>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Un Paese senza figli: sani ma sempre meno
Stampa
  Text size
Non è un paese per bimbi. Pochi, troppo pochi, i bambini italiani. Decenni di politiche familiari distratte e inefficaci hanno portato il Belpaese in fondo alla classifiche internazionali della denatalità. Quando, invece, provvedimenti mirati possono invertire la tendenza: vedi i buoni risultati delle province autonome di Trento e Bolzano. Pochi, ma almeno sani, grazie a una rete pediatrica efficiente: più al Centro Nord che al Sud dove si ricorre troppo spesso al ricovero in ospedale. Sani sì, tanto da scoppiare: cattive abitudini alimentari e sedentarietà li stanno candidando in massa a un futuro di adulti cardiopatici e diabetici.

È questo, in sintesi, il quadro che emerge dal primo Libro bianco 2011 - La salute dei bambini, un dossier documentato – 174 pagine di dati e analisi – prodotto dall’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane e la Società italiana di pediatria (Sip). A presentarlo, alla Facoltà di medicina dell’Università Cattolica, il professor Walter Ricciardi, direttore dell’Osservatorio oltre che dell’Istituto di igiene della Cattolica, assieme al professor Alberto Ugazio, presidente della Sip e coordinatore del dipartimento di Medicina pediatrica dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma.

«La salute complessiva dei nostri bambini resta buona, a preoccupare è la profonda disomogeneità dei servizi assistenziali nelle diverse regioni», ragiona Walter Ricciardi. Essere bambini, insomma, è più facile nel Nord-Est che al Sud.

Capillare la rete pediatrica territoriale: il numero di pediatri di libera scelta tra 2001 e 2008 è aumentato del 6,3%, passando da 7.199 a 7.649. Il rischio, già a partire dal 2015, è che i pediatri per l’assistenza primaria diminuiscano in modo drastico: molti andranno in pensione e non saranno rimpiazzati dai giovani, perché l’accesso alle scuole di specializzazione è a numero chiuso. Secondo un’indagine della Sip, la progressiva riduzione di pediatri, in atto dal 2010, porterà dagli attuali 15 mila professionisti a 12 mila nel 2020 e 8 mila nel 2025.

Cattive notizie, poi, arrivano dalla bilancia. Un bambino su quattro è grassottello, uno su dieci è proprio ciccione. I pediatri parlano di un 22,9% dei bambini di 8-9 anni in sovrappeso e dell’11,1% in condizioni di obesità. I problemi di peso affliggono di più le classi sociali più basse, con dati più preoccupanti al Sud. I bambini nel 2010 più in sovrappeso sono in Abruzzo (28,3%), Campania (27,9%), Molise e Basilicata (26,5%). Per l’obesità in testa Campania (20,5%), Calabria (15,4%) e Molise (14,8%). Nelle Province Autonome, invece, i valori più bassi (minori sovrappeso a Bolzano 11,4%, obesi a Trento 3,5%).
«Oggi, purtroppo a tavola comanda il bambino – spiega Alberto Ugazio – perché i genitori non sono più in grado di indicare ai figli le cose giuste e sbagliate a tavola, o non hanno tempo o non sono preparati per farlo».

Tanti piccoli tiranni che mangiano "alla carta": «I genitori chiedono al bambino anche molto piccolo cosa vuol mangiare, ma il bambino non ha gli strumenti per decidere per il proprio bene». Ritmi sempre più frenetici impediscono poi alla famiglia di vivere insieme il momento dei pasti. All’alimentazione ipercalorica, povera - per non dire priva - di frutta e verdura, si associa pochissimo moto. «Noi andavamo a scuola a piedi o in bici – ricorda Ugazio – oggi è impossibile o pericoloso nelle grosse città. Ma anche nei piccoli centri i genitori iperprotettivi accompagnano ovunque i figli in macchina».

Luca Liverani

Fonte > 
Avvenire.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# nicolas 2012-02-01 02:02
Pochi bimbi ma sani! Che sciocchezze tocca leggere. Sani perchè ci sono tanti pediatri. Più chè che sciocchezza è una str... E ormai acclarato che i vaccini prima della alimentazionee sono la causa del diabete precoce e trovare un pediatra contrario ai vaccini è simile alla ricerca dell'ago nel pagliaio.
Questi bambini subiscono una modificazione genetica che li porta ad essere sicuri clienti sel criminale sistema sanitario, dannazione. Ma quand'è che il vostro cervello verrà fulminato dal buon senso?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Em 2012-02-01 09:58
Normalissimo, la vita si evolve (in peggio), la famiglia è sempre più disgregata, il maschio è quasi scomparso, le professioni vecchie e sane non le vuole più fare nessuno (im questo articolo il pediatra), preferiscono andare al pub o nei locali notturni. I cibi tradizionali guai a parlarne, oggi va bene tutto quello che è cool, treny e ribelle.
Però vedendo la stragrande maggioranza dei giovani, vedendo gli italiani di adesso indubbiamente è meglio che siamo sempre di meno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità