>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Pilato ed il re di Edessa
Stampa
  Text size
Proseguiamo la nostra carrellata investigativa sulla storicità dell’evento storico Gesù/cristianesimo. Una nuova importante pietra miliare possiamo rinvenirla in alcune testimonianze di indubbio valore e trasversalmente riscontrabili fuori dal mondo cristiano.

Sant' Abgar V Ukama
  Sant' Abgar V Ukama
«Esiste ad Edessa (attuale Sanliurfa Turchia) una particolare immagine su stoffa del volto di Gesù. Nella sua ‘Storia Ecclesiastica, Eusebio narra che Abgar V Ukama (il Nero), re di Edessa allepoca di Cristo, era malato. Saputo dellesistenza di Gesù di Nazareth che operava miracoli, mandò a lui un suo inviato per chiedergli di recarsi alla corte di Edessa. Gesù non andò, ma inviò una lettera. Una tradizione parallela è raccolta nella Dottrina di Addaï(forse una deformazione del nome dellapostolo Giuda Taddeo), che risalirebbe alla fine del IV secolo, oppure, secondo altri autori, allepoca dellassedio di Edessa del 544. È una composizione siriaca che include varie leggende; secondo questa versione, Abgar inviò il suo archivista e pittore Hannan che tornò a Edessa con unimmagine di Cristo dipinta da lui e con una lettera in cui veniva promessa da Gesù lincolumità della città» (LA STORIA DELLA SINDONE).

Si discute molto sull’attendibilità storica di tali documenti. Sembra tuttavia da rivalutare almeno il nucleo storico della corrispondenza tra Abgar e Tiberio. Essa è conservata nella siriaca Doctrina Addai ed è certamente databile intorno al 35/37 dopo Cristo.

Abgar chiede in sostanza a Tiberio di punire i giudei, a suo avviso responsabili della morte di Gesù, e di destituire il pretore Pilato, che ad essi aveva ceduto. Tiberio, che secondo Tertulliano (Apol. 5,2) era stato informato di quanto accaduto da parte del medesimo Pilato e, come noto, avendo cercato inutilmente di far riconoscere il Cristianesimo, mediante un senatoconsulto del 34/35 dopo Cristo, dà atto di aver già fatto destituire Pilato, per opera del suo legato Vitellio, promettendo al contempo di punire i responsabili.

Fece infatti deporre anche Caifa, sommo sacerdote in carica. Entrambi i provvedimenti, contro Caifa e contro Pilato, sono attestati da Flavio Giuseppe (AI XVIII 89-90; 122), dando pertanto forte credibilità all’intera faccenda.

Lo stesso senatoconsulto immediatamente susseguente la morte (e risurrezione) di Gesù è provato dal fatto che non avrebbero altrimenti avuto luogo le persecuzioni nei confronti dei cristiani. Occorreva un titolo per reprimere la nuova Fede. Di essa Tiberio chiedeva la legittima introduzione del culto: ma, la risposta del Senato fu un: non licet; illeicità, che costituì il fondamento giuridico delle seguenti repressioni anticristiane, impedite, finché visse Tiberio, dal suo veto imperiale.

Persecuzioni attestate ed abbondantemente documentate. Una su tutti: quella di Nerone, di cui Tacito narra anche l’episodio dell’incendio. Lo storico romano infatti non può certo dirsi di parte; nella sua testimonianza – (attendibilissimo resoconto, proprio per le fonti di prima mano, che egli poteva consultare: gli atti del Senato stesso), trasuda odio e disprezzo nei confronti dei seguaci di Gesù, che ispirano, dal suo punto di vista, al massimo, un pò di pietà – non può rinvenirsi alcuna faziosità a favore dei cristiani. Nulla di nulla.

Si tratta di una narrazione obiettiva. Pilato fu un governatore tribolato e combattuto; l’avvenimento di Cristo, deve aver segnato profondamente la sua vita. Forse la punizione che gli fu assegnata fu utilizzata da Dio per espiare la sua colpa di codardia ed ignavia, che diedero carta bianca all’odio giudaico di colpire Gesù, tramite il braccio del paganesimo romano.

Questo succede paradossalmente anche ai nostri giorni: il giudeo (chiaramente non tutto il popolo, ma l’estrazione elitaria di esso) che comanda, ammalia il pagano o lo minaccia, affinché sferri i suoi attacchi contro la Chiesa.

Vorrei chiudere con un ricordo: la moglie del Governatore romano, quella di cui si narra l’episodio del sogno, si dice sia Santa Procula, Claudia Procula. Le fonti non sono perfettamente concordi. Elementi comuni coincidenti tuttavia sono i seguenti: donna romana, di nobile stirpe, convertita al cristianesimo, probabilmente amica di San Paolo (citata dall’Apostolo nella seconda lettera a Timoteo). Alcuni la vogliono anche madre di San Lino, Papa.

Non sappiamo di preciso. Sappiamo, però, che la nobiltà romana conobbe bene la diffusione del cristianesimo; ad essa aderì, a volte con entusiasmo, a volte, dando la vita. Ma di questa storia, scriveremo ancora, a Dio piacendo.

Stefano Maria Chiari


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Nick 2012-01-26 17:30
Giazie, è un conforto poter leggere queste righe. Sappia che le giro anche a sacerdoti!
Di cuore.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-01-26 18:14
Interessanti queste delucidazioni su Tiberio e sulla fine che fece fare a Pilato e a Caifa.
Sul Tiberio ritiratosi a Capri sia Tacito che Svetonio hanno gettato tutto il fango possibile, accusandolo di ogni tipo di vizi, tra l'altro di dare in pasto alle murene i corpi dei suoi nemici (favola raccontata ancora oggi ai turisti in visita a Villa Jovis) mentre in verità si era circondato da uomini di studio, giuristi e letterati.
L'odio per i cristiani e per i loro protettori si è dipanato come un filo rosso, spesso di sangue, fino dall'inizio ai giorni nostri e non finirà fintanto esisteremo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-01-26 19:41
Caro Stefano, complimenti per il lavoro di divulgazione di avvenimenti e scritti senz'altro ignoti ai più. Intersecandoli in questo modo si ottiene un quadro che diventa ineccepibile anche storicamente.
Cordiali saluti.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-01-27 19:44
Grazie! Ogni particolare che riguarda il nostro Signore è bellissimo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# onofrioalvise 2012-01-30 15:44
Non corrisponde a verità l'affermazione che Tiberio, pedofilo, abbia cercato di far riconoscere il cristianesimo. La prima attestazione di "accoglienza"imperiale la si deve a Traiano quando risponde ad una lettera di Plinio il Giovane, governatore della Bitinia, che lo informa della presenza dei cristiani e del loro modo di pregare. L'Imperatore risponde di lasciarli perdere se non recano disturbo. Siamo circa nel 100 dopo Cristo.
Grazie
-------------------------------------------------------------Blondet, su Tiberio, in numerosi articoli, ha prodotto molta documentazione in linea con quello che ha scritto Chiari.
FdF
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco 2012-02-05 23:48
Vedi "I Cristiani e l'Impero romano", di Marta Sordi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# onofrioalvise 2012-02-01 13:03
Potrei sapere quali riferimenti bibliografici ha utilizzato Blondet oppure in quali articoli li ha citati, a proposito del tentativo di far riconoscere il cristianesimo.
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# MS2550 2012-03-13 13:06
Egregio dottor Stefano, quest'estate a Coredo, in Val di Non (TN), ho assistito a 2 conferenze tenute dal professor Giancarlo Cavalleri sull'immagine della Sacra Sindone nelle quali cita anch'esso il famoso Mandylion (fazzoletto ciòè la Sacra Sindone piegata in quattro e riportante, nella parte piegata ed esposta alle folle, l'immagine del volto di Gesù) pervenuta a Costantinopoli da Edessa dove era giunta al Re di quella città dopo la morte di Cristo portata da un discepolo poichè, sembra, che Gesù gli avesse promesso di venire e guarirlo dalla lebbra come in seguito successe.
Questo suo articolo rinverdisce ed espande questo assunto storico.
Grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità