>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Giubilare o piangere?
Stampa
  Text size
“Quando l’onore di Dio e il bene del prossimo lo richiedono il singolo fedele non deve contentarsi di credere privatamente alla Verità rivelata con la sua Fede, ma deve confessarla esternamente” (S. Th., II-II, q. 3, a. 2, ad 1).

Cos’è il Giubileo

Papa Bonifacio VIII promulgò per primo l’Anno Santo[1], che avrebbe dovuto essere celebrato ogni secolo da un Natale all’altro; ma fu papa Clemente VI ad introdurre la parola Giubileo[2] (in occasione dell’Anno Santo del 1350) da celebrarsi ogni 50 anni. Più tardi i Papi ridussero i termini del Giubileo da 50 a 33 anni (Urbano VI) e poi a soli 25 anni (Paolo II[3]) come si osserva tuttora nel Giubileo ordinario, mentre il Giubileo straordinario o quello particolare possono esser indetti dal Papa anche prima dei 25 anni per un motivo particolare.

Il Giubileo del 1966 per il ricordo del Vaticano II

Tra i Giubilei straordinari si ricorda specialmente quello, tristemente famoso, indetto da Paolo VI[4]. “Il Papa ha concesso questo Giubileo a ricordo dell’evento del Concilio Vaticano II, a titolo di ringraziamento e per implorare l’aiuto per l’osservanza delle disposizioni conciliari[5].

Il Giubileo del 2015 per i 50 anni del Vaticano II

Lo stesso ha fatto Francesco I col Giubileo straordinario della Misericordia per festeggiare il 50° anniversario del Vaticano II, ancor più tristo di quello del 1966 poiché dopo 50 anni di post-concilio non ci si può più illudere sui suoi frutti, che son stati “triboli e spine” (come han dovuto riconoscere Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI) sino ad arrivare allo sfacelo attuale del 2013-2105.

Il nuovo Giubileo straordinario inizierà l’8 dicembre del 2015, esattamente 50 anni dopo il giorno di chiusura del Concilio Vaticano II (8 dicembre 1965) “per festeggiare questo anniversario” ed assieme “per recuperare la piena comunione con i sacerdoti” che non avevano accettato le novità di questo Concilio pastorale e quindi non infallibile poiché in difformità con la Tradizione apostolica[6].

Possiamo rallegrarci del Vaticano II?

In latino Giubileo viene dal verbo iubilare, che significa gioire, esultare, rallegrarsi. Ora ci si può rallegrare del 50° anniversario del Concilio Vaticano II? no! Mons. Marcel Lefebvre lo ha definito “una sciagura più grave, in un certo senso, delle due guerre mondiali”. Quindi come di fronte agli infausti conflitti mondiali ci si rattrista, si è mesti, addolorati, così a maggior ragione di fronte ad una terza guerra mondiale spirituale quale è stata il Vaticano II si è profondamente costernati anche se la “Speranza non muore mai”. Ora sarebbe una follia rallegrarsi delle due guerre mondiali, ogni uomo sano di mente lo capisce. Quindi, analogamente, sarebbe ancor più folle giubilare per il Vaticano II, eppure anche da parte tradizionalista si giubila...[7].

Assoluta inconciliabilità tra modernismo e Tradizione

Il modernismo è la “cloaca che raccoglie tutte le eresie” (S. Pio X) e il modernista, conseguentemente, odia e vorrebbe distruggere tutto ciò che è Tradizione apostolica e cattolicesimo romano tradizionale (S. Pio X). Papa Francesco I è manifestamente (e non fa nulla per nasconderlo) un ultramodernista (appartenente alla corrente marxisteggiante della Teologia della Liberazione), che concede un primato alla prassi sulla dottrina[8]. Ora come il lupo ha insito nella sua natura l’istinto pratico di sbranare l’agnello, così il modernista vorrebbe distruggere la Tradizione apostolica, il cattolicesimo romano tradizionale e i cattolici integralmente non-modernisti (S. Pio X). Quindi se il modernista teorico odia teologicamente e metafisicamente la dottrina cattolica, il modernista pratico la odia istintivamente e visceralmente, ma entrambi la vorrebbero morta.

Modernisti teorici e pratici

La loro tattica cambia, ma il loro fine è identico, son sostanzialmente lupi anche se vestiti da agnelli o addirittura da Pastori, ma divergono solo accidentalmente quanto al modo di pensare e di agire. Per fare un esempio, un modernista a marcia lenta e dottrinario come Joseph Ratzinger avrebbe voluto piegare gli antimodernisti ad approvare teoricamente e dottrinalmente il Vaticano II e il post-concilio dietro firma (nero su bianco) della loro accettazione (come avvenne col Protocollo del 5 maggio del 1988 e poi nei dialoghi semi-pubblici nel 2010-12), ma ciò era troppo palese per essere accettato dalla maggior parte dei tradizionalisti. Invece un modernista a marcia accelerata e pratico, come Francesco I, si accontenta (molto astutamente) di far vivere, tramite il dialogo con i capi-tradizionalisti, il modernismo implicito agli antimodernisti dottrinali - senza esigere abiure, firme, accettazioni di dottrina - contentandosi, per quanto riguarda i tradizionalisti dell’accettazione, del silenzio o della non-critica pubblica degli errori conciliari (per evitare che i tradizionalisti vedano in piena luce la trappola tesa loro) e di “camminare assieme” senza fare disputate teologiche (come insegnavano Ernest Bloch, Franco Rodano e compagni) ben sapendo che “agere sequitur esse” e se si agisce assieme modernisticamente lo si diventa immancabilmente pian piano anche dottrinalmente, almeno per omissione di professione integra della verità. “Se non vivi come pensi, finirai per pensare come vivi”.

Si può tacere sulla Fede quando essa è messa in dubbio?

La teologia cattolica insegna che non si può, sotto pena di peccato mortale contro la Fede, tacere la Verità rivelata quando essa è negata e calpestata o messa in pericolo dagli eresiarchi (S. Th., II-II, q. 9, a. 2; CIC del 1917, can. 1325, § 1)[9]. “Un silenzio arrendevole su questioni di Fede mette facilmente in pericolo la propria personale fedeltà alla Fede e può essere di scandalo agli altri. […]. Si ha negazione indiretta della Fede quando si tace su questioni religiose in circostanze speciali. […]. Le occasioni principali che portano all’indebolimento della Fede sono da ricercarsi nei contatti con società irreligiose, indifferenti, laiche. Difendersi e tenersi lontani da tali pericoli è prima di tutto un dovere di diritto naturale[10].

“Chi tace acconsente” ci insegna il buon senso popolare. Ora se di fronte al pan-ecumenismo taccio, significa che acconsento e lo accetto praticamente ed implicitamente; così pure di fronte alla nuova morale della situazione, la quale vorrebbe concedere il perdono e i sacramenti al peccatore che non vuol pentirsi, tacere significa acconsentire ed accettare. “Il cattivo Pastore fugge davanti al lupo non solo scappando fisicamente, ma anche tacendo” (S. Giovanni Crisostomo). Ma ciò porta alla dannazione. Infatti “Senza la Fede è impossibile piacere a Dio” (S. Paolo) e “La Fede senza le Opere è morta” (S. Giacomo). Per quanto riguarda il Concilio Vaticano II, anche se non si sottoscrive un protocollo di accettazione, ma si tace e non si condannano più i suoi errori in pubblico, lo sia accetta implicitamente e si diventa “modernisti impliciti o anonimi”, parafrasando Rahner e Schillebeeckx.

1° settembre, 8 settembre e 15 ottobre 2015

Attenzione! la concessione fatta il 1° settembre da Francesco I ai tradizionalisti fa un tutt’uno con il suo motu proprio dell’8 settembre 2015 per snellire al massimo le cause di nullità del matrimonio, basandosi sulla immaturità psicologica dei giovani sposi ammessa dal CIC del 1983; motu proprio che prepara il Sinodo per la famiglia del 15 ottobre del 2015 durante il quale si vuol far tacere i tradizionalisti, e soprattutto i circa 50 vescovi e cardinali, che si erano opposti nell’ottobre del 2014 alla concessione dei sacramenti ai peccatori non pentiti, che vogliono continuare a vivere nel peccato. Si capisce quindi l’enorme gravità, la pericolosità e la malizia di questa concessione del 1° settembre.

Tacere sul Vaticano II non è lecito

Tacere su di esso, infatti, significa accettare implicitamente 1°) la collegialità episcopale e rinnegare l’Episcopato monarchico del Papa (Lumen gentium); 2°) la libertà concessa, di diritto, alle false religioni anche in pubblico, la quale ha portato alla cancellazione dei Concordati che riconoscevano la Religione cattolica come quella ufficiale dello Stato (Dignitatis humanae); 3°) il pan-ecumenismo (Unitatis redintegratio), che ha portato all’abominio di Assisi 1986; 4°) il pan-cristismo teilhardiano, che ha portato all’antropocentrismo e al culto dell’Uomo al posto del culto di Dio (Gaudium et spes) definito da S. Pio X “il segno distintivo del regno dell’Anticristo”; 5°) il permanere della Vecchia Alleanza come se la Nuova ed Eterna nel Sangue di Cristo non l’avesse abolita e perfezionata (Nostra aetate); dottrina che ha condotto  al discorso di Giovanni Paolo II alla sinagoga di  Magonza nel 1981, in cui disse che “L’Antica Alleanza non è stata mai revocata” e alla visita del medesimo Pontefice alla sinagoga maggiore di Roma il 13 aprile del 1986, in cui il Papa definì gli Ebrei che non hanno accettato Gesù “nostri fratelli maggiori nella Fede di Abramo”, il quale invece credeva nel Cristo venturo (“Abramo desiderò vedere il mio giorno lo vide e ne tripudiò”).

Queste sono dottrine ereticali e giudaizzanti, che rinnegano la definizione dogmatica del Concilio I di Gerusalemme presieduto da S. Pietro, nel 50 d. C.

Con questo compromesso tacito con Francesco I[11] (proprio nel momento in cui tanti parroci, vescovi[12] e cardinali si pongono seri dubbi sull’operato di papa Francesco  e pensano di dover resistere alla sua nuova pastorale matrimoniale) i tradizionalisti stanno per giubilare e gioire per il 50° anniversario del Concilio Vaticano II, ma ciò oltre che dannoso per la Fede dell’anima sarebbe anche svantaggioso praticamente. Infatti equivarrebbe a far giocare una pecorella assieme al lupo, che finirebbe immancabilmente per sbranarla. “Il pesce grosso mangia quello piccolo”. È ciò che è successo nel 1926 in Messico ai Cristeros, che deposero le armi fidandosi dei massoni finirono tutti fucilati o peggio torturati e poi uccisi nel più barbaro dei modi. È una questione di buon senso. Il male odia il bene, l’errore non sopporta la verità, le tenebre non possono coesistere quando si fa luce[13]. È una guerra all’ultimo sangue. Non volerlo ammettere significa andare incontro alla morte dell’anima e del corpo. Se accendo la luce in una stanza buia la luce svanisce, così se spengo l’interruttore tornano le tenebre; analogamente se non professo pubblicamente la dottrina cattolica di fronte agli errori contemporanei le tenebre invadono l’anima poiché ho rinnegato indirettamente la Fede. Non ci si può illudere che non avendo firmato esplicitamente la resa incondizionata e l’accettazione del Vaticano II l’accordo non sia in atto, esso è praticamente già in vita dal 2001 quando il superiore dei tradizionalisti definì il Vaticano II “accettabile al 95%” senza mai ritrattare questa abominazione prossima all’eresia.

Obbedire a Dio più che agli uomini

Molti sacerdoti oggi son perplessi tra l’obbedienza al loro superiore e la fedeltà alla Tradizione apostolica, ma il problema fu risolto già nel 1976 e poi nel 1988 quando si dovette dir no agli uomini (e specialmente al Papa nel suo magistero pastorale e non ad un semplice superiore di un Istituto di vita sacerdotale) per obbedire a Dio, come ci hanno insegnato gli Apostoli e Gesù Cristo: “Bisogna obbedire a Dio prima che agli uomini”.

Che fare?


Se i superiori dei poveri sacerdoti tradizionalisti angosciati da questo sbandamento dei loro capi (paragonabile al nostro 8 settembre del 1943) perseverano in questa via del tacere in pubblico, che porta al baratro dell’anima e del corpo illudendosi che i colloqui privati e secretati tra teologi modernisti e tradizionalisti bastino per salvaguardare la Fede; allora i preti integralmente antimodernisti dovranno andare ove si continua a credere e a “predicare dai tetti” la verità e la condanna del modernismo. San Paolo ce lo comanda: “Se anche io stesso o un angelo vi annunziassimo un Vangelo diverso da quello [canonico] che vi è stato dato, sia anatema!”.

I fedeli possono frequentare tutte le cappelle ove si celebra la Messa tradizionale, preferendo quelle più fedeli alla Tradizione, ma debbono far attenzione a non sostenere e sovvenzionare chi ha oggettivamente tradito, anche solo per omissione o implicitamente, la Tradizione e soprattutto non debbono prestare ascolto a chi li ha ingannati dopo 50 anni di eroica resistenza al modernismo.

In pratica

Tacere di fronte a ciò che sta succedendo dal Vaticano II e soprattutto oggi, con la negazione teorico/pratica dei 10 Comandamenti, non è possibile. La neutralità[14] di fronte a Dio non è ammessa: “Chi non sta con Me è contro di Me!”. “Non potete servire due Padroni, Dio e Mammona. Infatti o odierete il primo e amerete il secondo o viceversa”. Anche i seminaristi sono posti da questi avvenimenti in “una tragica necessità di opzione” (cardinali A. Ottaviani – A. Bacci).

Nella vita bisogna schierarsi pubblicamente, non fa piacere  ma è necessario e son proprio i neutrali per principio a far scoppiare le guerre più disastrose. Nascondere la testa dentro la sabbia come lo struzzo lascia tutto il resto del corpo in balìa del nemico, illudersi che tacendo si possa mantenere la Fede integra è una chimera ed è smentito dalla sana teologia e dal Diritto della Chiesa.

d. Curzio Nitoglia



1] Bolla Antiquorum habet fida relatio, 22 febbraio 1300.

2] Bolla Unigenitus Dei Filius, 1350.

3] Bolla Ineffabilis Providentia, 17 aprile 1470.

4] Costituzione Apostolica Mirificus eventus, 7 dicembre 1965.

5] F. Roberti – P. Palazzini, Dizionario di Teologia Morale, Roma, Studium, IV ed., 1968, I vol., p. 730.

6] Brunero Gherardini, Concilio Ecumenico Vaticano II. Un discorso da fare, Frigento, Casa Mariana Editrice, 2009; Id., Tradidi quod et accepi. La Tradizione, vita e giovinezza della Chiesa, Frigento, Casa Mariana Editrice, 2010; Id.,Concilio Vaticano II. Il discorso mancato, Torino, Lindau, 2011.

7] Continua l’incubo delle celebrazioni festive laiche dell’8 settembre 1943, quando il re d’Italia fuggì con lo Stato Maggiore del Regio Esercito e lasciò gli Italiani in balìa di due occupanti: gli ex alleati traditi e i nuovi alleati sprezzanti nei confronti dei traditori: “spiancenti a Dio e a li nemici Sui” (Dante). Pensavo che noi Italiani fossimo gli unici a festeggiare un tradimento, una umiliante sconfitta, ma invece non è così. Pure in ambiente ecclesiale tradizionale l’8 settembre va di moda e invece di piangere lacrime amare si fa festa.

8] Ernest Bloch († 1977) negli anni Sessanta ha lavorato a convertire i cattolici alla dialettica social-comunista, tramite il dialogo e la mano tesa. Egli ha studiato tutti i modi per rendere il comunismo (dal volto umano) accettabile dai cattolici, che dovranno deideologgizzarsi, guardare più a ciò che unisce che a ciò che divide, rinunciare alla propria dottrina sociale, per incontrarsi con i comunisti non sulla dottrina, ma sul piano dell’azione sociale. Analogamente papa Bergoglio tramite il dialogo, il vivere assieme vuol convertire gli anti-modernisti al neo-modernismo pratico.

9] L’obbligo positivo di professare la Fede sussiste nelle circostanze in cui il silenzio o il tergiversare comporterebbe una negazione implicita di Essa (S. Th., II-II, q. 3, a. 2, ad 1: “Quando l’onore di Dio e il bene del prossimo lo richiedono il singolo fedele non deve contentarsi di credere privatamente alla Verità rivelata con la sua Fede, ma deve confessarla esternamente / debet Fidem exterius confiteri”). Quindi la Fede può essere rinnegata non solo direttamente ed esplicitamente, ma indirettamente e implicitamente (CIC 1917, can. 1258, 2316). Cfr. L. Billot, De Virtutibus infusis, Roma, Gregoriana editrice, 1928; R. Garrigou-Lagrange, De Virtutibus theologicis, Torino, Marietti, 1949; A. Lanza – P. Palazzini, Theologia moralis, tomo II, De Virtutibus theologicis, Torino-Roma, Marietti, 1955; P. Parente, Anthropologia supernaturalis, de Virtutibus, III ed., Torino, Marietti, 1950; R. Garrigoou-Lagrange, in Enciclopedia Cattolica, Città del Vaticano, 1952, vol. V, coll. 1076-1094, voce Fede.

10] G. Mausbach, Teologia morale, (1954), tr. it., Alba, Edizioni Paoline, 1957, II vol., p. 81-82.

11] Che può essere definito oggettivamente il principale agente della Rivoluzione mondiale, sociale, politica, etnica e religiosa.

12] Sino a ieri ritenuti invalidamente ordinati e consacrati proprio da quei tradizionalisti che oggi gioiscono dell’infausto Vaticano II.

13] Recentissimamente un vescovo ha espulso dalla sua Diocesi e sfrattato dalla canonica un parroco (potrei citare nomi, cognomi, luoghi e date) perché aveva celebrato il “rito straordinario” della Messa concessa da Benedetto XVI con un motu proprio il 7. 07. 2007, dicendogli: “ti caccio perché questa Messa non la sopporto e non sopporto te che l’hai celebrata”… siamo in pieno bolscevismo a-teologico. Fidarsi di questi lupi travestiti da “Padri” significa fare la fine di Cappuccetto rosso.

14] Pio IX definiva così la neutralità per principio dei cattolici liberali: “voler credere in Dio senza offendere satana”.

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Annhilus 2015-09-14 12:40
Illudersi che tacendo si possa mantenere la fede integra è una chimera, dice Don Curzio a ragione. Io allora chiedo a tutti i sacerdoti della Fraternità San Pio X:

E' lecito tacere di fronte ad un papa eretico?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2015-09-14 15:50
Che dire? Come al solito, riguardo a quello che scrive don Nitoglia, non si può che esclamare: esatto!
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# littoria3 2015-09-14 22:44
Carissimo Don Curzio, francamente non conosco i 'retroscena' che hanno portato la sua penna a scrivere queste cose.
Personalmente ho detto in prima persona al Superiore della San Pio X, in occasione di una sua presenza ad Albano, di stare ATTENTO, MOLTO ATTENTO con Roma perchè al Vaticano sono CATTIVi, MOLTO CATTIVi, stia in guardia..... e lui mi ha risposto: " SI, SONO PROPRIO CATTIVI!". Più recentemente in occasione delle Cresime ad Albano, Ho verbalmente detto al Vescovo, che ha celebrato i Sacramenti, le stesse cose, penso che abbia capito il mio italiano, e ha solo annuito. Successivamente , alla fine del pranzo, vedutomi al tavolo verso l'uscita del refrettorio, lui stesso sorridendo, mi ha portato materialmente il bicchierino di caffè che Fra Pio, distribuiva agli astanti..
Questa circostanza, francamente non sono riuscito ad interpretarla.......!?
Domenica scorsa, dopo la Santa Messa, ho fatto presente le stesse cose a Don Pierpaolo, ricordandogli Che Monsignore (Lefebvre), al tempo....., affermava che ...parlare con Roma era impossible, impossibile..., figurarsi oggi che tutto è peggiorato!
Grazie per il suo articolo e un saluto da Alberto - Roma
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paolaerre46 2015-09-17 10:36
Don Curzio tutta la mia ammirazione, che mi pare di aver già esternato. Io "parlo sempre'' e in perfetta scienza e coscienza avendo il titolo di licenza in studi biblici)Ma quanti dei suoi "colleghi'' lo fanno? Se lo fanno è - per la maggior parte delle volte - nascondendosi dietro uno pseudonimo. La mia esperienza è questa: la maggior parte della gente non è interressata a sentire, e la maggior parte dei sacerdoti non vuole proprio sentire. Risultato è un miracolo che sia ancora viva. Per fortuna che Socci ha scritto il libro "non è Francesco''. Si può dire ciò che si vuole di Socci, ma non che non abbia avuto fegato. Fegato che per quanto ho constatato non hanno i sacedoti: direi che del libro hanno sentito parlare tutti, ma nessuno ha pensato di leggerlo, giusto così per il gusto di contestarlo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# capperi 2015-09-18 17:37
Condivisibile a parte il punto riguardo ( per mia ignoranza) "modernista a passo lento di papa Benedetto XVI" che non l'ho capita .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità