>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Ciò che non si dice della riunione delle due Germanie
Stampa
  Text size
La riunione delle due Germanie, quella dell’Est e quella dell’Ovest, avvenne nel 1990, ufficialmente il 3 ottobre. Tra le conseguenze della riunificazione ci fu quella di possedere una ingente quantità di materiale bellico, munizioni e armamenti ovviamente in perfetta efficienza, provenienti dall’arsenale militare della DDR. Per una serie di ragioni questo materiale non poteva essere utilizzato dall’esercito della Germania unificata. L’unificazione creò una nuova Germania, che dovette affrontare i non facili problemi nati dalla ricongiunzione di due Stati che ormai avevano in comune solo la lingua. Le due Germanie avevano trascorso quasi mezzo secolo nell’attesa di una reciproca aggressione tra i Paesi dell’est e quelli dell’ovest. Adesso il primo passo doveva essere una drastica riduzione delle forze armate della nuova Germania.

  
Ma la Germania degli anni Novanta era ben diversa da quella di prima della Seconda Guerra Mondiale. I tedeschi si erano latinizzati, ovvero avevano dovuto subire una lunga occupazione da parte dei Paesi occidentali, in un certo senso eredi dell’Impero Romano ed avevano capito che non avrebbero avuto un posto nel mondo se non avessero rinunciato almeno in parte al concetto della superiorità dei popoli germanici. Andando un po’ indietro negli anni, dopo il massacro di Teutoburgo, e dopo essersi ampiamente vendicati con la spedizione di Germanico, i romani decisero di lasciare fuori dai loro confini la Germania, che quindi non fu latinizzata. Anzi con Carlomagno fu la Germania a tentare di germanizzare ciò che era stato l’Impero Romano d’Occidente. La lezione inflitta con la sconfitta nella Seconda Guerra Mondiale e con la lunga occupazione ha fatto diventare molto più scaltri i tedeschi. La Germania aveva già da alcuni anni iniziato ad attuare una politica estera che sembrava orientata a svolgere un ruolo subalterno rispetto alla Francia ed agli Stati Uniti. In realtà essa perseguiva lo scopo di arrivare a dominare tutta l’Europa. Andreotti si era espresso contro la riunificazione perché diceva giustamente che ne sarebbe risultato un Paese troppo potente rispetto agli altri, squilibrando così i fragili equilibri all’interno della nuova Europa. Ma i tedeschi si erano assicurati l’appoggio degli USA, diventando i loro guardiani tra i litigiosi ed incostanti Paesi europei. Avevano dalla loro la forza della loro industria e della loro tecnica, da sempre molto ammirate dagli americani.

Le vicende europee degli ultimi due secoli

Tra le tante conseguenza della Rivoluzione Francese ci fu la trasformazione della guerra in guerra di popolo. Prima le guerre erano guidate dall’aristocrazia con eserciti di soldati contadini. Gli straccioni di Valmy, provenienti dagli artigiani e dai piccoli borghesi, batterono i prussiani, guidati da aristocratici, ingabbiati nelle vecchie regole e nelle vecchie uniformi. Si trovò un grande condottiero: Napoleone e i francesi, introdotta la coscrizione obbligatoria, ebbero il dominio dell’Europa. L’ideologia rivoluzionaria, sommata alle contraddittorie nostalgie imperiali ed aristocratiche di Napoleone, compì stragi ed efferatezze che ad un confronto imparziale fanno impallidire quelle compiute poi dai tedeschi entusiasmati da Hitler. Solo in Italia per combattere le così dette insorgenze i francesi provocarono circa 200 mila morti. C’era stata la strage della Vandea e ci sarà la sanguinosa guerriglia in Spagna.

Sia contro la Francia napoleonica, sia contro la Germania hitleriana l’Inghilterra giocò un ruolo determinante nel distruggere sul nascere una grande potenza europea. Ed in entrambi i casi seppe utilizzare la Russia per riportare l’ordine in Europa. Nel primo round contro la Germania guglielmina l’Inghilterra utilizzò invece la Francia e quella fu una vera porcata perché quella Germania non meritava di essere demonizzata. Ma l’ultima volta con la Germania le cose le sono andate storte: l’Inghilterra ha vinto la guerra ma ha perso tutto il suo magnifico impero che anche Hitler ammirava. Le cose sono andate così storte che oggi l’Inghilterra è ridotta a svolgere il ruolo di attrazione turistica, di scuola per imparare l’inglese e di paradiso della finanza speculativa, appena un poco al di sopra delle sue isole Cayman. Con la Germania, che stava crescendo già alla fine del XIX secolo, l’Inghilterra avrebbe potuto trovare un modus vivendi, poiché la Germania non aveva aspirazioni di espansione territoriale ma ambiva a dominare il mercato dei prodotti industriali. Invece la osteggiò sino ad arrivare allo scontro della Prima e poi della Seconda Guerra Mondiale, che segnò la fine della potenza inglese e la nascita delle due superpotenze: gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, cioè le due potenze chiamate in suo soccorso per battere la Germania.

La Germania, risorta dopo la unificazione, aveva di nuovo la dimensione di una grande potenza che attraeva a sè le piccole nazioni vicine. I tedeschi avevano capito che non era più necessario occupare militarmente una nazione per dominarla. Vienna e Budapest furono calamitate. Per ragioni tutte sue la Cecoslovacchia (una nazione artificiale scaturita dalla Prima Guerra Mondiale) si divise in due repubbliche alla fine del 1992. La Repubblica Ceca si trova geograficamente inserita tra Germania ed Austria ed ha una ottima industria che ovviamente si inserisce nella sfera dell’economia tedesca. Nel 2004 è entrata nella Comunità Europea. Quindi la storia di quella che era la Mitteleuropa si è messa a correre: nel 1990 la Germania si riunisce, nel 1991 scoppia la guerra nella ex Jugoslavia, nel 1992 la Cecoslavacchia si divide. In Italia era nata la Lega secessionista, che riceverà finanziamenti occulti dalla Germania. Ma questo è ancora l’aspetto meno grave dell’espansionismo germanico. Sul piano economico abbiamo l’espansione delle banche tedesche (e francesi) in Italia e l’acquisizione di complessi industriali e commerciali.

La politica tedesca sarebbe stata quella di spezzettare gli Stati limitrofi. Il primo che si espose un po’ troppo fu il Primo Ministro Helmut Kohl, quello che irrideva gli italiani travolti da tangentopoli. Lui stesso ne venne poi colpito ed allora smise di sogghignare, ma prima di lasciare poté veder piazzata la furba Merkel. Intanto, sin dalla scomparsa di Tito, tra le regioni della Federazione Jugoslava erano nati attriti crescenti. La guerra nella ex Jugoslavia scoppiò nel 1991. Quando scoppia una guerra le armi servono e i contendenti sono disposti pagarle a qualsiasi prezzo. Una fortuna insperata per la Germania unificata, che non sapeva come smaltire gli armamenti della Germania Est.

Anzitutto vi era la necessità di riunificare l’esercito delle due Germanie. Ad Est venne creato un comando speciale con funzioni provvisorie, chiamato Bundeswherkommando Ost. Esso formò diverse brigate territoriali sulla ex-DDR. Nel frattempo molti materiali vennero radiati; in base ai trattati CFE la Germania doveva disfarsi di oltre 3.000 carri armati e di innumerevoli altri equipaggiamenti. Negli arsenali della ex-DDR vi erano numerosissimi armamenti: furono trovati oltre 2.500 carri armati di cui oltre 500 T-72, circa 5.000 mezzi corazzati, oltre 2.000 pezzi di artiglieria, decine di navi, oltre 500 aerei. Parte di questo immenso parco d’armamenti fu riutilizzato dai tedeschi, parte fu esportata, si dice che la maggior parte sia stata demolita, ma è difficile crederlo. Il personale militare tedesco-orientale venne integrato formando 6 brigate di fanteria equipaggiate con materiale per lo più orientale. Mentre i militari di carriera avevano la possibilità di fare domanda per entrare nell’esercito unificato, la Guardia di frontiera non era altrettanto ben vista, perché aveva sparato ai fuggiaschi verso Ovest.

Attorno al 1993-94 la Luftwaffe rinunciò a 5 Stormi per un totale di oltre 200 aeroplani: tutti gli Alpha Jet e tutti gli RF-4E vennero radiati. Questi ultimi vennero spediti in buona parte in Turchia, dove molti equipaggiamenti ex-tedeschi erano giunti da tempo, dagli F-104G ai 20 C-160D praticamente nuovi. Gli Alpha Jet vennero in parte ceduti al Portogallo. Per il resto, dopo che il ministro Wolfang Ruhe per i costi eccessivi tra il 1992 e il 1994 quasi affossò il programma EFA, l’idea del caccia ad interim venne scartata e l’aggiornamento degli F-4F (i vecchi Phantom) esteso a 110 macchine invece che 75. I missili AMRAAM vennero però ridotti a circa 60 con 288 opzioni. L’EFA continuò per tutti gli anni ‘90 il suo lento sviluppo, e nell’attesa la Germania incorporò i due MIG-29 ex-DDR, gli unici rimasti in servizio degli aerei ereditati dalla Germania Est. I MIG-29, successivamente aggiornati, con i motori ridotti in potenza a vantaggio della durata e piloti ben addestrati, rappresentarono uno dei reparti più interessanti della Luftwaffe, chiamati in innumerevoli esercitazioni come a Decimomannu in Sardegna, sconfiggendo spesso gli F-16, specie in combattimenti manovrati con i missili R-73. Da notare che agli inizi degli anni ‘90 gli F-16 non avevano ancora missili a medio raggio come dotazione standard e i MiG operarono sia come intercettori che come velivoli di attacco per simulare i potenziali nemici della NATO.



Aerei di maggior fortuna furono i Fulcrum, qui uno dei 4 biposto, che vennero immessi nella nuova Luftwaffe con ottimi risultati
 


La riunificazione delle Forze Armate tedesche fu molto rapida. Vennero incorporati alcuni materiali ex-DDR, come per esempio centinaia di BMP-1, sia pure privati del missile AT-3. Il totale delle munizioni lasciate dalla DDR era impressionante, con un quantitativo di oltre 66.000 tonnellate solo per le munizioni dei carri armati. In tutto le munizioni superavano le 300.000 tonnellate e il loro smaltimento fu cosa lunga e laboriosa. I tedeschi avrebbero tenuto volentieri vari materiali. Gli obici da 122 mm D 30 vennero tenuti in servizio, prevalentemente per fini addestrativi, grazie anche agli oltre 500.000 proiettili disponibili. I veicoli che l’esercito tedesco avrebbe tenuto più volentieri in servizio erano gli RM-70, ma vi erano problemi con i rigidi standard sulla sicurezza delle munizioni in uso nell’esercito tedesco-occidentale: nondimeno essi erano giudicati un sistema molto efficace.

Le 5 brigate dell’OstKommando ebbero come dotazione individuale i fucili AK-74, disponibili in quantità più che sufficienti, il che non rendeva necessario il riequipaggiamento con i G-3. Nel frattempo, molti materiali ex-tedeschi vennero girati ad altre nazioni. Sebbene moltissimi mezzi ed artiglierie finissero rottamati, numerosi semoventi 2S1 vennero ceduti alla Finlandia, dove vennero ammodernati ed usati con soddisfazione, grazie alla loro mobilità e capacità anfibia. Circa 500 MT-LB vennero venduti alla Svezia, che li usò efficacemente con le brigate Polari grazie all’eccellente mobilità di questi veicoli. I 350 BMP-1 venduti alla Svezia al prezzo di circa 32 milioni di lire l’uno (equivalente a quello di un’auto di grossa cilindrata, in totale fruttarono alla Germania 56 milioni di euro) erano apparentemente un buon affare, ma vennero aggiornati con programmi assai costosi e poi tenuti in servizio solo per una decina d’anni circa, rimpiazzati dai CV-90. Questo stando alle notizie ufficiali.

La struttura dell’esercito tedesco venne stravolta poiché venne prevista una nuova e più ridotta struttura dell’esercito. La Guerra fredda stava finendo e tra il 1992 e il 1995 si poteva attuare una radicale ristrutturazione delle forze armate. Nonostante l’accorpamento della Germania Est, avvenuto nel 1990, il totale delle forze dell’esercito veniva ridotto a 255.000 militari (oggi a solo 100.000). La struttura studiata verteva sulla cancellazione della distinzione tra esercito di campagna e territoriale, la riduzione a 28 brigate dello strumento attivo, ripartite su 8 divisioni, la cancellazione della distinzione tra unità meccanizzate e corazzate. La struttura di Brigata studiata verteva su 2 battaglioni di fanteria meccanizzata (53 Marder, 16 MILAN, 10 mortai, 6 veicoli da osservazione o recupero), due di carri (54 Leopard, 4 carri recupero) uno di artiglieria (24 Pzh2000 con tre batterie su otto mezzi) una unità per esplorazione (12 blindo, 3 radar) una controcarro (15 Jaguar con missili TOW) e una genio (dotata di 11 Fuchs, 3 veicoli sminatori, 4 gittaponte, 3 genio, 12 posamine). Le divisioni sarebbero state ridotte a otto, le brigate meccanizzate di cui sopra a 23 di cui solo 2 a pieni organici, 18 brigate al 50% . La brigata da montagna, le tre aviotrasportate e la brigata franco-tedesca completavano il quadro. Molti i cambiamenti anche per le strutture logistiche, artiglieria di supporto e il genio. L’artiglieria comprendeva a quel punto i semoventi Gepard per appoggiare le divisioni, i Roland per il corpo d’armata, MLRS e FH-70 per i reggimenti di artiglieria divisionale.

I compiti della Bundeswher cambiarono molto dagli anni ‘90, come anche i mezzi in dotazione. In tutto questo ristrutturare, l’Heer (1) radiò oltre 3.000 carri, non solo ex-DDR. Solo 700 dei 2.020 Leopard 2 consegnati vennero mantenuti. La leva venne ridotta a 12 mesi. In compenso, nuovi equipaggiamenti potenziarono le unità tedesche. Arrivarono gli otto gruppi di MLRS sostituendo i più leggeri LARS, mentre in prospettiva – molto dilatata nel tempo – si prevedeva l’entrata in servizio dei nuovi, formidabili semoventi Phz-2.000, dotati di sistemi di tiro moderni, cannone da 155/45 mm e corazzatura protettiva molto più efficaci del vecchio e leggero M 109G. La fanteria ebbe un nuovo sistema d’arma, il Panzerfaust 3 da 110 mm di calibro, razzo anticarro capace di perforare oltre 700mm d’acciaio. Esso è peraltro un sistema pesante, voluminoso, monocolpo e di gittata ridotta (330 m). Ma la sua efficacia è stata confermata in numerosi test.

Un altro mezzo entrato in servizio in quegli anni è il Wiesel, l’ultimo e di gran lunga il più leggero dei corazzati tedeschi della Guerra Fredda. Nato nel 1971 come prototipo per dare ai paracadutisti tedeschi un sistema d’arma meccanizzato e relativamente protetto, è stato presentato già nel 1971, dalla ditta Porsche. Esso venne bloccato da restrizioni di bilancio. Ripartito nel 1988 con una commessa di 343 mezzi, i primi dei quali distribuiti nel 1990, in ragione di un battaglione per brigata aviotrasportata (3 in tutto). Pesante circa 3 tonnellate, il Wiesel è una sorta di utilitaria nel panorama dei mezzi blindati. Autonomia di 300 km, velocità di 75 kmh con un motore di appena 86 hp e cingoli in gomma, lunghezza di appena 3,3 metri e larghezza di 1,8. Versioni migliorate, come il modello comando con mitragliera da 12,7mm e quello trasportotruppe con scafo allungato e 7 uomini di equipaggio erano pure allo studio, né mancava il Wiesel con 4 Stinger antiaerei.

Quest’ultimo entrò in servizio attorno al 1998 in un certo numero di esemplari. L’ammodernamento della componente corazzata venne iniziata attorno al 1998. La forza dell’Heer all’epoca ammontava a 233.000 militari. I carri erano ridotti a 34 battaglioni, 20 dei quali attivi e gli altri in riserva. 26 battaglioni erano dotati di Leopard 2, tra cui tutti quelli attivi (altri otto con Leopard 1A5) e 23 di questi avevano i Leopard 2A4 con protezione migliorata. I primi 3 battaglioni avevano ricevuto i Leopard 2A5, con corazza aggiuntiva in torretta per una massa portata a 59 tonnellate. Un totale di 2124 carri realizzati per la sola Germania, al termine della produzione, vide 225 veicoli aggiornati a questo standard, mentre era allo studio l’adozione del cannone da 120/55 mm come seconda parte del programma KWS. Gli M113 ebbero aggiornamenti vari, relativi alla guida, all’affidabilità e alle norme antinquinamento (nuovo motore MTU 6V 183CT22 Euro 2) per un totale di circa 2.000 veicoli.

Tra i tanti aggiornamenti, da segnalare l’entrata in servizio dei drone da ricognizione CL-289 con un raggio di 170 km e sensori IR e fotografici, per le esigenze dell’artiglieria. Alcuni Leopard 1A5 vennero invece modificati come osservatori avanzati per l’artiglieria. Con oltre 2.000 carri Leopard l’Heer non ebbe problemi a disfarsi di mezzi ancora validi come i Leopard 1A5, i T-72 e centinaia di Leopard 2 in eccesso. Molti T-72 finirono la loro carriera come bersagli nei poligoni di tiro, dove dimostrarono una considerevole resistenza, specialmente della torretta, contro i proiettili da 105 e anche da 120 mm. Oggi la Germania ha 400 carri armati in attività. In pratica la Germania non ha più un esercito per una guerra ma solo per missioni di pace. Facciamo qualche ipotesi. La repubblica jugoslava si stava smembrando in tante repubbliche e la cosa non si sarebbe svolta pacificamente. Possiamo affermare che la Germania sia stata del tutto estranea al fatto? L’agenzia americana Defense & Foreign Affairs (2) ha fornito notizie molto dettagliate sulle forniture di armi in particolare alla Croazia ed alla popolazione islamica della Bosnia. Si tratta di una agenzia che sembra parteggiare per i serbi e non lesina critiche alla politica estera degli USA e della Germania. Documentata la fornitura di 120 carri armati T-72 (pagati 90 milioni di euro) e di molti missili antiaerei Stinger, oltre a cannoni ed armi leggere il tutto con abbondanti munizioni.

A parte la Slovenia, che aveva un confine abbastanza ben definito con il resto del Paese, le altre regioni della Federazione Jugoslava avevano confini intricati, con zone incluse in altre regioni. Tra queste le guerre apparivano inevitabili. L’esercito nazionale era monopolizzato dai serbi. Le altre regioni-nazioni dovevano affrettarsi a costruire ciascuna il proprio esercito se non volevano soccombere alla Serbia. Quindi ci fu una improvvisa richiesta di armi. Si trattava di permettere ai gruppi etnici in dissenso con i serbi di potersi difendere, poiché l’esercito nazionale, che era stato pagato da tutti i popoli della federazione, era sotto il controllo dei serbi, che lo usavano come forza armata a favore della sola Serbia contro gli altri gruppi. Nel racconto della guerra jugoslava è interessante notare gli interventi compiuti via via dalla Germania presso la CEE perché venisse riconosciuta l’indipendenza dei nuovi Stati. Per ragioni diverse anche il Vaticano intervenne a sostegno del riconoscimento della repubblica croata. Questa presa di posizione dei tedeschi indusse altri Stati europei a seguire la linea della Germania, e questo accelerò la crisi jugoslava e indirettamente favorì l’esplodere dei conflitti armati. Le guerre jugoslave si possono definire una lunga e intricata guerra civile causata da motivi di secessione. In misura diversa, tra il 1991 e il 1995, furono coinvolti tutti i diversi territori appartenenti alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, sino alla sua completa dissoluzione.

Diverse le motivazioni che sono alla base di questi conflitti. La più importante è il nazionalismo ricomparso nelle diverse repubbliche a cavallo fra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta (in particolare in Serbia, Croazia, Kosovo e Bosnia, anche in Slovenia ma in misura minore). La causa principale del risorgere dei nazionalismi fu la pretesa della Serbia di esercitare il suo dominio sugli altri gruppi etnici ai quali non voleva riconoscere l’autonomia di cui godevano. Influirono anche le motivazioni economiche, gli interessi e le ambizioni personali dei leader politici coinvolti e la contrapposizione spesso frontale fra le popolazioni delle fasce urbane e le genti delle aree rurali e montane, oltre che gli interessi di alcune entità politiche e religiose (anche esterne). Tutte queste cause contribuirono a porre fine alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia.

In un clima sempre più teso, la situazione economica si deteriorava progressivamente, mentre nella Federazione andava crescendo il divario tra nord e sud. Il dinaro jugoslavo subì diverse svalutazioni e il potere d'acquisto diminuì. Per trovare una soluzione nel febbraio del 1989 il governo federale venne affidato ad un tecnico, l'economista croato Ante Marković, che propose una solida e strutturale riforma economica e preparò la domanda di adesione del paese alla CEE. Il piano economico sembrava funzionare, nonostante le inevitabili conseguenze sociali (aumento della disoccupazione e della povertà, diminuzione dei sussidi statali), ma venne travolto dalle turbolenze etniche e dalla disgregazione complessiva della Federazione. Ogni riferimento alla situazione italiana attuale è puramente casuale. Nel gennaio 1990 durante il congresso straordinario della Lega dei Comunisti Jugoslavi, si verificò uno scontro frontale tra delegati serbi e sloveni. Sloveni e croati decisero di ritirare i loro delegati.

Guerra d
indipendenza slovena (1991)

Nel nord della Federazione vennero indette subito libere elezioni, che determinarono la vittoria di forze di centro-destra: in Slovenia la coalizione democristiana Demos formò un nuovo governo, mentre Kučan restò presidente della repubblica; in Croazia i nazionalisti dell'HDZ di Tuđman vinsero le consultazioni (maggio 1990). Nel dicembre 1990 si tenne in Slovenia un referendum sull’indipendenza, o meglio sulla sovranità slovena, dal momento che si parlava anche della costruzione di una nuova confederazione di repubbliche, le cui basi andavano ridiscusse. Data l’indisponibilità serba a rivedere radicalmente l’assetto dello Stato, la sera del 25 giugno 1991 fu convocato in seduta plenaria il parlamento sloveno per discutere e votare l’indipendenza. Nel corso della seduta, poco prima della votazione arrivò la notizia che il parlamento croato aveva dichiarato l’indipendenza della Croazia. Nella piazza centrale di Lubiana il presidente Milan Kučan proclamò l’indipendenza slovena. Il 26 giugno il giornale sloveno Delo di Lubiana pubblicava: «Dopo più di mille anni di dominazione austriaca e più di settanta anni di convivenza con la Jugoslavia, la Slovenia è indipendente». La risposta dell'Armata Popolare Jugoslava (JNA) ci fu il 27 giugno 1991, quando l’esercito intervenne in Slovenia per riprendere il controllo delle frontiere. Iniziò così la prima guerra in Europa dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Janez Janša, divenuto ministro sloveno della Difesa, cercò di costituire un esercito nazionale, soprattutto mediante le milizie territoriali della repubblica, istituite da Tito in chiave anti-sovietica. Gli Sloveni presero il controllo delle basi militari federali nel Paese e delle frontiere con Italia ed Austria.

La guerra (chiamata guerra dei dieci giorni) si concluse rapidamente, essendo la nazione etnicamente compatta e sostenuta politicamente dal Papa Giovanni Paolo II, dall’Austria e soprattutto dalla Germania, che si impegnò subito a riconoscerne l’indipendenza e spinse perché anche l’intera CEE facesse lo stesso. Nel frattempo si ripeté ciò che era successo durante la Prima Guerra Mondiale: il governo federale di Belgrado prese accordi con lo Stato italiano per far evacuare le truppe jugoslave via Trieste. Infatti a Belgrado si asseriva che non esistesse un altro modo per far rientrare le truppe in Serbia. Il presidente della repubblica, Francesco Cossiga, appena ebbe sentore di ciò, immediatamente si recò a Trieste e dalla Prefettura informò i triestini delle intenzioni jugoslave. Alcuni triestini, che ricordavano i 40 giorni di occupazione jugoslava nel 1945, si ribellarono occupando il Comune di Trieste.  Fu chiesto al governo sloveno il motivo per il quale non lasciasse evacuare le truppe jugoslave; la risposta del ministro Janša fu immediata, asserendo che nessuno proibiva loro l’evacuazione dalla Slovenia, però, imbarcandosi a Capodistria, tutti i militari sarebbero dovuti uscire dalla Slovenia completamente disarmati. Soltanto agli ufficiali era concesso di portare con sé la pistola di ordinanza. Così infatti avvenne e la crisi triestina rientrò. Se la Serbia fosse intervenuta in forze contro la Slovenia avrebbe causato la reazione dell’Austria, dell’Ungheria e della stessa Germania. Nel luglio vennero firmati gli accordi di Brioni, che prevedevano l’immediata cessazione di ogni ostilità dell’esercito jugoslavo in Slovenia e il congelamento per tre mesi della dichiarazione di indipendenza. La piccola repubblica diventava così indipendente da Belgrado.

Guerra in Croazia
(1991-1995)

Lo scontro tra serbi e croati sarà il momento più duro dell’intero conflitto. Le elezioni croate della primavera del 1990 avevano visto la vittoria dei nazionalisti di Tuđman, davanti ai comunisti riformati di Ivica Račan. Nell’estate del 1990, nella regione montagnosa della Krajina (ai confini con la Bosnia) a maggioranza serba, venne proclamata la Regione Autonoma Serba della Krajina. Il 2 settembre si tenne nella stessa regione un referendum per l’autonomia e per una futura congiunzione con la Serbia. Nel marzo 1991 si svolse in Croazia un referendum per la secessione del Paese dalla Jugoslavia. La consultazione venne boicottata nella Krajina, dove la maggioranza serba mosse i primi passi nella direzione opposta, ovvero per la secessione dalla Croazia. Nell’aprile del 1991 venne autoproclamata in Krajina e Slavonia la repubblica serba di Krijna (РСК). Il governo croato la vide come una ribellione. Il 9 aprile 1991 il presidente Tudman, annunciò la costituzione di un esercito nazionale croato. In maggio nelle immediate vicinanze di Vukovar, vennero uccisi in un’imboscata prima due e poi dodici poliziotti croati. Il ministero degli Interni croato iniziò ad armare un sempre maggior numero di appartenenti alle forze speciali di Polizia, sino alla costituzione di un vero e proprio esercito. La dichiarazione di indipendenza (25 giugno 1991) conseguenza diretta dei risultati del referendum, provocò l’intervento militare jugoslavo, deciso a non permettere che territori abitati da serbi fossero smembrati dalla federazione e slegati dalla madrepatria serba. La teoria nazionalista serba diventa così ideologia portante di tutta la Jugoslavia e delle sue guerre. L’attacco dei serbi, iniziato nel luglio del 1991, coinvolse numerose città croate.

Assedio di Vukovar

Il simbolo della guerra serbo-croata è stato l’assedio alla città di Vukovar, nella Slavonia (25 agosto-18 novembre 1991) un territorio in cui serbi e croati riuscivano a convivere serenamente fino a poco tempo prima,. La città fu bombardata e quasi completamente rasa al suolo dai serbi, che impegnarono 20.000 uomini e 300 carri armati. Oltre alle truppe regolari dell’esercito serbo, a Vukovar combatterono anche paramilitari stranieri. Ci furono efferatezze con l’uccisione di centinaia di civili (compresi i malati presenti nell’ospedale cittadino). Il 7 ottobre 1991 una forte esplosione colpì la sede del governo a Zagabria, durante una riunione a cui partecipavano Tuđman, il presidente federale Stjepan Mesić e il Primo Ministro federale Marković. Il giorno seguente il parlamento croato sciolse ogni residuo legame con le istituzioni federali. L’8 ottobre 1991 venne proclamato giorno dell’indipendenza croata. L’JNA si ritirò dalla Croazia entrando in Bosnia, dove la guerra non era ancora iniziata, mentre la Croazia (assieme alla Slovenia) venne riconosciuta ufficialmente dalla CEE (15 gennaio) ed entrò a far parte dell’ONU (22 maggio). Nei mesi successivi il conflitto continuò su piccola scala e le forze croate tentarono di riconquistare le città passate sotto il controllo serbo. Nel frattempo la Croazia venne coinvolta pienamente nella guerra in Bosnia-Erzegovina (iniziata nell’aprile del 1992). Alcune fra le persone più vicine a Tuđman provenivano dalla regione dell’Erzegovina e sostenevano finanziariamente e militarmente i croati di Bosnia.

Nel 1993 scoppiò la guerra fra croati di Bosnia e bosgnacchi (cittadini bosniaci di religione musulmana). Ma intanto la Croazia aveva preparato un vero esercito. Nel novembre del 1994, la Croazia aveva stipulato un accordo militare con gli Stati Uniti per la costruzione di una base militare nell’isola di Brazza, dove la società privata Military Professional Resources, Inc, su contratto del Pentagono, aveva addestrato l’esercito croato.  Nei primi giorni di maggio del 1995 venne lanciata dalle forze croate un’offensiva, che dilagò nelle pianure della Slavonia. Nell’agosto dello stesso anno iniziò anche un’offensiva nella regione della Krajina. Obiettivo di queste campagne militari era la riconquista del territorio occupato e controllato dai serbi. Le operazioni militari in Krajina furono approvate dai governi statunitense di Bill Clinton e tedesco di Helmut Kohl, i quali avevano rifornito di armi e strumentazioni l’esercito croato. Più di 200.000 Serbi furono obbligati alla fuga. Ma furono proprio i princìpi espressi dai politici serbi a rendere necessaria la pulizia etnica. Per i serbi, dove viveva un serbo, lì era territorio serbo, quindi per la Croazia era impossibile convivere con i serbi situati nel cuore della regione croata. Le operazioni terminarono con un netto successo militare croato, nonostante la resistenza nell’estate del 1995 di reparti dell’esercito regolare inviati da Belgrado. In parallelo all’offensiva croata ci furono azioni di guerriglia operate da milizie irregolari filo-croate ai danni della popolazione serba. La guerra si concluse pochi mesi dopo nel dicembre 1995. La Krajina, rioccupata militarmente dall’esercito Croato, negoziò una reintegrazione nella repubblica croata.

 

Il carro T-72 di fabbricazione russa, la principale macchina da guerra nelle guerre Jugoslave

Equipaggio

3

Peso (mt)

44.5

Lunghezza dello Chassis (m)

6.91

Altezza (m)

2.19

Larghezza (m)

3.58

Pressione sul terreno (kg/cm 2 )

0.90

Motore

840-hp Diesel

Reggio d’azione (km)

500/ 900 con serbatoi esterni

Velocità massima (km/h)


Su strada

60

Fuori strada

45

Terreno scosceso

35

Profondità di guado (m)

1.2 senza preparazione/5.0 con lo snorkel

Corazzatura, fronte della torretta (mm)

520/950 protezione dal calore

Corazzatura esplosiva (mm)

Kontakt oppure Kontakt-5 ERA

Sistema di protezione NBC

ARMAMENTO


Calibro, Tipo, Nome

Cannone senza rigatura da 125-mm, 2A46M/ D-81TM

Alzo (gradi)

Da -6 a +14

Sparare in movimento

sì, sino a 25 km/h. La maggiora parte degli equipaggi si ferma prima di sparare.

Calibro, Tipo, Nome

7.62-mm, (7.62x 54R), mitragliatrice PKT (in torretta orientata con il cannone)

Calibro, tipo, nome

12.7-mm, (12.7x108), mitragliatrice AA MG NSVT (sopra la torretta)

Lanciatore ATGM

2A46M (sparato dal cannone) . guida laser SACLOS con comando infrarosso

Rangefinder

TPD-K1M laser rangefinder

Missile guidato anticarro

AT-11/SVIR


Guerra in Bosnia-Erzegovina
(1992-1995)

Nel settembre del 1991 l’Armata Popolare Jugoslava distrusse un piccolo villaggio all’interno del territorio bosniaco, Ravno, abitato da croati, nel corso delle operazioni per l’assedio di Dubrovnik (città croata sulla costa adriatica). Il 19 settembre 1991 l’JNA spostò alcune truppe nei pressi di Mostar. Fino al marzo del 1992 non vi furono scontri tra le diverse nazionalità. All’inizio del 1992 si tenne nella Bosnia-Erzegovina il referendum sulla secessione dalla Jugoslavia. Il 64% dei cittadini si espresse a favore. I serbi boicottarono le urne e bloccarono con barricate Sarajevo. Il presidente della repubblica, il musulmano Alija Izetbegović, aveva chiesto l’intervento dell’esercito, affinché garantisse un regolare svolgimento delle votazioni. Il partito che rappresentava i serbi di Bosnia fece sapere che i suoi uomini si sarebbero opposti all’indipendenza. Sùbito dopo il referendum, che sancì la vittoria degli indipendentisti,  l’JNA iniziò a schierare le sue truppe nel territorio della repubblica bosniaca, occupando tutti i maggiori punti strategici (aprile 1992). Tutti i gruppi etnici si organizzarono in formazioni paramilitari. La guerra che ne derivò fu caotica e sanguinosa. Le Nazioni Unite tentarono più volte di far cessare le ostilità, con la stesura di piani di pace che si rivelarono fallimentari. Inoltre le trattative venivano condotte da mediatori spesso deboli e inadatti (come gli inglesi Peter Carington e David Owen) che finirono per far aggravare il conflitto più che pacificarlo. Inizialmente i bosniaci e i croati combatterono alleati contro i serbi, che erano dotati di armi pesanti e controllavano gran parte del territorio rurale, con l’eccezione delle grandi città di Sarajevo e di Mostar. Nel 1993, dopo il fallimento del piano Vance-Owen, che prevedeva la divisione del Paese in tre parti, scoppiò un conflitto armato tra bosniaci musulmani e croati sulla spartizione virtuale della Bosnia. Il bilancio della guerra fu spaventoso: la capitale del Paese, Sarajevo, fu assediata dalle truppe serbo-bosniache per 43 mesi.

Ciascuno dei tre gruppi nazionali si rese protagonista di crimini di guerra e di operazioni di pulizia etnica. Il Centro di Ricerca e Documentazione di Sarajevo ha diffuso le cifre documentate (ma non definitive) sui morti della guerra in Bosnia-Erzegovina: 93.837 accertati (fino al dicembre 2005) di cui 63.687 bosniaci, 24.216 serbi, 5.057 croati. Alla fine il territorio bosniaco venne suddiviso nella federazione croato-musulmana, nella repubblica serba e nel distretto autonomo di Brčko. La guerra si concluse con la firma degli accordi stipulati a Dayton nell’Ohio, alla fine del 1995. La conferenza di pace fu guidata dal mediatore statunitense Richard Holbrooke, assieme all’inviato speciale dell’UE Carl Bildt e al viceministro degli Esteri della federazione russa Igor Ivanov. Terminate le guerre tra i popoli della ex Jugoslavia, iniziò nel 1996 la guerra tra serbi ed albanesi nel Kosovo. In questo caso non era sufficiente fornire armi agli albanesi ma si rese necessario l’intervento diretto della NATO, che lanciò un’offensiva aerea contro la Serbia. Nel 1999 la Serbia dovette arrendersi e lasciare il Kosovo alla forza di pace del Kfor.

Conclusione

In tutta la vicenda della guerra civile Jugoslavia l’Italia inizialmente ha parteggiato per la Serbia, aiutandola poi con il denaro derivante dalla per noi disastrosa operazione Telekom Serbia, dove brillarono personaggi come Lamberto Dini, Massimo D’Alema, Romano Prodi, che fecero pervenire a Milosevic un finanziamento di 900 miliardi di Lire. La brillante operazione finanziaria si concludeva mentre con la partecipazione dell’Italia stava scattando la guerra area della NATO contro la Serbia. Nessuna azione da parte nostra per recuperare i vecchi confini dell’Italia. La Germania, dopo la riunificazione, vendendo armi tradizionali non solo realizzò grandi utili difficilmente quantificabili, ma poté ottenere grandi risparmi rinunciando a programmi per nuovo armamenti che erano stati già decisi e che aveva già sottoscritti prima del 1990. La Germania era diventata molto potente con la riunificazione e quindi poté permettersi di non rispettare gli impegni già presi. Ovviamente per i suoi interessi tagliò drasticamente le collaborazioni con gli altri Paesi europei, e di questo non si è parlato, mentre la Germania ha ampiamente reclamizzato il costo della riunificazione, in venti anni avrebbe speso da 1.200 a 1.700 miliardi di euro. Circa 60 ÷ 85 miliardi di euro all’anno. Questi finanziamenti sono stati destinati al salvataggio ed alla ristrutturazione delle industrie della Germania orientale. Ma come la mettiamo con il divieto tutto liberista di proibire l’aiuto alle industrie, che non possono essere aiutate ma che debbono essere lasciate fallire?

In Italia la Comunità Europea ci proibisce persino di aiutare la pastorizia in Sardegna. E noi accettiamo questo divieto ed invece tassiamo senza pietà gli stessi pastori, che sono stati rovinati dagli inganni delle banche alle quali non si applica alcun divieto, banche che prosperano e regalano come giusto premio per tanta sagacia stipendi e premi di produzione miliardari ai loro dirigenti. Chi ha controllato la veridicità di queste spese? Chi le ha autorizzate a livello europeo? Ma c’è di più. Oltre agli introiti occulti dei guadagni fatti con la vendita delle armi della ex DDR, recentemente la Merkel ha candidamente dichiarato che i capitali dei partiti politici dell’ex DDR, circa 1,73 miliardi di euro, sono stati incamerati e spesi per lo sviluppo industriale dei Länder orientali. Cosa certamente meritevole ma anche in questo caso come la mettiamo con la sacra libera concorrenza?

La Merkel recentemente ha rimproverato Obama perché gli USA non rinunciano ad una parte della loro sovranità a favore di un nascituro governo mondiale, come la Germania avrebbe fatto con il governo dell’Europa. Oh santa ingenuità! Ma la Germania non ha rinunciato proprio a nulla perché anzi si è presa la sovranità di tutti gli altri Stati europei, così come gli USA si sono già presa la sovranità di molti Stati del mondo dopo la menzogna dell’11 settembre e la guerra generale che hanno scatenato contro i terroristi e gli Stati canaglia. Oggi nel Kosovo non è ancora tornata la pace e ai soldati tedeschi della forza Kfor della NATO capita di sparare contro i serbi. È successo il 27 settembre al posto di frontiera di Jarinje, dove i serbi del nord del Kosovo creano blocchi stradali per impedire il movimento dei mezzi corazzati della NATO.

 
Ecco i giovani germanici molto bene armati nella veste di gendarmi a guardia della pace al confine tra Kosovo e Serbia in una foto apparsa assieme alle notizie dei disordini il 27 settembre 2011


Professor Raffaele Giovanelli





1
) Lo Heer (esercito) è la forza armata di terra della Bundeswehr, le odierne forze armate della Repubblica Federale di Germania. Fondato nel 1955, durante la guerra fredda l’esercito della Germania Federale arrivò fino ad un massimo di 345.000 effettivi. Fu suddiviso in un esercito da campagna (Feldheer) assegnato alla NATO, e in un esercito territoriale di 85.000 uomini (6 brigate) sotto comando nazionale. L’esercito da campagna aveva tre corpi d’armata con 12 divisioni e complessivamente 36 brigate. L’esercito territoriale avrebbe protetto le retrovie e la libertà d’azione dell’esercito da campagna e delle forze alleate (altri 5 corpi d’armata). In caso di guerra l’esercito tedesco avrebbe raggiunto la forza di 1.340.000 militari. Dopo la riunificazione della Germania una parte dell’esercito della DDR fu integrato in quello occidentale. Seguirono ristrutturazioni e tagli drastici; molti servizi e reparti ed enti di supporto furono integrati in comandi interforze. Attualmente l’esercito tedesco dispone di circa 100.000 effettivi. Altri 60.000 militari dell’esercito operano in strutture di supporto interforze. Durante la guerra fredda l’esercito tedesco aveva quasi 5.000 carri armati da battaglia, mentre oggi ne sono in servizio meno di 400 (da Wikipedia).
2
) L’agenzia Americana: Defense & Foreign Affairs ha svolto approfondite indagini orientate in senso favorevole ai serbi. (The Defense & Foreign Affairs publications On-Line)

 

L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Nova 2011-12-29 20:28
Sul finire degli anni '80 i contractors jugoslavi (che non potevano costituire tesoretti nei paradisi fiscali come le nostre caste corrotte) si accaparravano tutti gli appalti internazionali per la costruzione di strade, aeroporti e altre infrastrutture perchè erano bravi e terribilmente concorrenziali.
I serbi si sentivano il cemento della Jugoslavia essendo presenti come minoranza in tutte le sei repubbliche come l'elemento russo in URSS. Si poteva ragionevolmente smembrare la Jugoslavia socialista per ritrovarsi in Bosnia e Croazia un'identica situazione di minoranze a macchia di leopardo?
La lingua ufficiale era per tutti (a parte gli sloveni) il serbo-croato, la cultura omogeneamente jugoslava e comunista, eppure le panzane propagandistich e riferivano con tanto di 'foto' gli stupri etnici (60.000 musulmane) commessi dai serbi in appositi campi di concentramento per diffondere il sangue serbo(!)
Il nemico più odiato dal Vaticano è il cristianesimo ortodosso e questo oppose Croazia e Slovenia alla Serbia ortodossa e filorussa. Eppure Papa Luciani il 5 settembre 1978 si intrattenne a quattr'occhi con l'aitante patriarca Nikodim cinquantenne di Leningrado il quale morì subito dopo aver preso un caffè assieme. Avevano scambiato le tazzine?

Il Trattato di Helsinki del 1975 capolavoro di Breznev sulla pace e la cooperazione in Europa sulla base dell'inviolabilità delle frontiere della Seconda Guerra Mondiale era stato firmato anche dal cardinale Casaroli in rappresentanza del minuscolo e insignificante Stato del Vaticano che violò per primo quel Trattato assieme alla "riunificata" Germania.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2011-12-29 20:37
Una delle prime iniziative del ministro Antonio Martino nel 1994 fu di visitare Milosevic, uomo forte dei Balcani a Belgrado. Milosevic, che studiò a Harvard e lavorò alla Beogradska Banka negli USA, è il vero artefice della pace di Dayton del 1995 ma non s'accorse d'aver intrallazzato troppo con chi già l'aspettava al varco in Kosovo. Letto e registrato da me (incredulo allora) nel 1995 sulla base di due righe trapelate dalla penna di un giornalista del Corriere che evidentemente era introdotto al Pentagono.

I ferrovieri italiani del turno di notte hanno ben visto l'arsenale militare di fabbricazione sovietica dell'ex DDR transitare via Brennero e Tarvisio nel 1992 per innescare la guerra totale in Jugoslavia. Povera Italia vassalla, occupata militarmente e ciononostante serva ascara per condurre guerre gregarie contro i propri interessi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# san 2011-12-29 20:41
La Germania rappresenta un pericolo per l'Italia. Ci governa con il governo Monti.
L'attacco attraverso le riforme pensionistiche e l'imposizione ICI sulle case è stata voluta dai tedeschi per colpire soprattutto il Nord Italia.
I tedeschi partecipano a guerre alle quali ufficialmente non hanno aderito, caso Libia ad esempio. Forniscono armi in Africa.
Il nostro Paese è ha rischio unità, perchè la Germania complice la nostra crisi economica, causata dall'euro voluta dalla stessa Germania, ci porterà ad una guerra tribale interna. Probabilmente la Germania ci metterà contro gli stessi extracomunitari presenti in Italia.
Il tutto accade con la complicità dei nostri politici e del Governo dei "tecnici" made Germany.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-30 01:03
Non ho capito bene per quale motivo i tedeschi dovrebbero colpire il Nord-Italia???
La riforma pensionistica ci equipara alle pensioni tedesche, la tassa sulla casa c'è anche in Germania.
Ammesso ma non concesso che siano state cose imposte dai tedeschi, sono le stesse cose che vigono in Germania.

L'unica guerra che la Germania potrebbe portare in Italia, potrebbe essere una guerra di secessione del Nord, tipo quello che è accaduto in Jugoslavia, ma credimi Bossi & Trota & Calderoli non sono uomini dei tedeschi, sono troppo ignoranti e non assolutamente in grado di portare avanti alcuna secessione.

Monti ubbisce alla Merkel come fanno tutti in Europa, e vorrei dire anche qualcuno di molto importante fuori dall'Europa.
La Germania è una superpotenza più forte della Cina.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Andrea V. 2011-12-30 14:43
Citazione Giovanni Silvano:
Non ho capito bene per quale motivo i tedeschi dovrebbero colpire il Nord-Italia???


La penso come te, anzi la pressione della Germania potrebbe obbligare il sud del Paese a comportarsi da territorio europeo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# san 2012-01-13 09:35
I tedeschi per una loro struttura mentale di fronte alla storia sono stati sempre perdenti. Se ti può consolare in Germania non comandano i tedeschi, bensì altri personaggi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2011-12-30 00:07
Mah, non sono molto d'accordo con la tesi dell'articolo. Alcuni punti:
- Chi compra a più non posso in Italia è la Francia non la Germania (vedere che fine ha fatto Edison oggi e che fine farà Alitalia domani) dove, al contrario, le banche tentano di sbarazzarsi anche dei bond italiani. Non li si può accusare di abbandonarci al nostro destino e di tentare di conquistarci nello stesso tempo.
- La riunificazone è stata, in parte, anche finanziata dagli altri europei, questo è vero, perchè la Germania, che aveva urgente bisogno di capitali ha dovuto mantenere alto il tasso di sconto. Il confronto con i miliardi spesi per il Sud Italia negli ultimi 60 anni, però, va a tutto vantaggio della Germania che ora si ritrova una parte del Paese con infrastruttura modernissima e con territori, come la Sassonia, ritornati il centro manufatturiero del Paese.
- È vero che la Germania ha preso subito posizione in favore della Slovenia e della Croazia, questa politica non è stata poi molto differente dall'appoggio dato a tutti i Paesi dell'Est Europa, gli Stati baltici per primi, che intendevano essere indipendenti da Mosca. Capisco che esista una differenza con la ex Jugoslavia, ma era davvero quest'ultima uno stato omogeneo, smembrato dalla guerra degli anni '90, oppure, come io credo, un coacervo di nazioni diverse tenute insieme solo dalla dittatura comunista?
- Kohl è stato il cancelliere più europeo della storia tedesca, accettando, contro l'opinione pubblica tedesca, la fine del Marco a favore di una moneta europea.
La lezione da imparare dalla tragica guerra jugoslava (forse un centinaio di migliaia di morti) è che la società multietnica e multiculturale non funziona e che, prima o poi, da multiculturale diventa nultinazionale, con le note conseguenze. I massacri nella ex Jugoslavia sono finiti quando c'è stata la pulizia etnica, alla faccia dei multiculturalis ti nostrani. Dove ciò non è stato possibile ci sono ancora soldati europei a cercare di garantire l'ordine.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio D. 2011-12-30 18:44
Piccola precisazione Pietro, É ben difficle che Alitalia se la compri Aitr France per due motivi:
1) Colaninno e Sabelli sono andati da Napolitano e gli hanno giá detto che la nuova Alitalia sta peggio della precedente.

2) Air France stessa é messa male, mare di debiti. Forse KLM sta un poco meglio.

Ciliegina sulla torta: tutti gli aerei Alitalia sono ora con matricola irlandese, perché? Perché sono stati venduti a una societá irlandese che attraverso giochi di scatole cinesi fa capo a Tató (quello di AirOne) e da questa ridati ad Alitalia in leasing.

Alitalia viene spolpta fino all'osso, fallirá, e gli aerei rimarranno a Tató.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# kaiuss 2011-12-30 09:51
Chapeau alla Germania. Ha dimostrato - finalmente - di essere saggia e prudente. Forte e intelligente lo era già. Siccome qualcuno dovrà pur esercitare "il servizio" dell'autorità
meglio che lo faccia qualcuno che sia capace piuttosto che i nostri squallidi figuri. Tanto abbiamo già visto e rivisto che i nostri minchioni italioti non sono capaci di fare il ben che minimo interesse nazionale. Meglio essere periferia del 4° Raich che schiavi della casta maledetta e parassita.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-30 13:05
Citazione kaiuss:
Chapeau alla Germania. Ha dimostrato - finalmente - di essere saggia e prudente. Forte e intelligente lo era già. Siccome qualcuno dovrà pur esercitare "il servizio" dell'autorità
meglio che lo faccia qualcuno che sia capace piuttosto che i nostri squallidi figuri. Tanto abbiamo già visto e rivisto che i nostri minchioni italioti non sono capaci di fare il ben che minimo interesse nazionale. Meglio essere periferia del 4° Raich che schiavi della casta maledetta e parassita

Non c'è dubbio meglio essere periferia dei tedeschi che periferia dei Borboni.
Purtroppo questo Paese è nato 150 anni fa da un lascito AUSTRIACO al nord ed uno BORBONICO al sud.
E' nato un Paese misto, con alcune punte di eccellenza e con diverse punte deprecabili.
Io ho un grande rispetto dei calabresi, ma quando si deve constatare che la spina dorsale della scuola, della magistratura, delle forze di Polizia, della classe dirigente statale, è costituita in gran parte e solo da calabresi, siciliani e campani e quei pochi che vengono dal nord hanno le facce di Berlusconi, Bossi e Calderoli, cosa si può pretendere?
Il risultato è un Paese che fa pietà.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maxkolbe 2011-12-30 10:51
Professor Giovannelli, redazione, lettori: potreste cortesemente riportare fonti o documentazioni per ciò che riguarda il finanziamento della Lega Nord da parte tedesca?
Grazie e auguri
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-30 12:54
Non credo proprio che la Germania abbia finanziato la Lega Nord: un movimento chiaramente antieuropeo e nichilista.
I tedeschi sono gente dalla testa sopraffina, quando devono portare avanti qualcosa fuori dalle frontiere si affidano a gente intelligente e raffinata: come Franio Tidjeman in Croazia.
I vertici della Lega italiana sono composti da marrani ignoranti che non potrebbero mai riscuotere la fiducia dei tedeschi.
Bossi & C. sono gente da osteria, troppo ignoranti per portare avanti un movimento di secessione.
Intendiamoci, sarebbe un bene per noi se il nord Italia potesse staccarsi, diverremmo bavaresi, ma con la guida di questa gente da barzelletta non se ne parla neanche.
Chi volete che ci guidi? Un Trota che non ha nemmeno la capacità di raggiungere la maturità?!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# markus.mann 2012-01-15 19:25
Forse si riferisce ad un certo Gianfranco Miglio, germanofilo dichiarato ed eminenza intellettuale, non solo della Lega.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# winston1984 2011-12-30 15:01
Più o meno in proporzione,.
nella mescola del torrone.
come Gladstone dimenando.
sul Re Borbone Ferdinando..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raffaele.giovanelli 2011-12-30 17:54
A Giovanni Silvano mi preme dire: è notizia di oggi che fu una telefonata della Merkel a Napolitano ad indurlo a mettere in campo Monti, già allertato almeno da un anno, come si evince anche dalle lettere perentorie che Monti pubblicava sul Corriere, La Germania non vuole affatto colpire il Nord Italia, vuole semplicemente poterlo utilizzare come colonia, esattamente come fa con la Ceca, con l’Austria, con l’Ungheria, con la Slovenia, con la Croazia, con i Paesi baltici.
Con la Svezia ha sempre avuto un buon rapporto. Le basta la lista? Non è affatto necessario arrivare ad una guerra di secessione in Italia. E’ sufficiente una divisione consensuale imposta peraltro con strumenti finanziari.
Per quanto riguarda la Lega debbo dire che solo Bossi continua a mostrare un eccesso di fanatismo basato sull’ignoranza. Tutti gli altri (a parte Borghezio) sono molto più preparati dei loro pari grado degli altri partiti. Se poi Silvano nutre desideri di sottomissione verso i tedeschi la cosa non mi stupisce. Presso noi italiani questa tendenza è in atto sin dagli inizi del ‘500. I risultati non sempre sono stati brillanti, forse peggiori di quelli ottenuti con napoletani, calabresi e siciliani, ma basta accontentarsi. Questo vale a maggior ragione anche per Kaiuss.
A Maxkolbe, che chiede prove dei finanziamenti tedeschi alla Lega, debbo dire si tratta di sospetti avvalorati dal fatto che la Lega ebbe sin dall’inizio una certa disponibilità di denaro che non le veniva certo dai taccagni brianzoli.
All’epoca di manipulite Bossi e C. furono coinvolti per aver preso quattro soldi da Gardini, perché i loro finanziamenti erano ben miseri.

Giovanelli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-31 02:27
Citazione raffaele.giovanelli:
A Giovanni Silvano mi preme dire: è notizia di oggi che fu una telefonata della Merkel a Napolitano ad indurlo a mettere in campo Monti, già allertato almeno da un anno, come si evince anche dalle lettere perentorie che Monti pubblicava sul Corriere, La Germania non vuole affatto colpire il Nord Italia, vuole semplicemente poterlo utilizzare come colonia, esattamente come fa con la Ceca, con l’Austria, con l’Ungheria, con la Slovenia, con la Croazia, con i Paesi baltici.
Con la Svezia ha sempre avuto un buon rapporto. Le basta la lista? Non è affatto necessario arrivare ad una guerra di secessione in Italia. E’ sufficiente una divisione consensuale imposta peraltro con strumenti finanziari.
Per quanto riguarda la Lega debbo dire che solo Bossi continua a mostrare un eccesso di fanatismo basato sull’ignoranza. Tutti gli altri (a parte Borghezio) sono molto più preparati dei loro pari grado degli altri partiti. Se poi Silvano nutre desideri di sottomissione verso i tedeschi la cosa non mi stupisce. Presso noi italiani questa tendenza è in atto sin dagli inizi del ‘500. I risultati non sempre sono stati brillanti, forse peggiori di quelli ottenuti con napoletani, calabresi e siciliani, ma basta accontentarsi. Questo vale a maggior ragione anche per Kaiuss.
A Maxkolbe, che chiede prove dei finanziamenti tedeschi alla Lega, debbo dire si tratta di sospetti avvalorati dal fatto che la Lega ebbe sin dall’inizio una certa disponibilità di denaro che non le veniva certo dai taccagni brianzoli.
All’epoca di manipulite Bossi e C. furono coinvolti per aver preso quattro soldi da Gardini, perché i loro finanziamenti erano ben miseri. Giovanelli

Egregio professor Raffaele Giovanelli, lungi da me il desiderio di essere sottomesso da qualcuno, non esiste al mondo spirito più libero del mio.
Tuttavia la storia ci insegna che ogni continente ha sempre avuto una potenza egemone: nelle Americhe gli USA, in Asia una volta il Giappone adesso la Cina, in Europa a turno la Spagna, la Francia, l'Inghilterra, adesso indubbiamente è il momento della Germania.
Lei vuole negare questo? Inutile negarlo il mondo è cosi e non lo cambieremo ne Lei ne io.
Nell'Italia pre-unitaria c'erano due blocchi e due culture (Piemonte filoanglo-francese a parte) il mondo austriaco/pangermanico del Lombardo Veneto ed il mondo borbonico/papalino del centro/sud.
Fare confronti con questi due mondi è inutile, il Lombardo/Veneto era incommensurabil mente meglio amministrato ed avanzato rispetto al sud.
L'analfabetismo era quasi sconosciuto già nella 1a metà del XIX secolo in Lombardia, nello stesso periodo in Calabria analfabeta era il 98% della popolazione.
E non penso sia stata estranea quel po' di impronta austro/germanica al fatto che ancora oggi la Lombardia sia l'area più ricca ed avanzata d'Italia, una regione (come il resto del nord/Italia) che troverebbe la sua collocazione naturale più accanto alla Baviera che accanto al mondo calabro/campano/siciliano.
Berlusconi? Cosa vuole che Le dica, è un caso penoso, è una persona che in 10 anni ha devastato economicamente e moralmente l'Italia, ha curato bene i suoi interessi senza dubbio, ma non certo quelli dell'Italia.
E siccome all'estero la gente non è infatuata dalle televisioni-Mediaset, questa brutta verità la conoscono meglio di noi, ed in effetti sul palcoscenico internazionale il Cavaliere, Putin a parte, era considerato per quello che è: una persona inaffidabile, inadeguata ed anche peggio: vista la corruzione che dilaga in questo Paese ora più di 20 anni fa.
Telefonate per cacciarlo via, al presidente Napolitano non sono arrivate solo dalla Germania ma anche dagli USA.
Quando poi è saltata fuori la storia che in privato avrebbe insultato la Merkel non ci sono state più storie, i suoi giorni erano contati.
Persino un presidente degli USA sarebbe costretto alle dimissioni se facesse una cosa del genere, figuriamoci un Berlusconi.
Io sono lombardo, la Lega l'ho anche votata nel 1992 o giù di li, ma non credo che sia una creatura dei tedeschi, nel modo più assoluto, in Germania, Bossi è considerato alla stregua di Berlusconi: una persona inaffidabile, rozza ed imprevedibile, non certo una persona da finanziare e tantomeno il suo movimento: considerato antieuropeo, nichilista, protezionista ed isolazionista.
I tedeschi come gli americani vogliono mercati aperti.
Giustissimo quello che Lei ha scritto a proposito dell'appoggio degli USA alla riunificazione tedesca, quando crollò il muro, al contrario di una Tatcher e di un Mitterand letteralmente terrorizzati (la Tachter addirittura era fuori di testa, volò a Washington a chiedere agli americani che impedissero la riunificazione, Bush padre ed Henry Kissinger le risero in faccia) gli americani per bocca di Bush Senior, proposero subito ad un Helmut Kohl sbalordito: "A noi americani la leadership mondiale, ma in Europa ora comandate voi tedeschi".
Ed è quello che sta avvenendo, anche se la Germania è diventata adesso una superpotenza, mentre gli USA lo sono diventati un po' di meno.
Con stima, La ringrazio.
Giovanni Silvano.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2011-12-31 13:58
Giovanni, ricordo a te e ai lettori che se un giorno alla Merkel non andasse bene un "Ministerpreside nt" di uno dei laender tedeschi e telefonasse per tentare di costringerlo alle dimissioni, gli farebbero una bella risata in faccia. Non parliamo poi cosa succederebbe se il Ministerpreside nt fosse quello del Freistaat Bayern (denominazione ufficiale).
La Merkel infatti non ci proverebbe nemmeno.
Quello che è successo con la telefonata a Napolitano è un fatto gravissimo, non per la telefonata della Merkel, ma per la risposta di Napolitano e degli altri politici italiani. Uno vorrebbe sapere se siamo uno Stato con un minimo di sovranità oppoure uno Stato di camerieri. Abbiamo un terzo o un quarto del Paese controllato dalla criminalità organizzata, la corruzione negli apparati dello Stato che è diventata endemica, un governo nato da un golpe che non sa fare altro che aumentare tasse e balzelli e ora anche un presidente della repubblica che prende ordini. Forse dovremmo approfittare del riscaldamente globale (sempre che sia vero) e cominciare a coltivare banane.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-31 18:29
E' giusto quello che dici Pietro, ma questo Paese è a sovranita limitata almeno dal 1945!
Adesso i padroni sono i tedeschi, ma abbiamo avuto padroni ben peggiori per il passato:
Ti ricordo: Assassinio di Enrico Mattei, assassinio di Aldo Moro, stragi di Stato, aerei di linea abbattutti sui nostri cieli, tutte queste porcherie successe nei decenni scorsi, non sono mai state chiarite perche dietro ci sono delle verità incoffessabili, responsabilità che potrebbero arrivare sino al presidente della più grande potenza del mondo, e tu sai bene a chi mi riferisco.
I nostri vecchi padroni quelli sopravvenuti nel 1945 non hanno mai calpestato la nostra sovranita? Addirittura ricorrendo agli assassinii pianificati ed alle stragi, delitti mascherati da Rossi o Neri o rossoneri?
In confronto i metodi della Merkel sono da educanda, anche perche in fondo non c'erano tante scelte nemmeno per Napolitano, o prendere questa medicina, o Default all'Argentina.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2012-01-02 21:54
In virtù di questo intervento mi può spiegare cosa poteva fare Berlusconi assediato, peraltro, dalla magistratura comunista-NATO, oltre che dalla limitatissima sovranità?
La corruzione, come la prostituzione, non l'ha certamente creata il Berlusca in Italia. In realtà Berlusconi, consapevole dei suoi limiti, ha tentato di fare una politica di accordi economici di strategica importanza per l'Italia con Putin e Gheddafi a rischio di lasciarci la pelle.
In ogni caso visto che il Berlusca è stato una schifezza come premier mi piacerebbe leggere un identikit del leader ideale per l'Italia alla luce delle summenzionate carattteristich e del nostro misero Paese
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# winston1984 2011-12-31 11:13
Chissà perché, e sempre più spesso,
sparisce citazione cui si riferisce il nesso,
ribadita, sotto, quella pertinente adesso:.

“La causa principale del risorgere dei nazionalismi fu la pretesa della Serbia di esercitare il suo dominio sugli altri gruppi etnici ai quali non voleva riconoscere l’autonomia di cui godevano”

quì al torrone messo in etichetta
classica confeZione ‘nfretta-nfretta’.
proprio come detta e USA la ricetta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2011-12-30 20:42
Interessante il caso che è esploso oggi circa la telefonata della Merkel a Napolitano e il "licenziamento" di Berlusconi. Non conoscendo le parole dette uno può soltanto fare considerazioni generiche:
- Se l'argomento della discussione fosse stato veramente "le misure necessarie per la difesa dell'euro" (parole del Quirinale) l'interlocutore non doveva essere il presidente del Consiglio o, in via subordinata, il ministro dell'economia? Che cosa c'entra Napolitano?
- Sempre il Quirinale smentisce: "Non furono affrontati temi di politica interna italiana" e "né tanto meno avanzò alcuna richiesta di 'cambiare il premier'". Ci mancherebbe altro.
- Quello che Napolitano avrebbe dovuto fare era rinviare la cancelliera ad un colloquio diretto con il presidente del Consiglio, quello che ha fatto è stato, dopo essersi messo sull'attenti, iniziare le consultazioni con i partiti. E sembra anche che questi ultimi abbiano ricevuto pressioni anche loro. Per non parlare dell'improvviso crollo del valore di Mediaset in Borsa.
- Il bello è che questo presidente si è fatto garante dei festeggiamenti per il 150mo dell'unità d'Italia.
In un Paese normale un presidente del genere sarebbe stato sottoposto ad impeachment nel giro di qualche giorno. In una repubblica di banane come questa invece gestisce il governo (per conto terzi) delle tasse e delle terzomondizzazi one del Paese.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-31 13:28
Non scandalizzarti Pietro G, è stato solo licenziato, il capo della repubblica delle banane, non è che Napolitano abbia commesso 'sto grande delitto.
Solo in una repubblica delle banane uno può vincere le elezioni e governare, grazie alle televisioni di sua proprietà che gli tirano la volata.
INSIEME AI GIORNALI DI SUA PROPRIETA' OVVIAMENTE.
Anche Papadopulos, un altro capo della repubblica delle banane è stato sostituito, come sai.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-31 13:46
Quello che ha rivelato il WSJ, non è niente di nuovo, tutti sapevano da che parte era arrivato il pacco per il Cavaliere, anche gli USA lo volevano fuori, Il noto Luttwak, la settimana prima aveva dichiarato che gli americani non nutrivano alcuna fiducia nel governo italiano.
Berlusconi, scaricato dall'America, scaricato dal Vaticano, scaricato dall'Europa, DOVE VOLEVA ANDARE???
Fosse stato il capo di un Paese del terzo mondo lo avrebbero fatto fuori come hanno fatto con Ghedaffi, essendo il capo dell'Italia, inserita nella NATO e nell'Unione Europea: BASTA UNA TELEFONATINA!
La Merkel essendo stata personalmente insultata
dall'individuo, ha preso solo l'iniziativa di alzare la cornetta ed esporsi un po' più degli altri per mandarlo via.
E secondo me Berlusconi sbaglia a mettere di nuovo i piedi nel piatto come sta facendo in questi giorni, quando scendono in campo le grandi potenze è meglio stare un po' più defilati, quelli non scherzano, sono sempre a tempo a mandargli in rovina le aziende.
Buon anno a tutti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CESCO 2011-12-30 23:33
Per adesso stiamo perdendo la partita con la Germania, ma è sempre successo che alla fine perdono loro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-31 18:08
CESCO???
Fai il serio, questa non è una partita di calcio.
Calcisticamente parlando siamo la prima potenza europea, 4 mondiali, caterve di coppe.
Solo che i mercati non tengono conto di queste barzellette.
I due Paesi vincitori della globalizzazione sono Germania e Cina.
Noi non contiamo niente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2011-12-31 11:32
Al di là di tutta la parte storica che portò a dividere le Germanie per poi riunificarle, per motivi economici e pratici, con le conseguenze oramai note a tutti, la mentalità tedesca, la cultura di fondo, non solo c'è tutta, ma ha influenzato, quale minoranza, tutte le epoche antecedenti e successive, mostrando una pervicacia quasi anticonformista ; i "visionari" tedeschi hanno contribuito a dar forma persino al mondo ancora a venire. Si saranno furbamente adattati flessibilmente, latinizzandosi, però rimangono liberi pensatori, non partecipano al mediocre comune modo di pensare la vita. Furono e sono uomini e donne, che hanno rotto un po' la tradizione e, così facendo, prepararono le vie al cambiamento, al progresso ed alla vera libertà, perchè tutto sommato credono in cause giuste, del tipo che non si piega alla mediocrità. E una latinizzazione sui generis,un po' mischiata saggiamente, perchè sono riusciti a levarsi contro difficoltà insormontabili, per dar voce alle loro passioni, si,ma smuovendo le coscienze sul serio. Il pregio è che nella storia sono sempre stati in minoranza, quando tutti volevano altro, però la hanno avuta vinta, con zero alleati quasi,che, a questo punto, fanno per i dieci alleati che si facevano controloro gli altri Stati, perdendo il tempo .Hanno usato il dìvide et impera, la coerenza con certi Stati da colonizzare, la simpatia verso la Svezia, con cui leggo ha un buon rapporto, la flessibilità con l'Italia, e le nuove angolazioni di vedute con quegli Stati che dovevano rivedere le loro posizioni, per fare in maniera tale che prendessero loro stessi nuove decisioni, aggiungendo le nuove scoperte in campo militare ed industriale. Così hanno potuto fare in maniera tale che gli Stati, alla luce di nuovi elementi, affrontassero i loro problemi in maniera meno ottusa. Purtroppo le leghe, pur avendo qualità nei loro argomenti, non possiedono la competenza e la credibilità come fonte, che resta titubante perchè non si aggiornano, non hanno la vivacità anticonformista di rinnovarsi, forse non ne vedono lo scopo, non sono motivati. Sembrerebbe quasi che la Germania abbia voluto questa casta che ci governa, se poi vi è stata quella telefonata, seguita dal suggeriemnto di nominare Monti, e destituire Berlusconi, suona quasi come sottile vendetta della Merkel cui l'ex premie la definì "sederona". Nel 2012, le caste chiuse finiscono con il rivolgersi contro se stesse, ma prima faranno gli interessi tedeschi sui buoni ed altri strumenti finanziari, che dovremo pagare noi. Sarebbe questa la competitività?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2011-12-31 15:31
"è notizia di oggi che fu una telefonata della Merkel a Napolitano ad indurlo a mettere in campo Monti,..." :allora siamo un popolo che gli altri pregiudicano dal di fuori, con la complicità di perversi esseri che abitano dentro, anche dentro il parlamento. Quindi i tedeschi ci considerano ancora vagabondi, stupidi, codardi, e gli stupidi meritano avere una nazione di stupidi, sono sempre abusati fino all' estinzione. Sarebbe dunque l'ora se desta di essere lucidi, valorosi, lavoratori.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2011-12-31 18:02
Non solo i tedeschi caro milvus, anche gli americani ci giudicano esattamente come i tedeschi, ed anche i francesi non tanto meglio, gli inglesi altrettanto, ma se ci giudicano così (siamo onesti) la colpa è nostra e solo nostra, sono i nostri comportamenti come popolo assieme a quelli della classe dirigente che esprimiamo.
Noi siamo un popolo solo quando gioca la nazionale di calcio, siamo un po' come gli argentini: difatti gran parte di loro sono figli e nipoti di italiani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paolobencovich 2011-12-31 18:58
Complimenti al professor Raffaele Giovannelli per questo bellissimo articolo e successivo commento. Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-01-01 19:16
Caro professor Giovannelli volevo chiederLe un parere sulla distruzione della Serbia in aggiunta a questo ottimo articolo ma esito. Purtroppo sono in castigo perché non sopporto la culona luterana ex DDR Merkel, il nano sionista Sarkozy e le sue mogli ebree, il discendente di nobili banchieri ed amanti reali Cameron, il colored con madre ebrea Barack, nonché l'ex fascista ed ex comunista Napolitano mentore del lugubre Trilateral e Bilderberg Monti. Sono in castigo e lo merito, perché al limite invece di questa eletta compagnia preferisco ancora alcuni disprezzati e miseri italioti.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# dreasorr 2012-01-02 09:12
Lei ha centrato il punto, caro Giuliano: si tratta del "professionismo del potere"(economico/mediatico/strategico), contrapposto al "dilettantismo della vita normale".

È assodato, e ne siamo entusiasti, che l'Italia (o le sue parti "bavaresi") non potrà mai giocare un ruolo da grande potenza. Questo fu l'errore di Mussolini, che aveva tutte le ragioni nel parlare di "perfida Albione" e di "Mare Nostrum", ma finiva col voler contare tramite il numero delle baionette.
Non siamo "serii" per la micidiale esterofilia risalente a Cavour, certamente, ma soprattutto per l'impronta cattolica, che ci impedisce di spenderci COMPLETAMENTE per un dominio in questo mondo, come se fosse l'ultimo e l'unico. Infatti gli stessi bavaresi (quelli veri: vedi il Santo Padre) sono considerati dei "giullari" nel "serio" ambiente hegeliano/luterano tedesco, dove o si è "perfetti" oppure si è invitati a sparire.

Al momento decisivo, il "giullare" di Arcore, piccolo massone, è stato fatto fuori dalla grande Massoneria internazionale, tramite i suoi "serii" camerieri che lei elenca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lucio 2012-01-07 14:48
Per il signor Giovanni Silvano
Le definizioni grossolane, sono peggiori delle bugie! Non vi erano due blocchi e due culture pre unitarie, ma più blocchi e più culture! Il primo blocco, quello più grande ed omogeneo culturalmente era il Regno delle Due Sicilie, il secondo quello papalino, serenissima (Veneto), piemontese (Regno di Sardegna) vari ducati lombardi ed il Trentino Alto Adige. È falso e farneticante, affermare che il regno dei Borboni fosse stato arretrato culturalmente e disastrato e disastroso finanziariament e. A qualcuno sfugge, che uno dei provvedimenti post unitari fu l'imposizione della chiusura obbligatoria delle scuole per 15 anni. È un vaneggiamento bello e buono parlare di cultura austro pan germanica per Lombardia e Veneto, come un’unica entità, infatti il Veneto, non fu mai e poi mai influenzato da culture tedesche. Il buon costume e l’efficienza della Serenissima furono il retaggio culturale lasciato in eredità dalla classicità romana. Le Venezie dopo la caduta del l’Impero d’Occidente non tagliarono mai il cordone ombelicale con l’Impero Romano d’Oriente!! L’unico territorio che fu influenzato
dall'austro pangermanesimo fu il Trentino Alto Adige. Anche in questo caso va sottolineato un aspetto non certo marginale. L’Austria Ungheria era stata la continuazione del Sacro Romano Impero, dunque, anche in questo caso la supposta mentalità pan germanica austro ungarica ne esce ridimensionata. Altro aspetto riguarda l’impero guglielmino di Germania!
Signor Giovanni Silvano, la mia breve quanto estremamente sintetica precisazione la ritengo doverosa, per onor di verità storica.

Emilio G.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paolobencovich 2012-01-07 18:38
Complimenti anche al commentatore Lucio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lucio 2012-01-07 22:47
Grazie. Dovere. Emilio G.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Boromir 2012-01-14 17:03
Mi par di sentire profumo di retorica risorgimental-massonica antitedesca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paolobencovich 2012-01-18 21:11
Ma guarda un po' chi si rivede: Boromir.
Con la sua solita propaganda antinazionale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# bizza 2012-03-10 22:48
Caro Giovannelli, con i miei rispetti ma non ti chiamo professore, bastano Romano Prodi e monti.
E' un bel articolo, abbastanza veritiero, che non quadra che ancora si distingua la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, in realtà si è trattata di una sola guerra in due fasi ed è finita appunto il giorno della caduta del famigerato muro nella città santa di Berlino.
Cento anni fa decidevano l'assalto alla diligenza! E' chiaro a chi mi riferisco, leggetevi il congresso di Ginevra dove fu fondato il noto movimento. Da lì partirono i piani e le teorie per la fine della Germania, o meglio di tutta l'Europa e oggi la guerra "finanziaria" con altri scopi ed equilibri è la stessa.
Non parliamo di Ygoslavia, o giochi tedeschi per dividere, (vedi Cecoslovacchia, ecc ) la storia non si inganna, quello che non esiste, non esiste.
Se l'Austria amministrò la Slovenia per mille anni, ne aveva i meriti e le capacità! non come la schifezza tricolore.
e lasciamo stare Helmut Koln, un Santo!
Avvicinare il suo nome alle bassezze tricolori è bestemmiare!
Koln merita un monumento in ogni piazza di ogni città europea, Mosca compresa e peccato che gli anni passano per personaggi così, non di meno per l'altro Helmut, sebbene socialdemocrati co, ma grande, grande, grande. Imparate la Storia!
L'Italia di Benito, non esiste più ed è stata l'unica Italia, il resto vedi Lusi.
I tedeschi hanno un compito, ed è quello di restare tedeschi, (sepriamo) e con loro l'Europa. Sono gli unici ad avere qualche chances. Di Europa non rimane nulla e quello che è triste che nemmeno la Russia si salva.
Altro che giochi!
Viva la Germania, Viva l'Europa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità