così perfetti in apparenza che poi hanno bisogno di vivere le loro frustrazioni e perversioni di nascosto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rob Roy 2008-04-03 09:36
Buon giorno, Andate a vedere il sito http://www.pnl.info una serie di corsi ovviamente scontati (ma comunque costosi) notizie a iosa su quanto è importante la PNL in questo o in quell'ambito (e notate le maiuscole). E l'immancabile offerta di libri ovviamente scontati o con spese di spedizione ridotte, di DVD con video corsi su come avere successo in qualsiasi campo e così via. Inoltre il continuo sottolineare che la riuscita dipende da se stessi secondo me è una leggerissima tecnica di manipolazione che mette (o cerca di mettere) al riparo il venditore (perché di questo si tratta) dal non funzionamento delle tecniche vendute.Della serie: Io ti insegno tutte le tecniche che vuoi , ma se non funzionano sono cavoli tuoi. Basta fare una ricerca su google inserendo PNL e vedrete che i siti sono (quasi) tutti uguali: tutti offrono corsi, consigli, libri etc. per migliorarsi e avere successo. Insomma secondo me non è nient'altro che una merce reclamizzata a più non posso perché molto scadente, (la merce buona non ha bisogno di essere reclamizzata). Inoltre la pretesa di applicarla ai più diversi ambiti fa si che questi presunti docenti possano dire la loro, o dispensare i loro futili consigli (ad es. 'cercare di essere il più possibile chiari e concisi') in ogni ambito della vita lavorativa e non. Il fatto poi che ultimamente il 'coaching' altro termine molto utilizzato in questi ambiti, sia sempre più utilizzato nelle imprese, almeno da una certa dimensione in su, vorrebbe dare una patina di legittimazione a quella che è solo una bassa tecnica manipolatoria mascherata da disciplina comportamentale . Il fatto che alcuni ci guadagnino non sposta di una virgola il problema, è solo spazzatura ed è ovvio che chi ci guadagna abbia tutto l'interesse a dire il contrario. Piccola nota personale: l'azienda per cui lavoro mi ha fatto fare alcuni di questi corsi e in tutti i docenti ho sempre notato una mancanza di autoironia e una lieve permalosità , cose non riscontrate ad esempio nei docenti dei corsi 'tecnici'. Saluti a tutti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Marco 2008-04-03 17:03
Potrei sottoscrivere il commento di Davide Enrico...Di fatto, inscrivere la PNL nella cerchia delle pseudoreligioni è una forzatura gratuita e poco degna della Sua cultura e preparazione. Pur d'accordo con altri commenti circa il possibile utilizzo "prevaricatore" di tale tecnica, non va dimenticato che spesso si assiste alla degenerazione (quasi sempre x denaro) degli assunti del fondatore. Mi perdoni il parallelo volutamente provocatorio, ma credo che gli stessi gesuiti utilizzino da sempre alcune metodiche molto, molto simili. Metodi appunto..non fini.Il desiderio di emergere e imporsi, scambiando la difficile conquista dell'autorevolezza con un insieme di "how to" possibilmente scontati, appartiene alla natura dell'uomo e viene facilmente solleticato, non solo, purtroppo, dalla PNL. Un saluto a tutti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maurizio 2008-04-03 17:18
X Chiara: accidenti come prendi fuoco facilmente :-) non e' necessario.... allora....per chiarire brevemente e meglio il mio concetto...le opinioni ognuno se le crea in base alle proprie esperienze (e non sempre dirette ...vedi Davide) ritengo che sono proprio certi "meccanismi mentali" (bada bene che come li hai te li ho anche io) che ci facciano processare l'esperienza, e quindi, creare una opinione (su una qualunque cosa) in modo a volte limitativo o parziale (mancanza di consapevolezza o di conoscenza)( un principio contro il quale mi sembra si basa modo fondamentale questo libero, spero per molto ancora, ed interessantissi mo sito). Il conoscere ed imparare ad usare al "meglio" (lo ribadisco) certi meccanismi ritengo non sia ne demoniaco ne vada in contrasto con una vita basata sulla fede cattolica e non anzi a mio avviso puo' anche valorizzarla. Ogni cosa puo' essere usata in malo modo, anche la fede purtroppo. Il "discutere" di cio' NON significa, almeno secondo me, insultare le tue opinioni....che leggo e rispetto anche se non condivido COMPLETAMENTE (lo ribadisco)...E' magari il modo (vedi Stefano) in cui si esprimono che gli aggiunge valore magari se supportate da tutta una serie di conoscenze utilizzate nel modo piu' obiettivo possibile....e tutto questo a prescindere dalla PNL.......cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rob Roy 2008-04-04 09:30
'Ogni cosa puo' essere usata in malo modo, anche la fede purtroppo.' E' vero, ogni cosa può essere usata in malo modo, ma la PNL secondo me è in prima fila. Tutto questo sottolineare che ogni individuo ha in sé le risorse per riuscire, e il ridurre tutto o quasi a mera tecnica applicabile e insegnabile è molto pericoloso. Se io riesco a convincere gli altri, anche manipolandoli, a fare determinata cose non ho nessuna responsabilità  perché, in base alla PNL, a loro volta queste altre persone, se avessero voluto si sarebbero comunque comportate diversamente. NON E' UN CASO che la PNL sia insegnata soprattutto ai manager e ai venditori, è un modo pseudo-scientifico per (insegnare a) ottenere qualsiasi cosa senza curarsi delle conseguenze perché tanto 'ogni individuo ha in sé le risorse per riuscire' e se non riesce è solo colpa sua. E' (ancora) abbastanza semplice riconoscere questi figuri: sorriso stampato e faccia di circostanza per ogni occasione insieme ad un lessico che vorrebbe a tutti i costi far vedere agli altri quanto si è bravi e buoni. Ripeto quanto detto nel precedente post: se si prova a mettere in dubbio ciò che loro dicono si ottiene invariabilmente il disappunto (nel migliore dei casi) quando non l'aperta denigrazione. E questo perché li si costringe a uscire allo scoperto. Saluti a tutti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio, Master Trainer di PNL 2008-04-04 12:35
Intervengo su questo dibattito parafrasando un meraviglioso libro, Cronache dalla Galassia, di Isaac Asimov. Nei primi capitoli del libro il grande impero galattico è in piena decadenza. Senza scendere nel dettaglio ad un certo punto un inviato dell'imperatore, Lord Brodig, si reca presso la Fondazione, un territorio imperiale oramai circondato da stati barbarizzati. Durante la sua visita Brodig parla delle sue ricerche su alcune civiltà  e sul come svolge queste ricerche. Il modo è il seguente: Brodig dice che è inutile andare di persona nei pianeti ove sono nate e morte queste civiltà . Questi posti sono stati già  visitati da eminenti studiosi che hanno scritto fiori di libri. E' meglio, prosegue Brodig, leggere allora direttamente i loro libri senza che vi sia la necessità  di andare in quei posti. Leggendo quei libri Brodig avrebe avuto materiale sufficiente per scrivere suo. Queste parole nel romanzo di Asimov vengono duramente commentate da Salvador Hardin, uno dei Leader di quel piccolo pianeta. il suo commento è: "E poi ci si lamenta che l'impero galattico è in declino! Che tutta la nostra civiltà  è in declino! Se chi deve fare una ricerca su di un argomento non si reca più sul posto, alle fonti, ma si rifà  alle opinioni di altri, allora siamo veramente al fondo del baratro." Questo discorso penso si applichi anche alla PNL. Come si può parlare su di una cosa della quale, magari (correggetemi se sbaglio) non si è letto niente? L'essenza della PNL non è nei corsi organizzati da trainer magari un po' esaltati o da venditori senza scrupoli. l'essenza della PNL la troviamo anzitutto nei libri che la compongono. "La Struttura della Magia", "Programmazione Neurolinguistic a", "Usare il cervello per cambiare" solo per citarne alcuni. Leggendo questi libri si capisce che la PNL, lungi dall'essere uno strumento miracolistico e la panacea di tutti i mali, è però un valido strumento per migliorare le proprie capacità  mentali e personali. E' cioè una serie di esercizi che ci insegnano a potenziare la nostra mente proprio come in palestra potenziamo il nostro corpo. PNL è libertà , che consiste non nel sostituire una scelta ad un'altra ma nell'aumentare le proprie possibilità  di scelta. E più possibilità  di scelta si hanno, più si è liberi. E' rispetto e tolleranza per le opinioni altrui, conseguenza dall'assunto di PNL che la mia mappa (cioè la mia mente) non è il territorio (cioè il mondo), ma solo la mia personalissima interpretazione . E che la mia mappa, cioè la mia idea del mondo, non vale nè più ne meno della tua. Che tutte le mappe hanno lo stesso valore e la stessa dignità . PNL è ascolto ed attenzione al mondo dell'altro ed è ricerca finalizzata a creare un ponte comunicativo con lui. E' chiarire i propri obiettivi e programmare il modo per raggiungerli in modo ecologico, rispettando cioè le persone ed il mondo che mi circonda. E chi manipola. Chi plagia. Chi usa la PNL illudendo gli altri che potranno diventare ciò che non saranno mai (e purtroppo di queste persone ce ne sono), bene in quel momento quelle persone NON stanno facendo PNL, ma qualcos'altro che magari utilizza alcuni strumenti della PNL ma che NON è PNL. Non fanno PNL perchè ne stanno tradendo i principi base, principi che sono quelli che ho brevissimamente accennato ed altri ancora, tutti accomunati dal rispetto della persona ed all'espansione del suo potenziale in modo armonico rispetto all'ambiente che le circonda. Per finire, discorsi relativi all'incompatibilità tra Cristianesimo e PNL mi sembrano (ed è, come tutto lil mio scritto, una mia opinione del tutto soggettiva) più adatti al quindicesimo secolo che al ventunesimo dove pensavo che certe dicotomie fossero superate da un pezzo. C'è invece una reale incompatibilità tra la fede ed un certo modo di fare PNL, un modo violento e finalizzato al plagio, un modo di fare che in realtà , come ho detto sopra, NON è PNL
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rigatin 2008-04-04 12:43
La PNL c'era anche nel XV secolo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio, Master Trainer di PNL 2008-04-04 14:01
Mi riferivo, ovviamente, al rapporto tra scienza e fede. La scienza esisteva anche nel XV secolo. Oppure no? ;-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rob Roy 2008-04-04 16:46
Per Antonio, Master Trainer di PNL e per tutti i lettori (le citazioni sono virgolettate) 'E' meglio, prosegue Brodig, leggere allora direttamente i loro libri senza che vi sia la necessità  di andare in quei posti. Leggendo quei libri Brodig avrebe avuto materiale sufficiente per scrivere suo.' Risposta Forse mi sbaglio ma se questa citazione di Asimov rispecchia il tuo pensiero mi sembra in contraddizione con quest'altra tua espressione: 'Come si può parlare su di una cosa della quale, magari (correggetemi se sbaglio) non si è letto niente?' Stando alla prima espressione sarebbe sufficiente osservare come si comportano quelli che praticano la PNL… *** 'l'essenza della PNL la troviamo anzitutto nei libri che la compongono. "La Struttura della Magia", "Programmazione Neurolinguistic a", "Usare il cervello per cambiare" solo per citarne alcuni.' Risposta Mi sembrano titoloni ad effetto buoni solo per attirare quelle persone che cercano sicurezza o che credono di cambiare leggendo il solito manualetto con le prescrizioni. Il fatto che alcuni di questi libri siano molto voluminosi non cambia la sostanza. *** 'Leggendo questi libri si capisce che la PNL, lungi dall'essere uno strumento miracolistico e la panacea di tutti i mali, è però un valido strumento per migliorare le proprie capacità  mentali e personali. E' cioè una serie di esercizi che ci insegnano a potenziare la nostra mente proprio come in palestra potenziamo il nostro corpo. PNL è libertà , che consiste non nel sostituire una scelta ad un'altra ma nell'aumentare le proprie possibilità  di scelta. E più possibilità  di scelta si hanno, più si è liberi. E' rispetto e tolleranza per le opinioni altrui, conseguenza dall'assunto di PNL che la mia mappa (cioè la mia mente) non è il territorio (cioè il mondo), ma solo la mia personalissima interpretazione . E che la mia mappa, cioè la mia idea del mondo, non vale nè più ne meno della tua. Che tutte le mappe hanno lo stesso valore e la stessa dignità . PNL è ascolto ed attenzione al mondo dell'altro ed è ricerca finalizzata a creare un ponte comunicativo con lui. E' chiarire i propri obiettivi e programmare il modo per raggiungerli in modo ecologico, rispettando cioè le persone ed il mondo che mi circonda.' Risposta Libertà , rispetto, valore … mi sembra un concentrato di difesa d'ufficio della PNL. Se la PNL è così fantastica perché non si difende e diffonde da sola? *** 'E chi manipola. Chi plagia. Chi usa la PNL illudendo gli altri che potranno diventare ciò che non saranno mai (e purtroppo di queste persone ce ne sono), bene in quel momento quelle persone NON stanno facendo PNL, ma qualcos'altro che magari utilizza alcuni strumenti della PNL ma che NON è PNL.' Risposta Ammetti anche tu che la PNL viene usata per manipolare e plagiare gli altri. Anche se poi ti contraddici dicendo che poi queste persone non fanno PNL (e cosa farebbero di grazia?) *** 'E' rispetto e tolleranza per le opinioni altrui' Risposta Oltre che mia opinione è anche mia esperienza che la PNL è manipolatoria; come detto qualche post più sopra ho fatto alcuni di questi corsi perché l'azienda per la quale lavoro me li ha fatti fare, e dire che l'impressione è pessima è un eufemismo, ma tu dici che l'essenza della PNL non è in questi corsi, e allora dove sarebbe? Solo nei libri? e tra i corsi come distinguere quelli che sono essenza della PNL e quelli che non lo sono? Immagino che i corsi che tieni tu siano allora molto diversi da quelli che ho seguito io. Infine che dire? Sei uscito allo scoperto, proprio come avevo detto io. Saluti a tutti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# hambeday 2008-04-04 22:09
Sono d'accordissimo con Chiara di Roma. Ho visto i risultati della PNL su una coppia da amici. Lui, giornalista conosciuto, voleva piantare la moglie per un altra. Lei donna intelligente ma disperata, è volata alla Standfort University per fare un corso di PNL. Risultato: lui ha piantato l'amante e in più è diventato quel marito che lei avrebbe sempre voluto avere. Bisogna dire che lei ogni tanto faceva dei corsi di aggiornamento. Questa infame "disciplina" contiene anche parecchia ipnosi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giuseppe 2008-04-10 02:18
Molte di queste tecniche vengono utilizzate nello sport (vedi prof.G.Vercelli),con risultati ECCELLENTI.Le tecniche mirano ad ottenere il massimo delle prestazioni attraverso il raggiungimento da parte dell'atleta dello stato di "trance agonistica".In tale stato vengono attivate aree diverse del cervello ma anche qualcosa di diverso che per motivi di tempo non riporto,che ha molta attineza con le teorie della meccanica quantistica per non dire anche con la visione orientale della REALTA'.Molti di questi atleti dichiarano a seconda dei casi di provare la senzazione di essere un "tutt'uno" con la palla,gli sci ,l'auto etc etc,e con l'ambiente di gioco.Una sorta di percezione o di consapevolezza espansa che ricorda la concetrazione dei Guerrieri Samurai per come almeno li rappresentano nei films. Un utilizzo consapevole di queste conoscenze non farebbe altro che rendere felice il CREATORE che generosamente ci ha donato un corpo fisico(con tutti gli attributi)che ci permette di vivere questa esperienza nella materia,materia tutta interconnessa a livello atomico e subatomico,dove il soggetto nella REALTA' non è separato dall'oggetto ma è un TUTT'UNO.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# massimo 2008-04-12 19:15
nell'estate 1989 mi trovavo a phoenix, arizona, presso la fondazione milton h. erickson per un corso di psicoterapia breve ipnotica ericksoniana... milton h. erickson è stato uno dei 3 - gli altri virginia satir ed il terzo o rogers o simmons, ma non è questo il punto - che furono studiati dai padri della nlp : neurolinguistic programming... già  allora la comunità  americana degli psicoterapeuti era fortemente contraria alla diffusione della nlp presso un pubblico di non addetti ai lavori... ciò detto, confondere uno strumento con l'uso che se ne fa mi sembra uno di quegli errori che si commettono quando l'emotività  dis-turba la cognizione... un bisturi salva le vite o le toglie a seconda di chi/come lo si maneggia... nella nlp originaria erano comunque strutturate delle modalità  " ecologiche " che di fatto " proteggevano " da un " auto-uso improprio "... la nlp è comuqnue NON analtica ed il suo elemento centrale - da un punto di vista psicoterapeutic o - è la possibile differenza di informazioni presenti nei sistemi rappresentazion ali, da cui derivano tutta una serie di conseguenze... aloha...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Andrea 2008-04-19 16:08
Stò collaborando da un mese con un'azienda che usa la PNL, mi sono accorto che sono circondato da un branco di persone che hanno avuto problemi familiari (separazioni,di vorzi ecc.) qualcuno è proprio rincoglionito o dissipato mentalmente, in più mi hanno affiancato un pigmeo sotto mentite spoglie. Ed ora inizia il divertimento......Non sanno che scandagliando la mia anima potrebbero trovare il loro INCUBO!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità