>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Bosone di Higgs, c'è l'impronta della «particella di Dio»
Stampa
  Text size
Del bosone di Higgs c'è solo la traccia, rimane ineffabile

MILANO
- C'è «l'impronta» del bosone di Higgs, la cosiddetta «particella di Dio». I primi dati sono stati presentati a Ginevra, in un affollatissimo seminario organizzato al Cern, dai coordinatori degli esperimenti Atlas e Cms, gli italiani Fabiola Gianotti e Guido Tonelli dell'Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn). I dati presentati restringono il campo per la ricerca del bosone a energie minori del previsto e si spera di fugare ogni dubbio dell'esistenza della particella entro la fine del 2012, quando sarà stata completata l'analisi degli esperimenti in corso.

BOSONE - Il bosone di Higgs» è all'origine della manifestazione della massa e la conferma della sua esistenza potrebbe far compiere passi avanti nelle Teorie di unificazione, già verificate per le forze nucleari ed elettromagnetiche ma che escludono ancora la gravità. La ricerca è stata condotta da due squadre differenti (con gli esperimenti denominati Atlas e Cms) ciascuno all'oscuro dei risultati dell'altro. Entrambe hanno lavorato in collaborazione con il Cern e con l'Organizzazione europea per la ricerca nucleare vicino a Ginevra. La Gianotti, che fa parte della squadra Atlas, ha dichiarato che l'intervallo in cui con maggiori probabilità si potrebbe rinvenire il bosone di Higgs, si trova ai livelli di energia più bassi: tra 124 e 126 miliardi di elettronvolt (GeV), ciascuno con uno scarto compreso fra 2,5 e 3 deviazioni standard.

ABBOTTONATI - I fisici del Cern restano comunque molto abbottonati e affermano che «non si può ancora parlare di una scoperta». Il termine «scoperta», infatti, non è stato mai pronunciato nel corso del seminario di presentazione dei risultati. «Atlas», ha spiegato Fabiola Gianotti, «esclude al 95% la presenza della particella nell'intervallo di energie compreso fra i 131 e 453 GeV mentre rileva un possibile picco a 126 GeV (un livello di energia che corrisponde a poco più di cento volte la massa del protone) con una precisione statistica pari a 2,6 sigma; per la certezza che non si tratti di una casualità occorre un valore pari a cinque». Tonelli, coordinatore dell'esperimento Csm, ha aggiunto che «si tratta di valori statistici prevedibili con i dati a disposizione e i relativamente bassi livelli di energie come quelli in gioco; l'esperimento conferma alcuni eventi interessanti nell'intervallo tra 120 e 131 GeV, con un picco sotto i 130 GeV (1,9 sigma)».

«MY GOD» - «My God!» è stato il primo commento di Peter Higgs. Lo ha raccontato Guido Tonelli. «Quando gli abbiamo comunicato i nostri dati, Higgs era spaventato dall'idea che fossimo così vicini e la sua prima esclamazione è stata My God». A 82 anni, Peter Higgs preferisce essere molto prudente: «sembrava davvero un po' terrorizzato - ha osservato Tonelli - dall'idea che si arrivasse al dunque».

Redazione Online

Fonte > 
Corriere.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Pietro G 2011-12-14 14:34
Prima di tutto non c'è ancora certezza statistica. Il fatto che la risonanza sia presente in due detector indipendenti, però, lascia ben sperare. Questa dovrebbe essere la volta buona. Un problema legato ad una massa così bassa (125 - 126 GeV, circa 125 volte la massa del protone) è l'indicazione che ad alte energie l'auto-interazione va verso valori negativi lasciando intendere che il vuoto, cioè lo stato di energia più basso in cui tutti viviamo, potrebbe diventare instabile. Il problema è stato oggetto già di uno studio da parte dei fisici del CERN i quali concludono che l'evento catastrofico di un passaggio del vuoto ad uno stato più basso energeticamente è in sostenza molto poco probabile. Non impossibile però.
Chi vuole approfondire il problema :
http://blog.vixra.org/2011/12/04/what-would-a-higgs-at-125-gev-tell-us/
Oppure :http://www.science20.com/alpha_meme/light_higgs_dis covered_and_abo ut_destroy_univ erse-85357
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio_1234 2011-12-14 15:34
In pratica l'"impronta di Dio" si troverebbe a un livello di energia compreso "tra 124 e 126 miliardi di elettronvolt (GeV), ciascuno con uno scarto compreso fra 2,5 e 3 deviazioni standard". E ci voleva tanto per capirlo?
La supercazzola è il nuovo Vangelo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Ron 2011-12-15 09:03
Potresti essere più semplice?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Klaatu 2011-12-14 21:46
Non è con questi strumenti e con queste impostazioni che coglieranno la nascita della massa come vortice di etere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-14 21:46
Fanno bene, per correttezza ed onestà, a non parlar di... "scoperta"... dal momento che trattasi di pura e semplice... "INVENZIONE"... come sempre, d'altronde, nel campo delle così dette moderne "particvle" elementari!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# anrewbst99 2011-12-15 04:01
Finchè la gravità sarà considerata come un potere magico che ha la massa di attarre altri corpi non ci sarà mai unificazione in fisica. Da ignorante affermo che l'eliminazione del vuoto dalla fisica rende tutto più semplice. Purtroppo ho letto Todeschini, segnalato proprio nei commenti di un articolo di questo sito e mi ha sconvolto per la sua semplicità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-15 20:09
Citazione anrewbst99:
Finchè la gravità sarà considerata come un potere magico che ha la massa di attarre altri corpi non ci sarà mai unificazione in fisica. Da ignorante affermo che l'eliminazione del vuoto dalla fisica rende tutto più semplice. Purtroppo ho letto Todeschini, segnalato proprio nei commenti di un articolo di questo sito e mi ha sconvolto per la sua semplicità


Proprio questo è il punto cruciale, la così detta... "GRAVITAZIONE"... della quale nessuno mai è riuscito a darne una vera spiegazione puramente... "FISICA"... al di là delle innumerevoli teorie e fantasticherìe... "matematiche"!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Josè 2011-12-15 16:54
Qualora scoprissero il bosone quali sarebbero le ricadute sul campo medico-tecnologico?

Benefici di alcun tipo? In soldoni cosa si potrebbe andare a creare con questa scoperta, nuovi laser, ecc.?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-16 14:05
Citazione Josè:
Qualora scoprissero il bosone quali sarebbero le ricadute sul campo medico-tecnologico?
Benefici di alcun tipo? In soldoni cosa si potrebbe andare a creare con questa scoperta, nuovi laser, ecc.?


E, nel frattempo... ci montano su delle belle "scientifiche" carriere, a suon di mediatiche balle... beneficando così sé stessi, in primis... poi, chissà, si vedrà...!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità