>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Letta ci rovina per compiacere Merkel
Stampa
  Text size
La conferma che la politica monetaria, che ha fatto quanto poteva, non ci tirerà fuori da questa crisi da domanda. Là dove la crisi non c’è, come in Germania, abbassamenti del tasso della Banca Centrale Europea abbassano il costo del credito alle imprese tedesche. Ma non a noi: le nostre banche non prestano ma investono in titoli di Stato (bilanci della banche italiane da settembre 2012 a settembre 2013: +20,4%, 66 miliardi, in portafoglio titoli di stato, -43 miliardi di prestiti alle imprese, -4,5%, sempre dati Confartigianato) e non si contendono un mercato anemico di progetti di investimento (chi ha voglia, col pessimismo che circola, di domandare credito?) e comunque rischioso (la recessione fa crescere i crediti incagliati).

Risultato?  Lo spread con il tasso BCE dei tassi attivi delle banche italiane, quelli che praticano alle imprese, cresce, non cala.

L’unica leva vera a disposizione? La politica fiscale espansiva, in modo da riavviare aspettative positive su ordini e clienti, via domanda pubblica.

Come può pensare il Presidente Letta che le imprese possano tornare ad investire di fronte ad un documento, il DEF, firmato di suo pugno, dove, nel giro di 4 anni, 2014-2017, si promette (sarebbe meglio dire si minaccia) di far scendere il deficit in rapporto al PIL dal 2,5% allo 0% di PIL, ovvero di 40 miliardi? Lo sanno tutti come, se mai veritiero, verrà raggiunto questo risultato: bene che vada per 2/3 con aumenti di tasse e 1/3 con tagli lineari di spesa, facendo collassare la domanda interna.

Chi mai investe in questo contesto? Chi?

La soluzione proposta dai Viaggiatori, di prossima uscita, è tanto semplice quanto ovvia: bloccare al 3% il deficit su PIL per i prossimi 4 anni e finanziare maggiore spesa in appalti con tagli agli sprechi negli stessi. In questo modo il contesto sarà quello giusto: quello che inciterà le imprese a scommettere su investimenti e alle famiglie sui consumi.

Rimane l’interrogativo leggerino che va tanto di moda nei circoli dei lirettanti: ”e se i tedeschi dicono di no?” Si accomodino: ci sono due anni davanti a noi per che deliberino le famose multe pecuniarie. Che costeranno, se mai si azzardassero a comminarle, molto meno dei benefici che trarremo (e che l’Europa trarrà) da una nostra ripresa.

Svegliate il Governo in coma. O staccategli la luce.

Gustavo Piga

Fonte >
  gustavopiga.it

Home  >  Worldwide                                                    Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Pietro G 2013-12-05 11:33
Queste proposte, come molte altre del resto, sono pannicelli caldi e aspirine contro una malattia gravissima. L'Italia ha bisogno di DAZI sui prodotti esteri, bloccare l'immigrazione e rimandare a casa gli immigrati che non hanno lavoro, tagliare spesa pubblica e tasse e riformare il sistema politico e giudiziario.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gustavo d 2013-12-06 08:02
Mi ha tolto le parole di bocca signor Pietro. Ha sentito i commenti sul rogo di Prato? Colpa degli italiani ovviamente. Se avessimo fatto quello che dice lei non ci sarebbero stati il rogo e lo scempio del comparto tessile (italiano) di Prato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ares 2013-12-05 13:53
Chi potrà avere il coraggio e le forze coesive per fare ciò...?
In che modo il sistema può essere scardinato, viste le sue impressionanti infiltrazioni di servizi vari nel distorcere le politiche anche di più basso livello...?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rindondanzanalitica 2013-12-05 19:12
Sig. Gustavo Piga ben arrivato !
la sua analisi? meglio tardi che mai!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GIO SCOTTI 2013-12-07 04:32
Ogni giorno il sistema perde un pezzo cio' pero rende gli irriducibili europeisti sempre piu' arroganti e pericolosi, E' illusorio sperare di scalzarli con la sola ragione e con l'evidenza dei fatti si sentono cosi' forziche si sono addirittura sbarazzati del caprio espiatorio di tutti i mali cioe' Berlusconi ma lo hanno fatto per consentire al Sacco (di m.) manni di presentarsi a wall street a dire che ora l'italia e' piu stabile perche' non c'e' piu' Berlusconi per fortuna nessuno lo ha preso sul serio-
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità