>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Francesco I: il Vangelo e il Corano
Stampa
  Text size
Francesco I ha rilasciato un’intervista al quotidiano francese La Croix il 16 maggio 2016 sui rapporti tra Cristianesimo e Islam. In Italia Fausto Carioti l’ha commentata in un articolo su Libero (17 maggio 2016) intitolato: “Bergoglio choc: il Vangelo come il Corano”.

Il ragionamento che ha fatto Francesco I è il seguente: “l’idea di conquista è inerente all’anima dell’Islam. Si potrebbe interpretare con la stessa idea di conquista la fine del Vangelo di Matteo, dove Gesù invia i suoi discepoli in tutte le nazioni”.

Non è esatto: l’Islam sin da Maometto conquista con la spada, mentre Gesù manda gli Apostoli a predicare il Vangelo senza coercizione violenta.

Fausto Carioti giustamente osserva che “in questo modo Francesco I mette sullo stesso piano evangelizzazione e Jihad”.

È esatto il commento di Carioti, Francesco I mette sullo stesso piano la Jihad e il Vangelo. Per lui tutte le religioni si equivalgono, non bisogna fare proselitismo e tutto ciò non è una novità. Infatti le giornate interreligiose di Assisi 1986 (Giovanni Paolo II) e 2006 (Benedetto XVI) hanno il significato di equivalenza di tutte le religioni.

Ora per quanto riguarda l’Islam esso nega i due dogmi fondamentali del Cristianesimo: 1°) la SS. Trinità, 2°) la divinità di Cristo. Quindi non è conciliabile col Cristianesimo.

A partire, invece, dalla sua premessa Francesco I conclude che l’Europa e i suoi valori possono e debbono convivere con l’Islam.

Questa è pura utopia. La storia ce lo insegna: ovunque l’Islam è penetrato ha conquistato con la violenza le Nazioni e le anime costringendole alla conversione forzata, pena la morte. Solo in qualche Stato islamico, di matrice nazional popolare e baathista (Iraq, Siria, Egitto, Libia, Tunisia…), l’Islam non ha ucciso i cristiani che non volevano apostatare dalla loro religione e abbracciare il Corano. Ma gli Usa e l’Europa hanno distrutto a suon di bombe proprio questi Stati ed hanno lasciato libero il passo all’Isis.

Inoltre Francesco I dice che la convivenza tra Cristianesimo e Islam è “tanto più necessaria oggi che l’Europa conosce un grave problema di denatalità”, ma dimentica di aver detto alle famiglie cattoliche di “non fare come i conigli”, che si riproducono ampiamente.

Per questa via l’Europa, che ha radici cristiane, diventerà demograficamente islamizzata.

Francesco I, però, non se ne preoccupa, anzi rincara la dose e prosegue: “bisogna parlare di radici al plurale perché ce ne sono tante [e non solo cristiane, ndr]. Quando sento parlare di radici cristiane dell’Europa ho qualche dubbio sul tono, che può essere trionfalista o vendicativo”.

Innanzi tutto occorre precisare che l’Islam e il Giudaismo talmudico hanno avuto un ruolo di gran lunga inferiore al Cristianesimo nella civilizzazione dell’Europa. Quanto al “trionfalismo”, ossia quanto allo splendore e alla magnificenza (sinonimi di trionfalismo), non vedo di che cosa ci sia da vergognarsi. Nella Liturgia, che è un luogo teologico (Melchior Cano, De locis theologicis, Roma, Cucchi, 1900), non si canta forse “Christus vincit, Christus regnat, Christus imperat”? Ora lex orandi, lex credendi. Quindi la Liturgia è il dogma cantato.

Giustamente Fausto Carioti commenta: «Appassionato [Francesco I] nel difendere l’equivalenza morale delle religioni, Francesco si dimostra distante, a-valutativo, dinanzi alle nuove leggi in materia di eutanasia e riconoscimento delle coppie gay approvate in molto Paesi europei poiché “Tocca al parlamento discutere, argomentare, spiegare, ragionare [su questi temi, ndr] perché così cresce una società».

Anche qui Carioti ha pienamente ragione. Si pensi al Family Day tenutosi a Roma nel gennaio 2016: il Vaticano non ha mandato agli organizzatori e ai fedeli presenti neppure una nota di incoraggiamento.

Cosa dire? Certamente Francesco I non ha lo spirito missionario proprio di Gesù. Anzi secondo lui la Società civile nasce dal parlamento e non da Dio, da cui deriva ogni autorità (Rom., 13, 1).

L’epoca nostra è veramente quella “del potere delle tenebre” (Lc., XXII, 53), ma Gesù alla fine trionferà come sempre in ogni periodo di persecuzione o di crisi nella Chiesa.

d. Curzio Nitoglia


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# cgdv 2016-05-22 11:00
Se non sembrasse strano si potrebbe dire che oramai tutto viene fatto convergere verso la globalizzazione ed il melting pot, utilizzando anche il relativismo e l'ecumenismo più audace in fatto di religione.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# capperi 2016-05-22 16:11
Papa Francesco purtroppo non è adeguato ai tempi attuali o meglio li rappresenta nel migliore dei modi
Alberto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2016-05-23 08:39
Se per islam si intende "Sottomissione a Dio", allora il cristianesimo vuole tale definizione. Se, invece, per "islam" intendessimo altro, allora le divergenze si presenterebbero inevitabili.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità