>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Considerazioni sull’attualità del discorso di Benedetto Croce all’Assemblea Costituente del 24 luglio 1947
Stampa
  Text size
Croce antifascista

Benedetto Croce (1866-1952)[1] è stato un filosofo storicista e liberale di derivazione kantiano/hegeliana e, conseguentemente, un grande cultore dell’Individualismo idealista. Quindi, filosoficamente e politicamente, “non poteva non essere” antifascista[2] poiché antistatalista, mentre il fascismo riteneva - con Giovanni Gentile -  che lo Stato era un Assoluto e doveva assorbire l’individuo in sé.

Croce è stato membro del CLN nel Partito Liberale Italiano (1943-45) e Ministro del governo Badoglio dopo l’8 settembre del 1943.

Egli ha chiesto l’abdicazione di Vittorio Emanuele III (squalificato dalla fuga dell’8 settembre 1943) per restaurare un governo democratico liberale e prefascista (Per la nuova vita dell’Italia: 1943-44, Napoli, 1944); poi ha lottato contro le sinistre social/comuniste e azioniste (Pagine politiche: luglio-dicembre 1944, Bari, 1945; Pensiero politico e politica attuale: 1945, Bari, 1946); infine nell’Assemblea Costituente ha combattuto l’idea del Tripartito, l’inclusione del Concordato del 1929 nella Costituzione italiana, si è schierato a favore del divorzio e dulcis in fundo (Croce l’antifascista dal 1925) ha criticato l’approvazione del Dettato di pace imposto dagli Alleati all’Italia con il discorso del 24 luglio del 1947 (Due anni di vita politica italiana: 1946-47, Bari, 1948), che riporto alla fine di questa breve introduzione affinché il lettore possa prenderne atto oggettivamente, essendo l’espressione di un pensatore liberale ed antifascista “al di sopra di ogni sospetto”.

 Obiettività del suo discorso del 1947

Leggendo il discorso, tenuto da Croce, appare evidente che 1°) nel 1943-45 “tutti gli Italiani”, anche gli antifascisti, hanno perso la guerra, poiché “non ci si può distaccare dal bene e dal male, dalle vittorie e dalle sconfitte della propria Patria”; 2°) il Diktat proposto dagli Alleati all’Italia nel 1946/47 è stato un “giudizio morale”, che condanna (allora come oggi) eticamente e giuridicamente gli Italiani a riconoscere  la propria colpa (la seconda guerra mondiale) come conditio sine qua non per poter ritornare a far parte del mondo “civilizzato”, in cui siedono coi vincitori anche gli abitanti del “Continente nero”, i quali ora premono alle nostre porte per dominarci e inselvatichirci totalmente; 3°) la guerra è un triste retaggio dell’umanità in cui il diritto e la ragione molto spesso si offuscano “lasciando libero campo ai combattenti” considerati - prima della fine del conflitto – praticamente o de facto traditori dall’opinione pubblica, se si astengono dall’eseguire gli ordini ed egualmente moralmente o de jure traditori o peggio criminali - dopo la fine del conflitto in caso di sconfitta[3] – dai vincitori, se hanno eseguito i medesimi ordini; 4°) il voler legiferare super partes da parte dei vincitori sulla guerra, dopo la sua fine, significa cercare, ipocritamente, l’utilità propria sotto la maschera del diritto imparziale e della “giustizia uguale per tutti”; 5°) dunque è inquietante l’istituzione di tribunali (v. Norimberga) in cui, “senza alcun fondamento giuridico”, il vincitore condanna ed impicca, in nome di una morale del tutto soggettiva, come criminali comuni i militari che hanno perso la guerra[4]; 6°) purtroppo “oggi” (1945/47) va di moda “in maniera disumana e tristemente ironica” calpestare giuridicamente e moralmente i Popoli vinti, volendo “entrare nelle loro coscienze[5], inducendo psicologicamente in essi un “senso di colpa” e pretendendo che essi riconoscano e confessino spontaneamente il loro peccato collettivo; 7°) tuttavia, in questo caso, la colpa morale non appartiene ai vinti, ma ai vincitori poiché “illegittimi giudici dei giudicati”; 8°) perciò l’Italia non può accettare il Diktat degli Alleati o dei vincitori materiali poiché la prima condizione per risollevarsi da una sciagura come una guerra (soprattutto se persa) è cheun Popolo conservi la sua dignità”, mentre il Diktat del vincitore la “offende nel fondo più geloso dell’anima sua”; 9°) i governanti attuali (1947) della Repubblica Italiana stanno barattando la dignità della Patria come merce di scambio per soddisfare le proprie ambizioni, cupidigie e prepotenze politiche; 10°) tutto ciò è inaccettabile sia in quanto Italiani che Europei, poiché l’Italiaè tra i Popoli che più hanno contribuito a formare la civiltà europea”; 11°) il governo italiano potrebbe non opporsi fisicamente all’esecuzione materiale della sentenza o del Diktat dei vincitori, “considerato che anche i condannati a morte secondano docilmente i gesti del carnefice che li uccide”, ma “non potrà approvarlo” moralmente. Infatti “non si può costringere il Popolo  italiano a dichiarare che una cosa è bella e giusta quando non la sente così”. Ciò equivarrebbe a “togliergli il rispetto di se stesso” che solo preserva un Popolo “dall’abiezione e dalla corruttela”.

 Conclusioni pratiche rapportate ai nostri tristissimi giorni (2015)

1°) Secondo Benedetto Croce, antifascista per eccellenza, nel 1945 “tutti noi Italiani” abbiamo perso la guerra; 2°)  il “giudizio morale” di condanna dell’Italia sconfitta pesa ancor oggi psicologicamente sugli Italiani, che per poter ritornare a far parte del mondo politico/finanziario hanno dovuto rinnegare la loro cultura greco/romana e patristico/scolastica sostituendola con la sottocultura americanista e dunque anche se stessi; 3°) la “psico/polizia” americanista (v. G. Orwell, 1984) ha calpestato moralmente il Popolo italiano vinto anche nel suo animo e nella sua mente, avendo indotto in esso un “senso di colpa” che gli ha tolto la dignità in cambio della “ricchezza”: purtroppo abbiamo ceduto e venduto il nostro onore per “un piatto di lenticchie” e oggi ci tolgono anche quello…; 4°) la prima condizione per risollevarsi da una sciagura come una guerra è che un Popolo conservi la sua dignità, mentre il Diktat del vincitore l’ha “offesa nel fondo più geloso dell’anima sua”; 5°) i governanti attuali (2010-2015) stanno continuando a mercanteggiare e a svendere gli ultimi resti della dignità, della cultura, dell’arte, dell’imprenditoria e della ricchezza della Patria; 6°) l’Italia “è tra i Popoli che più hanno contribuito a formare la civiltà europea” ed è per questo che (secondo il piano del Mondialismo giudaico/massonico/americanista e il tradimento dei “chierici”) deve morire e scomparire dalla carta geografica tramite le invasioni di massa dal “Continente nero” e la svendita del patrimonio culturale e industriale del nostro Paese; 7°) aver costretto il Popolo  italiano a questo è equivalso a “togliergli il rispetto di se stesso”, che solo preserva un Popolo “dall’abiezione e dalla corruttela”; 8°) ecco il perché di tantaabiezione e corruttela” nel Popolo italiano e non solo nei governati, ma “in tutti noi Italiani” in capite et in membris; 9°) l’8 settembre pesa ancora su di noi: siamo l’unico Popolo che dopo 70 anni festeggia ufficialmente ancora la propria sconfitta, il tradimento e la fuga dei nostri capi, i quali lasciarono il loro esercito e la loro Patria in mano a due eserciti occupanti, che ci disprezzavano entrambi: l’uno come traditori e l’altro come venduti/disertori…

 Che fare?

Per guarire da un male morale occorre prenderne atto, farsi un esame di coscienza, “vincere se stessi e ordinare la propria vita, senza essere determinati da nessun affetto disordinato” (S. Ignazio da Loyola, Esercizi Spirituali, n. 21). Sapremo farlo? Un ateo (Benedetto Croce) lo ha fatto nel 1947. “Nefas est ab inimicis discere veritatem / è terribile imparare la verità dalla bocca dei propri nemici”. Ma “quod isti et istae cur et non ego? / ciò che hanno fatto gli altri perché non posso farlo anche io?” (S. Agostino).

Il dramma odierno (1960/2000) è che “l’abiezione e la corruttelaè penetrata anche nel Santuario: l’Episcopato favorisce il piano massonico/mondialista.

Solo Dio crea ex nihilo e dunque solo Lui può mettere rimedio ad un male tanto vasto e profondo, che ha annichilato le nostre potenzialità fisiche, morali, intellettuali e spirituali, le quali nel passato hanno reso grande l’Europa e l’Italia devastate interiormente dalla due guerre mondiali.

La tragedia post-moderna (1900/2000) trova la sua spiegazione pratica nell’esempio di Benedetto Croce, che essendo un filosofo della modernità umanistico/rinascimentale/idealista (Quattrocento/Ottocento) aveva mantenuto qualche barlume di ragione naturale; mentre l’uomo contemporaneo, sessantottino, post-moderno o nichilista (Novecento/Duemila) ha annichilato anche quello alla scuola di Nietzsche, Freud, dello Strutturalismo francese sessantottino e del neomodernismo teilhardiano/bergogliano. Purtroppo oggi manca l’uomo, è stato distrutto dalla “psico-polizia”, non c’è più la “stoffa” e la “materia prima”, ma senza materia non si fanno mattoni per edificare una casa e senza stoffa non si fanno abiti per coprire le vergogne.

Tuttavia Dio vuole che l’uomo non disperi, ma cooperi con Lui alla sua salvezza. “Chi ti ha creato senza di te non ti salverà senza di te” (S. Agostino). Aiutati che Dio ti aiuta! “Adjuva nos Domine, perimus”.

Buona lettura del Discorso di Benedetto Croce riportato integralmente qui di séguito.

d. Curzio Nitoglia

Discorso tenuto da Benedetto Croce il 24-7-1947 all’Assemblea Costituente

Io non pensavo che la sorte mi avrebbe, negli ultimi miei anni, riservato un così trafiggente dolore come questo che provo nel vedermi dinanzi il documento che siamo chiamati ad esaminare, e nell’essere stretto dal dovere di prendere la parola intorno ad esso. Ma il dolore affina e rende più penetrante l’intelletto che cerca nella verità la sola conciliazione dell’interno tumulto passionale.

Noi italiani abbiamo perduto una guerra, e l’abbiamo perduta tutti, anche coloro che sono stati perseguitati dal regime che l’ha dichiarata, anche coloro che sono morti per l’opposizione a questo regime, consapevoli come eravamo tutti che la guerra sciagurata, impegnando la nostra patria, impegnava anche noi, senza eccezioni, noi che non possiamo distaccarci dal bene e dal male della nostra patria, né dalle sue vittorie né dalle sue sconfitte. Ciò è pacifico quanto evidente.

Senonché il documento che ci viene presentato non è solo la notificazione di quanto il vincitore, nella sua discrezione o indiscrezione, chiede e prende da noi, ma un giudizio morale e giuridico e la pronunzia di un castigo che essa deve espiare per redimersi e innalzarsi o tornare a quella sfera superiore in cui, a quanto sembra, si trovano coi vincitori gli altri popoli, anche quelli del continente nero.

E qui mi duole di dovere rammentare cosa troppo ovvia, cioè che la guerra è una legge eterna del mondo, che si attua di qua e di là da ogni ordinamento giuridico, e che in essa la ragion giuridica si tira indietro lasciando libero il campo ai combattenti, dall’una e dall’altra parte biasimati o considerati traditori se si astengono da cosa alcuna che sia comandata come necessaria o conducente alla vittoria.

Chi sottopone questa materia a criteri giuridici, o non sa quel che si dica o lo sa troppo bene e cela l’utile, ancorché egoistico del proprio popolo o Stato, sotto la maschera del giudice imparziale. Segno inquietante di turbamento spirituale sino ai giorni nostri (bisogna pure avere il coraggio di confessarlo), i tribunali senza alcun fondamento di legge, che il vincitore ha istituiti per giudicare, condannare e impiccare, sotto i nomi di criminali di guerra, uomini politici e generali dei popoli vinti, abbandonando la diversa pratica, esente d’ipocrisia, onde un tempo non si dava quartiere ai vinti o ad alcuni dei loro uomini, e se ne richiedeva la consegna per metterli a morte, proseguendo o concludendo con ciò la guerra.

Giulio Cesare non mandò innanzi a un tribunale ordinario o straordinario l’eroico Vercingetorige, ma esercitando vendetta o reputando pericolosa alla potenza di Roma la vita e l’esempio di lui, poiché gli si fu nobilmente arreso, lo trascinò per le strade di Roma dietro il suo carro trionfale e indi lo fece strozzare nel carcere. Parimente si è preso oggi il vezzo, che sarebbe disumano se non avesse del tristemente ironico, di tentar di calpestare i popoli che hanno perduto una guerra, con l’entrare nelle loro coscienze e col sentenziare sulle loro colpe e pretendere che lo riconoscano e promettano di emendarsi: che è tale pretesa che neppur Dio, il quale permette nei suoi ascosi consigli le guerre, rivendicherebbe a sé, perché egli non scruta le azioni dei popoli nell’ufficio che il destino o l’intreccio storico  di volta in volta a loro assegna, ma unicamente i cuori e i reni, che non hanno segreti per lui dei singoli individui. Un’infrazione della morale qui indubbiamente accade, ma non da parte dei vinti, si piuttosto dei vincitori, non dei giudicati ma degli illegittimi giudici.

Noi italiani, che abbiamo nei nostri grandi scrittori una severa tradizione di pensiero giuridico e politico, non possiamo dare la nostra approvazione allo spirito che soffia in questo dettato, perché dovremmo approvare ciò che sappiamo non vero e pertinente a transitoria malsania dei tempi: il che non ci si può chiedere. Ma altrettanto dubbio suscita questo documento nell’altro suo aspetto di dettato internazionale che dovrebbe ristabilire la collaborazione tra i popoli nell’opera della civiltà e impedire, per quanto è possibile, il rinnovarsi delle guerre.  Il tema che qui si tocca è così vasto e complesso che io non posso se non lumeggiarlo sommariamente e in rapporto al solo caso dell’Italia e nelle particolarità di questo caso.

L’Italia, dunque, dovrebbe, compiuta l’espiazione con l’accettazione di questo dettato, e così purgata e giustificata, rientrare nella parità di collaborazione con gli altri popoli. Ma come si può credere che ciò sia possibile se la prima condizione di ciò è che un popolo serbi la sua dignità e il suo legittimo orgoglio, e voi, o sapienti uomini dei tripartito, o quadripartito internazionale, l’offendete nel fondo più geloso dell’anima sua, perché, scosso che ebbe da sé l’Italia, non appena le fu possibile, l’infesto regime tirannico che la stringeva, avete accettato e sollecitato il suo concorso nell’ultima parte della guerra contro la Germania, e poi l’avete, con pertinace volontà, esclusa dai negoziati della pace, dove si trattava dei suoi più vitali interessi, impedendole di fare udire le sue ragioni e la sua voce e di suscitare in sè spontanei difensori in voi stessi o tra voi?

E ciò avete fatto per avere le sorti italiane come una merce di scambio tra voi, per equilibrare le vostre discordi cupidigie o le vostre alterne prepotenze, attingendo a un fondo comune, che era a disposizione.

Così all’Italia avete ridotto a poco più che forza di polizia interna l’esercito, diviso tra voi la flotta che con voi e per voi aveva combattuto, aperto le sue frontiere vietandole di armarle a difesa, toltole popolazioni italiane contro gli impegni della cosiddetta Carte Atlantica, introdotto clausole che violano la sua sovranità sulla popolazioni che le rimangono, trattatala in più cose assai più duramente che altri stati ex nemici che avevano tra voi interessati padroni, toltole o chiesto una rinunzia preventiva alle colonie che essa stessa aveva acquistate col suo sangue e amministrate e portate a vita civile ed europea col suo ingegno e con dispendio delle sue e tutt’altro che ricche finanze, impostole gravi riparazioni anche verso popoli che sono stati dal suo dominio grandemente avvantaggiati, e perfino le avete, come ad obbrobrio, strappati pezzi di terra del suo fronte occidentale da secoli a lei congiunti e carichi di ricordi della sua storia, sotto pretesto di trovare in quel possesso la garanzia contro una possibile irruzione italiana, quella garanzia che una assai lunga e assai fortificata e assai vantata linea Maginot non seppe dare.

Non continuo nel compendiare gli innumeri danni ed onte inflitte all’Italia e consegnati in questo documento, perché sono incisi e bruciano nell’anima di tutti gli italiani; e domando se, tornando in voi stessi, da vincitori smoderati a persone ragionevoli, stimate possibile di avere acquistato con ciò un collaboratore in piena efficienza per lo sperato nuovo assetto europeo.

Il proposito doveroso di questa collaborazione permane e rimarrà saldo in noi, e lo eseguiremo perché corrisponde al nostro convincimento e l’abbiamo pur ora comprovato col fatto; ma bisogna non rendere troppo più aspro all’uomo il già aspro suo dovere, né dimenticare che al dovere giova la compagnia che gli recano l’entusiasmo, gli spontanei affetti, l’esser libero dai pungenti ricordi di  torti ricevuti, la fiducia scambievole che presta impeto ed ali.

Noi italiani, che non possiamo accettare questo documento perché contrario alla verità, e direi alla nostra più alta scienza, non possiamo, sotto questo secondo aspetto dei rapporti fra i popoli, accettarlo, nè come italiani curanti dell’onore della loro patria, né come europei, due sentimenti che confluiscono in uno; perché l’Italia è tra i popoli che più hanno contribuito a formate la civiltà europea, e per oltre un secolo ha lottato  per la libertà e l’indipendenza sua e, ottenutala, si era per molti decenni adoperata a serbare con le sue alleanze e intese difensive la pace in Europa.

E cosa affatto estranea alla sua tradizione è stata la parentesi fascistica, che ebbe origine dalla guerra del 1914, non da lei voluta, ma da competizioni di altre potenze, la quale, tuttoché essa ne uscisse vittoriosa, nel collasso che seguì dappertutto, la sconvolse a segno da aprire la strada in lei alla imitazione dei nazionalismi e totalitarismi altrui. Libri stranieri hanno testé favoleggiato la sua storia nei secoli come una incessante aspirazione all’imperialismo, laddove l’Italia una sola volta fu imperiale, e non propriamente essa, ma l’antica Roma, che peraltro valse a creare la comunità che si chiamò poi l’Europa; e, tramontata quell’egemonia, per la sua posizione geografica divenne campo di continue invasioni e usurpazioni dei vicini popoli e stati.

Quei libri, dunque, non sono storia, ma deplorevole pubblicistica di guerra, vere e proprie falsificazioni.

Nel 1900 un ben più sereno scrittore inglese, Bolton King, che con grande dottrina narrò la storia della nostra Unità, nel ritrarre l’opera politica dei governi italiani nel tempo seguito all’Unità, riconosceva, nella conclusione del suo libro, che, al confronto degli altri popoli di Europa, l’Italia "possedeva un ideale umano e conduceva una politica estera comparativamente generosa".

Ma se non approveremo questo documento, che cosa accadrà? In quali strette ci cacceremo? - Ecco il dubbio e la perplessità che può travagliare alcuno o parecchi di voi, i quali nel giudizio di sopra esposto e ragionato del cosiddetto trattato so che siete tutti e del tutto concordi con me ed unanimi, ma pur considerate l’opportunità contingente di una formalistica ratifica.

Ora non dirò ciò che voi ben conoscete: che vi sono questioni che si sottraggono alla spicciola opportunità e appartengono a quella inopportunità inopportuna o a quella opportunità superiore che non è del contingente, ma del necessario; e necessaria e sovrastante a tutto è la tutela della dignità nazionale, retaggio affidatoci dai nostri padri, da difendere in ogni rischio e con ogni sacrificio.

Ma qui posso stornare per un istante il pensiero da questa alta sfera che mi sta sempre presente, e, scendendo anch’io nel campo del contingente, alla domanda su quel che sarà per accadere rispondere, dopo avervi ben meditato, che non accadrà niente, perché in questo documento è scritto che i suoi dettami saranno messi in esecuzione anche senza l’approvazione dell’Italia: dichiarazione in cui, sotto lo stile di Brenno, affiora la consapevolezza della verità che l’Italia ha buona ragione di non approvarlo. Potrebbero bensì, quei dettami, venire peggiorati per spirito di vendetta; ma non credo che si vorrà dare al mondo di oggi, che proprio non ne ha bisogno, anche questo spettacolo di nuova cattiveria, e, del resto, peggiorarli mi par difficile, perché non si riesce a immaginarli peggiori e più duri.

Il governo italiano certamente non si opporrà alla esecuzione del dettato; se sarà necessario, coi suoi decreti o con qualche suo singolo provvedimento legislativo, la seconderà docilmente, il che non importa approvazione, considerato che anche i condannati a morte sogliono secondare docilmente nei suoi gesti il carnefice che li mette a morte.

Ma l’approvazione no! Non si può costringere il popolo italiano a dichiarare che è bella una cosa che esso sente come brutta, e questo con l’intento di umiliarlo e di togliergli il rispetto di se stesso, che è indispensabile a un popolo come a un individuo, e che solo lo preserva dall’abiezione e dalla corruttela.

Del resto, se prima eravamo soli nel giudizio dato di sopra del trattamento usato all’Italia, ora spiritualmente non siamo più soli: quel giudizio si avvia a diventare un’opinio communis e ci viene incontro da molti altri popoli e perfino da quelli vincitori, e da minoranze dei loro parlamenti che, se ritegni molteplici non facessero per ora impedimento, diventerebbero maggioranze, e fin da ora ci esorta a ratificare sollecitamente il trattato per entrare negli aeropaghi internazionali da cui siamo esclusi, e nei quali saremmo accolti a festa, se anche come scolaretti pentiti; e ci si fa lampeggiare l’incoraggiante visione che le clausole di esso più gravi e più oppressive non saranno eseguite e tutto sarà sottoposto a revisione.

Noi non dobbiamo cullarci nelle facili speranze e nelle pericolose illusioni e nelle promesse più volte provate fittizie, ma contare anzitutto e soprattutto su noi stessi; e tuttavia possiamo confidare che molti comprenderanno la necessità del nostro rifiuto dell’approvazione, e l’interpreteranno per quello che esso è: non un’ostilità contro il riassetto pacifico dell’Europa, ma , per contrario, non ammonimento e un contributo a cercare questo assetto nei modi in cui soltanto può ottenersi; non una manifestazione di rancore e di odio, ma una volontà di liberare noi stessi dal tormento del rancore e dalle tentazioni dell’odio.




1] Cfr. Enciclopedia Italiana, vol. XII, 1931; Appendice II, 1948; Appendice III, 1961, voce Croce Benedetto; A. Gramsci, Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce, Torino, 1948; E. Garin, Cronache di filosofia italiana (1900-1943), Bari, 1955; E. Cione,  Bibliografia crociana, Milano, 1956; E. Chiocchetti, La filosofia di Benedetto Croce, Milano, III  ed. 1924; Id., La filosofia di Giovanni Gentile, Milano, II ed., 1925; F. Olgiati, Benedetto Croce e lo storicismo, Torino, 1953.

2] Antifascista lo fu ufficialmente, pubblicamente ed apertamente sin dal 1925 e non dal 26 luglio del 1943 come una gran parte degli intellettuali antifascisti italiani.

3] Mentre in caso di vittoria sarebbero considerati ufficialmente e politicamente “eroi”.

4] Nell’antichità pagana la pratica del vincitore era “esente da ogni ipocrisia” ed egli confessava apertamente: “vae victis / guai ai vinti” anche se non hanno colpe morali. Per esempio, Giulio Cesare fece prima umiliare l’eroico Vercingetorige, trascinandolo dietro al suo cocchio di vincitore dei Galli per le strade di Roma e poi lo fece strangolare in pubblico e prostrato davanti ai suoi piedi (46 a. C.) non da un  tribunale super partes perché criminale o immorale, ma per vendetta - confessata apertamente - contro lo sconfitto.

5] Come aveva previsto nel 1949 Georges Orwell († 1950) nel suo romanzo storico/politico intitolato 1984.

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# cgdv 2015-08-24 08:42
Leggo adesso le ottime considerazioni su questo discorso che però è degno dell'Assemblea a cui si rivolge. In esso non vi è parvenza di nobiltà, ma solo la piagnucolosa constatazione che i nemici che sono stati fatti diventare alleati sono "cattivi" con la povera Italia. Non sapendo quale limite potrebbe avere tale cattiveria meglio consegnar loro la Patria senza condizioni. Antifascista ed anticattolico il filosofo Croce dimostra di non sapere che per 30 denari, al massimo ci si può impiccare al fico e che chi si consegna al nemico con armi e bagagli ne ottiene in cambio eterno disprezzo.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# francesco.precisa 2019-01-02 12:43
Croce non è antifascista. Il famoso manifesto che scrisse aveva come titolo "protesta contro il manifesto degli intellettuali fascisti" sul il mondo e anche "replica degli intellettuali non fascisti" su il popolo. È ben diverso essere non cristiano oppure anti cristiano; non democratico oppure anti democratico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità