>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Putin, Dugin, De Maistre, De Mattei e i Teocon
Stampa
  Text size
Preambolo

Le recenti vicende belliche in Crimea e in Ucraina (gennaio/settembre 2014) ci fanno toccar con mano ciò che sino a ieri poteva apparire, agli occhi dei più, soltanto una probabilità.

Il Nuovo Ordine Mondiale vuole distruggere Putin & la Russia putiniana, poiché stanno giocando il ruolo del katéchon, ossia “l’ostacolo che trattiene” (San Paolo) le forze della Sovversione mondialista e globalizzatrice (Israele, Usa e l’Arabia Saudita wahabita).

Putin è diventato oramai per i mass media finanziati dalla “contro-chiesa” il neo-Hitler, il neo-Saddam, il neo-Gheddafi o il neo-Assad da eliminare1. Si inizia con la manipolazione del pensiero (Putin viene già dato per impazzito) a mezzo stampa, televisione e radio per terminare con una condanna capitale pubblica ed esemplare (come è successo per Saddam e Gheddafi), una sorta di “Norimberga 1946/permanente” che non passa e non deve passare proprio come la shoah.

L’Europa2 e l’Italia del XX secolo, schiave degli USA già a partire dalla prima e soprattutto dalla seconda guerra mondiale son divenute una mera base logistica di atterraggio e di lancio per gli aerei degli Stati Uniti d’America e d’Israele (che anch’esso, da qualche anno, ha una parte della sua flotta aerea stanziata in Sardegna). L’Unione Europea del XXI secolo è geo-politicamente e finanziariamente un’appendice del nord America, anzi un’appendicite infiammata e oramai purulenta prossima alla peritonite.

Tuttavia alcuni pensatori europei si stanno interrogando se la politica dell’UE nei confronti della Russia, come è successo con l’Iran e la Libia, non sia auto-lesionistica per l’economia della Vecchia Europa. Infatti l’embargo decretato dagli Usa e dall’UE contro la Russia ha delle ripercussioni molto gravi sull’economia europea già in semi-fallimento conclamato a partire dal 2010.

L’alleato naturale (fisico, storico, culturale e geografico) dell’Europa non dovrebbero essere le Nazioni limitrofe dell’est europeo e del Mediterraneo: Russia occidentale o europea (non forzatamente quella asiatica), Siria e Libia? L’Atlantico non è uno spazio troppo vasto (rispetto al Mediterraneo e all’Europa dell’est) per poter essere valicato facilmente e rifornire, ad esempio, l’Europa occidentale di gas, che la Russia non ci darà più e che gli jiadhisti dell’ISIS hanno, recentemente, quasi interamente bruciato in Libia dopo la scomparsa (decretata dagli Usa del Presidente Obama ed eseguita dalla Francia del Presidente Sarkozy) di Gheddafi? Eppure l’UE si è schierata, suicidariamente, contro i suoi vicini di terra e di mare, con i quali commerciava (importando ed esportando) e con i quali non potrà più far affari proprio nel momento del suo maggior bisogno.

Se i politici europei (marionette nelle mani dell’Alta Finanza e dei Club o Think-Tank mondialisti israelo/americani) fanno finta che il re sia vestito (ossia, che l’Europa stia in piena “salute”), mentre invece “il re è nudo” (v. Christian Andersen), alcuni pensatori del Vecchio Continente si stanno svegliando e dopo aver scritto su questo argomento cominciano, lodevolmente, a unire le loro forze in vista di arrestare il “trasbordo ideologico/finanziario inavvertito” verso la plutocrazia israeliano/americana e di vedere se non ci convenga stare con Putin piuttosto che con Washington, Tel Aviv o “Bruxelles”.

Il congresso euro-russo in Austria 2014

Nel mese di luglio si è svolto in Austria un incontro a porte chiuse – che sarebbe dovuto restare “segreto”, ma è stato segnalato da alcuni organi di stampa3 – tra vari aristocratici (Sisto di Borbone di Spagna e il Principe del Liechtenstein), intellettuali e cattedratici europei e russi. Ma il nemico non dorme ed ha cercato di infiltrare tale operazione per sabotarla dall’interno.

Aleksandr Dugin

Aleksandr Dugin
  Aleksandr Dugin
Infatti alcune persone attendibili (presenti in loco) mi hanno detto e scritto4 che tra i partecipanti vi era Aleksandr Dugin, il quale si è presentato come porta-parola di Putin e dei valori tradizionali, che dovrebbero unire oggi l’Europa alla Russia. Ma chi è costui?

Qualcuno che lo conosce da molto tempo, personalmente e molto bene, mi ha detto che Dugin è cambiato, si è convertito; io me lo auguro fortemente, ma bisognerebbe poterlo constatare e provare oggettivamente e pubblicamente, dato che i suoi errori son stati professati da lui in pubblico e per iscritto.

Roberto De Mattei

Roberto De Mattei
  Roberto De Mattei
Sempre gli stessi testimoni mi hanno detto e scritto che l’unico italiano presente era Roberto De Mattei. Ora De Mattei (come recita il suo profilo biografico sul sito del Consiglio Nazionale delle Ricerche)5 è stato Consigliere per le questioni internazionali dell’allora ministro degli Esteri Gianfranco Fini nel 2002/2003 e lo ha accompagnato alla City di Londra. Inoltre De Mattei, come si legge sul sito del CNR, risulta essere ancor oggi membro dell’Heritage Foundation di Washington, che è uno dei Think-Tank più influenti degli USA, fondato nel 1973 durante la Presidenza (1968-1974) del repubblicano Richard Nixon, un’Associazione “culturale”, molto simile alla Mont Pelérin Society, vicina al Partito Repubblicano e ai teo-con. Nel suo Statuto si legge che essa si prefigge di “elaborare e promuovere strategie politiche basate sui princìpi del libero mercato, della limitazione dell’intervento statale, delle libertà dell’individuo, dei valori americani tradizionali e della difesa nazionale statunitense”6. La Heritage, inoltre, diffonde la rivista bimestrale di cultura politica neo-con Policy Review su cui scrivono i più illustri libertari, neo-liberali e anarco/liberisti statunitensi (v. N. Gingrich, P. Gramm, D. Armey, B. Bennett, Bill Kristol…), che sono stati gli ideologi della “guerra preventiva” del Presidente Bush jr. contro la “canna fumante” di Saddam Hussein nel 2003. Come si vede il programma della Heritage Foundation è molto simile a quello del Bilderberg, della Trilateral della Mont Pelérin Society, e del Club di Roma.  

Dugin & De Mattei, Israele & De Maistre

Ma, cosa accomuna Dugin e De Mattei? Un certo amore per Israele e per De Maistre.

Infatti Dugin ha scritto: 1°) la Russia deve sostenere i valori di Israele; 2°) “come guénoniano, considero De Maistre un personaggio molto positivo7. C’è un progetto di organizzare una conferenza tradizionalista titolata: “Le Serate di Pietroburgo”8 in onore di Joseph De Maistre, invitando tradizionalisti e conservatori di diversi Paesi, europei ed asiatici per ripensare la tradizione conservatrice in  generale”9.

Appare chiaro il tentativo di esportare anche nella Russia di Putin l’ideologia neo-con della Rivoluzione/conservatrice di Burke, De Maistre, Kirk, Popper, Hayek, Mises e “fratelli”…

Ora, De Mattei nella giornata di conferenze sul “giudeo-cristianesimo” (alla quale ho assistito, ma non consentito), organizzata da lui stesso e tenuta assieme a due personaggi di spicco della “Comunità Israelitica Italiana” – Giorgio Israel10 ed Emanuele Ottolenghi –, presso l’Università Regina Apostolorum dei ‘Legionari di Cristo’ nel 2008 in Roma, ha sostenuto la tesi della conciliabilità tra il giudaismo attuale e il cristianesimo, nell’ottica teo-con dello “scontro di civiltà” (Samuel Hungtinton) contro l’islamo/fascismo. Inoltre pure De Mattei è un ammiratore di De Maistre di cui ha curato il Saggio sul principio generatore delle Costituzioni umane (Milano, All’insegna del pesce d’oro, 1975).

Infine occorre sapere che l’allievo russo prediletto di De Maistre: Pëtr Jakovlevič Čaadaev (Mosca, 1794-1856) riprende il tema caro al Savoiardo dell’instaurazione del Regno di Dio sulla terra, in un senso millenaristico e diverso dal Regno sociale di Cristo insegnato dalla Chiesa romana (cfr. Pio XI, Enciclica Quas primas, 1925). Infine per Čaadaev il Cristianesimo (romano, ortodosso/scismatico e protestantico, che sarebbero tutti e tre la Chiesa di Cristo) è una forza propulsiva che dovrà riunificare il mondo sotto di sé, superando le fratture prodottesi col Luteranesimo e l’Ortodossia/scismatica11.

Ora, la stessa teoria era stata sostenuta da De Maistre (Le Serate di Pietroburgo, Milano, Rusconi, 1971, p. 603). Quello che lascia maggiormente perplessi è la frase finale delle Serate: “ho detto molte volte che questa setta [degli Illuminati o Massoni spiritualisti] può essere utile nei Paesi separati dalla Chiesa poiché mantiene il sentimento religioso […] e lo prepara per la riunificazione” (J. De Maistre, cit., pp. 603-604). Quindi secondo il Savoiardo la Massoneria spiritualista non è cattiva in sé, come ha insegnato la Chiesa in oltre 580 documenti magisteriali di condanna della setta (dal 1738 al 1983), ma può essere utile per la “riunificazione” dei protestanti, degli scismatici orientali detti “Ortodossi” e dei cattolici, basandosi non sulla Fede teologale e soprannaturale (che è un assenso dell’intelletto, mosso dalla volontà e soprattutto dalla Grazia divina), ma sul “sentimento o esperienza religiosa”. Attenzione! per la “riunificazione”, non per la conversione ed il rientro dei luterani e degli scismatici “Ortodossi” nella Chiesa di Cristo, che è solo quella romana (cfr. Pio XII, Enciclica Mystici Corporis, 1943).

Conclusione

Quel che preoccupa è soprattutto “l’entrismo” ben mascherato di De Mattei in ambiente “tradizionale” e un po’ di meno quello di Dugin. Ora se Dugin (come Massimo Introvigne, mutatis mutandis) è abbastanza “scoperto” e, quindi, meno pericoloso perché non può ingannare più di tanto, Roberto De Mattei a partire dal 201012 ha pubblicamente fatto un’inversione di rotta ritornando alle posizioni cattoliche tradizionali della TFP e di Alleanza Cattolica ante 1980. Infatti, a partire da quell’anno, le due Associazioni suddette cominciarono a dire, in maniera sempre più esplicita, che la “crisi” neo-modernistica nella Chiesa con il Pontificato di Giovanni Paolo II era oramai superata. Lo stesso De Mattei lo riteneva e parlava e parla ancora di Benedetto XVI come di una sorta di Papa restauratore della Tradizione. Con il Pontificato di Francesco I De Mattei è passato apertamente e pubblicamente all’opposizione, ma in privato restano, oggettivamente, le ombre di cui sopra si è detto.

Ora “ad ogni peccato, misericordia”. Infatti “errare humanum est”, ma “perseverare diabolicum”. Se De Mattei sconfessa pubblicamente i suoi errori e le sue frequentazioni del passato e del presente, gli si può prestare attenzione; altrimenti occorre prendere le distanze da lui in maniera chiara, esplicita, pubblica ed inequivocabile.

Soprattutto facciano attenzione gli antimodernisti a non cadere nel “trasbordo ideologico inavvertito” verso la teologia moderatamente (quanto ai modi, ma non alla sostanza) modernista post-conciliare. Rifiutare l’eccesso di velocità di Francesco I non basta, occorre disapprovare la direzione erronea che ha imboccato la teologia a partire da Giovanni XXIII, ora in maniera più veloce (Roncalli, Wojtyla), ora più moderata (Montini, Ratzinger), ma comunque sostanzialmente e diametralmente sbagliata. 

don Curzio Nitoglia

http://doncurzionitoglia.net/



1
] Cfr. la dichiarazione del Premier polacco, che il 1° settembre del 2014 ha paragonato Putin a Hitler, il quale invase la Polonia il 1° settembre del 1939. dunquePutin va distrutto adesso, senza perdere tempo, come gli Alleati fecero allora, con qualche esitazione, con Hitler.

2] Tranne qualche tentativo di smarcamento sino agli anni Sessanta/Settanta da parte di Francisco Franco, di Antonio Salazar e di Charles De Gaulle, che oggi - in Spagna, Portogallo e Francia - è stato totalmente soffocato.

3] In realtà la stampa “politicamente corretta” (la Repubblica) ha parlato soprattutto di politici della destra europea, i quali in realtà erano stati invitati solo nel ruolo di osservatori, mentre la parte del leone l’avrebbero giocata gli intellettuali europeisti, sotto il patronato delle “elite tradizionali” (Sisto di Borbone e il Principe del Liechtenstein).

4] Lettere che conservo depositate dal notaio.

6] Cfr. Andrea Mancia, Heritage-Foundation

7] Non è, dunque, un caso che René Guénon († 1951) concluda il suo libro più famoso (Il re del mondo) citando De Maistre ed anche Julius Evola († 1974) lo cita, con risalto, all'inizio del suo libro principale (Rivolta contro il mondo moderno).

8] Si noti che Le Serate di Pietroburgo di Joseph De Maistre furono pubblicate in italiano per la prima volta dall’Editore Mario Rusconi di Milano nel 1971 con un’introduzione di Alfredo Cattabiani. Ora nel 2014 appaiono due edizioni delle Serate, una è stata pubblicata dall’Editore Fede & Cultura di Verona, con l’introduzione di Ignazio Cantoni di Alleanza Cattolica, in cui ha militato De Mattei sino al 1981 e l’altra è la ristampa della prima edizione della Rusconi edita da Nino Aragno Editore di Torino, recensita recentemente da Francesco Perfetti su Il Giornale del 1° agosto 2014, p. 21.

10] Si noti che Giorgio Israel oltre ad essere comunista iscritto alla “Federazione della Gioventù Italiana Comunista” sin dal 1950, vale a dire quando nel PCI regnava il sanguinario stalinista Palmiro Togliatti, come si legge sul suo “blog” è anche molto vicino alla Massoneria del ‘Grande Oriente d’Italia’, facendo parte della Redazione della Rivista del “GOIHiram e (almeno lui, a differenza di qualche “tartufo” teo-conservatore che lo frequenta) non ne fa mistero. Inoltre gli unici che fanno finta di non saperlo sono certi, per fortuna non tutti, “tradizionalisti” che scalpitano per avere “un posto al sole” ed uscire dal “ghetto”. Inoltre Roberto De Mattei, nonostante il “ritorno” alla “Tradizione” cattolica con il suo libro sul Concilio Vaticano II, non ha rotto pubblicamente i legami con gli ambienti ebraici e teo-conservatori, anzi il suo profilo sul sito del CNR e la sua appartenenza alla Heritage Foundation li confermano. Ora “quale accordo può esservi tra Cristo e Belial?” Tra Cristianesimo e Giudaismo post-biblico (ossia tra il cerchio e il quadrato)? Tra la dottrina sociale della Chiesa e il teo-conservatorismo liberale ed iper-liberista?

11] Cfr. P. Čaadaev, Le lettere filosofiche, Bari, Laterza, 1950; S. Vitale (a cura di), Il bottone di Puskin, Milano, Adelphi, 1995.

12] Il 2010 è l’anno della pubblicazione del suo libro, storicamente discreto, ma teologicamente impregnato di millenarismo gioachimita, Il Concilio Vaticano II. Una storia mai scritta, Torino, Lindau. Nel 2011 R. De Mattei ha pubblicato, sempre con Lindau, Apologia della Tradizione, che contiene errori teologici grossolani: la negazione dell’esistenza del Magistero come luogo teologico, che sarebbe stato inventato dai canonisti tedeschi del Novecento e soprattutto da Pio XII nell’Enciclica Humani generis, 1950. Cfr. l’articolo riguardo a tale libro di De Mattei, pubblicato su questo stesso mio sito, «IL “NEO-DONATISMO” UN PERICOLO SEMPRE ATTUALE».



 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# frank10 2014-09-04 15:27
Completamente d'accordo.
Solo, come lo stesso Don Curzio affermava, può essere utile citare alcuni argomenti del De Mattei quando parla della Rivoluzione. Questi interventi, come anche a suo tempo quelli del de Oliveira possono contenere osservazioni molto interessanti.
Anche se poi mancano di altro o parteggiano per i giudei, come giustamente Don Curzio ha ricordato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2014-09-04 17:12
Condivido augurandomi che DIO ponga fine
a questa vile blasfema inumana visione del
futuro umano; nella società della menzogna "attuale"; e la Chiesa risplenda nell'Amore di DIO via,VERITA',VITA.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Mec1961 2014-09-04 17:57
Articolo in gran parte condivisibile... Pero' a me sembra che l'area che si richiama alla tradizione cattolica si stia frammentando un po' troppo, non vorrei si facesse la fine della destra politica.... troppo divisa per avere un minimo impatto o influenza su alcunche'.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# romina2004 2014-09-05 10:53
Esatto. Nel mio comune ho aiutato quelli di destra, ma alla fine saranno stati più onesti personalmente, ma ne hanno combinato di cotte e crude, lasciando molto spazio ad incompetenti e furbetti. Anche questi cosiddetti tradizionalisti che fanno le pulci a tutti e su tutto quanto sono veramente dalla parte della ragione? Troppo superbi e troppo fomentatori di divisioni. Guerre e battaglie si vincono a suon di sconfitte e difficoltà, e pure di compromessi. Se Dio interverrà è anche a motivo della loro scarsa efficacia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# codino 2014-09-04 18:48
Si potrebbe sapere qualcosa in più su questi aristocratici reazionari Sisto di Borbone di Spagna e il Principe del Liechtenstein?
C'è qualcosina su wikipedia ma non molto...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pulikovskij 2014-09-05 00:52
Citazione codino:
Si potrebbe sapere qualcosa in più su questi aristocratici reazionari Sisto di Borbone di Spagna e il Principe del Liechtenstein?
C'è qualcosina su wikipedia ma non molto...


Sisto di Borbone ha un proprio sito web (cercare su Yahoo.es o altri motori di ric.)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2014-09-05 07:43
Un'articolo che fa chiarezza ed invita a non restare impigliati nella tela che il ragno invisibile ed ingannatore tesse senza tregua.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maurizio Blondet 2014-09-05 15:37
Blondet:

Grazie don Curzio per questi utilissimi chiarimenti. L'americanismo e i filo-israelismo di De Mattei e Soci ne fa le vittime predestinate per le seduzioni ebraiche - seduzioni che hanno già guadagnato alla "causa israeliana" i 70 milioni di cristiani americani protestanti, born-again christians, pentecostali con i loro telepredicatori . Originariamente antisemiti (vedevano in Sion una forza anticrisitica) costoro furono manipolati da una campagna israeliana che li convinse di quanto segue: 1) Dio è che gli ebrei, vuole il loro ritorno in Terra Santa, e chi si oppone è maledetto da Dio; 2) il ritorno degli ebrei in massa nella loro patria biblica, accelera il Secondo Avvento di Cristo, e la vittoria finale del Bene (gli Usa) sul Male (URSS allora, oggi Russia, Europa eccetera).
A condurre questa campagna, avvicinando e corrompendo i telepredicatori (anche con regali come aerei privati eccetera), fu un tal Shimon Peres.
Oggi, lo stesso Shimon Peres è andato dal Papa Francesco per proporgli: "Facciamo l'ONU delle religioni". Che è la fase ulteriore del progetto, che dovrà condurre al "Tribunale dell'Umanità" insediato in Gerusalemme, dove il Tempio sarà ricostruito, segno del potere mondiale ebraico, e suprema istanza penale per i goym e i noachici: insomma niente meno che il Regno dell'Anticristo.
Bisogna dire che Peres ha conosciuto bene il suo pollo: il modernismo di Francesco I sboccato in filo-pentecostalismo amerikano, la "mondanità" e l'adesione all'umanitarismo progressista (vedi Eugenio Scalfari) lo rendono ben disposto verso questa seduzione....Lui che stronca e perseguita i cristiani fedeli come i Francescani dell'Immacolata, priva la Chiesa della difesa primaria per non cadere nella trappola: la tradizione, la dottrina e la fede nel soprannaturale.
Preghiamo molto per questo Papa tentato da Shimon. Non preaevalebunt.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# steg 2014-09-05 19:33
Leo Strauss: heideggeriano o neoconservatore dell'elite'.
Alexander Dugin: heideggeriano o neoconservatore del popolo.
Se Dugin in futuro critichera' Putin significa che lo "Stato profondo" russo avra' deciso di mollare Putin cosi come l'anglo-massoneria o massoneria spiritualista, cioe' gli illuminati di B., fecero fuori De Gaulle: franco-massone o massone laico. In questo caso, si avra' un 68' neocons anti-Putin e anti-UE a favore di un'Unione Oceanica sulla scia del TTIP e dell'omologo nel Pacifico ecc. Serve un Katechon a mano, statico, anziche' a pedale o dinamico come la Russia putiniana. Serve il Terzo Scisma della Terza Rinnegazione per il Terzo Risorgimento italiano, europeo e ora anche extra-europeo. Solo cosi e' possibile restaurare la Chiesa Cattolica Romana autentica, pre-conciliare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gotico 2014-09-05 23:26
E' approssimazione catalogare Dugin tra gli ideologi ebraizzanti.

Ritengo che l'eurasiatismo di Dugin abbia molti aspetti rivedibili e tuttavia non si può inserirlo in una casella (che poi su questa pagina equivale a una vera e propria damnatio) come quella della israelofilia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2014-09-06 11:02
Grazie giornalisti per ulteriori chiarimenti importanti. L'Anticristo si avvale comunque della confusione. Se le possibilità dipendessero dalle capacità, e ciò che è possibile fare oggi subordinato a quello che c'è, allora Francesco I non si dimostra preoccupato per i loro presupposti. Pregare smuove le montagne.
L'Anticristo sovrappone scenari con anarchia per poi dopo spogliare l'incapacità dei telepredicatori vari, annessi e connessi personaggi inutili, per capovolgere la realtà, e controllarla, nel caso si dovesse realizzare questo Tempio-Tribunale.
La banda terroristica ISIS è la creazione di questa confusione in scenari internazionali sovrapposti. Prova è che ieri nel Galles si sono riuniti per fare le solite rimpatriate tra amici, ma non prevalebunt...Nulla potrà contro, perchè nel grappolo di paesi arabi che vi hanno partecipato, non si è toccata la Siria, perchè lì l'Anticristo non capirà mai la complessa situazione politica che si annida. La Siria è vicina alla Russia, ragion per cui quella riunione è la palese conferma della Crociata dell'Anticristo contro un confuso Occidente marcio, impegnato a litigare in Ucraina e contro Putin, a ridicolizzare sgozzamenti, ad aumentare la crisi nel Golfo, cosa che andrà a vantaggio della Russia. Come ciliegina sulla torta ci tengono divertiti a paragonare Putin a Hitler o a Lenin, ma un tempo l'Ucraina fu la capitale russa, e ostinandosi a farla entrare nella NATO o nella UE, affinchè non diventi neutrale, come la vorrebbero le persone colte, avrà costi tali, che conveniva adoperare quel denaro in cose utili. La precisione dell'orologio svizzero che porta il boia sgozzatore sotto il manto nero, sa leggere il tempo, cambierà nome, come tanti nomi hanno quelle sette simil-religiose che l'Anticristo vorrebbe corrompere, ma la salvezza paradossalmente , della nostra nostra religione, verrà dalla lotta del fondamentalismo islamico, che tiene uniti gli arabi contro la creazione di questa sorta di ONU per le religioni?! L'unica religione è la Cattolica. E come l'euro per l'Italia, unica forza anticristica che tiene unito ancora il Sud al Nord.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Felix77 2014-09-18 17:19
Ho letto la risposta del Prof. De Mattei rivolta a don Curzio: una risposta debole nella quale il metodo 'propaganda' si mostra in tutta la sua essenza. Partendo da qualche doverosa puntualizzazion e, qualche fondo di verità e attraverso tante parole, De Mattei, di fatto, non ha chiarito nulla.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità