>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

I credenti perseguitati dai cattoprogressisti
Stampa
  Text size
Ma il Papa sa quello che - a nome suo - stanno facendo ai «Francescani dell’Immacolata»? Appena due giorni orsono Francesco ha giustamente proclamato che «il Vangelo non si annuncia con le bastonate, ma con amore e gentilezza». Eppure sui Francescani dell’Immacolata - senza alcun motivo e alcuna colpa da parte loro - si è abbattuta una tempesta di bastonate. Stanno radendo al suolo quello che è uno dei pochi ordini religiosi vivi, ortodossi e pieno di vocazioni (stimato e sostenuto da Benedetto XVI).

Il peggio è che la distruzione viene perpetrata in nome di Francesco. Ma è mai possibile che il Papa della gentilezza approvi questi metodi e questa persecuzione?

Fra l’altro i «Francescani dell’Immacolata», nel disastro generale degli ordini religiosi (senza vocazioni, spesso in crisi dottrinale e disciplinare, con molti noti errori), dovrebbero essere portati ad esempio: infatti loro vivono radicalmente la povertà, vivendo solo di carità, hanno molte vocazioni, conducono una vita fortemente ascetica, fanno tante opere di carità per i poveri e i diseredati, annunciano la Buona Novella con zelo missionario e sono obbedienti alla Chiesa (in questi mesi di repressioni subiscono tutto con mitezza e nel silenzio).

Molti fedeli sono scandalizzati dall’accanimento con cui vengono colpiti. C’è gente che piange per i forzati allontanamenti di questi buoni frati dalle comunità dove hanno lavorato fino ad ora.

Io non ho mai avuto a che fare con loro, ma, da osservatore imparziale, li ammiro. E mi chiedo: perché tanta durezza contro religiosi che per i fedeli rappresentano un grande esempio di vita e un vero riferimento spirituale?

Eppure non si è avuto un tale accanimento nemmeno nei casi di religiosi, preti e teologi in cui c’erano grossi problemi di dottrina, disciplina e altro.

Il post-Concilio, per esempio, fu una catastrofe. A decine di migliaia buttarono l’abito religioso: «Si sono sparse a piene mani idee contrastanti con la Verità rivelata e da sempre insegnata» affermò Giovanni Paolo II, «si sono propalate vere e proprie eresie, in campo dogmatico e morale, creando dubbi, confusioni, ribellioni, si è manomessa anche la Liturgia; immersi  nel “relativismo” intellettuale e morale e perciò nel permissivismo, i cristiani sono tentati dall’ateismo, dall’agnosticismo, dall’illuminismo vagamente moralistico, da un cristianesimo sociologico senza dogmi definiti e senza morale oggettiva».

Anche la Compagnia di Gesù, come Bergoglio sa bene, è stata nella tempesta e alcuni suoi membri hanno alimentato la confusione teologica. Eppure non sono mai stati presi provvedimenti come quelli adottati oggi contro i «Francescani dell’Immacolata».

Secondo le statistiche ufficiali dal 1965 (quando finisce il Concilio) al 2005, i membri della Compagnia di Gesù (i gesuiti) sono crollati del 45 per cento, i salesiani del 24 per cento, i Frati minori del 41 per cento, i Cappuccini del 29 per cento, i Benedettini del 35 per cento, i Domenicani del 39 per cento.

Al contrario i «Francescani dell’Immacolata», famiglia religiosa nata negli anni Settanta da padre Stefano Maria Manelli e da padre Gabriele Maria Pellettieri, hanno attratto subito tante vocazioni.

Riconosciuti dalla Chiesa nel 1990, con decreto pontificio del 1998, oggi sono circa 400 frati in 55 case nel mondo e altrettante suore con 47 case su tutto il globo. Anche le vocazioni - che in tutte le diocesi languono - fra loro crescono a ritmi impressionanti. Davvero una comunità benedetta da Dio.

Così l’11 luglio scorso la Congregazione vaticana dei religiosi ha deciso di colpire col commissariamento questa fiorente famiglia religiosa.

Da allora al fondatore, padre Stefano M. Manelli, è stato imposto l’isolamento (i suoi frati non possono né scrivergli, né telefonargli, né andare a trovarlo, né parlargli in alcun modo); tutti i frati che avevano ruoli di responsabilità sono stati esiliati in luoghi remoti, spesso all’estero; i movimenti laicali legati alla congregazione sono stati ibernati; il seminario è stato chiuso e sono state sospese le ordinazioni diaconali e sacerdotali.

Il commissario non ha potuto prendere in pugno le riviste dell’ordine perché appartengono ai laici, così ha proibito ai religiosi della congregazione di collaborarvi. In sostanza si è usato il pugno di ferro.

Nessuno può credere che il Pontefice della tenerezza abbia voluto o autorizzato una cosa simile. Troppo grande sarebbe la contraddizione fra il suo insegnamento («amore e gentilezza, non bastonate») e la pratica concreta che ricorda i fantasmi dell’Inquisizione.

È pur vero che in passato l’Inquisizione, i cui metodi furono spazzati via grazie a Joseph Ratzinger, nel corso della sua storia colpì diversi santi.

L’ultimo fu padre Pio. Com’è noto il santo cappuccino, fra 1960 e 1961, dovette subire - sotto il cosiddetto «Papa buono» - provvedimenti restrittivi e punitivi molto duri. Erano del tutto ingiusti, come poi ha dimostrato la piena riabilitazione voluta da Paolo VI e la canonizzazione del frate stigmatizzato fatta da Giovanni Paolo II.

Ma fa un certo effetto che si perseguitasse un santo come lui, proprio mentre nella Chiesa si portavano in palmo di mano teologi come Karl Rahner che Roncalli nominò fra i consultori del Concilio Vaticano II.

Rahner ha avuto un’influenza assai nefasta nella teologia post-conciliare (basti dire che Hans Kung è stato il suo degno allievo). La sua teoria dei «cristiani anonimi» fu un autentico veleno.

Tuttavia Rahner è intoccabile anche oggi. Ci sono teologi che si permettono di mettere in discussione i dogmi della  fede cattolica, la Madonna e i santi. Ma Rahner non si può discutere.

Invece fra le coraggiose iniziative di riflessione teologica che i «Francescani dell’Immacolata» hanno intrapreso negli anni passati c’è stato proprio un convegno di studi intitolato significativamente «Karl Rahner: un’analisi critica». In netto contrasto con la «teologia progressista» oggi dominante.

Molti sospettano che fatti del genere abbiano contribuito a mettere i «Francescani dell’Immacolata» nel mirino del potere clericale, dove oggi siedono ecclesiastici che hanno avuto trascorsi nella «Teologia della liberazione», come il cardinale brasiliano João Braz de Aviz che è proprio il capo della Congregazione vaticana che ha deciso il commissariamento.

In un’intervista di qualche tempo fa il prelato ha raccontato come visse quella fase della sua vita, ma curiosamente lì non ha fatto sua la condanna degli errori della Teologia della liberazione che fu firmata da Giovanni Paolo II e da Joseph Ratzinger.

Anzi ha affermato: «rimango convinto che in quella vicenda è passato comunque qualcosa di grande per tutta la Chiesa».

Sì, una grande catastrofe. Ecco ora nuovi disastri «progressisti», come l’annichilimento dei «Francescani dell’Immacolata». Se questi frati fossero stati seguaci di Rahner, Kung o della Teologia della liberazione, la loro persecuzione avrebbe suscitato uno scandalo sui media. Invece sono fedeli alla Chiesa, dunque nessuno li difende.

C’è chi sostiene che si tratti di una sorta di vendetta trasversale contro Benedetto XVI per il «Motu proprio» che liberalizzò la messa tradizionale. Esso suscitò pesanti reazioni e opposizioni in Curia e fra i vescovi. Mentre i «Francescani dell’Immacolata» attuarono fedelmente il «motu proprio» volendo essere in comunione col Papa. È questa la loro colpa?

Io credo che la loro distruzione danneggi tantissimo pure l’attuale papa. Perché annichilisce un carisma prezioso per la Chiesa e perché porta acqua al mulino dei lefebvriani che hanno attaccato pubblicamente Bergoglio. Adesso costoro possono dire: «vedete, nella Chiesa di Francesco c’è posto per tutti, meno che per i cattolici».

Avendo sempre difeso il Pontefice da questi attacchi, io spero che, informato dei fatti, quanto prima egli metta fine a questa incredibile persecuzione e ristabilisca la verità e la giustizia.

Antonio Socci

Fonte >  Libero.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# harddie 2014-01-06 12:20
Certi fatti valgono più di migliaia di discorsi, interviste in esclusiva a Scalfari o qualche enciclica. Non è possibile equivocare, di fronte a casi come questo. Il silenzio delle gerarchie e figurarsi, quello della stampa e di quanti strillano ogni volta che qualche beniamino dei media nelle 'cose di Chiesa' viene ripreso nell'esercizio delle sue funzioni indebite; e questo Francesco che permette, quantomeno, la messa in mora di francescani che vivono più di altri nello spirito del Fondatore. La fine della Chiesa, però, con tutti i conforti religiosi, un'apostasia dolce dolce, soave, indolore: buona educazione, buoni sentimenti, buongiorno e buonasera e buon appetito, in prima serata. Il candidato di Martini al papato: se prima non si voleva capire, si capisce meglio tutto, adesso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ALANODELLAROCCA 2014-01-06 17:33
I Francescani dell'Immacolata stanno a Bergoglio come i Palestinesi stanno ad Israele. Entrambi i primi termini rivelano la vera natura dei secondi, altrimenti occultata dai compiacenti mass-media.
Anche Socci non poteva piú esimersi dal denunciare l'orrendo misfatto, anche se il ritardo nei tempi e i modi ("ma papà Francesco lo sa?")lo collocano ancora nel religiosamente corretto. Tuttavia il suo intervento in favore dei FI, essendo egli molto seguito in campo cattolico, passa la palla al vescovo di Roma, il quale ora é costretto a giocare a carte scoperte.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Fabio B 2014-01-06 21:18
Purtroppo la situazione attuale sembra l’equivalente ecclesiastico di una malattia autoimmune: il sistema immunitario non riconosce le infezioni esterne e si attiva invece contro l’organismo. Procurando inoltre, in questo caso, sensi di colpa ai cattolici che intendono mantenere la propria Fede, quasi fossero gli unici per cui la misericordia non vale, nè è consentito seguire la retta coscienza. E senza degnarsi di dare una spiegazione.
Constatiamo che, dopo l’uscita di scena di Benedetto XVI, ormai le voci che anche solo implicitamente ponevano problemi sul concilio sono state punite o zittite: i Francescani dell’Immacolata , Bux ed i liturgisti fedeli al vecchio rito, recentemente Burke. Non si vuole assoliutamente riconoscere che il rito tradizionale richiama più delle pagliacciate, qualunque elemento smentisca le tesi conciliari viene pesantemente censurato e represso. Il recinto in cui venivano rinchiusi i ‘lefevriani’ è stato ampliato ed ora comprende anche i ‘criptolefevria ni’ cioè tutti coloro che, all’interno della Chiesa, non si piegano al modernismo. Non c’è più bisogno di approfondire e confutare le tesi, basta la parola.
Non resta che confidare in Gesù e Maria, perché proteggano la Chiesa e guidino il Papa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Genius Loci 2014-01-06 23:21
i cattoprogressis ti di solito amano le BANKE!...

...I FRANCESCANI AMANO IL PROSSIMO!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2014-01-06 23:47
A me, da osservatore esterno, non mi interessano più di tanto le beghe intra-religiose, anche se devo dire che provo forte empatia per i Francescani, in particolare per questi dediti alla vita ascetica al pari dei buddisti tibetani e dei monaci di altre antiche religioni.
Per espandere l'anima devi comprimere il corpo che la contiene: su questo non c'è dubbio.
Quello che però mi dispiace è che l'epilogo di questa teologia progressista, volta a inseguire le debolezze e i capricci dell'umanità pur di mantenere il contatto (e il potere), sarà la trasformazione di Gesù Cristo in quel Gesù "compagnone", tanto di moda negli Usa con grandi sorrisi, occhio ammiccante e pollice alzato in segno di Ok.
Da credente, di qualunque religione fosse, non accetterei mai un Dio della porta accanto: men che meno tutto teso a mostrarsi simpatico e disponibile.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# littoria3 2014-01-07 20:54
Caro Socci, che Le hanno fatto di male i discepoli di Monsignore lefebvre??.
Lei caro mio, dovrebbe essere più caritatevole, lei infatti, non può dimostrare in NESSUN MODO, che le cosiddette 'critiche' dei sacerdoti della San Pio X, siano sotto OGNI aspetto fuori dalla VERITA', quella di sempre.
Dimostri che sbagliano ma lo faccia onestamente e senza 'divagazioni' sul tema della FEDE Cattolica Apostolica e Romana. Credo che la sua presunzione di ergersi a novello bastonatore al pari dell'ultimo 'Bergoglio', ne sarà ben ridimensionata. Mi scusi sà ma certe velleità portate per partito preso, mi obbligano ad essere poco 'caritatevole' come in questo caso. Del resto anche Lei è obbligato a riconoscere le Verità denunciate in materia dottrinale, teologicha, liturgica eccc. di Monsignore....
Le auguro un buon anno 2012
Ave
Mazzer Alberto - Roma
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Michela 2 2014-01-08 00:08
Ho letto che padre Volpi, il commissario dell'Ordine ha chiesto più di 5000 euro al mese ai Francescani!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paratore 2014-01-09 21:22
Mi sa tanto che,se mai dovesse tornare...
manderebbe,tutt i quanti,Nessuno escluso,
in quel tal noto,proverbial e..."posto"!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maccabeo 2014-01-10 21:50
Socci coi piedi in tutte le scarpe... un millepiedi!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# FORESTO 2014-01-11 15:54
Ma il Papa gli ha risposto? Risponde a tutti, a Scalfari, ai depressi che gli scrivono...come mai qui tarda a rispondere?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità