>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Trichet, lo strangolatore
Stampa
  Text size
Imperturbabile nell’applicazione del protocollo dottrinale del banchiere centrale, Jean Claude Trichet, il capo della Banca Centrale Europea, ha rincarato i tassi d’interesse primari dello 0,25%. Il che significa il rincaro del denaro in tutta Europa. Per stroncare l’inflazione, dice.

Ora, l’inflazione in Europa (oltre il 2%) è determinata dal rincaro mondiale delle materie prime, anzitutto del petrolio; un fenomeno che non dipende dalle scelte della BCE, e che non cambierà con il rincaro dei tassi. In realtà, l’Europa versa piuttosto in un clima di deflazione, data la recessione e la disoccupazione di massa; solo la piena occupazione innesca la rincorsa tra salari e prezzi delle merci, che è il motore classico delle inflazioni; e con indici di disoccupazione giovanile del 30%, e la riduzione reale dei salari attraverso i meccanismo della precarizzazione, il rischio è perlomeno remoto.

Il confronto con gli USA è impressionante. Là, la ripresa economica, con una crescita del 3% nel 2010 e uguale nel 2011, è tutta ed esclusivamente dovuta agli oceani di denaro con cui la Federal Reserve ha inondato l’America; denaro a tasso praticamente zero, e Bernanke si guarda bene dal rialzare i tassi, sapendo che questo provocherebbe il secondo collaso (double dip) dell’economia. Al contrario Trichet, ad un’Europa dove la recessione è anche più forte e dura, e la ripresa assai incerta con la disoccupazione che non diminuisce, impone un rincaro del denaro.

Per lui, è un classico: Trichet è un serial killer monetarista. Già all’inizio degli anni ‘90 ha massacrato le economie dei Paesi europei non-germanici con tassi d’interesse elevatissimi, che hanno reso disoccupati centinaia di migliaia di italiani, francesi, spagnoli. Ripetè il delitto nel luglio 2008, in piena crisi finanziaria; mentre la Federal Reserve abbassava i suoi tassi di ben tre punti tondi, Trichet aumentava i tassi europei di uno 0,25%: anche allora per contrastare un’inflazione che vedeva solo lui, e che era anche allora prodotta dal rincaro delle materie prime, che se ne infischiano dei tassi della BCE.

Ciò ha provocato la recessione-depressione che ci opprime; ora, di nuovo Trichet corre a strangolare l’economia europea, che non si sta certo surriscaldando. Anzi.

L’effetto della sua mossa è infatti doppiamente rovinoso. Rende l’euro più forte (paradossale, la sopravvalutazione di una moneta che rischia la scomparsa), penalizzando le industrie europee esportatrici, che diventano meno competitive e quindi vedranno calare le loro quote di mercato... con ciò finendo per intensificare l’inflazione anzichè acquietarla. E conseguente riduzione del potere d’acquisto delle famiglie, e rallentamento dell’economia generale.

L’altro effetto sarà lo strangolamento definitivo delle economie deboli e indebitate – Grecia, Portogallo, Irlanda anzitutto, poi Spagna, poi toccherà all’Italia.

Quando si dice che l’Europa ha salvato Grecia e Irlanda, e che ora sta salvando il Portogallo, tali salvataggi non sono quello che sembrano. Sono, in realtà, prestiti concessi a quei Paesi ad alti tassi d’interesse. Ora questi interessi aumenteranno grazie alla mossa di Trichet, e si può immaginare l’effetto sul debito greco, che è già il 140% del suo PIL, o su Portogallo e Spagna; o sul debito italiano, che è oltre il 120% del PIL. Di fatto, per questi Paesi, il servizio del debito (ossia la restituzione delle quote più interessi) diventa più gravoso. Fino all’insostenibilità, ossia avvicina i Paesi al default – il che significa che le agenzie di rating ne abbasseranno la credibilità, obbligandoli a pagare interessi ancora più alti... fino a quando non potranno più; e allora, nelle peste finiranno le banche creditrici, specie quelle del Paese-modello, la Germania, che sono strapiene di attivi di quei Paesi. (ECB Rate Hikes could Kill Greece, Ireland, Portugal, and even Spain!)

L’artificioso rafforzamento dell’euro prodotto dal rincaro dei tassi – Trichet non fa nulla per accrescere le esportazioni greche, spagnole e portoghesi, o gli introiti del loro turismo – li rende meno competitivi ancora; e fin dall’entrata in vigore dell’euro, mentre in Germania il costo del lavoro per unità è rimasto stabile (grazie all’austerità tedesca), il costo per Grecia, Spagna e Portogallo è cresciuto del 30%, quello di Italia e Francia poco meno; ora l’ulteriore rincaro chiude la porta ad una ripresa determinata da forti esportazioni.

Al contrario: « Se la BCE continua a stringere il freno monetario, la bancarotta (della Grecia) è inevitabile», ha detto all’Observer Danny Gabay, capo-analista dell’agenzia di analisi britannica Fathom.

E non basta: dopo Portogallo e Irlanda, anche la Spagna si avvicina al default. Madrid deve rifinanziare i suoi debiti per una quota pari al 5% del suo PIL quest’anno, e per il 9% l’anno prossimo; insomma deve convincere i prestatori a prestargli quel denaro. Quei Paesi (ed anche il nostro) si trovano nella condizione di coloro che hanno acceso un mutuo a tassi variabili; il rincaro del tasso primario fatto dalla BCE si ripercuote sugli interessi che devono pagare, e quindi sul rincaro del rateo del mutuo. Secondo i calcoli della Fathom, Madrid dovà affrontare un rincaro di due punti sugli interessi che paga, « che verrà più dallazione della BCE che dalla perdita di fiducia degli investitori», dice Gabay.

Secondo l’ortodossia trichettiana, quei Paesi devono cavarsela adottando forti dosi di austerità tedesca; la dottrina sostiene infatti che i deficit pubblici possono essere ridotti a forza di tagli alle spese pubbliche e aumenti della tasse, contemporaneamente ricuperando competività con l’abbassamento di costi e prezzi, essenzialmente di salari. In realtà, questa è la ricetta del disastro definitivo; tra l’altro il calo dei salari e dei prezzi, anche se fosse raggiunto, avrebbe come effetto di accrescere il valore reale del debito (pubblico e privato), aggravando la situazione debitoria di quei Paesi.

La sola strada rimasta ai Paesi non-tedeschi è recuperare competitività con la svalutazione: ossia uscendo dall’euro, che può restare come moneta comune e unità di conto, e tornare alle proprie monete nazionali. Contemporaneamente, beninteso, ripudiando il debito (almeno parzialmente; per l’Italia, si tratta di ripudiare quella parte del debito in mano a stranieri), per togliersi quel peso che ci impedisce il rilancio.

Naturalmente, questa soluzione non sarà scelta dai governanti attuali, tutti ferreamente decisi (a parole) a difendere l’euro; il che non significa che non avverrà; anzi, invece che avvenire in modo ordinato e concordato, avverrà nel disordine e nel caos. (Eurozone ship is on the course that was set for it: heading for the rocks)

La sola speranza è nel 2012, anno di elezioni in USA, Francia, Russia, e di possibili cambiamenti delle classi dirigenti anche in Germania e Italia. In Francia, è da segnalare il successo che nei sondaggi riscuote Marine Le Pen: la quale si fa ascoltare da un numero crescente di francesi di tutte le classi d’età e di ceto proprio denunciando che la sovranità nazionale è stata svenduta all’Europa, senza che l’Europa delle burocrazie sia stata capace di sostituirsi ad essa, rendendoci come popoli lo zimbello della globalizzazione e delle sue forze oligarchiche senza nazione.

Marine La Pen
   Marine Le Pen
«La reazione lepenista», ha scritto un commentatore molto ufficiale, Philippe Cohen, «è anzitutto una richiesta di potenza pubblica, defficacia e dindipendenza dello Stato, in un Paese in degrado economico. Marine Le Pen ha costruito la sua strategia su questi tre fallimenti della Politica... con una dimensione sociale nuova... Marine Le Pen seduce due volte più lavoratori che Sarkozy o Dominque Strauss Kahn!... del resto, quel che conta per loro è la disoccupazione, la delocalizazione, il potere dacquisto, i salari, lavvenire dei loro figli pauperizzati. Angosce per le quali non basta accusare il Front National di razzismo…». (La tentation Marine Le Pen ne séduit pas que les électeurs)



L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# antomicla 2011-06-07 23:41
Non vedo il problema: Trichet fa gli interessi delle banche, e lo fa bene.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2011-06-10 06:17
D’accordo su tutto, però ci sono dei risvolti di segno opposto. Se l’aumento del tasso di sconto da1 a 1,25% fa aumentare il valore dell’euro rispetto al dollaro in misura maggiore dello 0,25% annuo, allora:
1)Ai possessori di attivi in dollari conviene venderli per comprare attivi in euro, come ad esempio i Bbuoni del Tesoro degli Stati della UE, e di conseguenza questa maggior domanda farà calare i tassi che verranno richiesti agli Stati per essere rifinanziati.
2) I Buoni del Tesoro degli Stati più deboli diventeranno più sicuri, perché a tutto malandare la BCE avrebbe le risorse per aiutarli, in quanto avrebbe i margini per creare svalutazione ed inflazione stampando nuovi euro per comprarli lei, direttamente o tramite le banche, in misura maggiore di quanto non possa fare ora, senza che cessi di essere conveniente comprare attivi in euro.
Questi due vantaggi però non verrebbero vanificati solo alle seguenti condizioni:
1) Che non ci siano altri aumenti del tasso di sconto, finché l’inflazione non raggiunga il 4%.
2) Che le banche non ci facciano la cresta, e mantengano il tasso finale pari o sotto l’inflazione, ricordandosi che il grosso del loro guadagno non sta nella differenza tra tassi attivi e passivi, ma nella restituzione del capitale prestato, che diventa della banca, mentre prima del prestito non apparteneva alla banca, perché viene creato all’atto del prestito, attingendo dal valore della moneta già esistente
(che è pari a quello dei beni acquistabili).
3) Che lo Stato:
- Abbassi le tasse nella misura necessaria per preservare i margini di profitto e quindi la salute delle imprese, dalla quale dipende la salute delle banche, con la certezza della restituzione dei prestiti, e quella dello Stato con l’aumento delle entrate future determinato dall’aumento dell’imponibile .
- Attinga le risorse necessarie da un progressivo ma costante taglio delle spese.
- Concentri gli incentivi sull’occupazion e, abbassando o azzerando le tasse sul lavoro, per aumentare l’occupazione e quindi la ricchezza, con un aumento della produzione e ripristino del denaro circolante, diminuito a causa dei tagli di spesa.
4) Che le imprese, con meno tassi e tasse, investano per abbassare i costi della bolletta energetica per migliorare la qualità dei loro prodotti mantenendoli vendibili all’estero.
5) Che si risolva il problema dell’approvvigi onamento del petrolio a prezzi ragionevoli e che per almeno i prossimi venti anni non si parli di un picco che non c’è e vengano puntualmente contraddetti i pennivendoli della speculazione ogni volta che dicono che il picco c’è.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2011-06-11 15:39
Ah dimenticavo:
6) Tagliare, in maniera retroattiva l'1% dell'importo delle pensioni per ogni anno che si è usufruita. Così chi è in pensione da 10 anni, senza aver iniziato altri lavori non in nero, perderebbe il 10%. I baby pensionati, in pensione da 40 anni, il 40%. Se tra altri 60 anni, dopo 100 anni di pensione, non avranno ancora iniziato a lavorare, rimarranno a carico dei discendenti, o della Caritas.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2011-06-20 20:25
7) Una tassa sulle rendite, con aliquote più alte per rendite più piccole, per scoraggiare chi si vuol mettere su questa strada, troppo dannosa per tutti gli altri che vogliono realizzare un mondo migliore attraverso il proprio lavoro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dany Zenobi 2011-08-03 00:48
L'analisi economica del direttore non fa una piega: una delle prime cose che si imparano nei corsi universitari di Economia 2 è l'inutilità del tentativo di scoraggiare l'inflazione da costi di materie prime (soprattutto se queste, come il petrolio, hanno una bassa elasticità rispetto al loro prezzo, cioè l'aumento del loro prezzo non ne diminuisce sensibilmente il consumo) alzando i tassi di interesse. se poi questo avviene in un periodo di crescita bassa o nulla, si rischia la stagflazione (contemporanea presenza di inflazione e stagnazione economica, una bestia nera già conosciuta negli anni Settanta e che molti commentatori economici temono di rivedere oggi anche solo in forme lievi.

la doppia sberla Trichet-Tremonti (con la sua manovra finanziaria) che sta colpendo l'Italia delle famiglie e del lavoro non tarderà a produrre gravi disturbi depressivi della nostra già scricchiolante economia, che non potrà riprendersi a causa del drenaggio di altro denaro dalle tasche degli italiani verso le banche e non verso i consumi, dell'euro (enormemente e artificialmente sopravvalutato rispetto alla debolezza generale dell'economia europea) che penalizza le esportazioni e non dà sollievo alla bolletta energetica poichè le importazioni di petrolio sono in continua ascesa, e scoraggia nuovi inverstimenti imprenditoriali in grado di riassorbire i disoccupati. Da cio gli effetti stagflattivi (specifico questo perchè l'unica cosa che non mi è chiara dall'articolo del direttore è il punto sull'euro forte che aumenterebbe l'inflazione: credo invece che l'euro forte possa avere effetti deflattivi, ma non oggi, in cui prevarrebbero di gran lunga quelli depressivi).

Insomma: ancora una volta il cappio degli strozzini legalizzati si è stretto ancora una volta con tempismo cinico e fa specie il sostanziale mutismo dei grandi luminari dell'economia italiana che proprio questi concetti insegnano nelle nostre università.

C'è tutto di insensato e l'assoluto contrario del buon senso economico pro-Europa nelle ultime mosse di Trichet-Tremonti, che evidentemente stanno agendo per conto di altri interessi.

Quello che dice Catello in merito ai vantaggi che potrebbero derivare da questa situazione (e cioè un ri-equilibrio di prezzi e tassi dei titoli di debito dei Paesi più in crisi) è solo teoricamente possibile a mio avviso: al di la delle condizioni da lui poste, un tale riequilibrio è scoraggiato del tutto nel breve periodo dai rating sul debito dei Paesi più esposti al rischio crack finanziario e dai risultati assai deprimenti delle loro economie, che invece peggioreranno ancora grazie a Trichet; infatti crescono sia i prezzi dei beni rifugio quali l'oro, sia i differenziali dei lori titoli di debito con i bund tedeschi, e sulla sicurezza che l'Europa sarebbe in grado di dare con ad esempio il fondo salva Stati avrei più di una riserva: di fronte ad una speculazione orchestrata bene come quella che ha fatto saltare lo SME negli anni '90.
Non c'è fondo che possa reggere, per quanto l'Europa fosse in grado di creare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità