>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Milizie libiche in scontri sanguinosi; 8500 prigionieri in carceri “segrete”
Stampa
  Text size
Il governo centrale debole o assente non è in grado di gestire la consegna delle armi da parte dei diversi gruppi che si affrontano per regolamenti di conti o per il controllo del territorio. L’inviato dell’Onu non esclude che il conflitto interno possa aumentare

TRIPOLI – Le Nazioni Unite esprimono preoccupazione perché le milizie libiche sono fuori controllo, e tengono prigioniere migliaia di persone in centri di detenzione segreti. Ian martin, inviato dell’Onu in Libia, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza che i recenti scontri a Bani Walid, che hanno provocato quattro morti, sono stati originati da un conflitto fra le milizie rivoluzionarie e gli abitanti armati di Bani Walid. Altri scontri a fuoco si sono verificati nelle stesse ora a Tripoli e a Bengasi. Le Nazioni unite affermano che più di ottomila seguaci di Gheddafi sono tenuti prigionieri dalle milizie, con rapporti di torture, e che il governo a interim è troppo debole per affermare la sua autorità, o ottenere la consegna delle armi.

Fonti locali di AsiaNews confermano che la situazione della sicurezza e dell’ordine pubblico è totalmente fuori controllo. “Ci sono armi dappertutto, anche qui a Tripoli. Sentiamo sparare di frequente, in particolare di notte. Evitiamo di uscire quando cala il buio, perché la possibilità di essere rapinati o aggrediti è molto alta”. Più che a un ritorno in forze dei sostenitori del colonnello Gheddafi, le fonti locali attribuiscono gli scontri anche sanguinosi a regolamenti di conti tribali, a vendette fra clan e a lotte per il controllo del territorio.

Il rapporto di Ian Martin al Consiglio di sicurezza evidenzia che il governo non è in grado di gestire la situazione, e che la Libia fa i conti con “istituzioni statali deboli e a volte assenti”. Questo elemento, unito alla “lunga assenza di partiti politici e di organizzazioni della società civile rende la transizione più difficile”. Martin ha escluso che i combattimenti a Bani Walid, che è stata una delle ultime roccaforti del regime, abbiano riportato i gheddafiani al possesso della città.

Anche se le autorità finora sono riuscite a contenere l’entità degli scontri, questi possono aumentare in frequenza e in ampiezza, con conseguenze imprevedibili. L’assenza del governo è particolarmente evidente dal punto di vista dei diritti umani. 8500 prigionieri "lealisti" sono detenuti in 60 centri dalle milizie, senza nessun controllo centrale.

Fonte >  AsiaNews


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Vitoparisi3 2012-01-27 18:38
E' quello che l'Occidente ha voluto: armare i bellicosi per annientare qualsiasi governo. Dovunque la NATO pratica le missioni di pace, si genera una guerra civile anarchica dei tutti contro tutti. La demonicrazia consiste, infatti, nel rafforzamento delle opposizioni. Alla fine, cresciute a dismisura ed armate dalla NATO, le opposizioni suddette si opporranno a tutto, ed all'impazzata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-01-27 22:55
Citazione Vitoparisi3:
E' quello che l'Occidente ha voluto: armare i bellicosi per annientare qualsiasi governo. Dovunque la NATO pratica le missioni di pace, si genera una guerra civile anarchica dei tutti contro tutti. La demonicrazia consiste, infatti, nel rafforzamento delle opposizioni. Alla fine, cresciute a dismisura ed armate dalla NATO, le opposizioni suddette si opporranno a tutto, ed all'impazzata


Eh, sì... agli occhiuti oculi di "qualcuno"... c'era sin troppo "ORDO", nella trascorsa Libia d'oRo, illa del "DEFVNTO+RAIS"... (RIP)...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raff 2012-01-28 12:33
Grida di dolore e lacrime di coccodrillo per giustificare un intervento armato "umanitario" delle truppe di terra della "comunità internazionale", con in prima fila i soliti scemi del villaggio, pardon i "nostri ragazzi" a fare da cane da guardia del CNT, come da accordi sottoscritti da Monti, Di Paola e Terzi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità