>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Parla il Mossad. A Mosca (parte I)
Stampa
  Text size
L’Iran sarebbe una minaccia esistenziale per Israele? «Sono parole grosse che la nostra leadership (israeliana) usa per impressionare lopinione pubblica occidentale»: lo dice non un pacifista un po’ antisemita, bensì l’ex capo del Mossad Efraim Halevy.

E come se ciò non fosse abbastanza sensazionale, a chi Halevy confida il suo scetticismo sulla leadership israeliana, ossia su Netanyahu e Lieberman? Facendosi intervistare dalla TV russa Russia Today, che è un sito militante, sulla linea politica estera di Putin, e che ospita regolarmente giornalisti e fonti «alternative» rispetto ai media occidentalisti mainstream, e fa un prezioso controcanto al loro conformismo. (Iran poses no 'existential threat' to Israel - ex-Mossad chief)

Il fatto che un capo della centrale di spionaggio più intrusiva e segreta del mondo sia ridotto ad usare un medium «alternativo» per esprimere il dissenso della sua compagnia sulla guerra in Iran, la dice lunga sulla situazione corrente in Israele e nel mondo occidentale al servizio delle sue paranoie. Ma, come si legge nel sunto dell’intervista che Russia Today pubblica, «mentre la minaccia di azione militare (contro l’Iran) si intensifica, Halevy pensa che ci siano persone, da entrambe le parti, che vogliono la pace nella regione; gente che vuol farla finita con l’attuale conflitto, e tornare alle buone relazioni fra i due Paesi godute dal 1948 al 1978».

E aggiunge: «Iran ed Israele non hanno motivo fondamentale di contenzioso. Sarebbe sbagliato per lIran far guidare le sue politiche dallideologia, e causa di gravi rovesci».

Farsi guidare dall’ideologia sembra piuttosto un appunto da rivolgere ai paranoici che guidano Sion oggi. Compreso allo stesso Halevy, che resta il falco di sempre. Infatti la sua proposta a Teheran, se vuole «essere re-introdotta nella famiglia delle nazioni da cui è stata praticamente espulsa», è quella di rinunciare per sempre al programma nucleare e «firmando un accordo con Israele in garanzia di questo impegno»: dunque non impegnandosi davanti al mondo, ma inchinandosi ad Israele per trattato di rinuncia; è insomma la usuale posizione del suprematismo talmudico di fronte alle «nazioni» noachiche. E tuttavia, la vipera col ramoscello d’ulivo in bocca non manca di affascinare.

Ma come la mettiamo, se l’Iran è una «minaccia esistenziale» per Sion? Esagerazioni del nostro governo, replica come abbiamo visto Halevy, per far pressione sull’Occidente. E conferma l’ovvio, che i nostri media non osano dire: «Israele è abbastanza forte da proteggere se stesso. Penso che non sia in potere dellIran distruggere lo Stato di Israele».

C’è una domanda a cui la vipera sfugge: se vuole il disarmo nucleare di Teheran, Israele potrebbe impegnarsi a rinunciare alle sue 2 o 300 testate atomiche, aderendo finalmente ai trattati di non-proliferazione... Risposta di Halevy:

«È un assunto internazionale che Israele possegga armi atomiche. Se sia vero o sia un bluff, nessuno può dirlo. Qualunque sia la verità, questa ipotesi serve agli interessi di Israele. È importante in questa situazione perchè la deterrenza fa parte del gioco. Se lIran crede che Israele abbia certe capacità – sia che le abbia o no – è una carta positiva in mano ad Israele».

Ma insomma, domanda Russia Today, l’attuale missione del Mossad è di prevenire la guerra, oppure di indebolire l’Iran (per esempio con gli assassinii dei suoi scienziati?).

Risposta: la missione del Mossad è «di fare tutto quello che è nelle sue possibilità di rendere dormiente (sic) una minaccia che si oppone ad Israele... Siamo da un bel podi tempo in quella che si chiama guerra clandestina con lIran. Ciò che è interessante, a proposito di questa guerra, è che entrambe le parti abbiano preferito che i dettagli di questa guerra, i particolari dei vari eventi, non fossero esposti al pubblico».

Vale la pena di ricordare che Halevy è quello che, a novembre, denunciò in un’intervista al Jerusalem Post: «Il vero pericolo esistenziale per Israele viene dallinterno», additando gli estremisti religiosi sionisti e i loro rabbini fanatici, e la loro influenza sul governo Netanyahu e sull’esercito. ('Religious extremism is a greater threat than nuclear Iran')

Meir Dagan
  Meir Dagan
E non è il solo: fa parte di quel gruppo di dirigenti dello spionaggio israeliano, capeggiati da Meir Dagan (un altro capo del Mossad), che non hanno lesinato critiche all’avventurismo messianico di Netanyahu, specie dopo che Netanyahu li ha sbattuti fuori dalle loro poltrone. Ne fanno parte, oltre a Dagan, il generale Gaby Ashkenazi (capo dello Stato Maggiore israeliano dal 2007 al 2011, data del suo licenziamento), e Yuval Diskin, il capo dello Shin Beth (il servizio interno), a cui è stato impedito di salire al rango di capo del Mossad.


Degan e Halevy al tempo di Sharon



In varie interviste, Dagan ha denunciato questi licenziamenti come una specie putsch dei paranoici politici contro le spie con la testa sul collo: «Diskin, Ashkenazi ed io siamo riusciti a scongiurare tutte le avventure pericolose», ha detto, prima fra tutte l’attacco all’Iran; mentre «adesso non c’è più nessuno che gli si metta contro», dato che Netanyahu ha riempito le alte cariche spionistico-militari dei suoi yes men. (Former Mossad Chief Seeks to Avert Israeli Attack)

(Fine prima parte)


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Franco_PD 2012-02-10 19:02
Apprezzo naturalmente questo articolo del Direttore, che ci presenta eventi che qui da noi non vengono ripresi nemmeno di striscio (e quindi ufficialmente non esistono neppure, per definizione). Ma il personaggio intervistato non mi sembra assai diverso dagli altri suoi pari. Con quel che dice fa un po' di propaganda diplomatica spicciola e - evidentemente - parla poi a nuora perchè suocera intenda. Il suo intento è giocare un qualche ruolo nelle oscure mene interne ai servizi segreti ebraici. Tra i quali si può distinguere solo tra pessimi e peggiori: una lotta tra titani, quindi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Boromir 2012-02-10 19:05
OT. Ma Sharon è ancora vivo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pierpaolo 2012-02-12 20:45
Può ancora salvarsi!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raff 2012-02-12 23:30
Citazione Boromir:
OT. Ma Sharon è ancora vivo?


Pare di si almeno fino a novembre scorso:
Ariel Sharon non è morto, Javier Solana fa una brutta figura
L'ex Alto Rappresentante dell'UE per la politica estera ha annunciato la falsa notizia su Twitter, e poi ha passato goffamente il pomeriggio a difendersi.

6 novembre 2011
Intorno alle 13 di oggi Javier Solana ha annunciato tramite Twitter che l’ex Primo Ministro israeliano Ariel Sharon era morto. Sharon è in stato vegetativo persistente dal 4 gennaio 2006, quando venne colpito da un infarto mentre era primo ministro in carica. Nell’arco di pochi minuti un giornalista di Haaretz, Barak Ravid, ha chiesto conferme ai familiari, e la notizia si è rivelata falsa.
Solana, 69 anni, è stato un uomo politico spagnolo che ha ricoperto importanti incarichi nel partito socialista tra gli anni Ottanta e Novanta, prima di diventare segretario generale della NATO (1995-1999) e poi Segretario Generale dell’Unione Europea e Alto Rappresentante per la politica estera. La notizia della morte di Sharon è stata quindi accolta come molto credibile, malgrado i frequenti falsi allarmi in rete su informazioni di questo tipo. Poco dopo aver dato l’annuncio, Solana ha risposto su Twitter a chi gli chiedeva altre informazioni che la fonte “di primissima mano” era una “chiamata da Gerusalemme” da parte di “amici informati”. Quando si è convinto che la notizia fosse falsa, Solana ha risposto personalmente, per tutto il pomeriggio, a numerosissimi utenti che gli chiedevano conto della falsa notizia, dicendo più volte “non sono un reporter” e “non sono un giornalista”, ma “solo un cittadino”.

La questione è della massima importanza se si crede alla "profezia" del rabbino cabalista Kaduri che dice di aver incontrato in una visione mistica il Messia atteso dagli ebrei e conosciuto il suo nome che è Yehoshua o Yeshua (Gesù).
Poco prima di morire nel febbraio 2006, Kaduri rivelò che il Messia non sarebbe venuto prima che Sharon morisse.
Ulteriori informazioni qui:
http://www.shofarbetzion.com/01/RabbiYitzchakKaduri.html
e qui:
http://www.youtube.com/watch?v=k0DTT3u2JZ8
e qui:
http://www.youtube.com/watch?v=lkvQUdqIK6Y&feature=related
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# SART 2012-02-11 00:46
Non è ragionevolezza: è solo paura.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# san 2012-02-11 10:58
SPERIAMO CHE PUTIN SI SVEGLI.
L'EUROPA DEI POPOLI HA BISOGNO DI LUI.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pierpaolo 2012-02-11 11:39
Anche secondo Ehud Barak, citato da Trita Parsi (http://www.niacouncil.org/site/PageServer?pagename=About_parsi), nella sua ultima fatica "A Single Roll of the Dice: Obama's Diplomacy with Iran":
"The most intriguing parts of Parsi's book are the accounts from Israeli figures as drawn from personal interviews and public statements. Parsi uncovers greater complexity in Israeli figures than found in the spokesmen and politicians on either side of the Atlantic.

Foremost is the view that Iran is unlikely to use a nuclear weapon on Israel. The ayatollahs, according to defense minister and highly decorated soldier Ehud Barak, are pragmatic actors on the world stage and not mad mullahs.

This of course is at variance with the heated discourse and insistent pleas for action that depict the Iranian clerics as unreasoning zealots bent on bringing about the end of the world and the Imam's return. The ayatollahs, Barak feels, know well that a nuclear strike on Israel would not benefit Iran and that the inevitable Israeli counterstrike would be swift and devastating". (http://www.atimes.com/atimes/Middle_East/NB11Ak01.html)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sayli 2012-02-15 21:58
NO COMMENT SOROS
http://youtu.be/6fj6Y0w49fY
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità