>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Tv poco amica dei bambini. L'Italia rischia sanzioni dall'Ue
Stampa
  Text size
Ecco cosa sono la televisione e la rete italiana

La tv italiana si dimentica dei bambini, mentre loro vi rimangono incollati per ore già dalla prima infanzia. E quando crescono si dividono tra piccolo schermo ed internet, dove i pericoli sono ancora maggiori. I media nazionali, in più, propinano programmi nocivi e pubblicità fuorvianti a tutte le ore del giorno, forti anche di una legislazione a maglie larghe, tanto che l’Italia ora rischia una procedura d’infrazione da parte dell’Europa, che ha dato tempo fino al 29 marzo per correggere il tiro.

A mettere ancora il nostro Paese nel mirino dell’Ue un decreto del precedente esecutivo (n. 44 del 16 marzo 2010) che consente la trasmissione televisiva di servizi gravemente pericolosi per la salute dei minori (pornografia e violenza gratuita) nella fascia diurna di programmazione. Tutto questo in contrasto con la direttiva europea sui servizi di media audiovisivi.

L’allarme lanciato dal presidente del comitato media e minori, Franco Mugerli, in occasione della giornata nazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza fa eco alle conclusioni cui è giunta l’indagine conoscitiva sulla tutela dei minori nei mezzi di comunicazione della Commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza.

Oltre ad aver sottolineato «con rammarico l’aperto contrasto con le direttive Ue», la Commissione infatti ha aggiunto che nel nostro Paese «si sta realizzando un allarmante progressivo smantellamento» del sistema della protezione dei minori in tv. In più a preoccupare è anche le delibera del luglio scorso con cui l’Agcom «ha legittimato la trasmissione di film vietati ai minori di 14 anni in orario di televisione per tutti», non consentita dal decreto Romani, purché con l’utilizzo del parental control. Occorrono leggi, ma da sole non bastano; serve infatti arrivare ad una «razionalizzazione delle norme e a un codice di tutela dei minori nei media», ha proposto Mugerli, insieme ad un’educazione all’utilizzo dei media.

Internet e le nuove tecnologie non vanno demonizzate, ma regolamentate ad un livello che supera i confini nazionali. In casa nostra, intanto, il cambiamento da attuare è culturale e si potrebbe iniziare, spiega la Commissione, «introducendo nei programmi delle scuole corsi di educazione ai media per sviluppare nei giovani un’informazione critica», anche sui rischi connessi al web. In più si potrebbe vietare gli spot nei programmi dedicati ai più piccoli. I nativi digitali italiani, difatti, utilizzano più precocemente e più a lungo in Europa i nuovi media, ma non sanno difendersi dai loro rischi. Nel nostro Paese poi sono in aumento il cyberbullismo e il grooming, cioè l’adescamento online, perciò tra le proposte c’è anche l’introduzione di questi reati. I giovani infatti hanno accesso ad internet o alla telefonia mobile già prima dei 7 anni e, inoltre, il 62% dei minori italiani va nel mondo 2.0 senza il controllo di un adulto, contro una media europea del 49%. In una situazione del genere, ha infine precisato il neo sottosegretario alla Politiche sociali Cecilia Guerra, bisogna innanzitutto mettere «nero su bianco i livelli essenziali di tutela dei minori, ma anche in altri campi», primo passo per uscire fuori dall’attuale stallo.

Alessia Guerrieri

Fonte > 
Avvenire.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# girolamo 2011-12-30 10:00
La TV non è amica dei bambini, nè degli adulti. La TV è un occhio di un ipnotizzatore che serve egregiamente per inbecillizzare la nazione.
Se il popolo italiano di oggi fosse realmente in grado di intendere e volere, non tollererebbe nè un parlamento fatto di sniffatori e di titolari di condanne penali, nè una magistratura che ignora il Diritto Naturale di Tommaso d'Aquino come gli stessi principi del diritto di Ulpíano, nè un sistema bancario che deruba sistematicament e la nazione, nè, tampoco, il sistema delle caste, delle società segrete, dei partiti e dei sindacati. Né tollererebbe gli infiniti quadrupedi con responsabilità di comando, che stanno distruggendo il nostro bellissimo Paese.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità