>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Tre false flag firmati
Stampa
  Text size
Martedì a Bangkok, un uomo che apparentemente ha un nome iraniano (Saeid Moradi) fa saltare per accidente la casa in cui abitava; ferito e sanguinante, cerca di salire su un taxi – che rifiuta di prenderlo in quello stato – e poi gli lancia contro una bomba a mano. Si mette a correre, la Polizia lo insegue, lui lancia un’altra bomba a mano contro gli agenti; l’ordigno rimbalza su un albero e scoppia vicino a lui, troncandogli le gambe. (Israelis: Iran Behind Bangkok Bombings, 'Coordinated Attacks' Around the World)

Immediatamente, prima ancora che la Polizia thailandese abbia compiuto l’indagine, dalla lontana Israele, il ministro della guerra Ehud Barak si dice sicuro che l’individuo voleva colpire interessi israeliani o ebraici in Thailandia: «Il tentato attacco terroristico prova ancora una volta che l’Iran e i suoi complici continuano ad agire da terroristi, e gli ultimi attacchi ne sono un esempio».

Difatti, siamo (per ora) al terzo attentato che Israele dichiara avere la firma dell’Iran. Lunedì, a Nuova Delhi, un motociclista attacca una bomba adesiva ad un minivan dell’ambasciata israeliana; nell’esplosione restano ferite quattro persone, fra cui la moglie dell’attachè israeliano alla Difesa, che è ricoverata ma non in pericolo di vita.

«È l’Iran», accusa immediatamente Netanyahu.

Lo stesso giorno, a Tbilisi, capitale della Georgia, la Polizia disattiva un ordigno scoperto sull’auto di un impiegato dell’ambasciata israeliana. Le circostanze sono queste, secondo il ministero dell’Interno georgiano: «Un autista dell’ambasciata, cittadino georgiano, ha parcheggiato la vettura a 200 metri circa dall’ambasciata. Ha in seguito notato l’ordigno di fabbricazione artigianale attaccato al telaio dell’auto ed ha chiamato la Polizia». Nessun pericolo per nessuno.

«È un atto di terrorismo iraniano», accusa Netanyahu.

La conclusione mediatica politicamente corretta è: le sataniche menti degli ayatollah sono in grado di minacciare Israele e le sue ambasciate a livello veramente globale, ma per fortuna affidano il compito a dei terroristi cretini, o squilibrati mentali, che falliscono sempre.


L'esposione di Bangkok


Ma, prima di correre a tale conclusione, sarà bene rileggere un recente studio redatto nel 2009 dalla Brookings Institutions (una storica «fondazione culturale» americana finanziata da miliardari, come le altre), dal titolo significativo Which Path to Persia?, che possiamo tradurre più o meno così:

«In che modo attaccare lIran?», non è facile, ammette l’autore: «Sarebbe di gran lunga preferibile se gli Stati Uniti potessero citare una provocazione iraniana come giustificazione degli attacchi aerei, prima di lanciarli. Chiaramente, più l’azione iraniana sarà oltraggiosa, più sarà letale, meno provocata, e meglio saranno piazzati gli Stati Uniti. Naturalmente, sarà difficile attrarre lIran in questa provocazione senza che il resto del mondo riconosca il trucco, il che lo renderebbe inutilizzabile. Un metodo che avrebbe qualche possibilità di successo sarebbe di mettere in piedi dei tentativi occulti di ‘regime change’ nella speranza che Teheran compia rappresaglie apertamente o in modo semi-aperto, che potrebbe dunque essere dipinto come un atto non provocato di aggressione iraniana».

Brookings Institution’s 2009 Which Path to Persia? report, pagine 84-85.

Lo studio prosegue enumerando tutti i modi possibili di provocare Teheran: finanziare gruppi d’opposizione per rovesciare il regime, danneggiare l’economia iraniana, finanziare organizzazioni terroristiche perchè compiano attentati mortiferi all’interno dell’Iran. Attenzione però, dice lo studio, perchè i leader iraniani spingono la propria perfidia fino a «calcolare che recitare la parte della vittima sia il modo migliore per raggiungere il proprio fine, sicchè possono trattenersi dal rispondere con rappresaglie»

Brookings Institution’s 2009 Which Path to Persia? report, pagina 95. (Vedere traduzione EFFEDIEFFE in 4 puntate di parte del documento)

Insomma, c’è qui un piano di provocazione «suggerito» al presidente, che somiglia molto al «consiglio» contenuto in un fatale documento, che una fondazione «culturale» chiamata Project for a New American Century (PNAC), nel 2000, mise nero su bianco per il presidente americano di prossima elezione. Lo studio si chiamava «Rebuilding the American Defense» (Ricostruire la difesa americana) e progettava un enorme riarmo, avvertendo però che non sarebbe stato facile convincere il contribuente americano a spendere tanto, «a meno che non si verifichi un evento catastrofico catalizzatore, una nuova Pearl Harbor».

La desiderata, auspicata e sospirata Nuova Pearl Harbor avvenne un anno dopo, con i mega attentati «islamici» alle Twin Towers e al Pentagono. A quel tempo, tre dei firmatari del «suggerimento» erano vice-ministri al Pentagono, gli ebrei Paul Wolfowitz, il rabbino Dov Zakheim e Douglas Feith, per non dire del «consulente speciale» Richard Perle, lo stratega dell’aggressione all’Iraq.

Quanto al PNAC, fra i suoi fondatori spiccano Dick Cheney (vicepresidente il giorno della Nuova Pearl Harbor), Donald Rumsfeld (al Pentagono lo stesso giorno), Jeb Bush, Richard Perle, Richard Armitage, John Bolton, tutti ebrei neocon e membri del governo Dubya Bush. (103 Suspected 9-11 Criminal Coconspirators)

William Kristol
  William Kristol
Il presidente della PNAC è William Kristol, ebreo di origine russa ed ex trotzkista, direttore-fondatore di Weekly Standard nonchè firma della Fox News di Murdoch, una delle menti del movimento neoconservatore, pro-israeliano e sostanzialmente composto da ebrei.

Se ora guardiamo chi è l’autore dello studio (o suggerimento) della Broocking per attrarre l’Iran in qualche provocazione, il cerchio si chiude. Si tratta di un certo Max Boot, nato a Mosca da due genitori ebrei, poi trasferitisi a Los Agneles; una nullità che si autodefinisce «storico militare», Boot risulta in carriera in USA nei circoli neocon all’ombra della ex ambasciatrice Jeane Kirkpatrick (J), articolista del Weekly Standard (J) del sullodato Kristol, del periodico ebraico Commentary e del Wall Street Journal di Murdoch. Come portaborse della Kirkpatrick, Boot è entrato nel Council on Foreign Relations, trampolino di lancio per la carriera di opinion leader e per confricarsi con i potenti della politica e degli affari americani.

Max Boot
  Max Boot
Date queste notizie, stupirà forse apprendere che Boot ha «sostenuto vigorosamente l’invasione dell’Iraq nel 2003», che «durante Piombo Fuso ha sostenuto che Israele era moralmente giustificata ad invadere la Striscia di Gaza», e che teorizzi «quel che chiama imperialismo americano basato sulla fondazione di nazioni e sull’espansione della democrazia»? Boot sembra una copia di Wolfowitz, solo un po’ più scemo.

Naturalmente, Boot è stato lesto a commentare gli attentati a Delhi e in Georgia, sull’ebraico Commentary, per spiegare a suo modo come mai tali attentati si risolvono in cilecche:

«...questi eventi debbono smentire coloro che sostengono lidea che gli iraniani solo freddi e calcolatori seguaci della Realpolitick, che agiscono con tanta cautela da potersi fidare se avranno la bomba atomica. Al contrario: gli eventi degli ultimi due giorni mostrano che il regime iraniano, assumendo che sia il colpevole di questi attacchi, è capace di agire in modo contro-producente, irrazionale ma pericoloso». (Self-Defeating, But Dangerous Terror Acts)

Ragionamento di cui ciascuno può apprezzare la logica rigorosa. Ma il pensiero paranoico israelo-talmudico ci ha abituato a questo ed altro: tanto che si potrebbe addossare la pseudo-logica di Boot ad Israele e ai suoi sayanim sparsi nel mondo: basta sostituire «iraniani» con israeliani, e la logica fila molto meglio.

Resta il fatto che il documento della Brooking, ossia di Max Boot, fin troppo scopertamente consiglia di fare attentati false flag da attribuire poi a Teheran, onde giustificare l’aggressione militare contro l’Iran (1).

Assumendo ciò, ci si può domandare: perchè mai il regime dell’Iran dovrebbe compiere attentati a personale diplomatico stazionato in India, rovinandosi i rapporti con uno dei due Paesi (l’India e la Cina) che si sono rifiutati di obbedire alle sanzioni decretate da Washington? Anzi l’India ha aumentato gli acquisti del petrolio iraniano del 30%, e stretto un accordo fra i due governi che prevede il pagamento in rupie? (La prima idea del pagamento in oro è stata per il momento scartata).

Infatti il governo indiano non è cascato nella provocazione. Il ministro agli Interni RK Singh ha dichiarato che «non esiste prova del coinvolgimento di un qualunque Paese nell’attentato ad un diplomatico israeliano a Delhi. È prematuro fare il nome di un Paese qualunque».

Quanto all’attentato in Georgia, non c’è bisogno di ricordare che la Georgia è un Paese che dipende strettamente, per l’armamento e lo spionaggio, da Israele e da Washington: senza il cui appoggio, il «presidente» Saakashvili sarebbe da tempo ridotto a vita privata dai votanti georgiani. Un Paese-satellite nel vero senso del termine. Recentemente, Saakashvili ha incontratto il presidente Obama, discutendo con lui l’utilizzo del terriorio georgiano nella futura guerra contro l’Iran. Il ministro della Difesa georgiano, tale Bacho Akhalaia, ha annunciato l’arrivo di istruttori americani, esaltando la «alleanza» con la superpotenza, che – ha detto – «è entrata in una fase totalmente nuova».

Obama, in cambio, ha promesso a Saakashvili un generoso aiuto nelle elezioni che si terranno l’anno prossimo; e già oggi la Georgia, un piccolo Stato con 4,7 milioni di abitanti, è al terzo posto nella lista dei Paesi che godono di aiuti americani dopo Israele ed Egitto.

L’ex presidente georgiano Eduard Shevarnadze (già esponente del PCUS) ha commentato: «Non escludo che per conservare la poltrona, Saakashvili si unisca ad una campagna militare contro l’Iran, che sarebbe una catastrofe per il nostro Paese».

Si aggiunga che i fantomatici attentatori supposti iraniani avrebbero usato per i due mini-attentati a Delhi e Tbilisi bombe magnetiche, che aderiscono al metallo delle vetture: una tecnica facile, utilizzata dai terroristi anti-ayatollah del gruppo clandestino MEK per assassinare cinque scienziati iraniani che stavano lavorando al programma nucleare. Il MEK è addestrato, finanziato e rifornito dal Mossad.

Proprio a gennaio scorso il ministro degli Esteri iraniano ha convocato l’ambasciatore dell’Azerbaijan a Teheran, per deplorare l’uso del territorio che l’Azerbaijan consente «ai terroristi implicati negli assassini degli scienziati iraniani»; assassini che (evidentemente i servizi iraniani hanno notizie precise) «hanno ricevuto aiuti per viaggiare a Tel Aviv in collaborazione col Mossad». Anche l’Azerbaijan intrattiene relazioni molto strette con Israele, che ha lì alcune delle sue centrali di spionaggio; e come per caso, a gennaio anche lì sarebbe stato sventato un attentato contro interessi israeliani, su cui non si hanno ulteriori informazioni.

E inoltre, il 15 febbraio, il ministero degli Esteri iraniano ha espresso la sua volontà di tornare al negoziato sul programma nucleare con il gruppo detto 5+1 (USA, Gran Bretagna, Francia, Cina, Russia e Germania).

Il passo diplomatico mostra con quanta attenzione Teheran, lungi dall’assumere un atteggiamento provocatorio, cerchi di scongiurare le provocazioni contro di sè. Teheran risponde agli atti aperti e occulti di aggressione diretti contro l’Iran – dalle sanzioni agli assassini mirati contro esponenti civili e militari, agli attentati esplosivi contro le sue infrastrutture (2), con estrema cautela e mitezza («fa la parte della vittima», direbbe Max Boot); per poi tentare di ammazzare la moglie di un diplomatico israeliano a Delhi, e piazzare una bombetta subito scoperta a Tbilisi?

Certo il problema degli attentatori e dei loro consiglieri è: come fare attentati anti-ebraici che colpiscano l’opinione pubblica mondiale, aizzandola contro l’Iran, senza però sterminare un adeguato numero di ebrei, cosa che il Talmud vieta? Questo è il meglio che riescono a fare: cilecche, la cui crudeltà immaginaria i media servili o posseduti avranno poi il compito di ingigantire (3).

Sì, quegli attentati false flag sono chiaramente firmati. Dal solo Paese che compia attentati all’estero, in tutto il mondo, in piena impunità. Ci sarebbe da ridere, se tutta questa faccenda non preparasse l’ennesima guerra con falsi pretesti contro un Paese debole e disarmato.




1) Si possono citare altre fonti israeliane che stanno prestandosi alla strategia delineata da Max Boot. Per esempio la «predizione» del settimanale Jewish Week del 7 febbraio 2012: «We predict that the threat on our sites around the world will increase … on both our guarded sites and ‘soft’ sites», read the memo, with soft sites interpreted to mean potential targets such as synagogues and other Jewish community buildings. The letter was circulated by the head of security for Israel’s Consul General for the Mid-Atlantic States, ABC News said» – «SoftTarget Threat Gets Communitys Attention», The Jewish Week, February 7, 2012. Naturalmente, il Congresso s’è subito allineato, come racconta il Washington Post: «Director of National Intelligence James R. Clapper Jr. said that some Iranian officials probably including Supreme Leader Ali Khamenei have changed their calculus and are now more willing to conduct an attack in the United States in response to real or perceived U.S. actions that threaten the regime. The warning about Iran’s more aggressive stance was included in written testimony that Clapper submitted to Congress on Tuesday as part of the intelligence community’s annual assessment of the nation’s most serious security threats». «Iran, perceiving threat from West, willing to attack on U.S. soil, U.S. intelligence report finds», Washington Post, January 31, 2012.
2) L’ultima delle provocazioni israelo-americane contro Teheran è l’espulsione della banche iraniane dallo SWIFT (Society for Worldwide Interbank FinancialTelecommunication), la rete globale delle transazioni bancarie in tempo reale, di cui si servono 10 mila istituzioni bancarie di 210 Paesi. Poichè SWIFT è basato in Belgio, sarà la UE a decretare l’espulsione, su ordine di Washington: cosa già fatta. È una gravissima violazione della libertà di circolazione di capitali, uno dei dogmi del liberismo globalista, e la distruzione di uno dei pilastri del capitalismo globale: e renderà più difficili e costosi gli scambi di fondi non solo per l’Iran, ma per tutto il mondo. Se oggi è l’Iran ad essere escluso dal network SWIFT, domani può essere Cuba, il Venezuela, la Russia. Le nazioni e le compagnie private colpite dall’interdetto non riescono più a fare commerci nè a recuperare i loro fondi e investimento all’estero (si avvera il passo dell’Apocalisse: nessuno «potrà nè vendere nè comprare, se non ha il segno della Bestia sulla fronte o la mano»...). È per questo che Iran ed India hanno costituito un accordo bilaterale per la vendita di greggio, pagata al 40% dall’India in rupie. «La conseguenza finale sarà una completa frammentazione dellordine finanziario internazionale, via via che gli Stati creano i loro propri sostituti di SWIFT», scrive l’analista americano Charles Gray per il Global Times. In altre parole, la de-mondializzazione: la zappa sui piedi che si dà il nuovo ordine globale. (Iranian sanctions endanger global financial system)
3) Ci si può chiedere come mai gli enti isareliani facciano operazioni così goffe, e così trasparentemente false. Da un lato, perchè preparare attentati ben studiati costa di più. In secondo luogo, perchè – facendo che il trucco si veda – lo Stato satanico vuole farci compartecipi e complici, noi goym, dei suoi crimini.


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Pierpaolo 2012-02-16 21:28
La sceneggiatura è chiaramente della scuola di Jerry Lewis (Joseph Levitch).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# rinus 2012-02-16 22:23
Avevo letto poco interessato, queste informazioni. Si capiva che erano trucchi poco ingegnosi, da imbonitori. Ho pensato che quando vogliono, gli attentatori, eseguono impuniti delle stragi e danno la colpa a persone tirate ad arte nel tranello. Noi, nel nostro piccolo, in Italia, abbiamo avuto degli esempi da manuale informativo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-02-17 01:38
Caro Blondet, quello che andrebbe chiarito fino in fondo è il perché di questa inesorabile volontà di distruzione di uno Stato oggettivamente non pericoloso militarmente quale è l'Iran. Io la mia idea, petrolio a parte, l'ho già espressa più volte. Infatti ritengo che sia il regime attuale, troppo attivo e loquace su argomenti intoccabili, che i sionisti mondialisti vogliono silenziare a tutti i costi affinché il contagio non si diffonda.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Edmund Kiss 2012-02-17 13:33
Ormai è abbastanza chiaro: ci sarà probabimente qualcosa ai danni di Siria e Iran (non so chi dei due in primis), o subito dopo il crollo definitivo della Grecia (per acuire il panico e costringere alcuni Paesi europei a seguire l'esempio bellico dei due Paesi criminali USA e Israele), e quindi tra poco, o subito dopo l'insediamento del nuovo presidente USA - repubblicano - proprio quello che ha già dichiarato che aiuterà Israele in una attacco all'Iran... quindi al massimo entro un anno...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-02-17 17:21
Ieri sera su si è visto tutto il dicorso fiume di Nasrallah trasmesso via video a Beirut di fronte in una sala strapiena.
Ha negato fermamente che Hezbollah, in combutta con gli iranaiani, siano gli autori della stragi di cui sopra, ha indicato chiaramente il Mossad responsabile, ha accusato gli USA, Israele, l'Occidente e alcuni Stati arabi assieme ad al-Qeada, di voler rovesciare Assad, sostenendo che non vedono altra soluzione per la Siria e che qualsiasi altro regime per Israele è preferibile a quello attuale.
"Per la prima volta nella storia dalla sua esistenza, Israele ha sempre meno fiducia (is decreansingly confident) nella riuscita della sua politica in Medio Oriente".
Staremo a vedere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# antonoi51 2012-02-17 18:30
La Prima lettera ai Tessalonicesi riporta una frase agghicciante per i giudei

(14) Voi infatti, fratelli, siete diventati imitatori delle Chiese di Dio in Gesù Cristo, che sono nella Giudea, perché avete sofferto anche voi da parte dei vostri connazionali come loro da parte dei Giudei,

(15) i quali hanno perfino messo a morte il Signore Gesù e i profeti e hanno perseguitato anche noi; essi non piacciono a Dio e sono nemici di tutti gli uomini.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-02-17 19:06
... chi sarebbe che vuole apparire come vittima? Quando Israele bombarda, i media accusano i bombardati di usare i civili come scudi umani, e la gente condanna i bombardati, mica i bombardanti... il sistema mi appare il seguente: abbassare i livelli mediante l'empietà; poi, quando il morale è basso, le versioni invertite convincono, e tutti gridano di liberare Barabba.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Titto 2012-02-18 10:30
"Alcuni ricercatori fanno notare che l'Iran è uno dei soli tre Paesi rimasti al mondo la cui Banca Centrale non sia sotto il controllo dei Rothschild. Prima dell'11 settembre esistevano, a quanto pare, sette Paesi con tale caratteristica: Afghanistan, Iraq, Sudan, Libia, Cuba, Corea del Nord e Iran. A partire dal 2003, tuttavia, Afghanistan e Iraq sono stati inghiottiti dalla piovra Rothschild; dal 2011 la stessa sorte è toccata a Sudan e Libia. In Libia una banca dei Rothschild è stata istituita a Bengasi mentre ancora imperversava la guerra.
L'Islam vieta l'addebito di interessi, il che costituisce un problema rilevante, nella prospettiva del sistema bancario dei Rothschild".
http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# radicalstaff 2012-02-18 19:16
Ma Venezuela, Cina, Russia? Chavez non aveva cercato di riconvertirla in statale con i proventi del petrolio? Boh anche la Russia... Il direttore ci può dare dettagli in merito? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-02-18 21:39
@ Titto
Il link su facebook che ci hai dato, non è raggiungibile. Come si può notare Echelon funziona e anche Zuckerberg riceve ordini.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lucio 2012-02-18 12:17
Titto (Titti),
ha detto tutto: è in gioco il controllo totale del sistema, tramite monopolio bancario. Nessuno può sfuggire alla circoncisione totale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# vontrotta 2012-02-18 20:02
La posta in palio è il controllo del Centro Asia con le relative immense risorse energetiche e dove tutti gli stati sono di fede islamica. E, alla lunga, l'Iran ha tutte le potenzialità per diventarne egemone, così come la Turchia che, infatti, gioca contro.
La Russia, oltre a voler avere a sua volta un ruolo preminente nell'area, deve anche preoccuparsi di non essere circoscritta al solo nord. Ed è per questo che circa Siria e Iran, diversamente da Libia, dovrebbe tener duro.
In questo contesto, a mio avviso, gli americani hanno interesse a giocare d'anticipo e a destabilizzare l'area per provocare un ribaltone a loro favore che andrebbe, ovviamente, anche a favore di Israele.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lunghetto 2012-02-19 19:52
La stampa nostrana invece pubblica questi articoli: http://www.ilgiornale.it/esteri/terroristi_iraniani_presi_bangkok_e_israele_minaccia_faremo_conti/15-02-2012/articolo-id=572172-page=0-comments=1
peccato vedere che la firma è di Gian Micalessin, ex del FdG.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità